22 Novembre 2017

Articoli

Il sistema Putin

140212 feifer putin apLa ricostruzione dello Stato russo dopo il crollo del 1991 è iniziata con l'avvento al potere di Vladimir Putin. Appoggiandosi sulla ricchezza di idrocarburi e su una forte leadership, è riuscito a stabilizzare il paese dopo il disastro causato dall'entrata nel mondo capitalista. La sua prossima missione sarebbe quella di riportare la Russia ad essere una grande potenza.

"Loro non vogliono umiliarci, vogliono risolvere i loro problemi a nostre spese [ma] nessuno nella storia è mai riuscito a fare questo con la Russia e nessuno lo farà mai ". Queste dichiarazioni di Vladimir Putin sono emblematiche del nuovo momento di tensione tra Russia e Occidente, dopo la crisi ucraina e l'annessione della Crimea . Mosca cerca di tornare al suo posto di grande potenza dopo la catastrofe nazionale della sua disintegrazione nel 1991, e questa rinascita coincide con l'era di Putin, ex spia del KGB, che è salito al potere sottraendolo a Boris Eltsin, nel 2000, durante il suo declino finale. L'attuale sostegno popolare per il presidente è in linea con i sondaggi in cui il 63% degli intervistati ha espresso una cattiva opinione sull'Unione europea e il 73% ha espresso lo stesso sugli Stati Uniti.


La Rinascita
Il politologo Dmitry Oreshkin afferma che dopo aver accumulato le risorse politiche ed economiche, Putin ha mostrato il suo vero se stesso intorno al 2006-2007 (4). La costruzione di una leadership forte è stata associata all'aumento dei prezzi di petrolio e gas, il cui sfruttamento è alla base di "rinascimento russo". Inoltre, il presidente russo ha ottenuto la stabilizzazione delle élite, la fine delle guerre tra clan dell'era Eltsin e la ricostruzione del potere statale. Come ha notato il pensatore Boris Kagarlitsky lo sfortunato destino dei milionari Vladimir Gusinsky Mikhail Khodorkovsky e Boris Berezovsky (morto nel 2013) -il cui giro d'affari va dal petrolio, alle banche, ai mass media e ad altri settori stratégici- non è stato estraneo a questi cambiamenti. Questi tre uomini d'affari facevano parte del gruppo delle persone più influenti degli anni di Eltsin e non avrebbero dato le dimissioni dalle loro posizioni di privilegio al momento dell'elezione del nuovo presidente, in questo modo però stavano minando la logica complessiva che si trovava alla base del "sistema Putin ". Il risultato del confronto è stato prevedibile: i tre hanno dovuto emigrare e Khodorkovsky ha anche trascorso dieci anni in carcere
La costruzione dell'immagine di Putin è basata anche da numerose foto che lo ritraggono come un leader virile: in una sta abbracciando un cucciolo di leopardo (un astronauta russo lo paragonò a Barack Obama con un barboncino sulle ginocchia, per poi domandare al pubblico "di chi ti fideresti di più come Comandante in Capo?"); in un'altra, presa nel 2012, appare con un casco e un camice bianco alla guida di una stormo di cicogne , ed in molte altre appare a con torso nudo e In tuta mimetica. In tutte queste foto nonostante il suo metro e settanta di statura, la sua immagine viene proiettata come quella di un "grande". "Ad alcuni scrittori ed alla gente comune piace confrontarlo con diversi zar, da Ivan il Terribile a Nicola I. Ma non è un caso che lui stesso si paragona ad una "icona" occidentale quando dice che che oggi si presenta come colui che ha fatto per la Russia ciò che Franklin D. Roosevelt fece per il gli USA negli anni 30" , ricorda il giornalista Hinde Pomeraniec nel suo libro "Cartoline dall'epoca di Putin".
Ma se nei primi anni di gestione la priorità era la politica interna, negli ultimi anni Putin ha intensificato il suo obiettivo di far tornare la Russia al centro del concerto globale. "Se in precedenza si occupava principalmente di favorire alcuni oligarchi in cambio del loro sostegno, ora sembra avere una sola missione: ripristinare il posto della Russia nel mondo. sembra interessato unicamente alla politica estera ", Ha spiegato Oreshkin in una recente intervista. L'analista chiama il nuovo sistema economico russo "Burness", una parola composta da burocrazia e business: i funzionari sono impegnati in attività affaristiche e le imprese a "comprare" i funzionari, e tra funzionari o ex funzionari un attore chiave, in un paese come la Russia, sono i servizi segreti.


La vendetta del capitale
Se durante la Nuova Politica Economica (NEP), dopo la Rivoluzione del 1917, Nikolai Bukharin promosse tra i contadini lo slogan "arricchitevi" , dopo la caduta dell'URSS questo slogan è rimasto attuale e calzante per la nomenklatura che si è trasformata in borghesia, come aveva anticipato Leon Trotsky nel suo libro "La rivoluzione tradita" del 1937. "Immaginatevi una torta divisa in parti uguali, ma di piccole dimensioni. Questo è il socialismo. Ora immaginate una grande torta divisa in parti non uguali, ma in modo che anche una piccola parte della seconda torta è più grande di una delle parti uguali della prima. Questo è il capitalismo ", così titolava uno spot che pubblicizzava la transizione al capitalismo. Personaggi come il banchiere Boris Jordano hanno vissuto questo processo come una vendetta personale: "Quello che mio nonno non ha potuto realizzare al tempo della guerra civile con l'esercito bianco contro i comunisti, l' abbiamo fatto noi espellendo lo Stato da rapporti di proprietà" ha confessato in un libro.
Lasciando trasparire le sfaccettature cospirative nella transizione al "libero mercato" Putin nel 2013 ha riconosciuto la presenza di agenti della Central Intelligence Agency (CIA) tra ministri riformatori anni '90, segnalando che " la cosa più notevole è che quando sono tornati negli Stati Uniti [molti di questi agenti] sono stati processati per aver violato le regole del loro paese per il loro arricchimento tramite le privatizzazioni, che non avrebbero dovuto portare avanti come agenti della CIA ". E 'stato un vero e proprio saccheggio delle risorse pubbliche a vantaggio delle nuove oligarchie, di quella che i russi chiamano "classe creativa", soprattutto nelle capitali: Mosca e San Pietroburgo. Per la maggior parte della popolazione però è stato un disastro materiale e morale.
Se in Europa orientale il comunismo è stato vissuto come qualcosa imposta dall'esterno, per la Russia è qualcosa di inseparabile dalla propria storia. Inoltre, come ha scritto Bruno Groppo, la liberazione dal regime opprimente che vigeva Russia ha coinciso con la perdita della posizione egemonica dell'impero sovietico, e, infine, con la disintegrazione . In questo contesto il problema della visione ultra-liberista dell'era Eltsin è che ha trasformato la storia sovietica in una parentesi, in una sorta di deviazione della strada nazionale che dovrebbe essere risolta recuperando la continuità con la storia pre-rivoluzionaria. Ma è proprio la vittoria del 1945 contro il nazismo che ha fondato il moderno patriottismo russo . Ciò non si riferisce direttamente ad una sopravvivenza dell'immaginario sovietico, ma, naturalmente, anche le separazioni e le differenze sono spesso poco chiare; da qui deriva anche la complessità della figura di Stalin nella Russia attuale.
Putin è riuscito a incorporare con successo questa parte della storia senza rivendicare il comunismo (vede infatti l'URSS come esempio positivo, mentre Lenin e la rivoluzione come esempio negativo), in modo da costruire una "visione positiva" della storia nazionale incarnata nei nuovi libri di testo. Forse la migliore sintesi della sua visione è contenuta in una delle sue citazioni più famose: "Colui che non ha nostalgia dell'Unione Sovietica non ha cuore, chi la vorrebbe indietro non ha cervello." In questo contesto la figura "positiva" di Stalin è quella di capo della Grande Guerra Patriottica, non del leader della collettivizzazione comunista, anche se il presidente non lo nomina mai esplicitamente.


Amici e nemici
Coloro che, almeno retoricamente, rivendicano il ritorno dell' "uomo d'acciaio" e dell'URSS, sono i membri del Partito Comunista della Federazione Russa (CPRF) e del leader Guennadi Zyuganov . In un recente articolo, il segretario all'ideologia del Comitato Regionale di San Pietroburgo, Alexei Bogachev, ha scritto in risposta ad una visione critica del Presidente russo sui bolscevichi che "la lotta per il controllo delle menti è la lotta principale del momento, e noi siamo obbligati a vincerla. Solo il nostro progetto, il progetto di una rinascita russa - sovietico, è in grado di salvare la Russia da questo vuoto che si sta formando oggi intorno al Cremlino e personalmente a Vladimir Putin ". Tuttavia il CPRF è parte del sistema Putin, cioè è tra i partiti tollerati dal regime di "democrazia controllata"; per questo alcuni dei suoi critici ironicamente lo hanno chiamato "Ministero dell'opposizione rossa".
In effetti il CPRF non ha partecipato organicamente alle proteste del 2011 contro le presunte frodi promosse dal governo nelle elezioni legislative e contro la corruzione nelle alte cariche dello Stato. Il movimento di Occupy Mosca è stato promosso da un fronte eterogeneo che andava dai liberali agli anarchici, attraverso varie combinazioni di nazionalismo e forze di sinistra; tra quest'ultime spicca il Fronte di Sinistra, guidato da Sergei Udaltsov. In quel momento il governo è stato abile ad opporre alla presunta classe media che si lamentava l'immagine della "gente povera e semplice" che lavora, anche grazie ad alcuni liberali avversi all'inserimento di slogan di rivendicazione sociale nel movimento.
Una delle espressioni politiche "non allineate" attuali, che hanno poca visibilità all'estero, a differenza di oppositori più importanti e forti come il gruppo punk femminista Pussy Riot, sono gli scrittori "Nazional- bolscevichi". Ispirandosi alla figura di Eduard Limonov (15), questa generazione di giovani scrittori, alcuni dei quali pluripremiati, esprimono in modo complesso e contradditorio il trauma della vergogna del passato nazionale e cercano di rappresentare la Russia profonda, povera e silenziosa, lontana dalle luci delle capitali. Disposti anche a "popolare" le prigioni, i nazional-bolscevichi promuovono un patriottismo radicale che chiede più "rispetto" per il passato sovietico. La stessa combinazione dei termini e "nazionale" e "bolscevichi" ci parla di una prospettiva politica e spesso indecifrabile, la cui base è un profondo disprezzo per i difensori delle riforme liberali degli anni '90, del loro cinismo e del loro "razzismo di classe" . Una delle iniziative più controverse e inquietanti dei naz-bolsc è stata la pubblicazione nel 2012 di un "Lettera a Stalin" scritta da Zachar Prilepin (39 anni), considerato dal The Telegraph "un moderno Tolstoj" .
"Stalin maniaco sanguinario? Sì, ma anche comandante supremo [e vincitore dei nazisti], "dice uno dei paragrafi di questo scrittore, che è stato arrestato circa 150 volte. Rispondendo ai suoi critici, ha scritto che la sua invettiva è rivolta a coloro che "hanno trasformato Stalin in un mostro per giustificare la propria mostruosità". Anche se a quanto pare molte delle loro posizioni sono simili, almeno nei discorsi, alla visione della storia di Putin, i nazionali- bolscevichi sono tra i suoi più acerrimi nemici. Limonov infatti era alleato con i liberali nel 2009 contro il governo ed ha costituito il gruppo Strategia 31, facendo riferimento all'articolo della Costituzione che permette la libertà di riunione e di protesta pacifica, ma non impedisce gli arresti dei manifestanti.
La situazione politica interna però è cambiata con la crisi in Ucraina ed i nazionalisti radicali sono passati oggettivamente dallo stesso lato del Presidente. La Russia deve ora affrontare sanzioni internazionali che colpiscono molte delle sue attività e l'industria petrolifera . "Gli attacchi dell'occidente" consentono di nuovo di rinfocolare i rigurgiti nazionalisti per difendere la "dignità nazionale", un elemento che tornerà utile a Putin, almeno fino a quando l'economia russa non sarà realmente colpita.

1917

1917

rivoluzione1917.org: un sito da seguire