24 Marzo 2017

Articoli

India, il più grande sciopero della storia

aaaaaaaaaaALL-INDIA-GENERAL-STRIKE-2nd-SEPTEMBER-2016Venerdì 2 settembre, una delle economie più grandi del mondo ha registrato quello che forse è stato lo sciopero più grande della storia. Si calcola che circa 180 milioni di persone hanno partecipato alla poderosa iniziative di resistenza contro il governo di di destra indiano. Tuttavia, grazie alle distorsioni dell'informazione internazionale, è probabile che la notizia sia arrivata a pochissimi.


Che cosa è accaduto?

In quella giornata, nell'ambito di una iniziativa di lotta degli operai di tutta l'India, migliaia di fabbriche, di centrali elettriche, di uffici pubblici, di banche hanno chiuso i battenti. Anche i trasporti pubblici sono stati coinvolti. Dieci sindacati e circa 180 milioni di lavoratrici e lavoratori del settore pubblico (bancari, minatori, maestre, lavoratori delle costruzioni o delle poste) hanno aderito allo sciopero. Ramen Pandey, della Confederazione Nazionale Sindacale (INTUC), ha affermato: "Questo sciopero è il più grande che si sia mai svolto nel mondo".

Nei fatti, l'impatto che ha avuto è stato enorme. Assocham, il più importante organo delle Camere di Commercio dell'India, ha sostenuto che lo scompiglio provocato nelle catene di distribuzione e nelle fabbriche hanno sottratto all'economia indiana 180 miliardi di rupie (pari a 2,4 miliardi di euro, ndt). E' stato il quarto sciopero nazionale in India dal 2009.


Perché lo sciopero?

I sindacati hanno deciso di rispondere a quelle che hanno definito le "politiche antioperaie e antipopolari" del primo ministro Narendra Modi. Secondo il vicepresidente della INTUC, Ashok Singh, "Modi ha detto di lottare contro la povertà, ma la realtà ci dice che lotta contro i poveri del paese". Modi ha condotto il partito di destra Bharatiya Janata ad una vittoria schiacciante nelle elezioni politiche del maggio 2014 con la promessa di dare stimolo all'economia indiana. E per farlo ha cercato di accrescere gli investimenti stranieri e di privatizzare le imprese pubbliche.Ha venduto azioni di imprese statali per miliardi di euro e pretende di riscuotere altri 8 miliardi di euro attraverso nuove privatizzazioni entro il 2017.

I sindacati temono che le politiche liberiste di Modi (tagli, privatizzazioni, ecc.) riducano sia i livelli di occupazione sia i salari. Per questa ragione hanno preso l'iniziativa di uno sciopero di massa con 12 rivendicazioni, tra le quali l'aumento del salario minimo, l'assistenza sociale per tutti e l'eliminazione degli interventi stranieri nelle ferrovie, nelle assicurazioni e nell'industria militare.


Una lunga incubazione

Tuttavia, il neoliberalismo non è nuovo in India, dove si è instaurato molto prima del governo Modi. Secondo Jayati Ghosh, docente di economia dell'Università Jawaharlal Nehru, Modi non ha fatto altro che dare continuità ai 25 anni di politiche neoliberiste che hanno solo peggiorato la situazione dei lavoratori: "Meno del 4 % dei lavoratori indiani sono tutelati nel lavoro e perfino per questa minoranza esigua la protezione è diminuita. Si diffonde la sensazione che, invece di combattere la povertà, stiano combattendo i poveri. E c'è stata una diminuzione reale della spesa pubblica per i servizi essenziali." Ci sono lavoratori della sanità che sono da mesi senza retribuzione. I sussidi alimentari e il loro sistema di distribuzione stanno deteriorandosi. La professoressa Ghosh insiste: "Il governo centrale sostiene attivamente le imprese private che cercano di impedire in tutti i modi ogni sindacalizzazione."

In questo contesto di continui attacchi ai diritti dei lavoratori indiani da parte del regime, sembra che i sindacati non abbiano avuto altra soluzione che organizzare lo sciopero. E con il suo straordinario successo dello scorso 2 settembre, hanno inviato un messaggio duro sia al governo Modi di Nuova Delhi sia al mondo intero: i lavoratori non rinunceranno ai loro diritti senza lottare.

 

* da thecanary.co, traduzione di Fabrizio Burattini

Appello 8 aprile

Vogliamo vivere e lavorare in un paese democratico e civile

Appello per una manifestazione

sabato 8 aprile - Bellinzona ore 14.30

 

scaricate il l'appello e firmatelo

Petizione

NO AL CONTINUO SMANTELLAMENTO DELL'OSPEDALE SAN GIOVANNI

NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELLE SALE OPERATORIE PER IL DAY HOSPITAL

Scarica la petizione qui

La petizione può essere firmata da qualsiasi cittadino domiciliato nei comuni della Nuova Bellinzona. Le firme sono da rispedire al più presso a: cp 2320, 6501 Bellinzona

1917

1917

rivoluzione1917.org: un sito da seguire