25 Aprile 2017

Articoli

La Svizzera, l'oro e il saccheggio del mondo

aCreditSuisse Valcambi sa"L'oro che era inizialmente in cielo con il suo fratello argento, come il sole con la luna, si erano inizialmente sbarazzati dei loro attributi sacri per venire sulla terra come autocrati, potrebbero oggi accontentarsi del sobrio statuto di re costituzionale con un ministero nelle banche; potrebbe anche non essere mai necessario proclamare una repubblica.

Ma non è ancora il caso –e l'evoluzione potrebbe essere totalmente opposta. Gli amici dell'oro dovranno mostrarsi estremamente saggi e moderati se vogliono evitare una rivoluzione"
(John M. Keynes, "Auri Sacra Fames", 1931).

 

Negli ultimi dieci anni, la Svizzera ha continuato a rinforzare la sua posizione monopolistica nel commercio mondiale dell'oro fisico (le operazioni di trading sono basate a Londra). In questo decennio, il volume dell'import-export del metallo giallo è più che triplicato in volume, superando le 3500 tonnellate, e moltiplicandosi da 6 a 8 volte in valore. Per dare un'idea dell'importanza di queste transazioni, è sufficiente notare che questi volumi sono superiori a quello della produzione mondiale d'oro, stimata a 3000 tonnellate, l'offerta totale raggiunge le 4500 tonnellate, contando anche il metallo riciclato.

 

Nel cuore del traffico internazionale

La Svizzera acquista semplicemente l'essenziale dell'oro mondiale (il 70% in media negli ultimi anni) per rivenderlo, servendo così da grossista universale? No, il suo ruolo è infinitamente più complesso. Innanzitutto, il metallo prezioso è trattano nelle sue raffinerie (2/3 della capacità mondiale), che lo trasformano in oro puro al 99.99%. Il sito internet della principale raffineria, Valcambi in Ticino (filiale del Credit Suisse fino al 2003, acquistata da un'impresa indiana), presenta tutti i punti forti di quest'industria: trasporto assicurato del metallo prezioso su scala internazionale, analisi e certificazione della qualità del prodotto, raffinazione e condizionamento certificato (lingotti, barre, monete,...), studi di finanziamento per ogni cliente, stoccaggio del metallo in condizioni di sicurezza ottimali.
Nel 2014, queste transazioni figurano per la prima volta nelle statistiche svizzere del commercio internazionale, allorché in precedenza erano assimilate a dei trasferimenti di pagamenti, e in questo modo in gran parte camuffate. E così, l'oro è di colpo diventato il primo prodotto d'esportazione della Svizzera, davanti a prodotti farmaceutici e all'orologeria, e rappresenta 1/5 del suo commercio estero.
Inoltre nel marzo 2015, su pressione dei suoi partner stranieri, rompendo con 34 anni di segreto, la Svizzera ha infine rivelato la distribuzione per paese del suo commercio dell'oro. Benché questi dati non portino che sull'ultimo paese di transito e il primo paese di destinazione, mostrano il ruolo chiave del Regno Unito come fornitore, ma anche quello dell'India, della Cina (Hong Kong), degli Emirati Arabi Uniti o della Turchia come clienti. Come lo spiegherò in seguito, questa ripartizione è abbastanza eloquente.

 

Un'alchimia delicata

Sulle 175 mila tonnellate di metallo giallo prodotte fino ad oggi dall'umanità, 160 mila sono state prodotte per rispondere ai bisogni del capitalismo trionfante, dalla seconda metà del 19° secolo (le riserve disponibili ad oggi sono stimate in 183 mila tonnellate). In realtà, dalla sua estrazione dalle viscere della terra ai suoi differenti usi sociali, il circuito dell'oro dice molto sull'ordine economico delle società umane.
Negli anni 2009-2013, i suoi differenti usi si ripartivano così: lusso: 58% (gioielli, tesaurizzazione), finanza: 35% (investimenti); industriale: 10% (elettronica, odontoiatria); istituzionale: 7% (banche centrali). È evidente che i differenti anelli di questa catena hanno un elevato interesse per la Svizzera. Innanzitutto, la Svizzera ha un ruolo chiave nella trasformazione del metallo grezzo estratto o riciclato, spesso con un istoriato pesante, in metallo puro, non tracciabile, anonimo. Ed è senza dubbio questa delicata alchimia industriale, finanziaria, commerciale e politica che fa della Svizzera un passaggio obbligato della tratta mondiale dell'oro.
In effetti, l'estrazione del metallo giallo, in Africa sub sahariana (25-30%9, in America latina (15-20%), in Cina (15%) o nei paesi dell'ex-URSS (15%) è sovente il frutto di un sovrasfruttamento di lavoratori particolarmente esposti, sovente dopati con le anfetamine per compiere un lavoro pericoloso e molto faticoso. Centinaia di milioni di bambini vi sono impiegati nei paesi del Sud e, in generale, gli incidenti professionale sono frequenti. Non c'è in effetti un'altra attività nel mondo dove il produttore diretto è spogliato a questo punto del valore del suo lavoro. Inoltre, le conseguenze ambientali e sulla salute pubblica di questa attività sono considerevoli (utilizzo massiccio di mercurio e cianuro).

 

Lavare i profitti della schiavitù e del crimine

È quindi necessario porsi delle domande sulla provenienza dell'oro raffinato in Svizzera. La statistica è su questo punto chiara: fino all'inizio degli anni 1990, era importato principalmente dal Sudafrica, mentre oggi viene essenzialmente dalla Gran Bretagna, seggio mondiale del trading dell'oro (London Bullion Market Association), che fissa i corsi due volte al giorno. Evidentemente la Svizzera non è interessata a conoscere la catena di produzione del metallo prezioso che acquista e nemmeno le condizioni sociali ed ecologiche che la caratterizzano.
Si mostra dunque poco curiosa in materia, come lo ha mostrato una recente inchiesta della Dichiarazione di Berna. Questa ONG ha rivelato che nel 2014, circa 7 tonnellate d'oro, prodotte da bambini del Burkina Faso, e trasportate di contrabbando in Togo, sono state importate in Svizzera da un gruppo libanese stabilito nell'Est dell'Africa e con un intermediario sulla Rue de Genève, per essere poi raffinato presso la Valcambi. Questi fatti non fanno che confermare uno scandalo che dura da tempo, già denunciato in passato, concernente altri paesi africani e sudamericani.
L'oro raffinato in Svizzera non permette soltanto di "sterilizzare" un metallo prodotto in condizioni sociali ed ecologiche intollerabili, ma contribuisce anche a "pulire" altro metallo giallo riciclato, proveniente da traffici più o meno legali, il cui affinaggio non permette più di definirne l'origine. Così, l'oro rubato e ricettato dalle reti mafiose, saccheggiato dai gruppi armati, o recuperato a valle di diverse catene produttive (gioielli, odontoiatria, circuiti elettrici), sovente senza misure anti-inquinamento adeguate, in particolare in Asia, può essere condizionato in lingotti ineccepibili al momento di essere inviati in Svizzera per il trattamento.

 

Contribuire all'evasione fiscale dei paesi emergenti

Abbiamo appena visto che la raffinazione dei metalli preziosi permette innanzitutto di normalizzare delle attività fondate sulla schiavitù moderna e l'accumulazione per depossessione. Ma è anche al centro di un altro traffico estremamente lucrativo: il riciclaggio di enormi profitti non dichiarati di imprese dei paesi emergenti (India, Cina, Turchia,...). Dopo aver evaso le tasse, costoro mirano a coprire le loro tracce per quanto riguarda la loro origine e per proteggersi dal deprezzamento della loro moneta nazionale convertendo in oro.
Il metallo giallo è così importato legalmente in Asia, anche se una parte delle transazioni possono essere dissimulate con delle manipolazioni sulla fatturazione (la Svizzera non esporta ufficialmente la stessa quantità d'oro in India per rapporto a quanto l'India importi dalla Svizzera). Può poi essere anche introdotto di contrabbando (passando per gli emirati del Golfo, grosso importatore d'oro dalla Svizzera) per essere conservato così com'è o trasformato in gioielli. Può essere infine depositato nei caveau degli istituti finanziari, delle raffinerie, o di altre istituzioni più discrete come i porti franchi elvetici, sotto identità di prestiti (grazie ad abili artifici di cui le banche hanno i segreti).

 

Al crocevia del capitalismo mondializzato a dominante finanziaria

A causa dei depositi crescenti d'oro in Svizzera, la statistica del commercio estero dell'oro accusa un saldo cronicamente deficitario: in effetti, i montanti importati superano strutturalmente i montanti esportati. Inoltre, questa accumulazione vertiginosa di piazzamenti in oro fisico non deriva solo dal riciclaggio di profitti non dichiarati dei paesi emergenti, ma anche dalla volatilità dei mercati finanziari che incita l'insieme degli investitori a meglio proteggersi piazzando una parte dei loro portafogli in oro.
Così, al crocevia delle evoluzioni più recenti del capitalismo mondializzato a dominante finanziaria, la Svizzera è diventata il fulcro mondiale del traffico dell'oro, all'intersezione di fenomeni molto contemporanei di sovrasfruttamento del lavoro (in particolare nei paesi della periferia), e della speculazione endemica di porzioni importanti di capitali deviati dalla sfera produttiva.

Appello donne contro PV2020

Le donne contro

la riforma della previdenza

per la vecchiaia 2020

 

Scaricate l'appello e firmatelo!

Referendum Previdenza 2020

NO all'aumento dell'età AVS!


NO alla diminuzione delle rendite!

 

Firmate il referendum contro la riforma della previdenza della vecchiaia 2020!

 

Scaricate il formulario

Iniziativa Per cure mediche di prossimità

Difendiamo gli ospedali di Valle

firmate l’iniziativa

“Per cure mediche di prossimità”

 

scaricate qui il formulario

1917

1917

rivoluzione1917.org: un sito da seguire