Tempo di lettura: 3 minuti

KarteA5 web-300x203Pubblichiamo qui di seguito, quale primo contributo alla discussione in vista del referendum del prossimo 9 giugno contro la revisione della Legge sull’asilo (LASI), il materiale diffuso dal comitato nazionale che si oppone a questa revisione. (Red).

 

A mente lucida, votiamo NO!

 

I richiedenti l’asilo costituiscono appena lo 0,6 per cento della popolazione totale svizzera. Si tratta di circa 45’000 persone. Negli ultimi 5 anni l’asilo è stato concesso in media a un richiedente su tre. Ciònonostante regnano una maniacale isteria e una continua diffidenza, e la politica d’asilo svizzera è ostaggio del dibattito sugli abusi. Rifugiati e richiedenti l’asilo sono bollati come potenziali avvoltoi che vengono in Svizzera soltanto perché «qui è bello». La Svizzera sarebbe troppo allettante per i rifugiati, e l’attrattività va quindi ridotta. A ogni costo e a tutti i livelli Da anni questo mantra dei fautori dell’inasprimento pervade la politica d’asilo come un filo spinato, ma l’attrattività non diminuisce e la situazione dei richiedenti l’asilo non migliora. Eppure questi stessi politici si aspettano che noi, la popolazione, accogliamo il loro invito all’emarginazione e alla xenofobia latente. Ma noi ci opponiamo e diciamo di No!

 

Votiamo il 9 giugno e mostriamo che esistono altre soluzioni.

 

La procedura presso le ambasciate salva vite umane

 

2’572 vite salvate: continuiarno così. Dal1980 era possibile richiedere l’asilo politico direttamente presso una rappresentanza svizzera all’estero. 2’572 persone hanno ottenuto in questo modo protezione: un incredibile successo umanitario! Questa possibilità è stata ora cancellata! I passatori si arricchiranno sempre di più, e ancora più rifugiati perderanno la vita in mare aperto. A soffrirne maggiormente saranno donne e bambini, i più bisognosi di protezione tra i rifugiati.

 

Il rifiuto del servizio militare deve essere un motivo d’asilo!

 

«Pensa un p’, c’è la guerra, e nessuno ci va!». In molti Stati della Terra infuriano conflitti armati: rifiutarsi di parteciparvi attivamente è un diritto fondamentale Un disertore siriano è un avversario della dittatura, non un finto rifugiato! Questo vale anche per i rifugiati dall’Eritrea, sfuggiti a una brutale dittatura in cui devono temere la tortura La Svizzera ha ora annacquato questa protezione.

 

Nessun arbitrio, nessun campo di internamento!

 

No a una Svizzera dei lager! È inaccettabile e arbitrario rinchiudere i rchiedenti l’asilo che non hanno commesso alcun reato in centri speciali dove vivono in condizioni di semiprigionia. La legge sull’asilo non sostituisce il diritto penale — dovrebbe proteggere, non punire. Questo nuovo arbitrio nei confronti dei richiedenti l’asilo porta a un’enorme disparità giuridica. I campi di internamento non sono una soluzione non lo erano ieri, non lo sono oggi e non lo saranno domani Per questo non vogliamo nessuna politica dei lager!

 

Nessuna assegno in bianco per il Consiglio federale!

 

In una democrazia è necessario rispettare la separazione dei poteri. Il Consiglio federale ottiene carta bianca per «fasi sperimentali nella procedura d’asilo» per i prossimi tre anni. Il Parlamento cede così una bella fetta della propria responsabilitè legislativa e il popolo viene privato dei diritti democratici diretti. Nell’ambito di queste misure di prova il Consiglio federale ha già ridotto a 10 giorni i termini per il ricorso contro le decisioni in materia di diritto d’asilo.

 

I diritti popolari non devono essere calpestati!

 

Provvedimenti «urgenti»? C’è in realtà un’unica urgenza: i continui inasprimenti della legge sull’asilo devono finire! Sono inefficaci, e hanno avuto come unica conseguenza il fatto che il diritto d’asilo viene lentamente svuotato della sostanza e la legge inasprita in sempre più rapida successione. La decisione del Parlamento di dichiarare urgente questa revisione priva parzialmente la popolazione svizzera della sua facoltà di decisione democratica.                                

Pin It on Pinterest