Tempo di lettura: 6 minuti

ms-36-anos-eucalipto1Recenti notizie danno conto di ciò che accadrà durante i mondiali. Il Brasile arriverà ad emettere circa 1,4 milioni di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera. Questo numero è contabilizzato secondo la metodologia del ministero dell’ambiente e includono diverse emissioni dirette, quelle, cioè, dovute alla costruzione per l’ospitalità, alla mobilità al turismo che ne consegue.

 

Secondo la ministra dell’ambiente Izabella Teixeira, le emissioni sono già state ridotte per una donazione di crediti di carbonio. La ministra infatti con la dichiarazione data alla EBC (agenzia di stampa Brasiliana) ribadisce che le emissioni per la coppa del mondo sono al 100% mitigate come stabilito nel dominio governativo. Quelle indirette sono emissioni dovute al traffico aereo internazionale e a quelle non legate a definiti itinerari tra le varie città sedi delle partite.

Il governo inoltre ha assicurato un progetto di smaltimento rifiuti detto di “azioni sostenibili per la Coppa del Mondo” che si suppone possa gestire lo smaltimento differenziato dei rifiuti con la campagna “Brasile Organico e Sostenibile”, che distribuirà kit di alimenti con i volontari, oltre a promuovere fiere del biologico nelle città ospitanti.

Fino a qui sembra che si viva nel fantastico paradiso terrestre della Coppa delle Coppe, ma il problema è che neanche metà di queste cose sono vere è tutto finzione e non è neanche fantascienza.

La prima menzogna è quello di avere la mitigazione delle emissioni come credito di carbonio, perché è una sorta di logica di mercato per ridurre le emissioni, che costituisce non più che un aspetto “verde” della speculazione finanziaria, essendo di fatto uno scambio utile per avere il permesso a inquinare.

Un esempio può esserci nel testo dell’organizzazione brasiliana FASE nel quale Fausto Oliveira descrive le azioni di Plantar, una società specializzata nella monocoltura di eucalipto, che detiene a São João do Buriti più della metà del territorio comunale e la sua produzione principale.

Una parte della produzione viene trasformata in carbone vegetale e venduta alla Aracruz Celulose.

Le piantagioni causano profondo impatto ambientale, molte sono le denunce della popolazione locale sull’assorbimento delle fonti idriche dalle piantagioni, dato l’enorme consumo di acqua da parte di ogni albero di eucalipto.

Dall’altro lato del mondo, a Grangemouth, una unità produttiva della British Petroleum situata proprio nel centro della città, causa un altro impatto ambientale profondo ed estremamente inquinante rendendo una vita d’inferno a chi risiede in quella città per il fumo, il rumore e il cattivo odore.

Qual è la relazione tra São João do Buriti e Grangemouth? Grangemouth riceve i crediti di carbone dalla Banca Mondiale per finanziare la produzione di eucalipto di São João do Buriti, Non è fantastico?

La monocoltura di eucalipto conta come credito di carbone, come se fosse un rimboschimento e dà il segnale verde per l’inquinamento in un altro luogo del mondo.

Così la città scozzese rimane inquinata con un alto livello di emissioni di carbonio come la città brasiliana di compensare l’inquinamento e le emissioni di carbonio in atmosfera che colpisce l’intero sistema climatico, non solo in Brasile o in Scozia. Quindi l’investimento di Britsh Petroleum nella redditizia e a grande impatto monocoltura di eucalipto nello Spirito Santo conta come mitigare inquinanti e nocive emissioni di carbonio nel suo stabilimento di produzione a Grangemouth, conta anche come investimento “verde”, come la responsabilità sociale, dando così il sigillo green Forest Stewardship Council (FSC) e, quindi, il diritto di inquinare.

È questo un esempio della assurdità dei crediti di carbonio il cui mercato è controllato dalla Banca mondiale e serve come mezzo ingannevole di mitigazione degli impatti ambientali sul sistema climatico. L’impatto sul sistema climatico è globale, e le emissioni rimangono ampliandosi, aumentando la concentrazione di carbonio nell’atmosfera terrestre in un lucroso mercato dei crediti di carbonio, che per tutta la sua esistenza non influenza affatto la reale riduzione delle emissioni.

Oggi viviamo in un contesto in cui abbiamo 400 parti per milione (ppm) di carbonio nell’atmosfera vivente, qualcosa di inaudito, in più di 400 mila anni, non aveva superato 300 ppm la concentrazione di carbonio nell’atmosfera e che oltrepassa i 200 anni successivi alla rivoluzione industriale. Questo quadro ci dà la percezione di quanto siano dannose le conseguenze immediate della crescente le estreme condizioni climatiche cambiamenti drastici nel regime delle precipitazioni, super tifoni e maggiore siccità con clima arido o semiarido, tra le altre conseguenze c’é l’aumento di acidificazione degli oceani con la perdita di specie ecc. E il mercato del carbonio, che dal 2000 si stabilisce senza alcuna riduzione delle emissioni globali, a seguito di uno spazio di grandi offerte sulla base del fatto che “ogni tonnellata di CO2 (equivalente) non rilasciata o ritirata dall’atmosfera da un paese sviluppo può essere scambiato sul mercato mondiale.”

Nel caso di Grangemouth / San Giovanni Buriti, l’affermazione che gli eucalipti catturano carbonio dall’atmosfera, che è vero solo al culmine della loro maturità, questi alberi emettono più di quanto assorbono durante la crescita, come aggravante ignorata questi alberi catturano acque sotterranee, alterando l’ecosistema locale (l’Eucalyptus è estraneo all’ecosistema locale), togliendo spazi di habitat della fauna selvatica nella regione. Inoltre, compromette seriamente la produzione alimentare sostenibile a São João do Buriti, sia per la concentrazione fondiaria di questa produzione contro la produzione delle aziende agricole familiari. La monocoltura di eucalipto ha un aggravante, ma, per il suo aspetto di produzione per il mercato e la produzione su larga scala, l’uso di fertilizzanti, pesticidi e organismi eventualmente geneticamente modificati, che la rendono ancora più grave per la produzione d’uso di São João do Buriti e la vita locale.

Le piantagioni di eucalipto non sono una foresta, non ha la differenziazione di piante di una foresta, tanto meno tutto biodiversità animale che un bosco ha alberi.

La menzogna del mercato del carbonio come un mezzo per ridurre le emissioni è uno dei capitoli più tristi che nasce del Protocollo di Kyoto, firmato nel 1997 un centinaio e cinquantasei paesi, la fissazione di obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Il protocollo, tuttavia, è anche stato sostenuto in particolare dai paesi del più grande economia del mondo e dei più grandi produttori di emissioni di carbonio, come gli Stati Uniti, né prodotto alcun meccanismo di fuori del mercato che ha lavorato specificamente per la riduzione delle emissioni. Soluzioni rigorosamente mercato fosse un requisito dei paesi di economia centrale e detti “sviluppati”.

Il mercato del carbonio in background diventa un mercato per l’inquinamento che tenta di ridurre in innocue pratiche, ma funzionanti come mezzi redditizi facendo finta che i governi e le imprese facciano qualcosa per combattere il riscaldamento globale mentre ci illudono solamente.

Altra fissazione del governo federale, che rasenta il cinismo, è di farci credere che stia mettendo in atto una politica integrata di riduzione dei residui solidi con raccolta e riciclaggio mentre il 66,5% dei cittadini brasiliani vivono in luoghi che non posseggono alcun piano di gestione dei residui solidi e sono meno del 2% i residui solidi riciclati in Brasile.

Ossia il governo dice che porrà raccoglitori di rifiuti per la raccolta differenziata, come illusorio mezzo per ridurre i rifiuti; non c’è bisogno di prendere una città sede dei Mondiali come ad esempio lo stadio della finale di Coppa del Mondo, Rio de Janeiro, in un Paese che non ha bidoni in oltre il 70% delle città e la cui politica di gestione dei rifiuti solidi, nonostante la propaganda, non funzionano, non esistono più le discariche. A partire dal 2014 il governo ha fatto chiudere la discarica di Gramacho a Duque de Caxias, e niente ha potuto monitorare e combattere le numerose discariche illegali dello stato.

Spaventoso è il cinismo della campagna che promuove “Il Brasile biologico e sostenibile”, il Brasile è un paese che predilige chiaramente il latifondista terriero agro-alimentare che sfrutta la terra con sostanze altamente inquinanti, amante della transgeniche e pesticidi alla agroecologia familiare. Basta vedere la quantità di denaro che il governo federale gestisce nell’agroecologia familiare (principale produttore di organico) e agro-alimentare.

Il governo finanzierà dal Piano Familiare Agricoltura Safra, un volume di 25 miliardi di dollari in attività, mentre assegnerà in agribusiness fondi per un valore di 156 miliardi di dollari, questo ci dà un esempio eloquente delle priorità del governo federale per quanto riguarda gli investimenti in famiglia agroecologia produzione e biologica. Vale a dire, lo stesso governo che usa falsamente la produzione biologica come aspetto ambientalista che richiederebbe una profonda riforma agraria, che probabilmente equivarrebbe un nuovo fronte di alleati del Partito dei Lavoratori radicati invece nell’agribusiness insieme a Katia Abreu e Maggi, due dei più grandi proprietari terrieri del paese.

La collocazione della ministra del governo, dunque, è l’esempio di una miscela di cinismo e disperazione che danno il senso delle politiche di governo. Il cinismo per non avere la minima vergogna di usare una cassa di risonanza alla disinformazione, di insensibilità ambientale e per l’assenza di qualsiasi politica degna di essere così chiamata. D’altra parte la disperazione come grave segno di pressione, sociale e internazionale, su un governo ostile a qualsiasi logica di sostenibilità ecologica, ancora più appetibile per il mercato della produzione-sviluppo e non si preoccupa assolutamente del numero di alberi, di indiani, di rifugiati o di poveri del Paese che il trattore “sviluppo” schiaccerà per promuovere La Coppa del Mondo detto anche “spettacolo dello sviluppo”.
La ministra riflette, nelle sue dichiarazioni e nei suoi “programmi”, quello che è la politica ambientale in Brasile: Uno spettacolo da circo di magia e illusione che nasconde più di quello che rivela.

Pin It on Pinterest