Tempo di lettura: 2 minuti

Giù le mani cortoLo scorso mese di maggio il Consiglio di Stato ha presentato la proposta di nuova pianificazione che ora dovrà essere discussa ed approvata dal Gran Consiglio. Questo progetto interessa da vicino il futuro delle strutture ospedaliere di Bellinzona e Valli. In particolare:

 

Soppressione degli ospedali di Valle

Gli ospedali di Faido e Acquarossa cesseranno di esistere in quanto ospedali. Saranno eliminati i reparti di medicina oggi presenti e verrà eliminato il pronto soccorso così come oggi è strutturato. Ad Acquarossa verrà cancellato anche il reparto di geriatria. Al loro posto verranno creati degli istituti di cura per pazienti dimessi dagli ospedali e necessari di una fase di riabilitazione più o meno lunga. I pazienti curati negli attuali reparti di medicina di Faido e Acquarossa dovranno fare capo a Bellinzona.

 

Verso l’ospedale unico, declassamento degli altri ospedali

Il progetto di pianificazione ospedaliera vuole “ridisegnare” il sistema ospedaliero. L’attuale struttura ospedaliera cantonale (con quattro ospedali regionali: Locarno, Bellinzona, Lugano e Mendrisio) verrà sostituita da due ospedali di rilevanza cantonale (Bellinzona e Lugano) e due ospedali (Mendrisio e Locarno) di “prossimità”. In realtà, se si legge con attenzione e si guardano le cose in prospettiva, appare evidente che si va verso una concentrazione in una sola struttura cantonale con tre ospedali di fatto declassati.

Molte decisioni prese in passato e previste nell’attuale progetto di pianificazione (pensiamo alla chirurgia viscerale e all’ortopedia, nonché alle conseguenze della chiusura dei reparti di medicina di Faido e Acquarossa e alla riorganizzazione dei loro pronto soccorso) tendono a indebolire in modo importante e irreversibile il ruolo e funzionamento dell’ospedale di Bellinzona.

Appare quindi necessario discutere di questa problematica, del futuro dell’ospedale di Bellinzona nel quadro del progetto di pianificazione ospedaliera in atto. È quello che si cercherà di chiarire con questo dibattito al quale tutti i cittadini e le cittadine di Bellinzona sono invitati a partecipare.

 

Dibattito

Lunedì 15 settembre – ore 20.30
Bellinzona – Sala Consiglio comunale

Ospedale di Bellinzona e pianificazione cantonale: quale futuro?

Dibattito, moderato da
Simonetta Caratti, con:

– Mario Branda
– Giorgio Pellanda
– Pierluigi Togni

introdurrà la discussione
Giuseppe Sergi

Pin It on Pinterest