Tempo di lettura: 6 minuti

Pubblichiamo un articolo di João Camargo, militante del Movimiento por la Justicia Climática, scritto in occasione del vertice sul clima di Madrid (COP25), conclusosi pochi giorni fa. Nessun accordo istituzionale porrà fine alla sete di espansione e alla volontà di potere del capitalismo, la cui natura estrattivista si scontra direttamente con qualsiasi tipo di relazione armoniosa tra esseri umani e natura.

“O demoliamo il capitalismo e ancora una volta ci lanciamo nella lotta delle rivoluzioni internazionaliste, o il terrorismo autoritario capitalista si combinerà con un clima implacabile per affondare in una carenza sconosciuta e una decomposizione sociale senza precedenti”

La produzione di plusvalore basata sull’espansione delle forze produttive richiede la creazione permanente di nuovi consumi, l’espansione dei consumi esistenti, l’estensione di bisogni con limiti sempre più lontani, la creazione di nuovi bisogni e la creazione di nuovi valori d’uso. Ciò implica l’esplorazione della totalità della natura, la creazione di nuovi valori d’uso e di scambio su scala universale, per prodotti fabbricati in tutti i climi, in tutti gli ecosistemi e in tutti i paesi. La priorità del valore di scambio rispetto al valore d’uso e ai valori d’uso essenziali (come cibo, acqua, abitazioni o un ambiente sano) ha permesso al capitalismo di distanziare l’umanità dalla natura e dai suoi limiti, scambiando ciò che astratto per concreto, ma la realtà alla fine prevale. La mercificazione e il feticismo delle merci degradano le relazioni umane e le relazioni dell’umanità con la natura, poiché il capitalismo valorizza e soddisfa i bisogni reali solo se sono necessari per mantenere la forza lavoro. Oltre a ciò, crea una serie di esigenze strettamente determinate dalla redditività e dall’espansione, essendo unilaterali e prescrittive nel creare tali esigenze. I mercati, cioè i capitalisti, non devono soddisfare i bisogni, ma cercarli e crearli.

La natura estrattivista del capitalismo si scontra direttamente con qualsiasi tipo di relazione armoniosa tra esseri umani e natura. La logica lineare del capitalismo e la riduzione di tutti gli aspetti della vita all’accumulazione del valore di scambio sono incompatibili con i cicli della natura e i sistemi naturali complessi. La divisione metabolica teorica definita a grandi linee da Marx come “la rottura irreparabile nel processo interdipendente del metabolismo sociale” è ora raggiunta su scala globale e la crisi climatica è l’espressione preminente di questa divisione metabolica. Recentemente le previsioni più cupe sono state nuovamente superate, poiché un certo numero di scienziati ha indicato che sono stati raggiunti nove possibili punti di non ritorno del sistema climatico, vale a dire lo scioglimento del ghiaccio marino artico e della calotta glaciale della Groenlandia, il collasso delle foreste boreali, la fusione del permafrost siberiano, della calotta glaciale dell’Antartide occidentale e parti dell’Antartide orientale, il crollo dei coralli d’acqua calda e della foresta pluviale amazzonica, nonché il rallentamento della circolazione di ritorno nell’Atlantico meridionale.

Attualmente viviamo con una temperatura globale media superiore a qualsiasi periodo degli ultimi 125.000 anni. Il capitalismo ha già distrutto l’Olocene attraverso le emissioni di gas serra e si è congratulato con se stesso battezzando una nuova era climatica pericolosamente priva di antecedenti con il nome di Antropocene. Continua a spingere in avanti nella direzione della catastrofe. Entriamo negli ultimi decenni rimasti per fermarlo.

O abbattiamo il capitalismo o il nuovo clima metterà fine alla civiltà umana. Non vi sono dubbi: la crisi generale del sistema capitalista, le cui manifestazioni più chiare sono la crisi finanziaria e l’austerità, si evolve in una crisi organica, in cui il discredito di istituzioni e partiti politici corrode i pilastri della stabilità sociale sotto il dominio della borghesia capitalista. La crisi climatica e la crisi capitalista non si verificheranno nello stile di Hollywood, poiché il crollo non è un evento di un giorno, ma piuttosto una cascata incessante di eventi, come già accade in diverse regioni e paesi che hanno subito danni ambientali, sociali ed economico per decenni. In tutto il mondo assistiamo alla nascita di governi autoritari e razzisti dell’estrema destra dopo il decennio di crisi organica della forma neoliberista del capitalismo.

Nessuna minaccia o rischio, per quanto grande, convincerà il capitalismo a smettere di accumulare e generare profitto. Nessun accordo istituzionale porrà fine alla sete di espansione e alla volontà di potere del capitalismo. Al di là di un’ideologia organica, con la sua violenza coercitiva e i suoi strumenti di egemonia culturale, il capitalismo è diventato una meta –narrativa, naturalizzata e invisibile nella maggior parte dei suoi aspetti, molti dei quali trascendono di gran lunga il sistema produttivo, come il suo positivismo e la sua natura globalizzata. Per questo, la polverizzazione delle narrazioni, mettendo la disputa sul potere fuori dalla portata e delle alternative, è stata cruciale.

Il postmodernismo ha contribuito a privare i movimenti di massa di strumenti contro-egemonici, abbandonando l’idea del rovesciamento del capitalismo con la semplice idea politica di sopravvivere. I social network sostituiscono i media tradizionali come lo strumento più potente per generare l’egemonia e sono usati come lo strumento di mercato capitalista più avanzato per diffondere confusione, barbarie e organi politici reazionari. La violenza dello Stato si intensifica per affrontare le numerose sfide che il capitalismo deve affrontare, in particolare nel sud del mondo: la facciata democratica del sistema capitalista si sgretola di fronte alle sue crescenti contraddizioni, quando i problemi sociali diventano problemi ambientali e viceversa.

Le attuali istituzioni del potere sono state costruite per mantenere lo status quo e concentrarsi su di esse come obiettivo principale per contestare il potere egemonico è un errore politico di altissimo livello, in particolare considerando che sono rimasti dieci anni per prevenire il cambiamento climatico incontrollato. L’attuale rigidità del modello di partito politico può indicare che questo modello era adeguato per le condizioni materiali di una fase precedente del capitalismo, ma sempre meno per l’attuale periodo di mercato globalizzato, finanziarizzato, e uso suicida dei combustibili fossili.

Questo modello è particolarmente inappropriato per i nuovi compiti richiesti: rovesciare il sistema capitalista, creare una nuova forma di stato, alternativa al capitalismo, con una pianificazione democratica e incentrata sui bisogni reali e l’urgente necessità di ridurre le emissioni di massa di gas ad effetto serra. Questo compito è anche incompatibile con il dogma capitalista basato sulla crescita economica permanente. La riduzione non è un miraggio, ma una necessità, un cambiamento pianificato per rispondere ai bisogni reali, mentre abolisce l’apparato di propaganda che proclama la creazione di nuovi bisogni per generare più plusvalore e benefici su scala globale. Questo non è possibile sotto il capitalismo e non dovrebbe essere formulato in base a questa premessa.

Al momento non ci sono più di due partiti: il partito del capitalismo e il partito di sopravvivenza. Tutti i tipi di maschere e nomi possono essere indossati e presentati come diversi partiti politici, come rami mediatici dei gruppi di social media, come eserciti e movimenti sociali, ma di fronte alla crescente crisi organica del capitalismo (che segue la crisi in corso del neoliberismo o ne deriva), la disputa per il futuro sarà determinata dall’esito della lotta tra queste due parti. Il partito del capitalismo, come sempre, mostrerà le sue tattiche di rivoluzione passiva e ristrutturerà i suoi schemi e programmi per riaffermare il dominio capitalista. Ma la rivoluzione passiva, le riforme, gli accordi cosmetici e la contabilità creativa sono gli strumenti del declino ambientale.

Il partito di sopravvivenza non deve adottare la forma tradizionale e se prima della crisi organica del capitalismo globale vengono posti dei compiti chiari, devono anche essere sviluppate nuove forme di partito, con il compito chiaro e permanente di rovesciare questo sistema. È necessaria una rivoluzione ecosocialista per abbattere il capitalismo, non a causa del romanticismo o di una visione meccanicistica della storia, ma piuttosto come una necessità per garantire la sopravvivenza e il mantenimento di condizioni materiali minimamente ragionevoli per la continuazione delle civiltà umane. Il palazzo d’inverno non è altro che un simbolo, la vera rivoluzione si verifica nella combinazione di crisi organica, strumenti contro-egemonici e organizzazione di un partito per i lavoratori e le persone, che oggi è il partito di sopravvivenza.

Esiste un corpo politico e sociale critico che si sviluppa nel calore della lotta per il clima, con decine di migliaia di attivisti politici. Tirare il freno di emergenza sul capitalismo dei combustibili fossili è una caratteristica vincolante di questo movimento. Ha già richiesto la rottura storica e la riparazione sociale, storica e intergenerazionale. L’esplosione del movimento per la giustizia climatica ha generato immense dinamiche di massa, ma manca ancora di una natura rivoluzionaria. Il tempo tenderà a spingere verso la rivoluzione con il crescente degrado sociale e climatico di fronte al ritardo capitalista, all’inazione e agli sviluppi reazionari. Altri gruppi cercano anche di spingere il movimento verso l’impotenza, i piccoli adattamenti e il capitalismo verde, ma l’obiettivo diretto di ridurre le emissioni globali di gas serra del 50% entro il 2030 richiede un colpo di stato sistemico e un’uscita rivoluzionaria da capitalismo dei combustibili fossili. I movimenti dei lavoratori e anticapitalisti non devono voltare le spalle, ma devono unirsi a questo movimento, perché attualmente è la spina dorsale del partito di sopravvivenza.

O demoliamo il capitalismo e ancora una volta ci lanciamo nella lotta delle rivoluzioni internazionaliste, o il terrorismo autoritario capitalista si combinerà con un clima implacabile per affondare in una carenza sconosciuta e una decomposizione sociale senza precedenti. Nessuno di noi l’ha scelto, ma poiché tutto cambierà, è un momento emozionante da vivere. Non abbiamo più scuse o più tempo per astenerci dal lottare per vincere, e in questo senso dobbiamo trasformarlo nell’ultima crisi organica del capitalismo, il momento del risveglio di una nuova storia dell’umanità.


*Fonte articolo: https://vientosur.info/spip.php?article15369

Pin It on Pinterest