Tempo di lettura: 2 minuti

(Interpellanza al Consiglio di Stato)

Il Municipio di Mendrisio, accogliendo una proposta del PPD, ha deciso di farsi parte attiva per proporre al governo di sdoppiare la Scuola Cantonale di Commercio (SCC) in due sedi (Sopra e Sottoceneri) e di insediare a Mendrisio la sede sottocenerina.

Per quanto apprezzabile e seria, la posizione del Municipio di Mendrisio non cambierà nulla fino a che il Governo e il DECS non modificheranno la propria posizione di fondo che, finora almeno, resta contraria allo sdoppiamento della SCC.

Questa posizione il governo l’ha espressa, rispondendo ad una mozione MPS, nel settembre 2018: sei mesi per scrivere un paio di paginette insipide nelle quali ci si limita a negare platealmente i problemi con i quali, quotidianamente, studenti e insegnanti della SCC sono confrontati.

Eppure il tema è ormai nelle mani del Parlamento (prima della commissione formazione e cultura e successivamente gestione e finanze) da ormai due anni: infatti è nel marzo del 2018 che l’MPS ha presentato questa mozione che illustra le ragioni logistiche, didattiche, sociali e ambientali che militano a favore di uno sdoppiamento di una scuola ormai non più seriamente gestibile proprio per le sue dimensioni: oltre 1’300 studenti in uno solo stabile!

La disponibilità del Municipio di Mendrisio, unita alle ragioni obiettive della gestione di una scuola come l’attuale SCC, rendono necessario riaprire la discussione. E siccome i deputati del Mendrisiotto, che pure nelle prime entusiastiche dichiarazioni avevano promesso di muovere mari e monti in questa prospettiva, pare abbiano scelto il silenzio, ci permettiamo di rilanciare la questione, ponendo le seguenti domande:

1. Non ritiene necessario il Consiglio di Stato di poter/dover modificare la propria posizione, espressa nel messaggio 7580 del 19 settembre 2018, sulla mozione 12 marzo 2018 presentata da Matteo Pronzini “Per uno sdoppiamento della Scuola cantonale di commercio (SCC): creare una seconda sede nel Sottoceneri”?

2. Non pensa che la disponibilità offerta dal Municipio di Mendrisio rappresenti una grande occasione per contenere le pressioni organizzative, didattiche, ambientali che pesano a causa della concentrazione in una sola sede degli studenti che frequentano la Scuola Cantonale di Commercio?

Per il gruppo MPS-POP-Indipendenti

Simona Arigoni Zürcher, Angelica Lepori Sergi, Matteo Pronzini

Bellinzona, 26 febbraio 2020

Pin It on Pinterest