Tempo di lettura: < 1 minuto

È ormai confermato che il coronavirus colpisce in maniera più importante e più grave la
popolazione anziana. Popolazione che è già socialmente vulnerabile, vive sola e ha meno
contatti sociali.
La situazione di emergenza e le regole che vengono costantemente ripetute invitano ad
evitare di uscire di casa e a mantenere le distanze. In questa situazione gli anziani e le
persone sole hanno più difficoltà a soddisfare i loro bisogni, a fare la spesa o avere a
disposizione i medicinali.
Chiediamo quindi al Municipio:
 Non ritiene necessario, sulla base di quanto attivato anche da altri comuni (vedi ad
esempio Taverne Torricella), istituire immediatamente un servizio di assistenza
diretta alle persone che per ragioni oggettive (età, malattie, invalidità, ecc) sono
impedite a svolgere le necessarie attività quotidiane e non sono seguite dall’aiuto
domiciliare.
 Non ritiene necessario contattare direttamente telefonicamente tutte le persone
residenti sul territorio comunale con più di 70 anni per verificare se hanno particolari
esigenze e difficoltà organizzative legate alla situazione di emergenza.
 Non ritiene necessario organizzare, nel limite del possibile, un servizio telefonico di
aiuto psicologico per le persone sole o bisognose di aiuto in questo momento.
Bellinzona 11 marzo 2020
Angelica Lepori
Monica Soldini
Lista MPS-POP-Indipedenti

Pin It on Pinterest