Tempo di lettura: 2 minuti

Un precedente articolo apparso su Climate&Capitalism (“Accelerazione blu”: il crescente assalto del capitalismo agli oceani) affermava che il mondo sta entrando “in una nuova fase del rapporto dell’umanità con la biosfera, nella quale l’oceano non solo è cruciale ma sta subendo un cambiamento fondamentale”. L’articolo citava alcune ricerche che descrivono e illustrano la crescente volontà del capitale di industrializzare gli oceani e i fondali marini – un processo che alcuni scienziati hanno denominato “accelerazione blu”.

Un altro articolo, pubblicato questa settimana nei Proceedings of the National Academy of Sciences (gli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze) mette in evidenza un’ulteriore urgenza, dimostrando che l’estrazione mineraria in acque profonde comporta rischi significativi per i vasti ecosistemi delle masse d’acqua intermedie che si trovano ben al di sopra dei fondali marini dove è prevista l’estrazione mineraria. Il seguente riassunto si basa su materiale fornito dall’Università delle Hawaii.

***

L’interesse per l’estrazione mineraria in acque profonde di rame, cobalto, zinco, manganese e altri metalli preziosi è aumentato significativamente nell’ultimo decennio e si prevede che a breve inizieranno nuove attività estrattive. L’estrazione mineraria in acque profonde comporta rischi significativi, non solo per l’area immediatamente adiacente alle operazioni minerarie, ma anche per le acque a centinaia o migliaia di piedi [1 piede = 0,3048 metri NdT] sopra il fondale marino, minacciando i grandi ecosistemi delle acque medie.

Attualmente, 30 licenze di esplorazione coprono circa 580’000 miglia quadrate [1 miglio quadrato = 2,5899 chilometri quadrati NdT] dei fondali marini in alto mare e alcuni paesi stanno anche considerando lo sfruttamento all’interno delle proprie acque. Ad oggi, la maggior parte delle ricerche per valutare l’impatto delle attività minerarie e delle indagini ambientali di base si è concentrata sui fondali marini.

Tuttavia, durante l’estrazione mineraria vengono rilasciate grandi quantità di fango e di sostanze chimiche disciolte, e le grandi attrezzature producono un rumore straordinario, che si diffonde in larghezza e in altezza. Purtroppo, non esistono praticamente studi sui potenziali effetti dell’estrazione mineraria al di là dell’habitat immediatamente adiacente all’attività estrattiva.

Questo è un appello a tutte le parti interessate e ai governanti“, ha affermato il professore di oceanografia Jeffrey Drazen, autore principale dell’articolo. “L’estrazione mineraria sta per andare avanti, ma ci mancano le prove scientifiche per comprendere e gestire gli impatti sugli ecosistemi pelagici profondi, che costituiscono la maggior parte della biosfera. Sono necessarie ulteriori ricerche molto rapidamente“.

Le profonde acque intermedie degli oceani del mondo costituiscono oltre il 90% della biosfera, contengono un numero di pesci 100 volte superiore alle catture globali annuali, collegano gli ecosistemi di superficie e i fondali marini e svolgono un ruolo chiave nella regolazione del clima e nel ciclo dei nutrienti. Questi servizi ecosistemici, così come l’incalcolabile biodiversità, potrebbero essere influenzati negativamente dall’attività mineraria. Il documento fornisce una prima panoramica delle potenziali minacce a questo sistema.

Le Hawaii si trovano nel mezzo di alcuni dei luoghi più probabili per l’estrazione mineraria d’alto mare“, ha dichiarato Jeffrey Drazen. “Lo studio attuale mostra che l’attività mineraria e i suoi impatti ambientali potrebbero non limitarsi ai fondali marini a migliaia di metri sotto la superficie, ma potrebbero anche minacciare le acque sopra i fondali. I danni agli ecosistemi delle acque intermedie potrebbero influenzare la pesca, rilasciare metalli nelle catene alimentari che potrebbero poi entrare nelle nostre riserve di frutti di mare, alterare la cattura del carbonio nelle profondità oceaniche e ridurre la biodiversità, essenziale per il corretto funzionamento dei nostri oceani circostanti“.

*Articolo pubblicato sul sito web di Climate&Capitalism, il 10 luglio 2020. Traduzione a cura del segretariato MPS

Pin It on Pinterest