Tempo di lettura: 3 minuti

Alla “Kryvyi Rih Iron Ore Plant” (KZRK), i minatori sono in sciopero sottoterra per la terza settimana consecutiva.L’impianto è uno dei più grandi produttori di minerale di ferro dell’Ucraina ed è composto da 4 miniere: Hvardiyska, Oktiabrska, Rodina e Ternivska. Il 3 settembre 2020, circa 30 minatori della miniera di Oktiabrska sono rimasti sottoterra, sospendendo così il funzionamento della miniera. La mancanza di dialogo sociale è ciò che ha spinto i minatori a compiere un’azione così disperata. I lavoratori non si accontentano dell’ingiusta distribuzione del profitto ricavato dallo sfruttamento del sottosuolo, che appartiene alla popolazione. Poco dopo, i lavoratori di altre tre miniere si sono uniti allo sciopero spontaneo. Ad un certo punto, 393 lavoratori protestavano a 1’400 metri di profondità, e quasi 200 di loro sono ancora lì.

Contemporaneamente, si sono svolte manifestazioni di protesta davanti all’edificio dell’amministrazione della fabbrica. Il 12 settembre gli operai degli impianti di frantumazione e smistamento hanno interrotto i lavori. Il processo di produzione è stato interrotto, i prodotti non vengono spediti. Pertanto, l’impresa non ha realizzato alcun profitto e ha pagato meno tasse sul reddito. I lavoratori che sono rimasti in superficie ricevono il 75% del loro stipendio durante i periodi di inattività. La tensione sociale è aumentata e le proteste potrebbero estendersi ad altre imprese industriali (come è successo nel 2017). Lo stato di salute dei minatori sta peggiorando drasticamente: una permanenza a lungo termine sottoterra inciderà in modo irreversibile sulla loro salute fisica e psichica. I maggiori media ucraini hanno a malapena informato sullo sciopero, anche se si tratta di una delle più grandi proteste industriali degli ultimi 20 anni.

Le richieste dei manifestanti:
1. Aumentare gli stipendi a 1000 euro in equivalente grivna (i lavoratori delle principali professioni, tra i quali quelli che lavorano nei tunnel, ricevano uno stipendio di questo nel 2012).
2. Mantenere le prestazioni pensionistiche per condizioni di lavoro pericolose, come da elenchi 1 e 2 (potrebbero essere annullate a causa del lavoro improprio della commissione di attestazione e del governo che ha annullato le norme sanitarie nel 2016)
3. Cambiare la gestione dell’impresa (l’attuale CEO è Serhiy Novak, che non ha dimostrato alcuna intenzione di cooperare con i sindacati).

La reazione della Direzione dell’impianto


Nei primi giorni dello sciopero, l’impresa KZRK ha rilasciato una dichiarazione ufficiale che qualificava le azioni dei lavoratori come illegali. L’amministrazione ha annunciato l’intenzione di contattare il Servizio di sicurezza dell’Ucraina e di far pagare i danni ai minatori. Quando i lavoratori di tutte le altre miniere hanno appoggiato lo sciopero, i datori di lavoro hanno promesso di non perseguitare le persone coinvolte nella protesta. La direzione si aspettava che questo incoraggiasse i manifestanti a fermare lo sciopero. Tuttavia, poiché la richiesta di aumentare gli stipendi fino a 1000 euro non è stata soddisfatta, la protesta è proseguita e il Servizio di sicurezza dell’Ucraina ha interferito.

Il Servizio di sicurezza dell’Ucraina interferisce


I partecipanti alle dimostrazioni in superficie riferiscono di essere stati chiamati a fornire “spiegazioni” al Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SSU). Oltre a questo, servizi speciali hanno cercato di entrare in una delle miniere. Finora non sono state mosse accuse contro nessuno, ma il fatto che il SSU sia interessato a un conflitto di lavoro è motivo di preoccupazione e minaccia il diritto alla libertà di associazione.

Cosa si può fare?

1) Diffondere le informazioni sullo sciopero e sui tentativi dei servizi di sicurezza di interromperlo.
2) Scrivere una lettera all’amministrazione dello stabilimento (krruda@krruda.dp.ua), al Presidente dell’Ucraina (press@apu.gov.ua), o al Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina (zmi@kmu.gov.ua).
3) Organizzare una manifestazione nella vostra città a sostegno dei minatori in sciopero.
4) interpellare gli oligarchi che sono comproprietari dello stabilimento (Ihor Kolomoyskyi e Rinat Akhmetov) e rendere più complicata la loro attività.

testo apparso sul sito della Rete Sindacale Internazionale di Solidarietà e di Lotta

Pin It on Pinterest