Tempo di lettura: 2 minuti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa testimonianza (Red)

Da 30 anni ogni estate l’Associazione Giullari di Gulliver offre la colonia teatrale integrata “Lazzi di Luzzo”. Una ventina di adolescenti del Cantone si ritrova per tre settimane e crea uno spettacolo, lo porta su diverse piazze del territorio e impara a conoscere e a convivere con persone “extra-ordinarie”.

Nascono nuove amicizie, costruite sul comune interesse per il teatro, sulla sensibilità verso il prossimo e forse anche su un diverso senso di umanità. Alcuni di questi ragazzi indossano volentieri vestiti colorati e diversi da quelli proposti dalle pubblicità.

Un piccolo gruppo di questi, due ragazze e due ragazzi quattordicenni, il 5 gennaio si è ritrovato a Lugano.

Provenendo da 4 luoghi diversi del Cantone hanno scelto la stazione di Lugano. Sono seduti su una panchina per condividere un momento festivo insieme, quando due agenti della polizia ferroviaria si avvicinano per un controllo.

Gli agenti hanno richiesto loro i documenti, hanno chiesto loro di svuotare le tasche, le borse e hanno perquisito uno dei ragazzi. L’intervento degli agenti rientra nel normale adempimento delle loro funzioni, d’accordo, e questi controlli hanno un loro senso in alcuni casi, ma ci sembra eccessivo lo zelo dimostrato dagli agenti nei confronti di quattro giovanissimi che non stavano facendo niente di sospetto; quello che ci ha stupiti e messi a disagio è stato sentire che gli agenti si siano permessi di deriderli, commentando il modo di vestire e il contenuto delle borse, nelle quali c’erano solo indumenti e oggetti personali.

Battute derisorie come “ma avete una tenda addosso?”, “al giorno d’oggi si fanno i pigiama party con i cristalli” forse hanno divertito i signori in divisa, ma per questi quattro giovani, in particolare per le ragazze nell’avventura delle prime uscite libere, la cosa ha spaventato.

Una ragazza ha chiesto spiegazioni e un agente ha risposto “perché non vi abbiamo mai visti qua”.

Ma le stazioni non sono per definizione un punto di passaggio?

A noi adulti, genitori e animatori della colonia, questa faccenda rattrista; cerchiamo di educare i giovani spiegando loro che la polizia ha il compito di proteggere i cittadini, di rassicurarli, che dovrebbe essere un punto di riferimento in caso di bisogno.

Ora ci e vi chiediamo: i giovani quale opinione delle forze dell’ordine possono farsi vivendo una situazione così scortese nei loro confronti per il semplice fatto di aver incontrato degli amici in una stazione?

Alessandra Ardia, Antonello Cecchinato, Piera Gianotti, Daniele Lüthi, Gaby Lüthi, Prisca Mornaghini, Emanuel Rosenberg

Pin It on Pinterest