Tempo di lettura: 8 minuti

La potente ascesa della Cina è il risultato di una combinazione di fattori poiché ha riorientato la sua produzione verso il capitalismo mondiale negli anni 80. Innanzitutto, e contrariamente al blocco sovietico, la Cina ha trovato un modo per capitalizzare il suo passato coloniale, il che è un’ironia della storia. La Gran Bretagna ha controllato Hong Kong fino al 1997, il Portogallo ha controllato Macao fino al 1999 e gli Stati Uniti continuano a utilizzare Taiwan come protettorato. Queste colonie e protettorati collegavano la Cina all’economia globale prima ancora che entrasse completamente nel sistema mondiale.
Dopo la fine della guerra fredda, sotto la guida di Deng Xiaoping, Hong Kong ha svolto un ruolo molto importante nella modernizzazione della Cina. Deng ha usato Hong Kong per ampliare l’accesso ai cambi, per importare ogni genere di cose, compresi i prodotti ad alta tecnologia, e per capitalizzare la sua forza lavoro qualificata con professionisti della gestione aziendale.
Taiwan è stata molto importante non solo in termini di investimenti di capitale, ma soprattutto, a lungo termine, in termini di trasferimento tecnologico, in primis nell’industria dei semiconduttori. Anche gli investitori di Taiwan e Hong Kong sono stati tra i principali motori della rapida crescita delle province cinesi di Jiangsu, Fujian e Guangdong. Il Partito Comunista ha ereditato un forte stato assolutista, che ha proceduto a riorganizzare e utilizzare per il suo progetto di sviluppo economico nazionale. Ha anche approfittato dell’esistenza del contadino precapitalista atomizzato, abituato all’assolutismo da 2000 anni, per estrarne lavoro in vista della cosiddetta accumulazione primitiva dal 1949 agli anni ’70.
Successivamente, a partire dagli anni ’80, lo stato cinese ha trasferito questa manodopera dalle campagne alle grandi città per essere impiegata come manodopera a basso costo nelle zone di trasformazione delle esportazioni. In questo modo mise a lavorare circa 300 milioni di migranti rurali, come schiavi nelle officine della povertà. Pertanto, l’arretratezza dello stato assolutista e delle relazioni di classe in Cina ha offerto alla classe dirigente cinese una serie di vantaggi per sviluppare sia il capitalismo di stato che il capitalismo privato.
L’arretratezza della Cina le ha anche permesso di saltare fasi di sviluppo sostituendo mezzi e metodi arcaici a mezzi e metodi capitalistici avanzati. L’adozione dell’alta tecnologia nelle telecomunicazioni ne è un buon esempio. Invece di attraversare ogni fase delle società capitaliste più avanzate, a cominciare dall’uso delle linee telefoniche per la comunicazione cablata, la Cina ha installato cavi in ​​fibra ottica in tutto il paese praticamente in una volta.

La Cina è oggi la seconda economia più grande del mondo. Ma ci sono contraddizioni. Quali sono i suoi punti di forza e di debolezza?

La Cina pratica due dimensioni dello sviluppo capitalista. Uno è ciò che chiamo accumulazione dipendente. Il grande capitale straniero ha investito ingenti somme di denaro negli ultimi 30 anni, prima in industrie ad alta intensità di lavoro e, più recentemente, in industrie ad alta intensità di capitale. Ciò ha contribuito allo sviluppo della Cina, ma l’ha tenuta in fondo alla catena del valore globale, anche nel settore dell’alta tecnologia, come fabbrica di manodopera. Il capitale cinese mantiene una piccola parte dei profitti, la maggior parte dei quali va agli Stati Uniti, all’Europa, al Giappone e ad altre potenze capitaliste avanzate e alle loro multinazionali. Il miglior esempio è il telefono cellulare di Apple. La Cina si accontenta di assemblare tutti i pezzi, che per la maggior parte sono progettati e realizzati fuori dal paese.

Ma c’è una seconda dimensione, che è l’accumulazione autonoma. Fin dall’inizio, lo Stato ha diretto l’economia in modo molto consapevole, ha finanziato la ricerca e lo sviluppo e ha mantenuto il controllo indiretto sul settore privato, che attualmente rappresenta oltre il 50% del PIL. Al vertice dell’economia, lo stato mantiene il controllo attraverso società pubbliche.

Ora, anche la Cina ha i suoi punti deboli. Se guardi al suo PIL, la Cina è il secondo paese più grande del mondo. Ma se si confronta il PIL pro capite, è ancora un paese a reddito medio. Si rilevano debolezze anche in aree dove si è all’apice delle potenze capitaliste avanzate. Ad esempio, il telefono cellulare Huawei, ora un marchio globale, non è stato sviluppato solo dagli scienziati cinesi dell’azienda, ma soprattutto dai 400 scienziati giapponesi che ha sul suo libro paga. Ciò dimostra che la Cina ha fatto e continua a fare molto affidamento sulle risorse umane straniere per la ricerca e lo sviluppo. Inoltre, l’enorme numero di brevetti cinesi non è ancora nel campo dell’alta tecnologia, ma in altri campi.

Oltre a queste debolezze economiche, la Cina mostra anche debolezze nell’arena politica. Manca un sistema di governo che assicuri una successione pacifica da un leader all’altro al potere. Deng Xiaoping ha creato un sistema di limitazione del mandato e leadership collettiva per risolvere questo problema di successione. Xi Jinping ha abolito questo sistema e ha ristabilito il governo unico senza limiti di tempo. Ciò potrebbe portare a nuove lotte di successione tra fazioni, destabilizzando il regime e compromettendone la crescita economica.

Xi ha cambiato la strategia della Cina nel sistema mondiale? Perché?

Il Partito Comunista Cinese (PCC) è molto contraddittorio. Da un lato, è una forza per la modernizzazione economica. Dall’altro, ha ereditato elementi molto importanti della cultura politica premoderna. Queste sono le fonti di conflitto tra i clan all’interno del regime. All’inizio degli anni ’90, i vertici della burocrazia discutevano su quale cricca di governanti dovesse avere il potere. Uno di loro è formato dai cosiddetti sangue blu, i figli dei burocrati che hanno guidato lo Stato dal 1949, la seconda generazione dei burocrati rossi. Sono fondamentalmente reazionari. Dall’avvento al potere di Xi, la stampa parla del ritorno al nostro sangue, indicando che il sangue dei vecchi dipinti si è reincarnato nella seconda generazione.

L’altra cricca è quella dei nuovi mandarini. I loro padri e madri non erano quadri rivoluzionari, ma intellettuali o persone che brillavano nei loro studi e salivano di rango, generalmente attraverso la Lega della Gioventù Comunista. Non è un caso che la dirigenza del partito di Xi abbia ripetutamente umiliato pubblicamente la Lega negli ultimi anni. Il conflitto tra i nobili dal sangue blu ei mandarini è una nuova versione di un vecchio modello; dopo 2000 anni di assolutismo e dominio burocratico, c’è tensione tra queste fazioni.

In che modo il programma New Silk Road influenza questo processo?

La fazione di Xi è consapevole che prima di poter realizzare la sua ambizione imperiale, la Cina deve liberarsi del fardello del suo passato coloniale, cioè integrare Taiwan e completare l’unificazione nazionale, che è la missione storica del PCC. Tuttavia, questo prima o poi porterà a un conflitto con gli Stati Uniti. La questione di Taiwan coinvolge quindi sia la dimensione dell’autodifesa della Cina (anche gli Stati Uniti riconoscono che Taiwan è “parte della Cina”) sia quella della rivalità interimperialista. Per “unirsi a Taiwan”, per non parlare dell’ambizione globale, Pechino deve prima superare le sue debolezze, in particolare nella sua tecnologia, nella sua economia e nella sua mancanza di alleati internazionali.

È qui che interviene il programma La Nuova Via della Seta, che consentirà, auspica lo Stato, di sviluppare capacità tecnologiche indipendenti e di risalire la scala della catena del valore globale. L’idea è di utilizzare il programma per costruire infrastrutture in tutta l’Eurasia in accordo con gli interessi cinesi. Allo stesso tempo, dobbiamo chiarire che la Nuova Via della Seta è anche un sintomo dei problemi di sovrapproduzione e sovraccapacità della Cina. I leader sperano di usarlo per assorbire questa capacità in eccesso.

La Cina per il Sud è un modello di sviluppo o una potenza imperiale in ascesa?

La Cina non può essere un modello per i paesi in via di sviluppo. La sua ascesa è il risultato di fattori unici, che ho descritto sopra e che altri paesi del terzo mondo non possiedono. Non credo che sia un errore dire che la Cina fa parte del neoliberismo mondiale, soprattutto quando la vediamo avanzare affermando che è disposta a sostituire gli Stati Uniti come custode della globalizzazione del libero scambio. Ma dire che la Cina fa parte del capitalismo neoliberista non rivela l’intero quadro. È uno stato capitalista diverso e una potenza espansionista che non vuole essere un secondo partner degli Stati Uniti. La Cina è quindi una componente del neoliberismo mondiale, pur distinguendosi come potenza statale capitalista. Questa particolare combinazione significa che beneficia dell’ordine neoliberista e allo stesso tempo pone una sfida sia a questo ordine che allo stato americano che lo controlla.

Il capitale occidentale è ironicamente responsabile di questa difficile situazione. I vostri stati e le vostre capitali hanno compreso troppo tardi la sfida della Cina. Hanno investito massicciamente nel settore privato di questo Paese o in joint venture con aziende pubbliche, ma non hanno compreso appieno che dietro queste aziende c’è sempre lo Stato cinese, anche se apparentemente private. In Cina, un’azienda, per quanto privata, deve soddisfare le richieste dello stato. Lo Stato cinese ha utilizzato questo investimento privato per sviluppare le proprie capacità, pubbliche e private, al fine di sfidare il capitale americano, giapponese ed europeo. Pertanto, è ingenuo accusare lo Stato cinese e il capitale privato di questo paese di aver rubato la proprietà intellettuale. È quello che avevano pianificato di fare fin dall’inizio. Gli stati capitalisti avanzati e le società private hanno permesso alla Cina di emergere come potenza imperiale in ascesa.

Come valuteresti la rivalità tra Stati Uniti e Cina?

In passato, la maggior parte dello establishment americano ha optato per l’apertura alla Cina. Erano ossessionati dalla loro fede in una trasformazione democratica della Cina attraverso il commercio. Tuttavia, la Cina è diventata una potenza emergente che ha iniziato a colmare il divario con gli Stati Uniti e a sfidarlo. Oggigiorno i pessimisti dominano all’interno dell’amministrazione statunitense. Pensano che la Cina si stia rapidamente rafforzando e che non farà mai concessioni nei confronti di Taiwan. Ma se la scuola pessimista presume che l’egemonia statunitense sia giusta e giustificata, dimentica che gli Stati Uniti sono in realtà complici del governo autoritario cinese e del suo regime di squallide fabbriche. In nessun caso si esamina come la collaborazione e la rivalità tra Stati Uniti e Cina avvengano all’interno di un capitalismo mondiale profondamente contraddittorio e instabile.

Ha ragione la Cina a volersi difendere?

La Cina segue una traiettoria imperialista. Sono contro la dittatura del Partito Comunista, la sua aspirazione a trasformare il Paese in una grande potenza e le sue rivendicazioni nel Mar Cinese Meridionale, ma penso che non sia corretto mettere sullo stesso piano Cina e Stati Uniti. Oggi la Cina è un caso particolare. La sua ascesa è duplice. Da un lato, ciò che entrambi i paesi hanno in comune: sono entrambi capitalisti e imperialisti. D’altra parte, la Cina è il primo paese imperialista che in precedenza era stato un paese semicoloniale. È un caso molto diverso dagli Stati Uniti e da qualsiasi altro paese imperialista. Dobbiamo tenerne conto nella nostra analisi per capire come funziona la Cina nel mondo.

In tutto ciò che riguarda la Cina, ogni domanda ha sempre due livelli. Il primo è l’autodifesa legittima di un ex paese coloniale ai sensi del diritto internazionale. Non dimentichiamo che, anche negli anni ’90, i combattenti americani hanno violato il confine meridionale della Cina. Questo tipo di eventi ricorda naturalmente al popolo cinese il suo doloroso passato coloniale. Gli Stati Uniti mantengono Taiwan come protettorato.

Cosa si può fare per mostrare solidarietà alle lotte popolari in Cina?

Il primo compito è opporsi all’imperialismo statunitense e costruire solidarietà con la classe operaia cinese. Ciò significa che dobbiamo opporci alle aggressioni contro la Cina, non solo quella praticata dalla destra, ma anche dai settori progressisti e persino dal movimento operaio. Ma non bisogna cadere nella trappola campista, che consiste nel fornire sostegno politico al regime cinese. Dobbiamo stare dalla parte della classe operaia.

È importante che la sinistra del resto del mondo riconosca che il capitalismo cinese porta con sé un’eredità coloniale che esiste ancora oggi. Pertanto, quando analizziamo le relazioni tra Cina e Stati Uniti, dobbiamo distinguere queste parti legittime del patriottismo da quelle altre, reazionarie, sostenute dal PCC. C’è un elemento di patriottismo in senso buono all’interno del popolo, frutto dell’intervento imperiale del secolo scorso del Giappone, delle potenze europee e degli Stati Uniti, il che non significa che ci si adatti a questo patriottismo, ma che dobbiamo differenziarlo dal nazionalismo Il PCC reazionario, che Xi incoraggia a sostenere le sue aspirazioni come potenza, proprio come fanno i leader statunitensi per coltivare il sostegno popolare all’obiettivo del suo regime di contenere la Cina.

*Intervista apparsa su Alternatives sud, Chine, l’autre superpuissance , volume 28, 21/1, pubblicato dal Centre Tricontinental (CETRI) , Belgio. Au Loong Yu è intervenuto al colloquio su La Grande transizione il 22 maggio 2021. Loong-Yu è un attivista per la giustizia globale e per i diritti dei lavoratori, e fondatore di Globalization Monitor, un gruppo con sede ad Hong Kong che monitora le condizioni di lavoro in Cina. 

Pin It on Pinterest