Tempo di lettura: 16 minuti

I disastri climatici che si stanno moltiplicando in tutto il mondo sono la conseguenza dell’aumento del riscaldamento del pianeta di “appena” 1,1 /1,2°C rispetto all’era preindustriale. Dalla lettura del rapporto speciale 1,5°C dell’IPCC (1), qualsiasi lettore ragionevole arriverà alla conclusione che tutto, assolutamente tutto, dovrà essere fatto per mantenere la Terra ben al di sotto di questo livello di riscaldamento. Al di Lâ di questo limite, i rischi aumentano molto rapidamente (2). C’è anche una crescente possibilità che una cascata di feedback positivi faccia sì che il pianeta si inclini irreversibilmente verso un regime che alla fine porterebbe il livello del mare a 13 metri, o addirittura a diverse decine di metri, più in alto di quello attuale (3). Una distopia inimmaginabile… certamente incompatibile con l’esistenza di sette miliardi di esseri umani sulla Terra!

Visto il tempo perso fin dal Vertice della Terra (Rio, 1992) e di Parigi nel 2015, non è certo che il limite di 1,5°C possa ancora essere rispettato (al ritmo attuale delle emissioni, sarà superato intorno al… 2030!) Ciò che è assolutamente certo, tuttavia, è che la corsa verso l’abisso non può essere fermata senza rompere il produttivismo inerente all’economia di mercato. Come ha affermato giustamente Greta Thunberg, “la crisi climatica ed ecologica non può semplicemente essere risolta all’interno degli attuali sistemi politici ed economici. Non è un’opinione, è semplicemente una questione di matematica“(4). Con la COP26, che rimane “nel quadro degli attuali sistemi economici e politici”, la prognosi è chiara: come nel caso delle conferenze precedenti, la conferenza di Glasgow non fermerà la catastrofe.

Questo significa che possiamo ignorare ciò che accadrà in Scozia? No, ci sono questioni importanti nell’agenda del vertice. Per esempio: quanti paesi aumenteranno le loro ambizioni climatiche (5)? Fino a che punto si ridurrà il divario tra gli impegni dei paesi e quello che si dovrebbe fare a livello globale per salvare il clima? Negli impegni dei grandi inquinatori, quali saranno le rispettive quote di riduzioni effettive delle emissioni interne, di “compensazione del carbonio” attraverso i pozzi forestali, la cattura ela rimozione del CO2 e i cosiddetti investimenti puliti nel Sud? Il “nuovo meccanismo di mercato” per il carbonio adottato in linea di principio dalla COP21 sarà attuato e come? Sarà adottato un prezzo globale del carbonio o i paesi ricchi lo imporranno de facto tramite una tassa sul carbonio alle frontiere (8)? Questi paesi onoreranno finalmente la loro promessa di contribuire con cento miliardi di dollari all’anno al Fondo verde per il clima per aiutare il Sud del mondo ad affrontare la sfida del clima? Continueranno a fare orecchie da mercante verso i paesi poveri che chiedono un risarcimento per le crescenti “perdite e danni” che il riscaldamento globale sta imponendo ai loro popoli? E così via.

Queste questioni saranno oggetto di un feroce braccio di ferro tra i rappresentanti degli Stati, partendo dai rispettivi interessi economici e dalle rivalità geostrategiche. Senza dimenticare che la mobilitazione dei movimenti sociali potrebbe influenzare il risultato, su certi punti e in una certa misura. Per esempio, è importante mettere ostacoli al “carbon offsetting” e se questo sistema potesse essere vietato, sarebbe una vittoria importante. Analizzando in dettaglio il risultato della COP si possono trarre lezioni sullo stato del capitalismo e sulla profondità della sua crisi sistemica. Tuttavia, non dobbiamo farci illusioni: nel complesso, il vertice rimarrà “nel quadro degli attuali sistemi politici ed economici“, come afferma Greta Thunberg. Quindi possiamo essere categorici: Glasgow fondamentalmente non risolverà NULLA.

Più rinnovabili… e più emissioni

Di fronte a questa visione radicale, si sostiene spesso che la svolta delle rinnovabili potrebbe offrire una via d’uscita dalla crisi. Questa svolta è davvero reale, soprattutto nel settore della produzione di energia. Negli ultimi vent’anni, la quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale è aumentata di una media annuale del 13,2%. Il prezzo del KWh verde è diventato molto vantaggioso (soprattutto nell’eolico onshore e nel fotovoltaico). Secondo l’AIE (Agenzia Internazionale dell’Energia), nel prossimo decennio, più dell’80% degli investimenti nel settore dell’elettricità saranno costituiti da energie rinnovabili. Ma è completamente sbagliato concludere che “il processo globale di allontanamento dai combustibili fossili è già ben avviato“, come ha scritto di recente la Commissione europea (9). In effetti, questa affermazione è una vera e propria bugia. In dieci anni, la quota di combustibili fossili nel mix energetico globale è diminuita solo impercettibilmente – dall’80,3% nel 2009 all’80,2% nel 2019(10). In vent’anni, solo la quota del carbone è diminuita, ma solo leggermente (-0,3% in media all’anno); quella del gas naturale è aumentata del 2,6% e quella del petrolio dell’1,5% (dal 2014 al 2019). Non c’è il minimo accenno all’inizio di una “eliminazione globale” dei combustibili fossili! Questo è il motivo per cui le emissioni globali di CO2 continuano ad aumentare inesorabilmente (tranne la crisi una tantum del 2008 e la pandemia del 2020).

Perché ci sono più rinnovabili e più emissioni fossili allo stesso tempo? Perché le rinnovabili non sostituiscono i combustibili fossili: coprono solo una quota crescente del consumo globale di energia. Questo consumo continua a crescere allo stesso ritmo dell’accumulazione di capitale (la crescente digitalizzazione e la complessificazione delle catene internazionali del valore, in particolare, sono due dinamiche ad alta intensità energetica (11)). La politica climatica borghese ha quindi due facce, come Giano. Pubblicamente, i governi capitalisti fanno a gare per rilasciare le più belle dichiarazioni sulla “transizione energetica” e sulla “neutralità del carbonio ispirata dalla migliore scienza“. Ma i loro impegni mirano più a favorire le aziende che si affrettano a entrare nel mercato delle tecnologie verdi che a salvare il clima. Ecco perché, in privato, questi stessi governi tirano il freno della “transizione” ogni volta che è necessario per mantenere la crescita del PIL. La legge del profitto ha quindi la precedenza sulle leggi della “migliore scienza” fisica. È questo ciò che le tensioni sull’approvvigionamento energetico in Cina hanno portato alla ribalta.

Quando il prezzo dell’energia sale nella fabbrica del mondo…

Conosciamo il contesto: la crescente potenza cinese sta cercando di affermarsi come leader geostrategico globale. Questa ambizione è diventata inseparabile da una politica climatica “responsabile“, come il capitalismo verde. È per questo che Xi Jiping ha promesso a Davos che le emissioni del suo paese cominceranno a diminuire prima del 2030; ha anche aggiunto, poco dopo, che la Cina non costruirà più centrali a carbone all’estero. Così tanto per la facciata. Allo stesso tempo, l’inchiostro dei giornali che riportavano queste dichiarazioni non era ancora del tutto asciutto, che già Pechino aumentava la produzione di carbone nella Mongolia Interna del 10%! La ragione di questa decisione è stata la coincidenza di obiettivi climatici “più ambiziosi” e la ripresa post-Covid. Gli ordini per le merci prodotte in Cina si stanno moltiplicando, causando una relativa carenza di elettricità. Le esportazioni russe di combustibili fossili – soprattutto di gas, che pesano sull’Europa – non sono sufficienti a tappare il buco. Quindi i prezzi stanno aumentando… il che minaccia la ripresa globale. La stagflazione è minacciosa. Di conseguenza, Pechino sta facendo rivivere le sue miniere di carbone.

La valutazione che dà il Financial Times della situazione è chiara: “La Cina, come altri mercati energetici che si trovano ad affrontare carenze, deve realizzare un’azione di equilibrio: usare il carbone per mantenere l’attività e allo stesso tempo mostrare il proprio impegno verso gli obiettivi di decarbonizzazione. Alla vigilia del COP26, questa appare come una posizione scomoda [sic!], ma la realtà è che la Cina e molti altri, a breve termine, non hanno altra scelta che aumentare il consumo di carbone per soddisfare la domanda di elettricità” (12.

Vale la pena notare che i concorrenti americani ed europei sono stati attenti a non criticare la decisione cinese. Per una ragione ovvia: un’impennata incontrollata dei prezzi dell’energia nella “fabbrica del mondo capitalista” avrebbe conseguenze a cascata in tutto il mondo. La leadership cinese è anche molto pragmatica: mentre ha messo un embargo sul carbone australiano – per punire Canberra per la sua posizione su Taiwan, Hong Kong e altre questioni – chiude un occhio quando le navi cargo australiane scaricano il loro carbone nei porti cinesi… In conclusione: diffidare totalmente delle promesse sul clima dei politici capitalisti, anche di quelli che sventolano la bandiera del “comunismo”. Alla fine, è il Capitale che avrà l’ultima parola, non il clima. Nella Repubblica Popolare Cinese come altrove.

… altri fossili vengono bruciati in nome della “transizione ecologica”!

Queste tensioni sul mercato dell’energia evidenziano chiaramente le contraddizioni insolubili della “transizione energetica” in salsa capitalista. La Cina è infatti il principale fornitore mondiale di pannelli fotovoltaici (la maggior parte dei quali sono fabbricati nello Xinjiang, facendo ricorso al lavoro forzato). È anche il principale produttore di quelle “terre rare” il cui sfruttamento e trasformazione richiedono grandi quantità di energia e che sono indispensabili per molte tecnologie verdi… Mentre l’umanità è sull’orlo di un abisso climatico, la logica capitalista del profitto porta così a questa evidente assurdità: è necessario bruciare più carbone, e quindi emettere più CO2… per mantenere i profitti… da cui dipende la transizione alle rinnovabili!

Poiché la Cina è la “fabbrica del mondo”, il problema è immediatamente globale. Quale sarà l’impatto sulla politica climatica generale? La COP26 dovrebbe “aumentare le ambizioni“. Questo può essere fatto sulla carta, per convincere la gente che la situazione è sotto controllo. Ma c’è molta strada da fare. Già un recente rapporto dell’ONU sottolinea che 15 paesi (tra cui gli Stati Uniti, la Norvegia e la Russia) prevedono che la produzione di combustibili fossili nel 2030 sarà più del doppio del limite compatibile con l’accordo di Parigi! Complessivamente, nel 2030, il limite sarebbe superato del 240% per il carbone, del 57% per il petrolio e del 71% per il gas (13)!

In un’intervista al Financial Times, un esperto dubita che “la carenza di carbone e l’aumento dei prezzi dell’energia siano solo un problema a breve termine e ciclico in Cina“. Piuttosto, dice, l’episodio evidenzia “le sfide strutturali a lungo termine della transizione verso sistemi energetici più puliti“. Ha ragione. La sfida strutturale è questa: non c’è più spazio di manovra, le emissioni devono scendere subito, drasticamente. Pertanto, non è sufficiente dire astrattamente che le energie rinnovabili potrebbero sostituire i combustibili fossili. È necessario dire concretamente come compenseremo le emissioni addizionali risultanti dal fatto che i combustibili fossili devono essere usati per produrre i convertitori di energia rinnovabile. Tecnicamente, questa sfida può essere affrontata solo riducendo la produzione e il trasporto globali (14). Socialmente, questa soluzione tecnica può essere prevista solo condividendo in modo massiccio il lavoro, il tempo e la ricchezza necessari. Torneremo su questo nella conclusione, ma è evidente che i due aspetti della soluzione – tecnico e sociale – sono totalmente incompatibili con la logica capitalista della concorrenza di mercato. È in questo contesto che le promesse di “neutralità del carbonio” devono essere esaminate.

Il vero volto della “neutralità carbonica” e dei “Green Deals”

Da quando Trump ha passato la mano a Biden, i maggiori inquinatori del mondo hanno dichiarato la loro intenzione di raggiungere la “neutralità del carbonio” (detta anche “emissioni zero” NdT) entro il 2050 (2060 per la Russia e la Cina) attuando diverse varietà di “accordi verdi” (Green Deals”. Ma questa neutralità carbonica è un’esca progettata per cullare l’opinione pubblica. Teoricamente, il concetto è costruito sull’idea che è impossibile eliminare completamente tutte le emissioni antropogeniche di gas a effetto serra, per cui un residuo dovrà essere compensato rimuovendo il carbonio dall’atmosfera. Ma in pratica, i capitalisti e i loro rappresentanti politici concludono che possono mandare al diavolo i drastici tagli alle emissioni urgentemente necessari, perché un giorno, in futuro, un deus ex machina tecnologico toglierà dall’atmosfera non un “avanzo” ma 5, 10, o anche 20 Gigatoni (Gt) di CO2 ogni anno (emissioni globali attuali: circa 40 Gt). Di conseguenza, mentre l’Unione europea e gli Stati Uniti dovrebbero ridurre le loro emissioni di almeno il 65% nel 2030 (per restare al di sotto di 1,5°C rispettando le loro responsabilità storiche), i loro impegni nel quadro della “neutralità carbonica” consistono solo nel “ridurle” rispettivamente del 55% e del 50-52% (15).

Alla base di questa strategia c’è uno scenario completamente insensato: lo scenario del “superamento temporaneo”. Consiste nel lasciare che il mercurio salga oltre 1,5°C e scommettere che la “Scienza” permetterà in seguito di raffreddare la Terra con “tecnologie a emissioni negative” (NET) (16). Tuttavia: 1°, la maggior parte di queste reti sono solo allo stadio di prototipo o di dimostrazione; 2°, siamo molto vicini al punto di ribaltamento della calotta glaciale della Groenlandia – che contiene abbastanza ghiaccio per aumentare il livello del mare di 7 metri (17); e 3°, di conseguenza, supponendo che le reti funzionino, è molto probabile che saranno impiegate dopo che un massiccio processo di rottura del ghiaccio sarà già iniziato. In questo caso, il danno risulterà evidente: il superamento “temporaneo” avrà portato a un cataclisma permanente…

Supponiamo, tuttavia, che il superamento temporaneo rimanga molto limitato (questo richiederebbe in ogni caso riduzioni delle emissioni molto più severe di quelle attualmente in discussione). In questo caso, avremmo maggiori possibilità di evitare il cataclisma. Ma come sarebbe il mondo sotto la strategia “orientata alla crescita” della “neutralità carbonica”? Possiamo farci un’idea dalle proposte formulate dall’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) (18). Sono edificanti. Secondo l’AIE, per raggiungere “zero emissioni nette” entro il 2050, dovremmo: raddoppiare il numero di centrali nucleari; accettare che un quinto dell’energia mondiale continui a provenire dalla combustione di combustibili fossili (emettendo 7,6 Gt di CO2 ogni anno); catturare e immagazzinare queste 7,6 Gt di CO2 sotto terra in serbatoi geologici ogni anno (ma non si possono escludere perdite da questi serbatoi, comprese perdite improvvise e massicce! ); dedicare 410 milioni di ettari a monocolture industriali di biomassa energetica (è un terzo della superficie agricola in coltivazione permanente! ); usare questa biomassa al posto dei combustibili fossili nelle centrali elettriche e in altri impianti di combustione (di nuovo catturando la CO2 emessa e immagazzinandola sottoterra); produrre idrogeno “blu” dal carbone (di nuovo catturando la CO2!), sperando che l’elettrolisi del carbone sia un successo) nella speranza che l’elettrolisi industriale dell’acqua permetta in seguito di produrre idrogeno “verde” ad un prezzo competitivo; raddoppiare il numero delle grandi dighe; e… di continuare a distruggere tutto – anche la Luna – per monopolizzare le “terre rare” indispensabili per i giganteschi investimenti da fare nelle “tecnologie verdi“. Chi è disposto a vivere in un mondo simile?

Politiche di mercato, disastro sociale ed ecologico garantito

L’AIE ha un piano, altri hanno piani… ma nessuno parla di pianificazione! Tabù! Il neoliberalismo obbliga, il mercato dovrebbe coordinare la “transizione” verso la “neutralità carbonica” attraverso tasse, incentivi e una generalizzazione del sistema dei diritti di emissione negoziabili. L’Unione Europea è all’avanguardia con il suo piano “Fit for 55“. Pioniere nell’attuazione dei diritti d’inquinamento nei suoi principali settori industriali, l’UE li estenderà ai settori dell’edilizia, dell’agricoltura e della mobilità. Più la casa è mal isolata o più il veicolo è inquinante, maggiore è l’aumento dei prezzi per i consumatori. I redditi bassi saranno penalizzati. Le economie del Sud saranno pure penalizzate – e le loro popolazioni attraverso di esse – attraverso la “compensazione del carbonio” e le tasse sul carbonio alle frontiere (19). E tutto questo per un piano che (a meno di barare) non raggiungerà nemmeno il suo già di per sé insufficiente obiettivo, irraggiungibile attraverso i meccanismi di mercato.

Ridurre le emissioni del 52 o 55% è meglio che niente, si potrebbe dire. Senza dubbio, ma contrariamente a quanto sostengono anche alcuni specialisti (20), piani come “Fit for 55” non stanno “andando nella giusta direzione“. Climaticamente, non ci mettono sulla strada giusta per rimanere al di sotto di 1,5°C di riscaldamento: c’è un divario significativo tra il percorso del 55% e quello del 65% di riduzione nel 2030, e questo divario non potrà essere colmato in seguito, perché la CO2 corrispondente a questo divario si sarà accumulata nell’atmosfera. Anche socialmente, piani come “Fit for 55” non vanno nella giusta direzione, poiché implicano un’accentuazione dei meccanismi coloniali di dominazione, la mercificazione della natura e le politiche neoliberali a spese delle classi lavoratrici. Ma non c’è tempo per fare errori. Per “andare nella giusta direzione“, dobbiamo impostare la giusta rotta fin dai primi passi.

Sì, è una semplice questione di matematica

Torniamo alla citazione di Greta Thunberg richiamata all’inizio di questo articolo. La giovane attivista svedese ha assolutamente ragione a ricordare che si tratta di “una semplice questione di matematica”. Le cifre dell’equazione del clima sono infatti perfettamente chiare: 1° rimanere al di sotto di 1,5°C richiede una riduzione delle emissioni nette globali di CO2 del 59% entro il 2030 e del 100% entro il 2050 (21); 2° l’80,2% di queste emissioni sono dovute alla combustione di combustibili fossili; 3° nel 2019, i combustibili fossili coprivano ancora l’84,3% del fabbisogno energetico dell’umanità (si sa da anni che 9/10 delle riserve dovrebbero rimanere sottoterra, ma lo sfruttamento e la prospezione continuano come se niente fosse! ); 4° le infrastrutture fossili (miniere, oleodotti, raffinerie, terminali di gas, centrali elettriche, ecc.) – la cui costruzione non rallenta, o quasi! – sono infrastrutture pesanti  nelle quali il capitale viene investito con una prospettiva di almeno quarant’anni; 5° il valore del sistema energetico dei combustibili fossili è stimato in 1/5 del PIL mondiale ma, ammortizzato o no, questo sistema deve essere rottamato, perché le rinnovabili ne richiedono un altro.

Così, con tre miliardi di persone prive dell’essenziale e il 10% più ricco della popolazione che emette più del 50% del CO2 globale, la “semplice questione matematica” porta a una serie di implicazioni politiche successive:

l Restare al di sotto di 1,5°C lasciando i fossili nel terreno, cambiando il sistema energetico e dedicando più energia alla soddisfazione dei legittimi diritti dei poveri è rigorosamente incompatibile con la continuazione dell’accumulazione capitalista; – la catastrofe potrà essere fermata solo da un doppio movimento pianificato, che riduca la produzione globale e la reindirizzi al servizio dei bisogni umani reali, democraticamente determinati, nel rispetto dei limiti naturali;

l questo doppio movimento implica necessariamente la soppressione della produzione inutile o dannosa e del trasporto superfluo, e l’espropriazione dei monopoli dell’energia, della finanza e dell’agroalimentare;

l I capitalisti ovviamente non vogliono questa soluzione: secondo loro, è criminale distruggere il capitale, anche nella prospettiva di evitare un mostruoso cataclisma umano ed ecologico;

l L’alternativa è dunque drammaticamente semplice: o una rivoluzione permetterà all’umanità di liquidare il capitalismo per riappropriarsi delle condizioni di produzione della propria esistenza, o il capitalismo liquiderà milioni di innocenti per continuare il proprio barbaro corso su un pianeta mutilato e forse invivibile.

Queste implicazioni strategiche non significano che possiamo semplicemente limitarci a ripetere “una sola soluzione, la rivoluzione“. Vogliono dire che non c’è niente da aspettarsi dai governi neoliberali, dalle loro COP, dal loro sistema e dalle loro “leggi”. Per più di trent’anni, i responsabili hanno affermato di aver capito la minaccia ecologica, ma non hanno fatto quasi nulla. O meglio, hanno fatto molto: le loro politiche di austerità, privatizzazione, deregolamentazione, aiuti alla massimizzazione dei profitti delle multinazionali e il sostegno all’agribusiness hanno frammentato le coscienze, eroso la solidarietà, rovinato la biodiversità e sfigurato gli ecosistemi, mentre ci spingevano sull’orlo del baratro climatico. Questi politici non sono altro che manager al servizio della logica di morte del capitale. È inutile sperare di convincerli di un’altra politica: nel migliore dei casi possono solo fare marcia indietro di fronte a nuovi rapporti di forza. Costruiamo questi nuovi rapporti di forza!

La speranza è nelle lotte

Un’alternativa è necessaria, e quindi un programma di rivendicazioni. Non è già scolpito nella pietra, dobbiamo costruirlo passo dopo passo, partendo dal movimento reale. Per fare questo, non dobbiamo partire dal livello di coscienza delle classi lavoratrici, ma concentrarci prima sulla necessità di una risposta globale coerente alla situazione oggettiva diagnosticata dalla fisica del clima. In breve: abbiamo bisogno di un piano per rimanere sotto 1,5°C di riscaldamento lasciando i fossili nel terreno, senza overshoot temporaneo, senza compensazioni di carbonio e senza compensazioni di biodiversità; un piano che escluda tecnologie pericolose come il BECCS (cattura e stoccaggio del carbonio) e il nucleare; un piano che sviluppi la democrazia, propaghi la pace, rispetti la giustizia sociale e climatica (principio delle responsabilità e capacità differenziate); un piano che rafforzi il settore pubblico e metta a contribuzione l’1%; un piano per produrre meno, trasportare meno e condividere di più – lavoro, ricchezza e risorse. Questo piano deve eliminare la produzione inutile e dannosa e garantire la riconversione collettiva dei lavoratori in attività utili, senza perdita di salario; deve, in particolare, farci uscire dall’agribusiness e dall’industria della carne, e organizzare la transizione verso l’agroecologia. Questo è, ovviamente, un piano anticapitalista. Ma la sua forza è che è vitale, nel senso letterale della parola: è indispensabile per salvare la vita.

È inutile negarlo: oggi siamo lontani da un tale piano. Ci vorrà molta determinazione, pazienza e coraggio per convincere, risalendo la china delle sconfitte subite dal nostro campo sociale. Gli ostacoli da superare sono terribilmente numerosi. In una tale situazione, non si può escludere il pericolo di una disperazione di massa. Ma la stupefazione malinconica non risolve nulla. Come diceva Gramsci, si può solo prevedere la lotta, non il suo esito. Non dimentichiamo le terribili lezioni del XX secolo: con il capitalismo, il peggio è sempre possibile. Quindi dobbiamo continuare a ripetere: solo la lotta collettiva può invertire la tendenza e non è mai troppo tardi per battersi. Naturalmente, ciò che è perso è perso, le specie estinte non torneranno. Ma non importa quanto stiamo avanzando verso la catastrofe: la lotta può sempre riaprire la strada alla speranza.

Per combattere, dobbiamo essere consapevoli non solo dei terribili pericoli, ma anche di ciò che può rafforzare l’alternativa. Paradossalmente, la grandezza stessa del pericolo può rafforzarci, a condizione di vedere in esso la possibilità del necessario cambiamento rivoluzionario. La vertiginosa crisi di legittimità del sistema e dei suoi rappresentanti ci rafforza: non dobbiamo rispettare quelle persone che hanno lasciato avanzare la catastrofe ecologica senza fare nulla, anche se ne erano informati. Le diagnosi della scienza del cambiamento climatico ci rafforzano: si schierano oggettivamente a favore di un piano del tipo sopra descritto. La crescente mobilitazione della gioventù internazionale ci rafforza: essi si oppongono alla distruzione del mondo in cui dovranno vivere domani. La nuova ondata femminista ci rafforza: la sua lotta contro la violenza diffonde una cultura della cura, il contrario della mercificazione degli esseri. L’ammirevole resistenza dei popoli indigeni ci rafforza: la loro visione del mondo può aiutarci a inventare altre relazioni con la natura. Le lotte dei contadini ci rafforzano: dicendo no all’agribusiness, mettono in pratica ogni giorno modi di produzione alternativi.

Possiamo vincere la battaglia etica e spostare le montagne. Si tratta di articolare e far convergere le lotte contro tutte le forme di sfruttamento e di oppressione e di far circolare le conoscenze che ne derivano. Questa confluenza è decisiva. È l’unico modo per mettere in moto un movimento così massiccio che permetterà di intravedere ancora una volta la possibilità concreta di un cambiamento profondo della società, che sia allo stesso tempo ecologico, sociale, femminista ed etico. Nell’attuale contesto ultra-difensivo, una potente ondata sociale sarà senza dubbio indispensabile al mondo del lavoro e alle sue organizzazioni per rompere il compromesso produttivista con la crescita capitalista. In ogni caso, questa rottura è una grande sfida: non vinceremo la battaglia per la Terra e la Vita se i produttori non si ribellano al produttivismo. Dobbiamo preparare questa rivolta. Attraverso discorsi e richieste che combinano il rosso e il verde (in particolare la riduzione massiccia delle ore di lavoro senza perdita di salario), anche se questo non basta: bisogna moltiplicare le iniziative concrete per riunire e mettere in rete le sinistre sindacali, ecologiste, femministe, contadine e indigene a livello globale.

In questo contesto, bisogna prestare particolare attenzione alle lotte territoriali contro i megaprogetti produttivistici che distruggono la natura e le persone. È qui che il sociale e l’ambientale sono sfidati in modo molto concreto a superare le barriere che il capitale erige tra loro. Naomi Klein, nel suo libro sulla crisi climatica, ha proposto di riferirsi a queste lotte con il termine generale Blockadia (22). È nel crogiolo di questa “Blockadia ecologica“, e nella sua convergenza con una “Blockadia sociale“, del tipo Gilets jaunes, che emergerà un’alternativa al rullo compressore del Capitale: un progetto ecosocialista per vivere bene su questa Terra, per ripulirla dalle macchie del capitale, e noi con essa.

*articolo pubblicato sul sito di Gauche anticapitaliste il 29 ottobre 2021. La traduzione in italiano è stata curata dal segretariato MPS.

1. IPCC, Rapporto speciale 1,5°C, https://www.ipcc.ch/sr15/

2. Tra cui: il rischio di eventi meteorologici estremi, il rischio che le grandi città della civiltà scompaiano sotto il mare e il rischio che grandi aree siano rese inabitabili dalla combinazione di calore e umidità.

3. Will STEFFEN et al, “Trajectories of the Earth System in the Anthropocene”, PNAS, agosto 2018Will STEFFEN et al, “Trajectories of the Earth System in the Anthropocene”, PNAS, agosto 2018.

4. https://twitter.com/gretathunberg/status/1274618877247455233?lang=en

5. Attualmente 17 paesi, più l’Unione Europea, hanno aumentato le loro ambizioni. https://www.nytimes.com/article/what-is-cop26-climate-change-summit.html#link-67cd21b3

6. Sulla base dei “contributi determinati a livello nazionale” (piani climatici dei paesi), il riscaldamento sarà di 2,7-3,5°C entro il 2100.v

7. Questo “nuovo meccanismo di mercato” deve sostituire e aggregare i vari sistemi precedentemente attuati nell’ambito del protocollo di Kyoto. Le sue modalità determineranno in gran parte le possibilità di aggirare gli obblighi nazionali di riduzione delle emissioni. I negoziati su questo tema hanno portato al fallimento della COP25.

8. La tassa di frontiera fa parte della strategia “Fit for 55” proposta dalla Commissione europea.

9. Commissione UE, comunicazione “Fit for 55”.

10. https://www.reuters.com/business/environment/global-fossil-fuel-use-similar-decade-ago-energy-mix-report-says-2021-06-14/

11. Come promemoria: le emissioni del trasporto aereo e marittimo stanno esplodendo ma non sono attribuite a nessuno Stato

12. Financial Times, 8/10/2021.

13. https://www.nytimes.com/2021/10/20/climate/fossil-fuel-drilling-pledges.html

14. Ho sviluppato questo punto in L’impossible capitalisme vert (La Découverte, 2010). Come dice Vaclav Smil in Energy and Civilisation, A History (Paperback, 2018), è una “legge fondamentale”: “ogni transizione verso una nuova forma di approvvigionamento energetico deve essere alimentata dal dispiegamento intensivo delle energie esistenti e dai fattori chiave: la transizione dal legno al carbone ha dovuto essere alimentata dalla forza umana, la combustione del carbone ha alimentato lo sviluppo del petrolio, e oggi le celle solari fotovoltaiche e le turbine eoliche sono incarnazioni dei combustibili fossili necessari per fondere i metalli richiesti, sintetizzare la plastica necessaria e trattare altri materiali che richiedono alti input energetici. “

15. “Ridurre” tra virgolette, poiché gli accordi verdi dell’UE e degli USA fanno ampio uso di meccanismi alternativi alla riduzione delle emissioni interne, come la piantumazione di alberi e l’acquisto di “crediti di carbonio”.

16. Le TEN rimuovono il CO2 dall’atmosfera, la geoingegneria (finora scoraggiata dall’IPCC) rimanda nello spazio una frazione della radiazione solare, e si usa l’energia nucleare (“tecnologia a basso contenuto di carbonio”, come viene chiamata ora).

17. Secondo il rapporto 1,5°C dell’IPCC, il punto di ribaltamento della calotta glaciale della Groenlandia è tra 1,5 e 2°C di riscaldamento rispetto al periodo preindustriale.

18. https://www.iea.org/reports/net-zero-by-2050

19. Si presta troppo poca attenzione al fatto che la tassa sulle frontiere imporrà il prezzo del carbonio nel Sud globale ai paesi del Nord. Contravviene quindi al principio delle responsabilità e delle capacità differenziate sancito dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

20. Per esempio, François Gemenne (professore all’Università di Liegi e Sciences Po, intervista su Le Soir, 18 luglio 2021) e Jean-Pascal van Ypersele (ex vicepresidente dell’IPCC, professore all’Università Cattolica di Lovanio, intervista su RTBF): https://www.rtbf.be/info/societe/detail_ des-inondations-extremes-le-giec-les-annoncait-en-1990-rappelle-jean-pascal- van-ypersele?id=10804972)

21. IPCC, rapporto 1,5°C. Le “emissioni nette” si ottengono deducendo dalle emissioni di CO2 gli aumenti delle rimozioni da parte delle foreste e dei suoli, a condizione che questi aumenti siano deliberatamente indotti. Il 59% è un obiettivo globale. Tenendo conto delle diverse responsabilità del Nord e del Sud, i paesi sviluppati dovrebbero ridurre le loro emissioni molto più drasticamente (per l’UE: almeno del 65%) entro il 2030, e raggiungere “emissioni nette zero” ben prima del 2050.

22. Naomi Klein, Questo cambia tutto. Il capitalismo contro il clima, A. Knopf, 2014.

Pin It on Pinterest