Tempo di lettura: 20 minuti

Il secondo incontro 2021 che il FMI e la Banca Mondiale tengono ogni sei mesi a Washington ha avuto luogo a metà ottobre. Mentre i prezzi dell’energia e delle principali materie prime non erano ancora saliti, il tono era già cupo. La presentazione del Global Financial Stability Report dell’ottobre 2021 da parte di un membro della segreteria del FMI parla di un’economia globale “zoppicante”.[1] Le preoccupazioni dell’organizzazione sono dichiarate senza mezzi termini nel riassunto esecutivo del rapporto stesso:

“Nonostante alcuni miglioramenti dal Global Financial Stability Report di aprile 2021, le vulnerabilità finanziarie continuano ad essere elevate in diversi settori, mascherate in parte dalle massicce misure di stimolo. I responsabili politici devono affrontare una sfida significativa nel mantenere il sostegno a breve termine per l’economia globale, evitando allo stesso tempo conseguenze non volute e rischi per la stabilità finanziaria a medio termine. Un periodo prolungato di condizioni finanziarie estremamente facili, anche se necessario per sostenere la ripresa economica, può portare a valutazioni di attività troppo elevate e potrebbe alimentare le vulnerabilità finanziarie [enfasi aggiunta]. Ci sono segnali di avvertimento – per esempio, l’aumento dell’assunzione di rischi finanziari e la crescente fragilità nel settore delle istituzioni finanziarie non bancarie – che le basi sottostanti della stabilità finanziaria si stanno deteriorando. Se lasciate incontrollate, queste vulnerabilità potrebbero diventare problemi strutturali ereditati, mettendo in pericolo la crescita a medio termine e mettendo alla prova la resilienza del sistema finanziario globale”. [2]

Grafico 1

Proiezioni di crescita del PIL globale

Il rimbalzo della crescita del PIL mondiale tra il 2020 e il 2021 dovrebbe arrestarsi nel 2022, in parte a causa della performance delle economie capitaliste avanzate (indicate in verde nel grafico 1 qui sopra). Alla vigilia delle riunioni di Washington la stima per il 2021 è stata abbassata del 6% al 5,9%. “La revisione al ribasso per il 2021 riflette un downgrade per le economie avanzate – in parte a causa di interruzioni dell’approvvigionamento – e per i paesi in via di sviluppo a basso reddito, in gran parte a causa del peggioramento delle dinamiche pandemiche. Ciò che è stato analizzato per la Francia, cioè che “lungi dalla tremenda ripresa propagandata ovunque, una volta passati gli effetti piuttosto meccanici della ripresa, si assiste a una forma di stagnazione” [3], vale per tutti i paesi capitalisti avanzati.

Proprio quando la seconda ondata della pandemia stava per colpire, l’OCSE pubblicò un grafico che stimava sia il doppio colpo che il tempo necessario per tornare ai livelli di PIL precedenti. Ci sarà presto bisogno di una curva a tre colpi?

Grafico 2
Un crollo della produzione seguito da una lenta ripresa

Lo stato di stagnazione, che è ora combinato con l’impennata dei prezzi delle materie prime, è ancora più sorprendente se si tiene conto del massiccio sostegno delle banche centrali ai governi, come la Fed.

Grafico 3
Acquisti di buoni del tesoro da parte della Fed

La figura 4 mostra che, come la Fed, tutte le banche centrali del G7 hanno perseguito attivamente una politica monetaria di acquisto del debito pubblico e di permettere ai governi, compresi quelli della zona euro, di finanziare misure di sostegno alle loro economie.

Grafico 4
Acquisti di titoli da parte delle banche centrali

Nel caso della Francia, lo studio dell’OCSE sulla politica economica e sociale recentemente pubblicato [4] evita le questioni più sensibili – energia nucleare, vendita di armi – ma evidenzia diversi punti che riflettono il timore del governo Macron per la mobilitazione dei lavoratori. In primo luogo, egli nota l’importanza delle misure di sostegno pubblico per limitare lo shock economico e sociale della pandemia. “Dal 2020, il regime di attività parziale ha preservato l’occupazione e il reddito delle famiglie. Il fondo di solidarietà, i rinvii fiscali e i prestiti garantiti dallo Stato hanno sostenuto la liquidità e i margini delle imprese, riducendo i fallimenti. Il sostegno diretto di bilancio all’attività economica ha raggiunto il 3,1% del PIL nel 2020 e il 4,1% nel 2021. Il rapporto continua a notare il rinvio di misure su questioni per le quali erano attese grandi mobilitazioni. L’OCSE ricorda quindi al governo che “sono necessarie ulteriori riforme del sistema pensionistico”. L’età effettiva di uscita dal mercato del lavoro è la seconda più bassa dell’OCSE, il che mina la crescita potenziale. Allo stesso tempo, l’aspettativa di vita a 65 anni è la seconda più alta dell’OCSE. Un altro promemoria: “Una strategia di stabilizzazione e di riduzione graduale del debito pubblico è necessaria per riportarlo su un percorso sostenibile, dato il previsto aumento delle spese legate all’età. Il livello di spesa pubblica è alto e alcune spese sono inefficienti. I risultati educativi riflettono in gran parte il background familiare degli studenti, e le grandi sovvenzioni di R&S non sono completamente tradotte (sic) in innovazione aziendale”.

Un altro grafico leggermente più disaggregato del FMI mostra il cambiamento da +0,1% nel 2021 a -0,1% nel 2022 per le economie emergenti e da -0,9% nel 2021 a -0,2% nel 2022.

Grafico 5
Le lacune nella ripresa globale persistono

Sia le istituzioni di Washington che l’OCSE temono una terza ondata della pandemia. Si sono uniti all’OMS nell’avvertire i pericoli dello sbadigliante divario di immunizzazione tra i paesi OCSE e i cosiddetti paesi “emergenti” (principalmente la Cina) da un lato e il resto del mondo dall’altro (Figura 6). Si sono guardati bene dal pronunciarsi a favore dell’abolizione dei brevetti, cosa a cui si oppongono radicalmente i paesi d’origine dei grandi gruppi farmaceutici, soprattutto in Europa (Germania, Svizzera, Francia).

Grafico 6
Due situazioni contrastanti in termini di accesso ai vaccini

Le conseguenze di questo divario globale nell’accesso ai vaccini sono ben note. Le nuove forme mutanti di Covid-19 sono apparse prima in India e ora in Sudafrica (Omicron).

La massiccia emissione di buoni del tesoro e il loro acquisto da parte delle banche centrali ha contribuito a un ulteriore aumento delle attività finanziarie che costituiscono il capitale fittizio, accompagnato da una fortissima impennata degli immobili. Le attività finanziarie sono un capitale fittizio. Il termine si riferisce alla natura economica dei titoli risultanti da prestiti ai governi o alle imprese o dal finanziamento (di solito iniziale) del capitale aziendale. I titoli – obbligazioni e azioni – danno origine a diritti (o più precisamente pretese, dato che i diritti possono scomparire in caso di fallimento) di partecipare ai profitti delle imprese o di attingere, attraverso il servizio del debito pubblico, alle entrate derivanti dalle tasse. In questo senso, i titoli sono reali ma, visti dal punto di vista del movimento del capitale che produce valore e plusvalore, non sono capitale. Nel migliore dei casi, sono un “souvenir” di un investimento già fatto. I loro detentori li considerano come un “capitale” da cui si aspettano un ritorno regolare sotto forma di interessi e dividendi (una “capitalizzazione”) attraverso il drenaggio di valore che consentono, così come attraverso i profitti fittizi derivanti da operazioni speculative di successo sui mercati finanziari.

Dal 1994, il McKinsey Global Institute ha calcolato il divario tra il tasso di crescita delle attività finanziarie e quello del PIL globale e lo ha tracciato in studi successivi pubblicati nel 2009, 2011 e 2013. Nel suo ultimo studio, la società ha cercato di migliorare le sue stime utilizzando un approccio basato sulla costruzione di un bilancio globale “analogo al modo in cui una società costruisce il suo bilancio. 5] Gli autori riferiscono che dal 2000 al 2020, le attività finanziarie come azioni, obbligazioni e derivati sono cresciute da 8,5 a 12 volte il PIL globale. Ancora più importante, il settore immobiliare rappresenta due terzi del patrimonio reale o netto globale. Il valore degli immobili residenziali, compresi i terreni, ammontava al 46% del patrimonio netto globale nel 2020, con edifici e terreni di proprietà di società ed enti pubblici (stato, comuni) per un altro 23%. “Altre attività fisse come le infrastrutture pubbliche, i macchinari e le attrezzature, le attività immateriali e le riserve minerarie – i tipi di attività che tipicamente guidano la crescita economica – rappresentavano solo un quinto delle attività reali o del patrimonio netto, variando dal 15% nel Regno Unito e in Francia al 39% in Giappone.”

Il gigante assicurativo tedesco Allianz ha detto a settembre: “Il 2020 è stato un anno di contrasti estremi. Il nuovo virus SARS-CoV-2 ha distrutto milioni di vite e mezzi di sussistenza, facendo precipitare l’economia globale nella più profonda recessione dalla seconda guerra mondiale. Allo stesso tempo, la politica monetaria e fiscale ha mobilitato somme inimmaginabili di denaro per sostenere l’economia, i mercati e le persone, con successo. I redditi si sono stabilizzati e i mercati azionari si sono ripresi rapidamente. Le attività finanziarie globali sono cresciute del +9,7% nel 2020, raggiungendo per la prima volta la magica soglia dei 200 trilioni di euro. Il divario tra ricchezza e crescita economica è stato raramente così pronunciato come nel 2020: le attività finanziarie globali sono cresciute dell’11,6% più della produzione economica. Di conseguenza, le attività finanziarie globali hanno raggiunto un’altra importante pietra miliare nel 2020: per la prima volta, hanno superato il 300% del PIL globale” (enfasi aggiunta).[6] Nel caso delle azioni, il valore delle attività finanziarie è salito a

Nel caso delle azioni, il valore delle attività è il loro prezzo di borsa. La relazione tra il livello dei prezzi e la realtà economica è fornita dall’”indice Shiller” (dal nome del professore di Yale Robert Shiller che lo propose) che calcola il rapporto tra i prezzi delle azioni e i guadagni delle società quotate. Il principio del CAPE (Cyclically Adjusted Price to Earnings) è il seguente: per stimare se le azioni delle società quotate sono “troppo care” o meno, il loro prezzo deve essere confrontato con i loro guadagni: questo è il rapporto prezzo/utili o PER. Ma per poter confrontare i P/E nel tempo, bisogna eliminare l’inflazione e smussare gli effetti del ciclo economico (i profitti sono migliori quando l’economia è in espansione, peggiori quando è depressa). L’indice Shiller mette quindi in relazione i prezzi delle 500 maggiori azioni di Wall Street (lo S&P 500) con i guadagni medi su periodi di 10 anni.

Grafico 7
L’indice Shiller, il rapporto prezzo delle azioni/utile delle società quotate

L’indice ha raggiunto il suo livello attuale solo due volte, alla vigilia del crollo del 1929 e del crollo di dot.com sul Nasdaq nel 2000. Nel 1929 e in misura minore nel 2000, i crolli hanno messo fine a vere e proprie fasi di espansione del capitale, mentre oggi siamo in una fase di quasi-stagnazione.

L’indice è calcolato per l’intero mercato, il totale delle azioni scambiate. Il suo livello attuale si basa su due fattori. Il primo è il livello di capitalizzazione di mercato delle prime dieci società quotate (la capitalizzazione di mercato è il numero di azioni di una società in circolazione moltiplicato per il prezzo di una singola azione). La ripartizione settoriale del 2019 è segnata dal dominio schiacciante delle piattaforme basate sull’intelligenza artificiale, Internet e la raccolta pubblicitaria (le GAFAM). La situazione è quasi identica oggi, con l’unica nuova entrata nella Top Ten di Wall Street: Tesla.

Grafico 8
I primi dieci gruppi in termini di capitalizzazione di mercato

È interessante guardare per un momento l’entrata di Tesla nella Top Ten. Il grafico 9 illustra perfettamente una scommessa collettiva degli investitori finanziari e il tipo di accordo che può portare profitti e sostenere i prezzi. Il CEO e maggiore azionista di Tesla è Elon Musk, che possiede anche SpaceX, una società nota in tutto il mondo per i suoi piani di vendita di viaggi spaziali privati. Tesla, il pioniere dell’auto elettrica e sviluppatore dell’auto autonoma, è stata fondata nel 2003, ma è diventata idonea all’inclusione nell’S&P 500 e alla quotazione sul mercato azionario di Wall Street solo nel giugno 2020 dopo quattro trimestri consecutivi di profitto. È diventata la più grande azienda mai quotata a Wall Street e la sesta per capitalizzazione di mercato fin dall’inizio. Entro giugno 2020, la capitalizzazione di mercato di Tesla ha superato quella di BMW, Daimler e Volkswagen messe insieme. Mentre la produzione e le vendite del primo dei suoi quattro modelli di auto elettriche [7] è circa dieci volte inferiore a quella di Toyota, il più grande produttore mondiale, Tesla è nella top ten delle capitalizzazioni di mercato sul NYSE e Toyota no. Tesla ha anche raccolto circa 12 miliardi di azioni in vendite di azioni per finanziare accordi M&A, mentre molte aziende sono costrette a comprare le proprie azioni per sostenere il loro prezzo.

Grafico 9
Tesla, entrate, profitti e perdite nette (2009-2020)

https://en.wikipedia.org/wiki/Tesla,_Inc.#Finances

Tesla ricava entrate significative dalla vendita di crediti ad altri produttori. Molti governi forniscono crediti ai produttori di veicoli elettrici a batteria in base ai loro volumi di vendita. Questi crediti possono a loro volta essere venduti ad altri produttori sul modello dei mercati del carbonio e della vendita dei diritti di inquinare. Nel 2020, Tesla ha guadagnato 1,6 miliardi di dollari da queste vendite, senza le quali avrebbe avuto una perdita netta nel 2020. Nel febbraio 2021, un documento di monitoraggio della borsa ha rivelato che Tesla aveva investito circa 1,5 miliardi di dollari nella criptovaluta Bitcoin, e la società ha detto che presto avrebbe accettato Bitcoin come mezzo di pagamento. Tesla ha guadagnato più profitto nel 2021 da questo investimento che dalle vendite di auto nel 2020 a causa dell’aumento del prezzo del Bitcoin dopo l’annuncio dell’investimento.

Dietro il movimento dell’indice Shiller c’è la convinzione degli investitori che la Fed verrà in soccorso dei mercati in caso di pericolo. Il FMI è seriamente preoccupato per questo. Nell’introduzione al rapporto sulla stabilità finanziaria globale di ottobre c’è un avvertimento, giustificato dal calo dei prezzi del 26 novembre, su

“Le vulnerabilità nei fondi d’investimento che si sono manifestate nel marzo 2020 “dash for cash” rimangono e i rischi stanno aumentando in altre istituzioni finanziarie non bancarie mentre soddisfano gli obiettivi di rendimento nominale. Alcuni primi segnali – per esempio, l’aumento dell’assunzione di rischi finanziari e la crescente fragilità nel settore delle istituzioni finanziarie non bancarie – indicano un deterioramento delle basi sottostanti della stabilità finanziaria. Così, cercando di migliorare il loro ritorno sugli investimenti, le compagnie di assicurazione sulla vita statunitensi ed europee hanno aumentato la loro quota di obbligazioni di qualità inferiore. Nell’attuale ambiente di tassi d’interesse persistentemente bassi e liquidità abbondante, un aumento della leva finanziaria per aumentare i rendimenti potrebbe portare alla volatilità dei mercati finanziari. Se lasciate incontrollate, queste vulnerabilità potrebbero diventare problemi strutturali ereditati, mettendo in pericolo la crescita a medio termine e mettendo alla prova la resilienza del sistema finanziario globale.”[8]

Ora ci sposteremo dalla sfera finanziaria a quella della produzione ed esamineremo una serie di fattori che incidono sul costo della vita e danno valuta allo slogan anti-cost-of-living, ma che si può supporre incidano negativamente sul tasso di profitto, il cui movimento sarà ricordato proprio nell’ultima parte di questa nota. Il primo fattore è l’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime. Cominciamo con il prezzo del gas. Oggi, il nuovo aumento del prezzo del petrolio è in gran parte la conseguenza dell’aumento del prezzo di altre fonti di energia, il carbone in Cina e in India e il gas in Europa.

Grafico 10
Movimento dei prezzi del gas naturale in Europa

In Francia, il 1° ottobre 2021 ha visto il più grande aumento dei prezzi del gas degli ultimi 15 anni, con un aumento del +12,6%. Dall’inizio del 2021, il prezzo del gas è aumentato del 57%. Altri paesi europei hanno visto aumenti simili.

Il prezzo del gas sul mercato all’ingrosso sta raggiungendo livelli record perché l’offerta non soddisfa più la domanda, il tutto aggravato dalla speculazione resa possibile dalla finanziarizzazione derivante dalla deregolamentazione imposta dai trattati europei. Dagli anni ’90 in poi, siamo passati da un’industria governata da strategie pubbliche a un’industria in cui il gas è una merce governata dal mercato spot. [9] Dal lato della domanda, la ripresa economica in Asia dovuta alla “fine” della pandemia ha innescato un aumento meccanico della domanda dal primo trimestre del 2021. I principali produttori mondiali di gas liquefatto trasportato via nave (Stati del Golfo e Stati Uniti) hanno alimentato questa ripresa, approfittando di prezzi più alti che in Europa. Con un certo ritardo, l’aumento della domanda di gas era dovuto anche alla ripresa economica, ma anche alla necessità di riempire le riserve di gas europee. In effetti, lo scorso inverno in Europa è stato lungo e vari paesi hanno dovuto ricostituire le loro riserve di gas per l’inverno 2021-2022. Il più grande produttore nazionale di gas naturale d’Europa, i Paesi Bassi, ha iniziato gradualmente a chiudere il suo principale campo di gas a Groningen nel 2018. La Norvegia, che è diventata il principale fornitore di gas dell’Europa, ha sperimentato un grave incendio nel suo principale impianto di liquefazione del gas nel settembre 2020. Da allora, ha lottato per aumentare le sue consegne di gas all’Europa. Inoltre, c’è la politica di esportazione del gas della Russia, da dove proviene gran parte del gas che arriva in Europa. Come maggior produttore mondiale, la Russia è nella posizione di aprire o chiudere le cateratte. Ha limitato le sue esportazioni di gas attraverso l’Ucraina per completare la costruzione del gasdotto Nord Stream 2, al quale gli Stati Uniti si sono fortemente opposti.

Grafico 11
L’evoluzione dei prezzi mondiali delle materie prime dal 1900

Ma dietro questo insieme di fattori c’è una tendenza di fondo a lungo termine. Uno studio McKinsey sulle materie prime del 2013, da cui è tratta la figura 11, nota che il loro movimento è cambiato bruscamente e drammaticamente dai primi anni 2000. Durante il XX secolo, i loro prezzi in termini reali sono scesi in media di poco più di mezzo punto percentuale all’anno. Ma dal 2000 in poi, i prezzi sono più che raddoppiati in media. In secondo luogo, anche la volatilità dei prezzi è aumentata considerevolmente dall’inizio del secolo. In effetti, l’offerta di materie prime “sembra essere progressivamente meno in grado di adattarsi rapidamente ai cambiamenti della domanda perché le nuove riserve sono più difficili e costose da raggiungere. Per esempio, il petrolio offshore richiede tecniche di produzione più sofisticate. I terreni coltivabili disponibili non sono collegati ai mercati finali a causa della mancanza di infrastrutture. Le risorse minerarie devono essere sempre più sviluppate in zone ad alto rischio politico. Questi fattori non solo aumentano il rischio di interruzioni dell’offerta, ma rendono l’offerta ancora più anelastica. Poiché l’offerta diventa sempre più insensibile alla domanda, anche piccoli cambiamenti nella domanda possono portare a grandi cambiamenti nei prezzi. Gli investitori possono essere scoraggiati dalla volatilità dei prezzi delle risorse e diventare meno inclini a investire in nuove iniziative di approvvigionamento o di produttività delle risorse.

In terzo luogo, i prezzi dei diversi tipi di materie prime sono sempre più strettamente correlati. In primo luogo, le risorse rappresentano una parte significativa dei costi di input di altre risorse. Per esempio, costi energetici più alti nei fertilizzanti portano a costi di produzione più alti in agricoltura. In secondo luogo, i progressi tecnologici permettono un maggior grado di sostituzione tra le risorse nella domanda finale, per esempio, i biocarburanti collegano i mercati dell’agricoltura e dell’energia. [10] Ciò rappresenta una grave minaccia per la produzione agricola, poiché l’offerta di cibo subisce un processo di riduzione a favore del suo utilizzo come combustibile, i cui effetti si combinano con quelli del cambiamento climatico.

La FAO ha pubblicato un grafico che mostra l’aumento di cinque grandi gruppi di prodotti di base negli ultimi due anni (grafico 12). Ma questo non è un fenomeno recente. [11] In effetti, il prezzo medio reale del cibo è in aumento dal 2000, invertendo la tendenza al ribasso iniziata negli anni ’60.

Grafico 12
Movimenti di prezzo di cinque grandi gruppi di prodotti agricoli

Nessun singolo prodotto è stato responsabile di questo aumento. Negli ultimi due anni, l’indice dei prezzi delle colture oleaginose commestibili è aumentato in modo significativo, trainato principalmente dai prezzi dell’olio vegetale, che sono saliti del 16,9% tra il 2019 e il 2020, a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli ma anche dell’aumento della domanda di biodiesel. Si tratta di un caso di concorrenza tra due scopi arbitrati dai grandi gruppi agro-industriali. L’altra categoria alimentare con il maggior effetto sull’aumento dei prezzi degli alimenti è lo zucchero, dove i danni da gelo in Brasile a luglio, dovuti al cambiamento climatico, hanno ridotto l’offerta e gonfiato i prezzi. Frumento, orzo, mais, sorgo e riso forniscono almeno il 50% del cibo del mondo, e fino all’80% nei paesi più poveri. Le scorte globali di queste colture, che hanno contribuito a stabilizzare i mercati mondiali, sono in calo dal 2017, poiché l’offerta non soddisfa più la domanda. L’aumento dei prezzi ha subito una forte accelerazione dal 2019, e una cosa “degna di nota è il numero di volte dal 2000 che le condizioni meteorologiche “imprevedibili” e “sfavorevoli” sono state segnalate dalla FAO come causa di “aspettative di raccolto ridotte”, “raccolti influenzati dal tempo” e “produzione in calo”.

A breve termine, secondo lo studio McKinsey sulle principali materie prime, l’economia mondiale non dovrebbe affrontare carenze assolute. Tuttavia, “l’aumento dei costi marginali di approvvigionamento sembra essere pervasivo e sta mettendo un pavimento sotto i prezzi di molte materie prime”. La necessità di cercare depositi sempre più costosi in zone ad alto rischio politico pesa sulle prospettive di profitto. È interessante notare che lo studio non prevede nuove scoperte tecnologiche nelle materie prime che possano contrastare le tendenze di fondo.

Passando ai settori manifatturiero e dei servizi, l’indice di crescita della produttività totale dei fattori mostrato nel grafico 13 suggerisce che nel manifatturiero e nei servizi, la robotica e l’intelligenza artificiale hanno fatto poco per migliorare le prospettive di profitto in generale, anche se specifiche aziende ne hanno tratto vantaggio.

Grafico 13
Indice di crescita della produttività totale dei fattori per cinque paesi

Fonte: Noah Smith http://www.bloomberg.com/opinion/articles/2018-12-04/

Quando si tratta di tecnologie che si incarnano in nuovi prodotti (tecnologia di prodotto), la loro capacità di aprire opportunità di profitto per un gran numero di imprese e di servire da stimolo all’accumulazione dipende dall’entità della domanda che la loro utilità sociale permette di creare e dalla quantità di investimenti che la loro introduzione comporta, sia nel settore industriale in cui nascono o di cui richiedono la creazione, sia nei settori vicini collegati. Le tecnologie emerse all’incirca negli ultimi venti anni sono state esaminate dall’economista americano Robert Gordon in una ricerca pubblicata nel 2012 e nel 2016. Gordon prende come punto di paragone “le tre più fondamentali ‘tecnologie di uso generale’ della seconda rivoluzione industriale (a partire dagli anni 1890 e fino agli anni 1970, F.C.) che hanno generato decine di invenzioni che hanno cambiato la vita” sono state l’elettricità, il motore a combustione interna e il telefono senza fili. [12] Più vicino a noi, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) hanno portato a una momentanea ripresa della crescita della produttività nella seconda metà degli anni ’90, grazie a un calo senza precedenti del costo della velocità dei computer e della capacità di memoria e a un aumento senza precedenti della quota del PIL destinata agli investimenti in R&S e in attrezzature informatiche iniziali. I progressi fatti dalla fine degli anni ’80 fino al crollo della bolla dot.com del 2001 saranno difficili da superare. Gordon guarda agli ultimi progressi nei piccoli robot, nell’intelligenza artificiale, nella stampa 3D e nei veicoli senza conducente e crede che i loro effetti macroeconomici saranno molto piccoli. Oggi, le misure di stimolo agli investimenti e alla produzione in una serie di industrie necessarie per frenare il riscaldamento globale potrebbero soddisfare i criteri delineati sopra.

Un altro fattore che influisce sul tasso di profitto di un numero crescente di aziende sono i ritardi di consegna e i colli di bottiglia nelle catene di fornitura globali. È noto ai ricercatori che questi hanno mostrato la loro grande fragilità durante la crisi pandemica. [13] Ma la portata di ciò può essere misurata da un indice costruito dal FMI attraverso indagini sui responsabili degli acquisti a cui viene chiesto se i tempi di consegna sono in media più lunghi, più veloci o invariati rispetto al mese precedente. Nella figura 14, le valutazioni superiori a 50 indicano tempi di consegna più rapidi e inferiori a 50 indicano tempi di consegna più lunghi. 14] I ritardi di consegna e i colli di bottiglia dei componenti influenzano la produzione dei beni (commodities) per i quali sono input. Rafforzano, sottolinea il FMI, nelle configurazioni di oligopolio o di monopolio il potere dei venditori. Questa dimensione è cruciale. Robert Reich sostiene che per gli Stati Uniti, l’inflazione dei prezzi è un sintomo di un problema strutturale più profondo: il crescente consolidamento (centralizzazione/concentrazione) dell’economia a vantaggio di una manciata di grandi imprese con sufficiente potere per aumentare i prezzi e i profitti.[15]

Grafico 14
Ritardi e colli di bottiglia nelle catene di fornitura globali

Sul lato degli arretrati, c’è la situazione in cui l’industria manifatturiera cinese si è ripresa più velocemente del previsto dalla sua flessione 2019-2020, ma le linee di navigazione avevano già messo le navi container in bacino di carenaggio. A contribuire alla perturbazione è la carenza di container di spedizione, che sono essenziali per le catene di approvvigionamento. I container si muovono normalmente in tutto il mondo, ma a causa di una grande cattiva gestione “molti sono ora bloccati in Nord America: per ogni 100 container che vi arrivano, solo 40 vengono rimandati in Asia o in Europa. I container in eccesso si stanno accumulando a Los Angeles e in altri porti statunitensi mentre i fornitori cinesi se li contendono. Ci vorranno mesi prima che i produttori di container aumentino la loro capacità di produzione e soddisfino la domanda”[16].

Il collo di bottiglia più drammatico e grave è nella produzione di microchip a Taiwan. La produzione di semiconduttori è estremamente intensiva di acqua, specialmente per la pulizia dei chip. Un singolo impianto di produzione può utilizzare da 2 a 9 milioni di galloni [1 gallone americano = 3,78 litri] di acqua al giorno. Intel, il più grande produttore di semiconduttori del mondo, ha prelevato 9 miliardi di galloni di acqua nel 2015 (Intel Corporate Responsibility Report 2015), l’equivalente del consumo di acqua di circa 75.000 case americane. I problemi di approvvigionamento idrico possono ridurre drasticamente la produzione di una fabbrica o richiedere la chiusura di un impianto.[17] Il capitalismo globale si è posto in una dipendenza senza precedenti da un gruppo taiwanese, la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC), il più grande produttore di semiconduttori del mondo, e quindi dalle condizioni meteorologiche dell’isola.[18] Le apparecchiature di comunicazione (internet box, computer, computer portatili) sono state le prime ad essere colpite da questa carenza. Ma l’industria automobilistica è la vittima più grave con un forte rallentamento della produzione. Nel caso degli Stati Uniti, General Motors e Ford sono state costrette a chiudere temporaneamente diversi stabilimenti o a ridurre i tassi di produzione. Taiwan è normalmente uno dei luoghi più umidi del mondo, con una media di 2.600 millimetri di pioggia all’anno. L’isola è normalmente spazzata da tifoni durante la stagione delle piogge, che aiutano a riempire i serbatoi. Più la siccità continua, più sarà difficile produrre, così alcune aziende chiedono la creazione di bacini statali per immagazzinare più acqua e anticipare un rischio ricorrente dovuto al riscaldamento globale.

La sequenza dei fattori discussi nel commento ai grafici da 9 a 14 dà un carattere concreto alla discussione sulla caduta del tasso di profitto, con cui concluderemo. Abbiamo visto fattori specifici che influenzano la redditività. Prendo in prestito il grafico 14 da Michael Roberts, che aggiorna regolarmente il tasso di profitto statunitense.

Grafico 15
Tasso di profitto USA (calcolato da Michael Roberts)

Roberts attribuisce la caduta del tasso di profitto statunitense all’aumento della composizione organica del capitale di quasi il 17, superando l’aumento del tasso del plusvalore (3%).

Grafico 16
Cambiamenti nella composizione organica del capitale (calcolato da Michael Roberts)

(OCC = composizione organica del capitale, ROSV = tasso di guadagno del capitale)

Ricordiamo che la composizione organica è un rapporto tra il capitale investito dalle imprese in forma fisica, che non crea valore ma solo lo trasmette, da cui il nome di capitale costante, e il capitale variabile, cioè la forza lavoro acquistata dalle imprese che crea valore, la cui quantità dipende dalla sua produttività. Quando questo rapporto aumenta, il tasso di profitto diminuisce. Due osservazioni sono d’obbligo. Il primo è la necessità di non fare di questo un processo astorico. Roberts scrive: “È una legge nell’espansione economica capitalista che questo rapporto, chiamato composizione organica del capitale, aumenta”[19] Ma è ancora una legge quando il capitalismo è in regressione? Porre questa domanda significa aprire una discussione che va ben oltre gli obiettivi di questa nota. Ciò che si può fare, tuttavia, è stilare una lista di fattori da prendere in considerazione ed esaminarli concretamente. Questo è il caso oggi per la componente di input di produzione del capitale costante. Il capitale costante deve includere: 1) il prezzo delle macchine come esistono in un dato momento, cioè i computer di oggi così come le macchine utensili, 2) il prezzo dei locali, cioè le fabbriche di oggi così come gli uffici, 3) il prezzo dell’energia e delle materie prime, sia in modo aggregato che per gli input critici (chip). Questi sono stati ampiamente trascurati dai ricercatori. Oggi, per le ragioni che abbiamo appena visto, questo capitale costante contribuisce all’aumento del rapporto e continuerà a farlo.

La seconda osservazione riguarda la nozione di fattore che contrasta l’effetto dell’aumento della composizione organica c/v, che in molti testi Roberts semplifica molto. Questo fattore è un composto della quantità di capitale investito nell’acquisto di forza-lavoro e della quantità di plusvalore o pluslavoro ottenuto mettendolo al lavoro nelle officine e negli uffici, essendo la quantità investita funzione sia delle prospettive di redditività (dell’interesse che le imprese hanno nell’investire), sia del prezzo al quale questo acquisto avviene a causa del livello generale di produttività globale, la prima determinante del prezzo di ciò che è necessario per riprodurre la forza-lavoro in un dato momento storico. Entrano in gioco le tecnologie di produzione (oggi AI e robotica), l’efficienza dei metodi di gestione, il peso dell’esercito industriale di riserva (la massa dei disoccupati); la capacità di lotta dei lavoratori (superare l’ostacolo delle leadership sindacali, impegnarsi in mobilitazioni che sconfiggono le offensive antisindacali e trovare nuove forme, per esempio i gilet gialli in Francia, gli scioperi nella logistica o il movimento di sciopero alla GKN in Italia, gli scioperi internazionalizzati dei dipendenti di Amazon, gli scioperi alla John Deere e nel settore sanitario negli USA ). Sottolineiamo che la quantità di forza lavoro effettivamente acquistata, uno dei fattori che influenzano il c/v, dipende dall’interesse che le imprese hanno nell’investire, e quindi dal profitto atteso. Quest’ultimo è in calo, come mostrato nel grafico 15, un indicatore complementare è il movimento verso il basso degli investimenti e dei cicli la cui durata si è ridotta.

Grafico 17
Investimento privato netto degli Stati Uniti come percentuale del PIL (1980-2016)

Secondo i calcoli dell’ultimo studio McKinsey, “negli ultimi due decenni gli investimenti netti come percentuale del PIL sono stati bassi e in calo, soprattutto nelle economie avanzate, contribuendo solo al 28% all’espansione del patrimonio netto. Gli aumenti dei prezzi delle attività hanno rappresentato il 77% della crescita del patrimonio netto, e più della metà di questi aumenti sono stati superiori all’inflazione generale.

Alla fine del periodo, il movimento degli Stati Uniti è, secondo i dati del FMI, parte di un movimento globale che interessa una serie di paesi.

Grafico 18
Investimenti globali in macchinari e spesa globale in beni di consumo durevoli (dall’inizio del 2016 alla fine del 2019)

Alla fine del periodo, secondo i dati del FMI, il movimento degli Stati Uniti fa parte di un movimento globale che riguarda un gruppo di paesi.

È in questo contesto che l’annunciato fallimento del gigante dell’immobiliare Evergrande[21] è uno dei cosiddetti too big to fail. Il suo salvataggio finanziario e la parziale ristrutturazione/smontaggio sono in corso. La situazione di Evergrande è la punta dell’iceberg di una svolta del mercato immobiliare illustrata dal grafico 19.

Grafico 19
Il grande rallentamento del mercato immobiliare cinese

Come scrive Romaric Godin, “molto più del contagio finanziario globale, ciò che minaccia l’economia globale è il rallentamento di uno dei polmoni della crescita, la Cina. Il rallentamento della crescita e l’effetto di questo fallimento sulla domanda interna peseranno probabilmente molto, mentre per 30 anni la crescita cinese ha guidato il resto del mondo. Tra il 2013 e il 2018, la Cina ha contribuito direttamente al 28% della crescita globale. Questa cifra sarà probabilmente ancora più alta quando si aggiunge l’effetto degli investimenti cinesi all’estero, anche oltre questa crisi”. Ha continuato: “Evergrande sembra essere un sintomo di un’economia cinese che è già incapace di generare una forte crescita, se non lanciandosi in bolle. Dopo 30 anni di crescita, sta affrontando gli stessi problemi delle economie occidentali: l’incapacità di generare aumenti di produttività sufficienti per uno sviluppo capitalista equilibrato. Anche se Pechino ha i mezzi per moderare gli effetti di questa crisi di fondo, il governo cinese non ha quasi più soluzioni a questo problema strutturale del capitalismo contemporaneo dei suoi pari occidentali o giapponesi. Questa convergenza segna senza dubbio la fine di un’epoca. D’ora in poi, i relè di crescita saranno deboli o molto rischiosi. Sta emergendo un nuovo regime di crescita debole in cui la pressione sul lavoro e sulla natura aumenterà necessariamente. L’instabilità minaccia senza dubbio la Cina, ma non solo la Cina.

A titolo di conclusione

Un “regime di bassa crescita”, accompagnato da una tendenza all’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, favorisce l’esasperazione del riflesso “ognuno per sé” e lo scatenamento della concorrenza internazionale. Questi elementi incombevano sulla COP26 di Glasgow, dalla quale i paesi che hanno urgente bisogno di assistenza finanziaria sono usciti, con grande disperazione, a mani vuote. A livello interno, in Europa, l’unica risposta per far sì che l’approccio “ognuno per sé” non accentui ancora di più i riflessi razzisti e xenofobi e per salvaguardare le condizioni di vita di base degli uomini e delle donne che lavorano, è quella di proporre la lotta politica contro l’alto costo della vita e le forze che ne sono responsabili. (29 novembre 2021)

*articolo pubblicato in francese sul sito alencontre.org. La traduzione è stata curata da Sinistra Anticapitalista di Bresciae

[1] https://blogs.imf.org/2021/10/12/a-hobbled-recovery-along-entrenched-fault lines/?utm_medium=email&utm_source=govdelivery

[2] Rapporto sulla stabilità finanziaria globale, ottobre 2021 – Sintesi; 12 ottobre 2021, p.1.

[3] Romaric Godin e Dan Israel, Reprise économique : le récit gouvernemental se heurte à la réalité, Médiapart, 2 settembre.

[4] OCSE, OECD Economic Surveys: France 2021, pagine 5 e 6.

[5] https://www.mckinsey.com/industries/financial-services/our-insights/the-rise-and-rise-of-the-global-balance-sheet-how-productively-are-we-using-our-wealth?

[6] https://www.eulerhermes.com/en_global/news-insights/economic-insights/Allianz-global-wealth-report-2021.html

[7] https://ir.tesla.com/press-release/tesla-q3-2021-vehicle-production-deliveries. Tesla ha venduto 473.136 auto elettriche nei primi 8 mesi del 2021. Più di qualsiasi altro produttore di veicoli elettrici nel mondo. Dal 2009, Tesla ha prodotto un totale di 1,91 milioni di veicoli.[7] Toyota, invece, ne ha prodotti 8.800 nel 2020 con un calo previsto nel 2021.

[8] Global Financial Stability Report, ottobre 2021 – Executive Summary; 12 ottobre 2021, p.3.

[9] Vedi Aurélien Bernier, Prix de l’énergie : une folie organisée, Le Monde diplomatique, novembre 2021.

[10] https://www.mckinsey.com/business-functions/sustainability/our-insights/resource-revolution-tracking-global-commodity-markets

[11] Alastair Smith, Food: perché l’aumento record dei prezzi globali, The Conversation, 3 ottobre 2021

[12] Robert J. Gordon “Is U. Crescita economica degli Stati Uniti finita? Faltering Innovation Confronts the Six Headwinds”, NBER Working Paper 18315, agosto 2012. Robert J Gordon, The Demise of U.S. Economic Growth: Restatement, Rebuttal, and Reflections, NBER Working Paper No. 19895, febbraio 2014. https://www.nber.org/papers/w19895.pdf

[13] https://alencontre.org/laune/le-chaines-dapprovisionnement-juste-a-temps-leurs-fragilites-le-type-demplois-crees-et-leurs-liens-avec-la-crise-climatique.html

[14] https://blogs.imf.org/2021/10/25/longer-delivery-times-reflect-supply-chain-disruptions/?utm_medium=email&utm_source=govdelivery

[15] https://alencontre.org/ameriques/americnord/usa/etats-unis-debat-nous-devons-parler-de-la-veritable-raison-de-linflation.html

[16] https://foreignpolicy.com/2021/10/27/china-supply-chain-disruption-shipping/

[17] https://digital.hbs.edu/platform-rctom/submission/taiwan-semiconductor-manufacturing-cos-water-woes/

[18] https://www.lunion.fr/id251461/article/2021-04-23/penurie-mondiale-de-puces-electroniques-la-secheresse-historique-taiwan-narrange

[19] Michael Roberts, Marx’s law of profitability, Lecture in the Seminar Series on Marxist Political Economy organised by the Department of Development Studies at the School of Oriental and African Studies (SOAS). Michael Roberts Blog, 27 febbraio 2020. Il testo della conferenza è accompagnato da un lungo powerpoint.

[20] https://www.mckinsey.com/industries/financial-services/our-insights/the-rise-and-rise-of-the-global-balance-sheet-how-productively-are-we-using-our-wealth?

[21] https://en.wikipedia.org/wiki/Evergrande_liquidity_crisis

Pin It on Pinterest