Tempo di lettura: 4 minuti

L’invasione russa dell’Ucraina è il secondo momento determinante della nuova guerra fredda in cui il mondo è sprofondato dall’inizio del secolo a seguito della decisione degli Stati Uniti di espandere la NATO. Il primo momento determinante è stata l’invasione statunitense dell’Iraq nel 2003. Quella decisione si rivelò un fallimento totale dal punto di vista degli obiettivi che l’imperialismo statunitense voleva raggiungere. Il prezzo che l’Iraq ha pagato – e continua a pagare insieme ai paesi vicini – è stato enorme; ma la propensione dell’imperialismo statunitense a invadere altri paesi si è molto ridotta, come conferma il recente ritiro delle sue truppe dall’Afghanistan.

Il destino dell’invasione della Russia in Ucraina determinerà la propensione di tutti gli altri paesi ad aggredire. Se, a sua volta, fallirà, l’effetto su tutte le potenze globali e regionali rappresenterà un forte deterrente. Se invece riuscirà, se cioè la Russia riuscirà a “pacificare” l’Ucraina sotto il proprio dominio, l’effetto sarà quello di un grande spostamento della situazione mondiale verso la legge della giungla più sfrenata, incoraggiando lo stesso imperialismo statunitense e i suoi alleati a continuare il proprio comportamento aggressivo.

Per ora, l’eroica resistenza del popolo ucraino ha destabilizzato l’intero spettro degli ammiratori reazionari di Vladimir Putin, dall’estrema destra e destra globale ai sostenitori, che continuano a considerarsi di sinistra, dell’imperialismo russo. Una vittoria di Putin in Ucraina rafforzerebbe notevolmente questo ventaglio di politiche reazionarie.

Al di là della condanna generale dell’invasione russa, abbiamo assistito ad una certa confusione nei ranghi di genuine correnti antimperialiste sulle posizioni da assumere in merito alla guerra in corso. È quindi importante cercare di chiarire queste questioni.

1. Non basta chiedere alla Russia di porre fine i suoi attacchi e rivendicare “un cessate il fuoco immediato e un ritorno al tavolo dei negoziati“. Non abbiamo usato questo linguaggio di stampo onusiano quando gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq; allora, abbiamo invece chiesto il ritiro immediato e incondizionato degli aggressori, come abbiamo fatto in ogni caso di invasione di un paese da parte di un altro. Allo stesso modo, dobbiamo esigere non solo la cessazione dell’aggressione, ma anche il ritiro immediato e incondizionato delle truppe russe dall’Ucraina.

2. La richiesta di ritiro russo si applica a ogni centimetro di territorio ucraino – compreso il territorio invaso dalla Russia nel 2014. Quando c’è una disputa sulla proprietà di un qualsiasi territorio in qualsiasi parte del mondo – come la Crimea o le province orientali dell’Ucraina, ad esempio – non accettiamo in nessun caso che essa venga risolta con il ricorso alla forza bruta e alla legge del più forte, ma sempre e solo con il libero esercizio da parte dei popoli interessati del loro diritto all’autodeterminazione democratica.

3. Ci opponiamo alle richieste di intervento militare diretto di una forza imperialista contro un’altra, sia con truppe di terra che con l’imposizione di una no-fly zone a distanza. Per principio, siamo contrari ad un intervento militare diretto di qualsiasi forza imperialista in qualsiasi luogo. Chiedere a uno di loro di affrontarne un altro equivale a favorire una guerra mondiale tra potenze nucleari. Inoltre, è impossibile che un tale intervento sia effettuato entro i limiti del diritto internazionale, poiché la maggior parte delle grandi potenze imperialiste ha il potere di veto in seno al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. È comprensibile che le vittime ucraine dell’aggressione possano, per disperazione, formulare questo tipo di richieste che, tuttavia, restano fondamentalmente irresponsabili.

4. Sosteniamo la fornitura senza condizioni di armi difensive alle vittime dell’aggressione – in questo caso, allo stato ucraino che combatte l’invasione russa del proprio territorio. Nessun antimperialista responsabile ha chiesto all’URSS o alla Cina di entrare in guerra in Vietnam contro l’invasione degli Stati Uniti, ma tutti gli antimperialisti radicali erano a favore di una maggiore fornitura di armi da parte di Mosca e Pechino alla resistenza vietnamita. Dare a chi combatte una guerra giusta i mezzi per combattere un aggressore molto più potente è un dovere internazionalista elementare. Opporsi in blocco a queste forniture è in contraddizione con l’elementare solidarietà dovuta alle vittime.

5. Non abbiamo una posizione generale di principio sulle sanzioni. Abbiamo sostenuto le sanzioni contro lo stato di apartheid del Sudafrica e sosteniamo le sanzioni contro l’occupazione coloniale israeliana. Eravamo contro le sanzioni imposte allo stato iracheno dopo la sua distruzione con la guerra del 1991, perché erano sanzioni assassine che non servivano a nessuna giusta causa, ma solo a sottomettere uno stato all’imperialismo statunitense a un costo quasi genocida per il suo popolo. Le potenze occidentali hanno deciso tutta una serie di nuove sanzioni contro lo stato russo per la sua invasione dell’Ucraina. Alcune di queste possono effettivamente ridurre la capacità del regime autocratico di Putin di finanziare la sua macchina da guerra, altre possono danneggiare la popolazione russa senza colpire troppo il regime o i suoi amici oligarchici. La nostra opposizione all’aggressione russa combinata con la nostra sfiducia nei governi imperialisti occidentali significa che non dovremmo né sostenere le loro sanzioni né chiederne la revoca.

6. Infine, la questione più ovvia e diretta di tutte, in una prospettiva progressista, è la richiesta che tutte le frontiere siano aperte ai rifugiati provenienti dall’Ucraina, come dovrebbero essere per tutti i rifugiati che fuggono dalla guerra e dalla persecuzione, indipendentemente dalla loro origine. Il dovere di ricevere e ospitare i rifugiati e i costi per garantire questo diritto deve essere condiviso equamente da tutti i paesi ricchi. Un aiuto umanitario urgente deve essere fornito anche agli sfollati interni in Ucraina.

Solidarietà con il popolo ucraino!

*articolo apparso il 27 febbraio 2022 sul sito www.alencontre.org. La traduzione in italiano è stata curata dal segretariato MPS

Pin It on Pinterest