Tempo di lettura: 5 minuti

Le truppe russe hanno occupato militarmente la centrale nucleare di Zaporizhia, causando un incendio in un edificio vicino al reattore no 1. La sicurezza della struttura è stata “compromessa” dall’attacco, anche se non sono state riscontrate perdite radioattive.

È un’azione militare che sembra inconcepibile, e che ora pone un’ulteriore minaccia in Ucraina. Dopo aver preso il controllo del sito della centrale nucleare di Chernobyl, giovedì 24 febbraio, le forze russe si sono impadronite della centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande d’Europa, situata a Enerhodar, nel sud-est dell’Ucraina, giovedì notte. Hanno dato fuoco al perimetro dell’impianto. E il loro fuoco ha causato un incendio in un edificio situato a poche centinaia di metri dal reattore no 1.

Venerdì, gli attivisti antinucleari e le autorità di sicurezza nucleare si sono trovati per una volta d’accordo sulla situazione. Rafael Grossi, il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha affermato nel corso di una conferenza stampa che “la sicurezza [dell’impianto] è stata compromessa da ciò che è successo la scorsa notte, ma siamo stati fortunati che non c’è stata alcuna fuga radioattiva“. Riferendosi a un evento “che non ha precedenti“, ha annunciato che l’AIEA risponderà alla “richiesta di assistenza immediata dell’Ucraina“; “Date le circostanze molto complicate sul terreno, la logistica e la presenza sul posto non saranno semplici“, ha avvertito.

Da parte sua, l’organizzazione Greenpeace, che il 2 marzo aveva messo in evidenza i pericoli del conflitto armato per la sicurezza del parco nucleare ucraino, ha condannato con forza l’attacco militare alla centrale di Zaporizhia. “L’invasione russa pone il rischio di un disastro nucleare che potrebbe rendere gran parte dell’Europa, compresa la Russia, inabitabile per almeno diversi decenni, ha avvertito venerdì Greenpeace. Stanotte, i team di Greenpeace hanno temuto uno scenario potenzialmente molto peggiore del disastro di Fukushima“. Il 2 marzo, diversi colpi di mortaio russi sono stati sparati a meno di due chilometri dal perimetro dell’impianto.

Greenpeace ricorda che l’impianto è dotato di sei reattori da 1’000 megawatt e conserva “2’200 tonnellate di combustibile esaurito altamente radioattivo“, e avverte che qualsiasi perdita di energia alla rete richiederebbe l’avvio di generatori diesel di emergenza “che possono contare su una fornitura limitata di diesel e non sono considerati affidabili“.

In un video, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato Vladimir Putin di ricorrere al “terrore nucleare“: “Avvertiamo tutti che nessun altro paese, tranne la Russia, ha mai sparato sulle centrali nucleari. Questa è la prima volta nella nostra storia, la prima volta nella storia umana. Questo stato terrorista ricorre ora al terrore nucleare“, ha affermato, chiedendo “un’azione europea immediata” per “evitare che l’Europa muoia per un disastro nucleare“.

Le truppe che hanno preso d’assalto l’impianto appartengono al 58° esercito congiunto, il cui quartier generale ha sede a Vladikavkaz. Esse avevano già preso parte alla repressione dei movimenti indipendentisti nel Caucaso del Nord, come pure alla guerra contro la Georgia nell’agosto 2008.

Petro Kotin, presidente di Energoatom, la compagnia nucleare nazionale ucraina, ha dichiarato in un’intervista al quotidiano Le Monde che “i russi hanno bombardato l’intera area della centrale, l’edificio amministrativo stesso, l’ingresso al sito nella zona di sicurezza, e l’edificio dedicato alla formazione situato vicino all’edificio amministrativo”.

Hanno iniziato a bombardare all’1 e 42 e hanno finito nelle prime ore del mattino, dopo aver rotto l’ingresso di sicurezza ed essere entrati nello stabilimento. Poi ne hanno preso il controllo“, ha aggiunto, facendo notare che il sito dell’impianto era stato sottoposto a “bombardamenti” e al fuoco delle forze russe “dai loro carri armati e dai veicoli di fanteria“. L’operazione militare ha provocato tre morti e due feriti tra i dipendenti dell’impianto. Secondo Petro Kotin, la direzione della centrale ha spento due reattori non appena è iniziato l’attacco. Un terzo, più lontano dal luogo dell’attacco, è stato tenuto in funzione.

Molti leader occidentali hanno commentato quest’ultimo episodio di escalation militare. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato “la Russia a fermare le sue attività militari nella zona” dell’impianto. Boris Johnson ha affermato che le “azioni irresponsabili” di Vladimir Putin possono “minacciare direttamente la sicurezza di tutta l’Europa“.

Reattori che invecchiano

Contattata da Mediapart, una fonte della direzione di EDF ha sottolineato che “si tratta di una violazione degli impegni presi dalle autorità politiche russe nei confronti dell’AIEA“, tramite Mikhail Shudakov, rappresentante russo presso l’organismo atomico, che sembrava escludere scontri vicino agli impianti nucleari ucraini e, a fortiori, qualsiasi attacco militare.

In un documento pubblicato mercoledì, Greenpeace ha già sottolineato come “la conferma del conflitto armato nella regione della città di Energo e Zaporizhia” ha sollevato “lo spettro di grandi rischi per la più grande centrale nucleare d’Europa“.

Ci sono stati molteplici problemi di sicurezza con i reattori di Zaporizhia negli ultimi decenni, in particolare perché questi reattori sono invecchiati essendo stati progettati e costruiti tra gli anni ’70 e ’90“, ha dichiarato l’organizzazione. Considerati “particolarmente preoccupanti” nel contesto dell’attuale conflitto, questi problemi sono legati alla “vulnerabilità alla perdita di potenza“, “allo stoccaggio del combustibile usato” e ai “rischi di inondazione e di cedimento della diga” istituita a monte del fiume Dnipro.

In particolare, il rapporto di Greenpeace sottolinea che i generatori diesel di emergenza della centrale avrebbero dovuto essere aggiornati nell’ambito del Complex Safety Upgrading Programme (CCSUP) di Energoatom (un programma finanziato da un prestito Euratom di 600 milioni di euro dalla Banca europea per gli investimenti e dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo): ma questo è stato rimandato al 2023.

Una valutazione del rischio di sicurezza effettuata nel 2017 dal governo austriaco sui reattori di Zaporijia ha concluso che “la documentazione fornita e disponibile porta alla conclusione che c’è un’alta probabilità che gli scenari di incidente si sviluppino in direzione di un grave incidente che minaccia l’integrità del contenimento provocando un rilascio significativo“.

Ma il conflitto armato – per non parlare dell’attacco militare alle strutture – mette a rischio l’intero parco nucleare ucraino costituito da 15 reattori dislocati in quattro centrali nucleari.

Un conflitto militare sul territorio dell’ottava potenza nucleare

“Anche senza danni fisici all’impianto, ad esempio attraverso un colpo intenzionale o accidentale di artiglieria o di missili, una centrale nucleare è assai di fronte alla perturbazione dei suoi sistemi di emergenza”, sottolinea ancora Greenpeace, “Una centrale nucleare in funzione richiede che i sistemi attivi rimangano sempre funzionali. Questo include molti aspetti, non solo l’elettricità, ma anche l’acqua di raffreddamento e la presenza continua di personale qualificato per far funzionare l’impianto. Anche in condizioni operative normali, centinaia di lavoratori devono poter raggiungere l’impianto dalle loro case, cosa che ovviamente non è possibile in tempo di guerra.”

Qualsiasi interruzione tecnica – guasto alla rete elettrica, mancato avviamento di alcuni generatori diesel – richiederebbe anche la mobilitazione di personale supplementare e la possibilità di far intervenire attrezzature pesanti come gru di grandi dimensioni: una grande operazione logistica su scala nazionale che è impossibile da realizzare su un territorio in guerra.

Anche se non sono state rilevate perdite radioattive intorno all’impianto di Zaporizhia, la necessità di un cessate il fuoco e la creazione di una zona di sicurezza è sottolineata da Greenpeace, così come dalle autorità nucleari internazionali. “Il personale deve essere in grado di lavorare in condizioni normali per ridurre il rischio di errori umani che potrebbero compromettere la sicurezza nucleare“, ha aggiunto Greenpeace.

Ad esempio, il personale della centrale di Chernobyl, trattenuto dai militari russi senza rotazione per sette giorni, è, secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia Atomica, sottoposto a una pressione psicologica e moralmente sfinito, con limitate opportunità di comunicare, muoversi e svolgere lavori di routine e di riparazione in modo autonomo, cosa che comporta interruzioni del regime di irradizione mettendo a rischio la loro vita e la loro salute.”

Venerdì sera, un comunicato dell’Eliseo ha affermato che Emmanuel Macron ha parlato in giornata con il direttore generale dell’AIEA. Il presidente francese ha detto che “condanna fermamente qualsiasi attacco all’integrità degli impianti nucleari civili ucraini causato dalle forze russe“. “La Russia deve cessare immediatamente le sue azioni militari illegali e pericolose per permettere il pieno controllo da parte delle autorità ucraine su tutti gli impianti nucleari all’interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell’Ucraina“, ha sottolineato l’Eliseo, “La Russia deve anche permettere l’accesso libero, regolare e senza ostacoli del personale alle strutture onde garantire il loro continuo funzionamento in sicurezza“.

La Francia proporrà “nelle prossime ore […] misure concrete per garantire la sicurezza dei cinque principali siti nucleari dell’Ucraina” sulla base di “criteri tecnici dell’AIEA” [garantire la sicurezza degli impianti].

*articolo apparso su www.mediapart.fr venerdì 4 marzo. La traduzione è stata curata dal segretariato MPS

Pin It on Pinterest