Tempo di lettura: 4 minuti

Il 22 aprile, la Berliner Zeitung ha pubblicato una lettera aperta al cancelliere federale Olaf Scholz sulle sue pagine online. Diciotto figure di spicco della scienza, della politica e della cultura – tra cui Daniela Dahn, Jürgen Grässlin, Mohssen Massarrat, Norman Paech e Konstantin Wecker – chiedono di fermare le consegne di armi all’Ucraina.
In un momento in cui la Turchia, paese della NATO, sta terrorizzando la popolazione curda in Iraq e Siria su larga scala con attacchi aerei e artiglieria pesante, i firmatari non chiedono di fermare la fornitura di armi alla Turchia. I firmatari non criticano nemmeno le massicce esportazioni di armi della Germania alla dittatura dell’Arabia Saudita, che sta massacrando la popolazione del vicino Yemen.

Al contrario, i firmatari dell’appello protestano contro le forniture di armi all’Ucraina, che da due mesi si sta sorprendentemente opponendo con successo alle forze di invasione e di occupazione russe. Gli interlocutori non dichiarano la loro solidarietà con il popolo curdo e il suo movimento di liberazione o con il popolo dimenticato dello Yemen, ma raccomandano che il popolo ucraino si arrenda alla supremazia russa e accetti una dittatura imposta da un’occupazione militare. Questo appello rivela gli errori di parti essenziali del movimento pacifista tedesco.

La fornitura di armi non significa essere un paese belligerante

Il punto di partenza è la messa in guardia contro “un’espansione incontrollabile della guerra con conseguenze imprevedibili per il mondo intero”. Sì, c’è un rischio di espansione della guerra. Ma è il regime di Putin che sta intensificando la guerra e accenna persino all’uso di armi nucleari. L’appello recita come segue: “Con la fornitura di armi, la Germania e altri stati della NATO si sono trasformati de facto in una parte della guerra”. Questo non è vero. Se questa affermazione fosse corretta, i singoli stati della NATO sarebbero già diventati parti in guerra in molte guerre, e l’URSS e la Cina sarebbero stati paesi belligeranti in Vietnam contro gli USA. Quindi saremmo stati in una situazione di guerra mondiale per molto tempo. Sappiamo tutti che non è così.
Consegnare armi non significa essere un paese belligerante. Putin sa anche questo, perché il suo regime stesso fornisce molte armi alle parti in guerra senza fare direttamente la guerra. Anche i funzionari della NATO lo sanno. Non c’è nessun segno che stiano attualmente cercando la guerra contro la Russia. La lettera aperta scrive che le consegne di armi prolungherebbero la guerra e lo spargimento di sangue. Secondo l’esperienza storica, questa è un’affermazione infondata. Le consegne di armi degli Stati Uniti all’Unione Sovietica hanno prolungato la seconda guerra mondiale?

Le esportazioni tedesche di armi in Ucraina sono state finora relativamente piccole

La guerra sarà combattuta sulle spalle del popolo ucraino, scrivono i firmatari. Sì, questo è vero. Ma l’appello nasconde deliberatamente un fatto cruciale.
La macchina militare russa ha fallito nella prima fase della guerra nell’intento di occupare l’Ucraina e di installare un governo fantoccio. Perché ha fallito? La resistenza ucraina è stata molto più forte di quanto Putin si aspettasse. Supera anche di gran lunga le aspettative dei governi della NATO e della UE. All’inizio della guerra, per esempio, il governo britannico raccomandò al presidente ucraino Zelensky di lasciare il paese e di rinunciare. La maggior parte dei governi occidentali ha ipotizzato una rapida sconfitta dell’Ucraina. Su questo punto erano d’accordo con Putin. Per fortuna si sbagliavano, trascuravano il fatto che esisteva la società civile ucraina.
L’Ucraina ha ricevuto 4 miliardi di dollari in aiuti militari dagli Stati Uniti dal 2014 al 2022. Ma gran parte di questi aiuti sono arrivati solo dopo l’inizio della guerra. Dal 2014 al 2021, l’aiuto militare diretto è stato di 2,4 miliardi di dollari. Le esportazioni tedesche di armi verso l’Ucraina sono state finora relativamente basse, mentre quelle tedesche sono state molto più alte dal 2014 – nonostante l’embargo – verso la Russia e anche più recentemente.

Il fallimento centrale del movimento per la pace

La resistenza dell’Ucraina è decisiva per la situazione attuale. E secondo tutti i rapporti e tutte le esperienze, compresi quelli dei sindacati e delle organizzazioni della società civile in Ucraina, questa resistenza è ampiamente sostenuta dalla società. È solo sulla base di questa volontà sociale di resistenza che l’Ucraina ha potuto finora sopravvivere contro la supremazia russa. Sindacati, strutture di quartiere e unità di difesa territoriale volontarie nei luoghi di residenza hanno garantito la sopravvivenza della società civile.
Solo sulla base di questa resistenza vincente, i paesi della NATO hanno dovuto raccogliere la sfida di fornire armi ai difensori. L’appello nasconde questo punto cruciale. Questo è il fallimento centrale del movimento per la pace. Non presta attenzione all’azione sociale in Ucraina e rinuncia alla sua solidarietà con la società civile ucraina. La stretta visione geopolitica, che rivela solo il punto di vista delle grandi potenze e dei loro governi, ignora queste dinamiche sociali. 

I sottoscrittori dell’appello mettono giustamente in guardia contro l’espansione della guerra

L’appello afferma che i crimini di guerra sono in aumento. Proprio così. Ma perché i firmatari nascondono chi sta commettendo la maggior parte di questi crimini di guerra? È l’esercito russo. Dopo tutto, non ci sono truppe ucraine sul territorio russo. Anche nel grido contro i crimini di guerra, l’appello è volutamente vago e quindi alla fine unilaterale.
I firmatari mettono giustamente in guardia contro l’espansione della guerra e contro un’escalation incontrollabile verso una grande guerra con armi nucleari. Questo pericolo non deve essere sottovalutato. Ciononostante, questo avvertimento è sorprendente. In che tipo di ordine internazionale viviamo quando una grande potenza imperiale può costringere intere società alla sottomissione solo minacciando di usare armi nucleari? Se questo costituisce un precedente, abbiamo aperto la porta alla barbarie. Invece di cedere alle minacce, i movimenti sociali devono pensare molto di più a come le società possono contrastare queste minacce attraverso una solidarietà internazionale pratica fino al punto di sabotare le infrastrutture militari.

*In una lettera aperta rivolta al cancelliere Olaf Scholz, pubblicata in 22 aprile dal quotidiano Berliner Zeitung, 18 intellettuali tedeschi di sinistra hanno chiesto di interrompere le forniture di armi all’Ucraina. Pubblichiamo qui la risposta di Christian Zeller, attivista della rete europea di solidarietà per la società civile ucraina, esponente del comitato editoriale della rivista Emanzipation. Christian Zeller ha recentemente organizzato due importanti eventi internazionali online con rappresentanti di organizzazioni di sinistra in Russia e Ucraina.

Pin It on Pinterest