Tempo di lettura: 13 minuti

La prima lettura dei risultati delle elezioni legislative francesi del 12 e del 19 giugno è semplice: Macron perde la maggioranza assoluta all’Assemblea Nazionale e scivola in una condizione di instabilità istituzionale di cui nessuno può prevedere l’esito. Si tratta quindi di una crisi politica latente che si sta aprendo nel Paese e per la quale non ha soluzioni a breve termine. Questo non gli impedisce di voler mantenere i suoi obiettivi di attacco sociale per i prossimi mesi, mentre le classi lavoratrici subiscono un generale aumento del costo della vita dopo un periodo di pandemia che ha spesso ridotto i salari e aumentato la precarietà.

Questo schiaffo elettorale è la continuazione delle elezioni presidenziali dello scorso aprile. Macron, nonostante un’ampia maggioranza della popolazione sia contraria alle sue politiche, ha ottenuto il 58% dei voti, ma la metà di questi provengono da un elettorato ostile al presidente uscente, che ha votato per lui solo per bloccare Marine Le Pen.

I candidati di Macron (sotto il nome di Ensemble, che riunisce la sua stessa formazione LREM – La Republique En Marche, i centristi di MODEM e Horizon, una piccola formazione di gollisti attorno all’ex primo ministro Edouard Philippe) hanno registrato un calo massiccio al 1° e al 2° turno rispetto al 2017 (perdita di 1,5 milioni di voti al primo turno, 1,2 milioni al 2°), passando da poco più del 33% dei voti espressi nel 2017 a meno del 26%.  Cinque anni fa, il suo partito (LREM) aveva ottenuto, da solo, 308 deputati (sui 577 dell’Assemblea), mentre con i suoi alleati aveva una maggioranza di 385 deputati. Oggi, tutte queste componenti (la lista Ensemble) rappresentano solo 245 deputati, meno della maggioranza assoluta (289). La perdita proviene esclusivamente dalla formazione di Macron, LREM, che dimezza il proprio numero di seggi, fermandosi a 155. Si tratta di uno schiaffo politico personale per Macron (anche se l’insuccesso è attutito dal sistema elettorale uninominale) e soprattutto riflette il disconoscimento delle classi lavoratrici che, quando non hanno perso interesse per le elezioni legislative e sono andate a votare, hanno espresso il loro rifiuto di Macron e dei suoi candidati. Sono stati sonoramente sconfitti, in particolare Castaner, presidente del gruppo di deputati LREM, Ferrand, presidente dell’Assemblea, e alcuni ministri come Blanquer, che non ha nascosto la sua vicinanza alle tesi dell’estrema destra. Se questo rifiuto ha chiaramente avvantaggiato, soprattutto nelle metropoli e nella regione parigina, i candidati di NUPES (Nouvelle union populaire écologique et sociale), l’alleanza di sinistra intorno alla France Insoumise (FI), in molte altre regioni ha anche portato a un ingresso massiccio dell’estrema destra nell’Assemblea.

Il NUPES, che ha ottenuto 131 seggi al primo turno delle votazioni, è riuscito a dare alla sinistra una nuova voce su base antiliberale, rompendo con i programmi social-liberali del passato.

La sinistra nel suo complesso non ha praticamente progredito in voti (200’000 in più rispetto al 2017, tenendo conto di tutti i partiti) e ha raccolto solo un terzo dei voti espressi. Ma questo mantenimento nasconde due ascendenze che si incrociano: l’equilibrio all’interno della sinistra parlamentare cambia: La France Insoumise (LFI) guadagna 900’000 voti, Europe-Ecologie-Les-Verts (EELV) 300’000; i candidati del PS hanno perso 1 milione di voti, il PC 100’000 voti. Sono quindi soprattutto LFI ed EELV a segnare un forte ingresso nell’Assemblea con un movimento di polarizzazione che si sposta chiaramente dalla socialdemocrazia alla sinistra antiliberale: il PS e il PC mantengono all’incirca il loro precedente numero di eletti (con rispettivamente 30 e 12 deputati/e nella nuova assemblea), ma LFI moltiplica i suoi seggi per più di 4 (da 17 a 75), EELV, ridotto a un solo eletto in precedenza, si assicura un gruppo di 23 seggi.

Purtroppo, invece, abbiamo assistito a un’altra spettacolare progressione, quella dei rappresentanti eletti dell’estrema destra (Il RN – Rassemblement National). Alle elezioni presidenziali di aprile, i suoi tre candidati (Le Pen, Zemmour e Dupont-Aignan) hanno portato il suo risultato a oltre 11 milioni di voti, con un aumento di oltre 1,6 milioni tra il 2017 e il 2022. In queste elezioni legislative, i candidati del RN sono riusciti a rompere la barriera anti-RN che, con il sistema di voto uninominale, ne impediva l’elezione in precedenza. Hanno ottenuto un gruppo di 89 membri eletti. La destra tradizionale, i Repubblicani (LR), hanno attutito lo shock subito durante le elezioni presidenziali, ma raccogliendo il 13,63% dei voti, rispetto al 21,57% del 2017, hanno perso 2,3 milioni di voti, scendendo da 112 a 61 seggi. Come la LREM, i repubblicani dividono i loro seggi per due.

Un’elezione dell’Assemblea per rappresentanza proporzionale, simile a quelle esistenti in molti Paesi europei, avrebbe dato circa 148 seggi a NUPES e a Ensemble, l’alleanza di Macron. Il RN avrebbe ottenuto 108 seggi e i Repubblicani 78. Il sistema maggioritario uninominale avvantaggia ancora ampiamente Ensemble che, con 245 membri eletti, è riuscito ad attutire la sconfitta subita dai suoi candidati.

Si tratta comunque di una sconfitta politica reale e profonda per Macron. Sulla pista dell’aeroporto di Orly, mentre si recava in Romania, il martedì prima del secondo turno, dopo aver rifiutato qualsiasi dibattito con gli altri partiti, ha mostrato una postura alla Trump, un discorso da uomo provvidenziale. Di fronte ai “pericoli esterni e interni”, ha esortato gli elettori a dargli la maggioranza assoluta, in modo che “nessun voto manchi alla Repubblica”, cioè a sé stesso. Sperava, inoltre, di non dover dipendere dai suoi alleati centristi e gollisti.

Lo schiaffo subito è quindi ancora più forte. Sperava di rinnovare il blocco ottenuto nel 2017 sull’Assemblea e, dopo aver fatto crollare il PS nel 2017, di beneficiare della caduta del partito gollista LR nel 2022.

Il problema è tanto più grave per Macron in quanto, per cinque anni, ha considerato l’Assemblea Nazionale come una semplice camera di registrazione delle sue decisioni personali, senza nemmeno ritenere necessario strutturare un vero e proprio partito, con i ministri del suo governo che servivano de facto come portavoce politici della sua maggioranza. Macron aveva aggravato la deriva presidenzialista del regime della Quinta Repubblica. Questa deriva è stata accentuata dal 2002 con la riduzione del mandato presidenziale da sette a cinque anni e con la sincronizzazione delle elezioni presidenziali e legislative, che si svolgono automaticamente poche settimane dopo le elezioni presidenziali. Negli ultimi 20 anni, per quattro volte di seguito, il presidente eletto era riuscito a far eleggere una larga maggioranza del suo schieramento all’Assemblea Nazionale. La riforma del 2002 mirava a stabilizzare il regime presidenziale, evitando una maggioranza ostile al presidente (che ha portato a diverse “coabitazioni” come nel 1986, 1993 e 1997) o a un governo di coalizione come nel 1988.

Macron si trova quindi di fronte a un problema tanto più grave in quanto tutta la sua politica degli ultimi cinque anni è consistita nel costruire il suo potere istituzionale schiacciando i due principali partiti tradizionali e tenendo ai margini l’estrema destra e la sinistra antiliberale. Il primo obiettivo è stato raggiunto per il momento, il secondo è un fiasco e ora è il partito presidenziale a entrare in una crisi latente. Ciò è tanto più vero in quanto Macron si aggrappa alla sua volontà di governare da solo, partendo dalla considerazione che è stato rieletto presidente. Eppure ha ottenuto solo il 23,15 dei voti espressi al primo turno di queste elezioni lo scorso aprile.

Il programma che ha iniziato a delineare nelle ultime settimane (pensionamento a 65 anni, un nuovo piano di riduzione della spesa pubblica, diminuzione delle tasse sulla produzione e sul capitale) trova oggi una massiccia opposizione, a cominciare dall’aumento del pensionamento a 65 anni.

La crisi aperta da questi risultati è quindi una miccia lenta. In molti Paesi europei, abituati all’assenza di una maggioranza di un solo partito, i governi di minoranza o di coalizione sono diffusi, ma si tratta di regimi parlamentari in cui le monarchie o la presidenza non hanno potere esecutivo. Macron vuole ovviamente comandare da solo e attuare il “suo programma”. Per minimizzare le conseguenze del suo fallimento, dichiara che la situazione non è così grave ed è paragonabile a quella dell’Italia o della Germania, mentre questi in realtà sono regimi parlamentari, molto diversi dal sistema francese.

La scelta di Macron negli ultimi cinque anni è stata quella di giocare sul discredito dei vecchi partiti istituzionali socialdemocratici e gollisti, logorati e screditati dalle loro politiche neoliberiste. La LREM ha comunque sottratto e riciclato decine di ministri e deputati provenienti da queste due correnti. Se la questione non si pone per il momento per i membri PS del NUPES, uno degli scenari per uscire dalla crisi avrebbe potuto essere una coalizione con i repubblicani, che avrebbero potuto rappresentare una maggioranza nell’Assemblea.  Ma i repubblicani, con queste elezioni, sono appena scampati a una discesa agli inferi e il partito, già indebolito dalle defezioni verso LREM e dalla fortissima pressione dell’estrema destra, non vuole firmare la propria condanna a morte facendo da stampella a Macron. Sperano invece di guarire le ferite, di contare i colpi subiti da Macron e di rimettersi in carreggiata per le prossime elezioni presidenziali, in cui Macron non potrà ricandidarsi. Inoltre, ciò che Macron sta cercando non è un’alleanza intorno a un programma di coalizione; spera invece di trovare deputati disposti a sostenere il suo programma (anche se gliene mancano 44). Si tratta quindi, per il momento, di un doppio rifiuto. D’altra parte, è certo che il MEDEF, i capitalisti francesi in generale e i leader dell’UE spingeranno per la creazione di una maggioranza stabile nella seconda economia dell’UE. Per cinque anni, Macron ha garantito l’attuazione di una politica dell’offerta in linea con i loro interessi, consentendo un arricchimento sostanziale, nonostante il fallimento della riforma delle pensioni e la mobilitazione dei Gilets jaunes. Il piccolo declassamento annunciato dopo le elezioni parlamentari dalle agenzie di rating, che ha fatto aumentare leggermente la differenza dei tassi obbligazionari a 10 anni con la Germania (lo “spread”), è un piccolo segnale d’allarme. Può sembrare strano che due partiti che condividono in linea di massima lo stesso programma economico e sociale, la stessa fedeltà alle politiche neoliberiste, mettano a repentaglio la continuazione di una politica in linea con gli interessi capitalistici, mentre la situazione sarà sempre più pericolosa con l’aumento dei tassi della BCE, il ritorno alle regole dell’UE sui deficit di bilancio e sui debiti pubblici, il tutto in un contesto di guerra prolungata e di inflazione crescente. Quindi i capitalisti e i loro agenti mediatici alzeranno sicuramente la voce per richiamare alla ragione. Ma se i repubblicani si rifiutano di sacrificare il loro partito, per Macron non c’è scampo. L’attuazione delle sue politiche con un governo di minoranza in un’Assemblea così ostile sarà possibile solo accettando concessioni su ogni progetto, essenzialmente alla sua destra, quindi sui temi preferiti della destra della destra e dell’estrema destra. Il rischio maggiore è quindi quello di un governo debole che subisce le pressioni della destra. Macron e il suo attuale Primo Ministro sembrano per il momento pronti ad agire in modo frammentario, per raccogliere i voti mancanti su un progetto di legge dopo l’altro o, almeno, per ottenere l’astensione di alcuni deputati. Ciò è ben lontano dalle dichiarazioni di alcuni parlamentari di LREM che si sono detti favorevoli a un nuovo ruolo del dibattito e alla costruzione di progetti comuni. La politica di Macron sarà “maggioranza o minoranza, passerò i miei progetti”. Lotte di potere e mosse di potere saranno quindi all’ordine del giorno.

Il principale nemico del campo di Macron è stato inequivocabilmente la NUPES. Elisabeth Borne, il primo ministro, ha rinnovato giovedì 23 giugno le dichiarazioni provenienti dalle file di LREM: “LFI così come RN non sono nell’arco repubblicano“, continuando di fatto a banalizzare l’estrema destra mettendola sullo stesso piano della sinistra antiliberale “l’estrema sinistra è un pericolo importante quanto l’estrema destra“, anche lì le teste da abbattere erano tutte nel campo della NUPES secondo l’ex ministro Blanquer. Il ministro della Transizione ecologica, Amélie de Montchalin, ha invitato a votare contro “gli anarchici di estrema sinistra“. L’ex ministro dello Sport, Roxana Maracineanu, ha invocato “un Fronte Repubblicano contro l’estrema sinistra“, riferendosi a Rachel Kéké, candidata della NUPES, ex portavoce dei colleghi addetti alle pulizie dell’hotel Ibis Batignolles, vittoriosi dopo 22 mesi di sciopero contro precarietà, salari, sessismo e razzismo. Tante lotte insopportabili per il campo di Macron.

L’astensione è stato il voto della maggioranza.

Se i tassi di astensione sono regolarmente in aumento in Francia, essi seguono la media europea per le grandi elezioni. In Francia, a differenza di altri Paesi europei, l’elezione più importante è quella presidenziale. D’altra parte, la Francia è completamente fuori strada in termini di tassi di astensione per le elezioni legislative. Per le ultime due elezioni legislative (2017 e 2022), l’astensione ha superato il 50%, con una progressione costante negli ultimi 30 anni. L’astensione è più alta nei quartieri popolari e nei comuni delle aree urbanizzate e in molte aree rurali povere. Come in ogni elezione, l’astensione è molto marcata a livello generazionale, dal 70% tra i 18-24enni al 35% tra gli ultrasettantenni. Allo stesso modo, è marcata socialmente in base al livello di formazione e al reddito, con un’astensione del 65% tra i lavoratori, così come nelle famiglie con un reddito inferiore a 1’250 euro.

Il forte aumento dell’astensione in queste elezioni ha due cause croniche: una crescente disaffezione nei confronti delle istituzioni politiche legata alla perdita di fiducia nei confronti dei partiti di governo. Il disinteresse per un’elezione che si svolge poche settimane dopo le elezioni presidenziali, che di solito sembrano non avere nulla in gioco a causa della natura presidenziale del regime. In questo caso sono stati neutralizzati due fenomeni: da una parte la volontà di Macron di “superare” queste elezioni, come se tutto fosse stato risolto nelle elezioni presidenziali, da qui l’implacabile rifiuto di qualsiasi contraddittorio nei media, temendo giustamente che un dibattito politico potesse aumentare il rifiuto dei candidati del presidente; dall’altra la strategia di Mélenchon di polarizzare tutto intorno allo slogan “eleggere Mélenchon primo ministro” (cioè eleggere una maggioranza di deputati NUPES che permettesse la costituzione di un governo NUPES) mirava a mantenere la mobilitazione popolare delle elezioni presidenziali. E i grafici mostrano effettivamente che il rifiuto di Macron e la campagna NUPES hanno in parte limitato l’aumento dell’astensionismo, grazie al fatto che questa elezione mostrava che vi era una vera e propria posta in gioco, per la prima volta in 20 anni con una chiara polarizzazione contro Macron.

Il RN riesce a farsi strada nel panorama politico

Macron avrà giocato e perso nei confronti del RN. Per cinque anni ha deliberatamente coltivato i temi preferiti dall’estrema destra, la sicurezza e la difesa a oltranza della polizia, l’identità nazionale, il rifiuto dei migranti, l’islamofobia, con in particolare Darmanin come ministro dell’Interno e Blanquer come ministro dell’Educazione nazionale, incoraggiando sistematicamente tutte le idee reazionarie. Il RN e Zemmour sono quindi apparsi, con il benevolo sostegno dei media, come spinti al limite delle posizioni politiche avanzate da Macron su questi temi. Inoltre, coltivando la presenza del RN e facendo della Le Pen la sua opposizione ufficiale, Macron ha pensato di garantirsi la rielezione, presentandosi come il “baluardo democratico” contro il RN. Il discredito della sinistra liberale tra le classi lavoratrici ha anche dato libero sfogo alla demagogia del RN per apparire come il difensore di coloro che sono stati lasciati indietro dalla globalizzazione e dall’Unione Europea. Anche cercando di appropriarsi del movimento dei Gilets Jaunes e di difendere il potere d’acquisto dei francesi…. Questi discorsi evitano sistematicamente qualsiasi discorso di classe, proponendo la necessità di attaccare i capitalisti e di distribuire la ricchezza a beneficio degli sfruttati. Di conseguenza, per diverse elezioni si è assistito alla convergenza di un voto di classe reazionario, che propende, come in molti altri Paesi verso i partiti autoritari, e di un elettorato popolare, spesso proveniente da aree rurali che negli ultimi decenni si sono ampiamente impoverite con la chiusura delle imprese, la desertificazione dei servizi pubblici e l’assenza di qualsiasi politica pubblica. Il RN ha prolungato un discorso dominante dopo Chirac, Sarkozy e Valls, che ha coltivato un “blocco bianco”, come dice il sociologo Ugo Palheta, proponendo un interesse nazionale interclassista di fronte alla minaccia dei “barbari” dall’esterno e dall’interno, un blocco che designa il suo nemico, le popolazioni popolari delle periferie, i Rom, gli immigrati e i migranti come responsabili della loro situazione. Avendo perso una base sociale stabile tra le classi lavoratrici a causa delle sue politiche neoliberiste, la borghesia ha cercato di costruire un consenso nazionale sui “valori della Repubblica” che mal cela una politica razzista e islamofoba. Si tratta di una vittoria ideologica e di un terreno fertile per l’estrema destra. Il Fronte Nazionale (ora ribattezzato RN) ha tratto grande vantaggio da questo contesto, soprattutto negli ultimi cinque anni: alle elezioni presidenziali, 4,6 milioni di voti nel 2007, 11,3 milioni nel 2022.

Finora, sono stati il sistema di voto uninominale e il blocco dei candidati del Fronte Nazionale da parte dei partiti tradizionali a impedire la loro presenza all’Assemblea Nazionale. La caduta elettorale dei Repubblicani e del PS, e il rifiuto dei candidati di Macron, hanno permesso al Fronte Nazionale di ottenere una rappresentanza in seggi vicina alla sua realtà elettorale, e quindi di aumentare i suoi mezzi di pressione e la sua posizione politica. Tuttavia, si può notare che la NUPES ha agito da barriera elettorale a questa progressione, controbilanciando la caduta della socialdemocrazia a sinistra. I deputati del RN si concentrano nella regione nord-orientale della Francia, in quella mediterranea e nell’asse Gironda-Hérault a sud-ovest.

Per il momento, il RN ha adottato una linea di rifiuto di un’alleanza con la destra e Ensemble, cercando di apparire come un’alternativa globale alla destra tradizionale. La questione peserà ancora di più sul partito gollista della LR, la cui campagna presidenziale ha preso in prestito in larga misura le tesi della RN.

Quale futuro per la NUPES?

Anche senza aver raggiunto l’obiettivo ufficiale di conquistare la maggioranza dell’Assemblea, La France Insoumise è riuscita a fare progressi in due modi: ha animato politicamente la campagna legislativa, nonostante il rifiuto del dibattito da parte di Macron e dei suoi ministri. Ha moltiplicato per più di quattro il numero dei suoi rappresentanti eletti (da 17 a 75) ed è riuscito a polarizzare il PS e l’EELV sul suo programma con l’accordo di presentare un unico candidato in ogni circoscrizione. In diverse aree urbane e in modo spettacolare nella regione parigina, la NUPES ha compiuto un vero e proprio blitz conquistando tutti i 12 seggi del dipartimento popolare di Seine St Denis, tutta la parte orientale di Parigi (9 circoscrizioni su 18). Per questo motivo, con i suoi 141 deputati, la NUPES, primo per voti al primo turno, sembra essere il principale polo di opposizione, peraltro su posizioni antiliberali che rompono con tutte le politiche precedenti. Inoltre, nella campagna presidenziale, come in quella legislativa, France insoumise è riuscita a riunire un gran numero di attivisti del movimento sociale e a “radicalizzare” il discorso del PS e dell’EELV (evidenziato, ad esempio, dal ruolo di Sandrine Rousseau, avversaria di Yannick Jadot come candidato alle presidenziali e messa in disparte durante la sua campagna). Allo stesso modo, nei dipartimenti neocoloniali d’oltremare, sulla scia degli ottimi risultati di Mélenchon, la polarizzazione intorno alla NUPES è proseguita anche per queste elezioni. Infine, anche se la maggior parte dei suoi potenziali candidati è stata scartata dalla leadership del LFI, gli attivisti e i gruppi dei quartieri popolari raggruppati in “On s’en mêle” hanno sostenuto la campagna dei candidati NUPES di rottura antiliberale, così come pure ha fatto il Nouveau Parti Anticapitaliste (NPA).

PS, PC  e EELV continueranno a giocare la carta NUPES, ora che sono riusciti a formare un gruppo parlamentare che permette loro di agire autonomamente? Anche se devono il loro successo alla fortuna creata dalla France insoumise, la logica parlamentare, le pressioni provenienti dalle file di Macron saranno probabilmente più forti, in nome di un realismo che controbilanci le manovre dei repubblicani e della RN.

Il problema principale è che la NUPES non è un’alleanza militante nazionale. Anche nella Francia insoumise, che rimane un movimento “gassoso”, ci sono stati pochi casi in cui è stata organizzata una campagna militante unitaria e aperta (è stato il caso del 20° arrondissement di Parigi intorno a Danielle Simonnet e di pochi altri luoghi, in particolare nella regione parigina).

E finora nessun segnale sembra dare priorità all’organizzazione militante di un fronte politico e sociale che estenda a livello nazionale e locale la polarizzazione creata nelle ultime settimane.

Eppure è questa la posta in gioco nelle settimane e nei mesi a venire. Possiamo essere contenti che Macron si trovi in una situazione di stallo per avere mano libera, ma vorrà attuare la sua politica di regressione sociale e questo è ciò che i gruppi capitalisti gli chiederanno. Anche senza una maggioranza stabile, oggi potrebbero esserci convergenze all’interno della vera maggioranza reazionaria e capitalista che esiste nell’Assemblea Nazionale e che sarà in grado, anche senza dargli mano libera, di dare a Macron i mezzi per attuare almeno una parte della politica richiesta dai padroni del MEDEF e dai leader dell’Unione Europea, e forse anche per attuare le proposte di legge provenienti dalla destra e dall’estrema destra. In ogni caso, l’equilibrio di potere da creare dalla parte degli sfruttati e degli oppressi può basarsi sulla speranza e sul terreno politico sgomberato dalla France Insoumise e sulle convergenze costruite negli ultimi mesi, ma a condizione che si crei una nuova dinamica militante, popolare, nazionale e locale per combattere tutti gli attacchi e le crisi che stiamo affrontando. È tempo di costruire un fronte comune contro tutte le politiche liberali e reazionarie. L’azione dei parlamentari di FI può essere un vero e proprio punto di appoggio, ma non sarà in grado di svolgere questo compito da sola.

*traduzione a cura del segretariato MPS

Pin It on Pinterest