Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Contratto Nazionale Mantello per l’edilizia principale in Svizzera (CNM) è ancora il migliore e più importante contratto collettivo in Svizzera. Non solo regola le condizioni di lavoro di 86’000 lavoratori edili ma ha anche un‘influenza decisiva sui contratti di lavoro di circa 200’000 altri lavoratori dei settori artigianali collegati (piastrellisti, gessatori, pavimentazioni stradali, etc.). A questo giro di trattative, i padroni stanno puntando a un peggioramento delle condizioni di lavoro
del settore edile. Per respingere gli attacchi dei padroni è necessaria una mobilitazione ampia e militante sui cantieri e il sostegno solidale degli altri salariati.

È in questa prospettiva che si inserisce la manifestazione nazionale prevista per il prossimo sabato 25 giugno a Zurigo. Qui di seguito il link al volantino che l’MPS distribuirà nel corso di questa manifestazione (https://mps-ti.ch/wp-content/uploads/2022/06/Baudemo_Juni22_IT_v01.pdf).

Per un’analisi più approfondita e dettagliata della politica padronale e dei problemi di ordine sindacale, rinviamo al dettagliato articolo già apparso alcuni giorni fa sul nostro sito (Contratto Nazionale Mantello dell’edilizia principale: siamo a un bivio? * MPS – Movimento per il socialismo (mps-ti.ch)

Pin It on Pinterest