Tempo di lettura: 11 minuti

La 27ª Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici è in corso a Sharm-el-Sheikh, in Egitto. È massicciamente sponsorizzata da quelle stesse multinazionali che stanno saccheggiando il pianeta e la sua organizzazione è appannaggio della dittatura del generale Sissi (che imprigiona gli attivisti). La credibilità di questa COP è quindi pari a zero.

È un’illusione totale credere che possa prendere quelle decisioni radicali oggi necessarie a limitare seriamente la catastrofe, per non parlare di fermarla adottando misure di giustizia sociale. In realtà, da una COP all’altra, la marcia verso il baratro continua, e questo meccanismo infernale continuerà finché una convergenza delle diverse rivolte in atto non farà tremare i padroni.

Come le precedenti, la COP27 ruota attorno a quattro sfide: ridurre le emissioni di gas serra (“mitigazione”), adattarsi alla parte ormai inevitabile del riscaldamento globale e finanziare le politiche necessarie, il tutto nel rispetto del principio delle responsabilità comuni ma differenziate e delle capacità differenziate. In altre parole, in termini di mitigazione, adattamento e finanziamento, i paesi ricchi e le nazioni ricche, storicamente responsabili dell’accumulazione di CO2 nell’atmosfera, dovrebbero assumersi le proprie responsabilità nei confronti dei paesi poveri e delle nazioni povere.

Brutto momento per il clima

In linea di massima, con il susseguirsi delle COP annuali e nonostante gli avvertimenti sempre più urgenti degli scienziati, queste quattro sfide sono state affrontate solo a parole. Parigi (COP21) e Glasgow (COP26) hanno chiarito l’obiettivo sulla carta (rimanere al di sotto di 1,5°C, o minimizzare l’overshoot, rimanendo “ben al di sotto di 2°C“), ma non hanno preso le misure necessarie per realizzarlo. Ci vorrebbe un miracolo affinché questa situazione cambiasse a Sharm-el-Sheikh.

Il vertice si svolge in un clima di crescente competizione intercapitalistica e di confronto geostrategico. Le contraddizioni si acuiscono a tutti i livelli: tra potenze, blocchi di potere, tra Nord e Sud, tra gruppi. Dalla fine della pandemia, segnata dalla desincronizzazione economica, e ancor più dall’aggressione imperialista russa all’Ucraina, le tensioni sull’approvvigionamento energetico hanno avuto effetti contraddittori: aumento degli investimenti nelle rinnovabili nel lungo termine, e rilancio dei combustibili fossili – e quindi delle emissioni – e del nucleare nel breve termine (1). Di conseguenza, i profitti si sono impennati nei settori del petrolio, del carbone, del gas e degli armamenti. Lungi dal disimpegnarsi da questi settori, la finanza sta lanciando nuovi investimenti che rafforzano le dipendenze, il lock-in tecnologico (2), le perdite di carburante e la tendenza ai conflitti armati. Non c’è da stupirsi che le emissioni di CO2 da combustione di combustibili fossili e le emissioni di metano abbiano raggiunto livelli record nel 2021. (3)

Allo stesso tempo, si moltiplicano le conferme che il disastro non può più essere evitato: in Pakistan, in Niger, in Siberia, in Europa, nel Corno d’Africa, in America centrale… ovunque, la crescente violenza degli eventi meteorologici estremi e il numero crescente di vittime (4) riecheggiano il grido d’allarme particolarmente stridente lanciato dal sesto rapporto dell’IPCC; ovunque le classi lavoratrici sono colpite duramente. Dobbiamo agire, immediatamente, in uno spirito di giustizia sociale. Ma questo messaggio ha meno probabilità che mai di essere ascoltato. Al termine di dibattiti più che mai difficili, il miglior risultato di questa COP è che i protagonisti – che hanno un interesse comune a fingere di avere il controllo della situazione – alla fine si riuniranno per la solita foto di famiglia, giurando ancora una volta di aver fatto “un passo avanti“. Ma non riusciranno ad ingannare nessuno.

Mitigazione, ambizioni a mezz’asta

In occasione della COP21 (Parigi), i governi non hanno potuto fare a meno di notare l’ampio divario tra i loro piani climatici (o “contributi determinati a livello nazionale“) e l’obiettivo di “rimanere ben al di sotto dei 2°C continuando a impegnarsi per non superare gli 1,5°C” nel rispetto delle “responsabilità e capacità differenziate“. È stato quindi deciso di rivedere i piani climatici ogni cinque anni per “aumentare le ambizioni” a tutti i livelli (mitigazione, adattamento, finanziamento). La COP26 (Glasgow) ha fallito in questo compito. Poiché la prossima revisione sarebbe arrivata troppo tardi per la scadenza cruciale del 2030 (riduzione del 45% delle emissioni globali per rimanere in linea con il limite massimo di 1,5°C), i partecipanti hanno concordato che la parte cruciale della mitigazione dei piani climatici sarebbe stata rivista ogni anno fino alla fine del decennio.

Ogni governo dovrebbe quindi presentare alle Nazioni Unite una versione aggiornata dei propri obiettivi di mitigazione prima della COP27. L’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente) ha riassunto questo aspetto nella sua revisione annuale del divario tra ciò che viene fatto e ciò che dovrebbe essere fatto. Il risultato è un insulto alle popolazioni colpite dal cambiamento climatico. In effetti, questi nuovi impegni rappresentano meno dell’1% dello sforzo del 45% da compiere entro il 2030! Si tratta di 0,7 Gt di riduzioni annunciate, grazie soprattutto al recupero dei “cattivi allievi” che non avevano “aumentato le proprie ambizioni” prima di Glasgow (Australia e Brasile). Inoltre, anche quest’anno ci sono dei “cattivi allievi“: la Turchia non ha presentato alcun nuovo impegno, la Gran Bretagna ha presentato un impegno simile al precedente, l’India e la Russia hanno presentato obiettivi che comportano… più emissioni rispetto ai loro impegni del 2021! (5)

“Il risultato è un insulto alle persone colpite dal cambiamento climatico.”

La quantità non è l’unico problema. Un gruppo di scienziati ha esaminato la qualità degli impegni di riduzione e ha scoperto che una quota sproporzionata proviene da progetti di impianto di alberi e di ripristino del suolo. In totale, questi piani governativi mobiliterebbero 1,2 miliardi di ettari (quasi un decimo delle terre emerse, senza le aree coperte da ghiacci o rocce). Ciò sarebbe inevitabilmente in conflitto con le esigenze della produzione alimentare. La maggior parte di quest’area (623 milioni di ettari) sarebbe dedicata a monocolture arboree (molto dannose per la biodiversità).

Il reale impatto di queste piantagioni sulle emissioni e gli assorbimenti di carbonio è difficile da certificare e piuttosto lento a concretizzarsi (in alcuni ecosistemi – ad esempio le savane – l’IPCC rileva che questa tecnica può addirittura avere un effetto negativo sull’assorbimento di CO2). Ma piantare alberi è più facile – e più economico per i settori interessati! – rispetto alla riduzione dell’uso di combustibili fossili, alla decarbonizzazione dei sistemi alimentari o alla cessazione della deforestazione. Tanto più che, in molti casi, questi meccanismi di “compensazione delle emissioni basati sulla silvicoltura” non sono soggetti a una seria regolamentazione o a un rigoroso controllo scientifico (6).

Il verdetto dell’UNEP è chiaro: la “finestra di 1,5°C si sta chiudendo“, “a causa dell’inazione dei governi”, ha commentato il Segretario Generale delle Nazioni Unite. Il motivo è evidenziato nel rapporto: “La maggior parte degli attori finanziari, nonostante le loro intenzioni dichiarate, ha intrapreso azioni limitate a causa dei loro interessi a breve termine, degli obiettivi contrastanti e della mancanza di un adeguato riconoscimento del rischio climatico“. (7) È chiaro che è in gioco il fondamento stesso del capitalismo: la corsa al profitto tra gruppi privati proprietari dei mezzi di produzione. Come risultato di questa logica assurda, non solo il massimo di 1,5°C è compromesso, ma l’obiettivo di rimanere al di sotto dei 2°C di riscaldamento rischia di essere polverizzato. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP), le politiche attuali e le promesse aggiuntive (se saranno mantenute!) porterebbero a un riscaldamento di 2,4-2,6°C nel corso di questo secolo (8).

Fino a che punto possiamo adattarci?

Dal momento che il riscaldamento globale è in parte inevitabile, la questione dell’adattamento sta diventando sempre più acuta. I governi capitalisti sono ancora più ansiosi di affrontare la questione perché vedono la possibilità di nuovi mercati nei settori dell’edilizia, dei lavori pubblici, dell’uso del suolo, ecc. Molti dimenticano il chiaro avvertimento dell’IPCC nel senso che mitigazione e adattamento sono due facce della stessa medaglia: più aumenta il riscaldamento, più diminuiscono le possibilità di adattamento.

Potrebbe non essere più possibile adattarsi agli eventi più estremi, come le terribili inondazioni di quest’estate in Pakistan. Questi eventi sono il risultato di un riscaldamento di appena 1,1-1,2°C rispetto all’era preindustriale. Si deve quindi essere chiari: qualsiasi slittamento oltre 1,5°C aumenta i pericoli di catastrofi, malattie e morte per il 50% più povero della popolazione mondiale, la cui responsabilità nei cambiamenti climatici è insignificante, a cui mancano le basi e che, in base alla giustizia climatica, avrebbero il diritto di triplicare le emissioni per soddisfare i loro bisogni. (9) Per quanto riguarda la prospettiva di un riscaldamento di 2,4-2,6°C, banalizzarla significherebbe accettare un massacro di massa, un crimine contro l’umanità e la Terra, su una scala peggiore di qualsiasi orrore genocida perpetrato nel XX° secolo.

È quindi molto preoccupante sentire voci secondo cui alcuni governi sarebbero tentati di mettere in discussione i +1,5°C concordati a Glasgow. I Paesi del G7 non osano rimettere in discussione questo obiettivo. Al vertice del 26-28 giugno, sotto la presidenza tedesca, hanno ribadito la volontà di raggiungere lo zero netto nel 2050, passando per un -45% di emissioni di CO2 nel 2030. Ma alcuni Paesi del G20 (che comprende anche il G7) hanno posizioni meno chiare. La riunione dei ministri delle finanze a Bali il 15-16 luglio 2022 non è riuscita ad adottare una posizione chiara. Soprattutto, durante la riunione dei ministri dell’energia e dell’ambiente del G20 in agosto, i rappresentanti di Cina e India avrebbero spinto per concentrarsi sui 2°C piuttosto che sugli 1,5°C. Il rappresentante cinese ha addirittura affermato che questo obiettivo sarebbe “scientificamente più realistico“. (10)

È troppo presto per trarre conclusioni da informazioni così frammentarie, ma una cosa è certa: in tutti i Paesi – non solo in quelli “emergenti” – è molto probabile che un certo numero di responsabili politici pensi intimamente che 1,5°C è un obiettivo irraggiungibile… e stia ipocritamente aspettando che le proprie carenze nell’assumere decisioni politiche lo “dimostrino”. In una recente intervista, Greta Thunberg ha raccontato un aneddoto significativo: “una delle persone più potenti del mondo“, con cui ha avuto una lunga discussione privata, le ha confessato: “Se avessimo saputo cosa comportavano realmente gli accordi di Parigi, non li avremmo mai firmati!“(11) Le Monde, 14/10/2022

Chi paga?

Il mantenimento dell’obiettivo di “1,5°C massimo” è possibile solo nel quadro di una politica che rispetti rigorosamente il principio delle “responsabilità e capacità differenziate“. Tuttavia, questo impegno, assunto nel 1992, non è stato rispettato, così come le promesse di riduzione delle emissioni. I paesi capitalisti sviluppati stanno frenando su tutta la linea. La COP di Cancun (2010) aveva deciso di creare un Fondo verde per il clima. La sua funzione era quella di aiutare i Paesi del Sud ad affrontare le sfide climatiche, in termini di mitigazione e adattamento. I Paesi ricchi si sono impegnati a contribuire con cento miliardi di dollari all’anno a partire dal 2020. Questa promessa non è stata mantenuta. A Glasgow abbiamo appreso che in banca c’erano solo 80 miliardi di dollari. La COP26 ha quindi deciso di avviare una nuova discussione che dovrebbe permettere di fissare (nel 2024) un nuovo obiettivo da realizzare a partire dal 2025. Nel frattempo, sembra che i 100 miliardi all’anno possano essere raggiunti entro il 2023, ma soprattutto sotto forma di prestiti, non di donazioni. Eppure, il principio delle “responsabilità differenziate” dovrebbe concretizzare sotto forma di donazioni!

Un aspetto ancora più importante della questione del finanziamento riguarda “perdite e danni“. I Paesi più colpiti dal cambiamento climatico, e che non ne sono responsabili, chiedono ai Paesi ricchi di essere risarciti in caso di catastrofe. A Glasgow, i Paesi in via di sviluppo (“G77“) hanno chiesto la creazione di un fondo specifico a questo fine. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea si sono opposti con forza e hanno preso a pretesto la mancanza di tempo come scusa per liquidare la questione. Dopo i disastri in Pakistan e in Niger – tra gli altri – la questione si ripresenterà con forza alla COP27. Il Pakistan, che presiede il G77, stima la spesa per la ricostruzione in 35 miliardi di dollari. Finora ha ricevuto meno di 8 miliardi di dollari in aiuti, la maggior parte dei quali sotto forma di prestiti. Questo è inaccettabile per un Paese il cui debito estero ammonta già a 130 miliardi di dollari. Insieme all’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, il rifiuto dei Paesi ricchi di pagare le “perdite e danni” rischia di accelerare il precipitare dei Paesi del Sud in una nuova spirale del debito. Laurence Taubira, architetto degli accordi di Parigi e responsabile della Fondazione europea per il clima, ha ragione: “La legittimità dell’intero processo climatico delle Nazioni Unite sarà messa in discussione” se non ci saranno progressi su questo punto a Sharm-el-Sheikh. (12)

Infine, la COP26 ha posto l’accento sulla mobilitazione del settore finanziario. Mark Carney, ex governatore della Banca d’Inghilterra, ha annunciato trionfalmente la creazione della Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ). Secondo lui, banchieri e fondi pensione di tutto il mondo erano desiderosi di mettere il loro capitale al servizio del clima. Sarebbero già stati raccolti centotrenta miliardi di dollari. Un anno dopo, l’entusiasmo si è già dileguato. BlackRock e Vanguard hanno dichiarato apertamente che non abbandoneranno gli investimenti nei combustibili fossili. Diversi partner sono riluttanti a sottoporre l'”ecologicità” dei loro investimenti ai criteri delle Nazioni Unite. Sostengono che ciò li metterebbe in contrasto con la legge antitrust… (13)

Cinismo, imbroglio e repressione

Ancor più delle precedenti, la COP di Sharm-el-Sheikh si colloca sotto il triplice segno del cinismo, dell’imbroglio e della repressione.

Il cinismo degli sponsor quest’anno è incarnato da Coca-Cola. L’inquinamento da plastica e l’utilizzo di acqua dolce hanno superato la soglia della sostenibilità ecologica globale (14). In questo contesto, il fatto che un gigante dell’accaparramento dell’acqua e del consumo di plastica sponsorizzi la COP è eloquente e non merita commenti. La multinazionale sostiene sfacciatamente che il suo sostegno alla COP “è in linea con il suo obiettivo, scientificamente fondato, di ridurre le proprie emissioni del 25% entro il 2030 per arrivare a zero emissioni di carbonio entro il 2050“. Per mettere in luce questa affermazione, basterà semplicemente limitarsi a ricordare che tra il 2019 e il 2021, Coca-Cola ha aumentato il consumo di plastica dell’8,1%, raggiungendo i 3,2 milioni di tonnellate…

Quando si tratta di tradire, abbiamo la possibilità di scegliere. Potremmo fare un inventario di tutti i cosiddetti “accordi” – in realtà semplici dichiarazioni di intenti – conclusi con grande clamore mediatico da gruppi di Paesi alla COP26: “accordi” sul metano, sulla deforestazione, sul carbone, sulla cessazione degli investimenti in combustibili fossili, sulla “difesa verde“… e via di seguito. Di tutto questo non rimane nulla, o non molto. Lo svantaggio di tirare fuori questi conigli dal cilindro è che il trucco perde rapidamente di credibilità. Ma ci sono migliaia di attori privati del clima che hanno idee simili. Un esempio è rappresentato dai cosiddetti Independent Science Based Targets – ISBT (obiettivi indipendenti basati sulla scienza).

Istituito nel 2015 da grandi gruppi ambientalisti capitalisti filo-verdi (come il World Resource Institute), l’ISBT si propone di utilizzare la scienza per certificare i piani “net zero” delle aziende (per i quali le autorità pubbliche non hanno stabilito standard o regolamenti di alcun tipo). In realtà, i furbetti dell’ISBT si limitano a prendere per buoni i dati sulle emissioni forniti dalle aziende che li pagano e a mettere un bel timbro “Science based” sui piani “net zero” dei loro clienti. Dato che i dati in questione vengono utilizzati come riferimento per i piani net zero, è possibile l’imbroglio più grossolano. Il Financial Times, che non è un giornale eco-socialista, cita il caso di un’azienda produttrice di pasta di legno che ha stabilito la sua base di riferimento riportando le emissioni prodotte dagli incendi boschivi su 139 ettari. Uno specialista nell’osservazione satellitare degli incendi ha dimostrato che in quell’anno più di 3’000 ettari di piantagioni dell’azienda sono andati in fumo… e in emissioni. (15) In altre parole, l’azienda in questione ha fittiziamente diviso le sue emissioni per venti per far sembrare credibile il suo piano “net zero“.

Infine, per quanto riguarda la repressione, possiamo solo ricordare che 60’000 prigionieri di coscienza languono nelle carceri del generale Sissi. Il dittatore ha deciso che la “sua” COP si sarebbe svolta in ordine sparso. Questa settimana, la polizia ha arrestato quasi 70 persone che avevano “intenzione di manifestare“, secondo la Commissione egiziana per i diritti e le libertà (ECRF). Alcune persone sono state arrestate con l’accusa di “diffondere notizie false” dopo aver condiviso su Facebook gli appelli alle proteste per il vertice. (16) Secondo Al Jazeera, anche l’attivista ambientale indiano Ajit Rajagopal è stato arrestato durante una marcia pacifica dal Cairo a Sharm el-Sheikh. E così via.

Il menu di questa COP è pronto: greenwashing, capitalismo verde e stato di polizia. È un’illusione totale credere che Sharm el-Sheikh possa prendere le decisioni radicali necessarie per limitare seriamente la catastrofe – per non parlare di fermarla con la giustizia sociale. In realtà, di COP in COP, la marcia verso il baratro continua, e questo meccanismo infernale continuerà finché una convergenza di rivolte non farà tremare i padroni. Sta a noi lavorare in questa prospettiva.

*articolo apparso su www.gaucheanticapitaliste.org il 4 novembre 2022. La traduzione in italiano è stata cura dal segretariato MPS.

  1. Si veda un rapporto della Reuters (18/10/2022) sulla rinascita dei combustibili fossili, in particolare del carbone, in Europa e nel mondo.
  2. 50 miliardi di euro di nuovi investimenti in combustibili fossili nell’UE dall’inizio della guerra russa contro l’Ucraina. Le quote del solare e dell’eolico nella produzione di energia elettrica sono aumentate (rispettivamente +32 e +26%), ma anche quelle di carbone, lignite e gas (rispettivamente +20, +17 e +23%) da gennaio ad agosto 2022 (rispetto all’anno precedente). Gli investimenti legati all’importazione di GNL statunitense, in particolare, fanno temere uno slittamento duraturo dell’accordo verde (Financial Times, 20/10/2022).
  3. Nel 2021 sono stati emessi 36,6 Gt di CO2 dalla combustione di combustibili fossili. È un record assoluto. L’aumento annuale delle emissioni di metano non ha precedenti dall’inizio delle misurazioni (FT 27/10/2022).
  4. Secondo Lancet, il numero di decessi dovuti al caldo è aumentato di 2/3 negli ultimi 20 anni (FT, 27/10/2022).
  5. UNEP, Rapporto sul divario di emissioni 2022.
  6. Financial Times, 1/11/2022
  7. UNEP, op cit
  8. L’UNFCCC indica un intervallo leggermente più ampio: da 2,1 a 2,9°C.
  9. Si veda l’intervento di J. Rockström, direttore dell’Istituto di Potsdam, alla COP26 https://www.youtube.com/watch?v=iW4fPXzX1S0.
  10. Secondo Climate Home News, 2/9/2022
  11. Le Monde, 14/10/2022
  12. Financial Times, 10/10/2022
  13. Financial Times, 8/10/2022 et 18/10/2022
  14. Queste soglie sono state superate per sei dei nove indicatori identificati dagli scienziati: clima, biodiversità, suolo, acqua dolce, plastica, azoto e fosforo.
  15. FT, 2/11/2022
  16. https://www.reuters.com/business/cop/egyptian-security-arrests-dozens-ahead-cop27-climate-summit-rights-group-2022-11-01/

Pin It on Pinterest