Tempo di lettura: 7 minuti

La nostra vita moderna è inconcepibile senza elettricità. Tutto ha bisogno di elettricità, dalle utenze più ovvie come gli smartphone e le lampade, alle stufe elettriche e ai minicomputer che controllano il riscaldamento a gas, per non fare che alcuni esempi. Quasi tutti gli aspetti della nostra vita dipendono dall’elettricità, che è quindi diventata un bisogno primario. E come per tutti i bisogni primari, la liberalizzazione dell’offerta ha effetti particolarmente devastanti, anche nel cuore dell’Europa occidentale.

La storia delle moderne reti elettriche

I primi passi delle attuali reti elettriche sono stati realizzati in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando la domanda di elettricità è aumentata rapidamente, in particolare con il periodo della ricostruzione postbellica. A questo scopo sono state fondate società statali che hanno costruito centrali elettriche e reti di distribuzione. Affinché una rete elettrica funzioni, l’elettricità nel sistema deve avere una frequenza stabile e costante (50Hz in Europa). Ciò si ottiene bilanciando produzione e consumo. La frequenza viene stabilizzata in caso di fluttuazioni (ad esempio nel caso di un guasto nel funzionamento di una centrale elettrica) attivando o disattivando la produzione. La produzione di elettricità tramite centrali nucleari o la combustione di combustibili fossili hanno il vantaggio di poter essere regolate con relativa precisione. Tuttavia, il loro principale svantaggio è rappresentato dai prodotti di scarto prodotti durante la conversione in elettricità – come la CO2 o le barre di combustibile radiante – che causano gravi danni al clima. Le fonti di energia rinnovabili come l’energia eolica, solare o idroelettrica sono migliori per il clima, ma sono anche fortemente dipendenti dalle condizioni meteorologiche, inoltre a volte forniscono troppa energia e a volte troppo poca. Per compensare questa situazione, l’energia deve essere immagazzinata nei momenti di alta produttività e recuperata in quelli di bassa produttività.

Tuttavia, l’elettricità è molto difficile da immagazzinare in grandi quantità. Uno dei pochi metodi consolidati sono i cosiddetti bacini di accumulazione, laghi di accumulo situati in una posizione elevata in montagna. Quando si produce più elettricità di quanta se ne consuma, l’acqua viene pompata su per la montagna fino al serbatoio; quando si consuma più elettricità, l’acqua, spinta dalla gravità, torna giù, azionando le turbine che producono elettricità.

Una rete elettrica su larga scala facilita il bilanciamento delle fluttuazioni regionali di consumo e produzione. Grazie alla sua posizione geografica al centro dell’Europa occidentale e ai suoi numerosi impianti di pompaggio in montagna, la Svizzera ha una funzione centrale nella rete elettrica europea, che è nata anch’essa in Svizzera: la stazione di commutazione nota come “Stella di Laufenburg” ha collegato per la prima volta le reti elettriche di Germania, Francia e Svizzera nel 1958 in Argovia.

Il contesto dell’attuale “crisi energetica

Attualmente i prezzi dell’elettricità stanno aumentando in modo massiccio in tutta Europa. La ragione principale addotta dai media è la guerra in Ucraina. La guerra e le sanzioni contro la Russia stanno causando un forte aumento del prezzo del gas naturale. Si potrebbe quindi ipotizzare che il prezzo dell’elettricità prodotta con il gas stia aumentando, mentre le fonti energetiche non interessate dalla guerra mantengono lo stesso prezzo. In Svizzera, la quota del gas nella produzione di elettricità è molto ridotta, ma i prezzi sono in aumento. Secondo la Commissione federale dell’energia elettrica ElCom, ciò è dovuto al fatto che l’elettricità non entra nelle reti locali direttamente dalla produzione locale, ma viene acquistata dai fornitori sul mercato dell’elettricità.

Il mercato dell’elettricità

Ma cos’è in realtà il mercato dell’elettricità? Sebbene le reti di produzione e distribuzione dell’elettricità siano state create dal settore pubblico, a partire dagli anni ’80 sono state sempre più liberalizzate e privatizzate. L’Inghilterra di Margaret Thatcher è stato il primo Paese ad abolire il monopolio pubblico dell’elettricità nel 1984. Dopo una direttiva della Commissione europea del 1996, anche gli altri Paesi europei hanno seguito questo percorso neoliberale: prima abolendo il monopolio delle importazioni e delle esportazioni, poi il monopolio della produzione e della fornitura di elettricità. Infine, anche la rete di distribuzione doveva essere aperta alla concorrenza attraverso un pedaggio (una tariffa per l’utilizzazione della rete).

Ciò significa che gli operatori privati o gli operatori che funzionano come operatori privati (AXPO, ad esempio, la più grande azienda energetica svizzera, è di proprietà dei cantoni ma opera come un’azienda privata) possono ora utilizzare le reti di trasmissione esistenti e allo stesso tempo risparmiare gli elevati investimenti per la trasmissione dell’elettricità. Le infrastrutture costruite dalle aziende pubbliche con i soldi dei contribuenti (linee elettriche, centrali, trasformatori) vengono utilizzate senza pesare con costi di investimenti e di manutenzione, per occuparsi esclusivamente del lucroso commercio di elettricità. Questo modello è stato promosso dalla Thatcher fissando come limite massimo il prezzo dell’elettricità dell’epoca. Pertanto, il libero mercato potrebbe solo abbassare i prezzi, non aumentarli. L’opinione pubblica è stata tacitata offrendo azioni delle società energetiche privatizzate, che sono state presto acquistate dagli stessi oligarchi che avevano comprato le società energetiche.

Poi è arrivata l’argomentazione che tale tetto non poteva essere semplicemente fissato dai politici, che il mercato avrebbe dovuto regolarlo. Un vero mercato dell’elettricità, tuttavia, non è possibile a causa delle infrastrutture, poiché una vera scelta del consumatore richiederebbe una linea separata per ogni fornitore.

È stato invece simulato un mercato in cui il sistema elettrico è stato diviso in tre parti:

1. produzione: ogni impianto di produzione diventa autonomo o parte di un’azienda e compete con altre aziende di produzione per offrire un prezzo all’ingrosso.

2. funzionamento: rete attraverso la quale viene trasportata l’elettricità. Gli operatori di rete acquistano elettricità dai produttori a prezzi all’ingrosso.

3. fornitori: Fornitori di energia che acquistano l’elettricità dagli operatori di rete e la vendono ai clienti finali.

Aste di energia elettrica

Nelle borse dell’energia elettrica, i produttori offrono l’elettricità tramite asta. A differenza delle aste tradizionali, tuttavia, il fornitore con il prezzo più alto “vince”; e questo prezzo si applica anche a tutti gli altri fornitori. Il motivo è il cosiddetto “prezzo marginale” (un prodotto costa quanto costerebbe produrne un’unità aggiuntiva, con i costi dei materiali e della manodopera). In termini di mercato dell’elettricità, ciò significa che il chilowattora (kWh) costa quanto il costo marginale del metodo di produzione più costoso necessario a soddisfare la domanda totale del mercato. Ciò significa che un kWh prodotto da pannelli solari (che hanno costi marginali prossimi allo zero – una volta che il pannello è in funzione, non c’è alcun costo per l’energia del sole) è costoso quanto uno prodotto dal gas (il cui prezzo di approvvigionamento sta salendo alle stelle a causa della guerra in Ucraina). A differenza della Svizzera, in Europa ci sono molte centrali a gas per la produzione di energia a breve termine (ad esempio per la regolazione dell’energia in caso di fluttuazioni nella rete), ma con questo sistema la quota effettiva non gioca un ruolo importante nel prezzo.

Dall’entrata in vigore di questo sistema, il guadagno, cioè la differenza tra i costi di produzione effettivi e il prezzo di vendita dell’elettricità, è triplicato. Se la produzione diventa più costosa, ad esempio a causa di una carenza di gas dovuta alla guerra in Ucraina, questo spiega l’aumento dei prezzi, ma non dei profitti. Come il lettore interessato avrà notato, anche la spiegazione molto semplificata del sistema qui descritto è piuttosto complicata. Questo non è dovuto alla natura della cosa, così come, ad esempio, è complicata la costruzione di un razzo o la regolazione della tensione elettrica. Il sistema è intenzionalmente complicato, in modo che la spudorata massimizzazione del profitto non sia così evidente. Un sistema così complesso non può essere spiegato con mezzi di comunicazione facilmente accessibili nel tempo a disposizione pere discuterne.

L’argomento a favore della liberalizzazione è sempre che una maggiore concorrenza aumenta l’efficienza di un sistema. Ma l’obiettivo principale del capitalismo è la massimizzazione del profitto: se i profitti possono essere aumentati in altro modo, l’efficienza non solo è secondaria, ma viene addirittura ridotta attivamente a seconda che si possano ottenere maggiori profitti. Un esempio concreto: la Gran Bretagna, dove tutto è iniziato, potrebbe produrre energia con l’eolico, il nucleare e il gas (Mare del Nord) in quantità sufficiente ad autoalimentarsi. La Gran Bretagna non sarebbe quindi necessariamente dipendente dal mercato europeo dell’elettricità. Ciononostante, la popolazione britannica sta attualmente soffrendo per l’aumento dei costi.

La soluzione proposta dalla Grecia è stata neutralizzata

In Grecia, il MeRA25 ha proposto che i costi siano fissati dallo Stato sulla base dei costi medi di produzione +5%. Ciò significherebbe comunque che i produttori otterrebbero un certo profitto, ma in Grecia ciò avrebbe comportato una riduzione del prezzo dell’elettricità di ben il 50%. Senza che lo Stato ne paghi le conseguenze.

In effetti, il governo greco ha introdotto tali prezzi, con grande stupore del MeRA25. Finché non hanno dovuto leggere in una nota a piè di pagina della legge che le aste di energia elettrica sarebbero continuate. Ma per cosa? Dopo tutto, i prezzi sono predeterminati dal governo. Come si è visto, la riduzione dei costi non viene trasferita al consumatore, ma ai fornitori, che di solito appartengono alle stesse società dei produttori. Quindi, di fatto, non è cambiato nulla. Questo sistema verrà ora introdotto nel resto dell’UE su suggerimento della Commissione europea. Per “sostenere” i consumatori, si aumenterà invece il debito nazionale, per pagare una parte del prezzo eccessivo. Il tutto per non far calare i profitti delle aziende. Il fatto che la popolazione possa ancora pagare l’elettricità è ovviamente secondario.

Minaccio di fallimento nonostante gli enormi profitti

Molte società energetiche in Europa rischiano il fallimento nonostante le elevate tariffe e gli enormi profitti derivanti dalla vendita di elettricità, ad esempio in Germania. In passato la Germania ha aumentato sistematicamente la sua dipendenza dal gas russo, tanto che alla fine il 70% del gas utilizzato in Germania proveniva dalla Russia. Le aziende che hanno tratto profitto dal gas russo a basso costo sono ora massicciamente colpite dall’aumento dei prezzi. Poiché la Germania ha attualmente un freno al debito che il ministro delle Finanze non vuole togliere, il sostegno diretto con denaro pubblico non può essere preso in considerazione. Tuttavia, le aziende devono essere sostenute in ogni caso, quindi i consumatori devono pagare una tassa in aggiunta al prezzo del gas, già assai eccessivo, che sarà utilizzata per sostenere le aziende interessate. Anche le società energetiche rischiano di fallire perché si sono assicurate contro il calo dei prezzi. Se invece i prezzi aumentano, come accade attualmente, le tariffe assicurative diventano sproporzionatamente più costose perché si assicurano più profitti. I contratti di assicurazione hanno una durata pluriennale e non possono essere semplicemente annullati. Paradossalmente, queste aziende rischiano di fallire perché realizzano profitti troppo elevati. Se queste compagnie vengono salvate dallo Stato, significa che quest’ultimo si accolla un nuovo debito per pagare le tariffe assicurative dei profitti privati.

L’elettricità deve tornare di proprietà pubblica

I problemi attuali sono in gran parte riconducibili alla liberalizzazione della rete elettrica e alla creazione del mercato dell’elettricità. Questa situazione deve essere invertita con urgenza. Nel momento in cui le aziende vengono salvate con il denaro dei contribuenti, la loro proprietà dovrebbe essere coerentemente trasformata in proprietà pubblica. È importante notare che proprietà pubblica non significa proprietà statale; la produzione di energia dovrebbe essere orientata alla domanda invece che al profitto e dovrebbe funzionare secondo criteri ecologici.

Questo permette anche di rilanciare l’urgente necessità di abbandonare i combustibili fossili, dinamica che il libero mercato non incoraggia. A livello globale, nel 2021 si sono registrati circa 700 miliardi di euro, nel 2021 quasi il doppio rispetto al 2020, il che significa che i combustibili fossili sono ancora attivamente promossi.

Ma è anche importante intervenire per alleviare i bisogni più urgenti della popolazione. Potrebbe trattarsi, ad esempio, dell’attuazione della proposta MeRA25, sapendo che si tratta solo di una misura transitoria in attesa di una soluzione reale.

*Articolo apparso sul numero 17 – autunno 2022 – di  antikap (la rivista in tedesco dell’MPS). La traduzione in italiano è stata curata dal segretariato MPS Ticino.

Print Friendly, PDF & Email