Tempo di lettura: 17 minuti

Il regime islamico in Iran è impegnato nella brutale repressione dell’ultima rivolta degli iraniani, che stanchi di quarantatré anni di repressione chiedono un cambiamento. La rivoluzione iraniana del 1979 è stata una reazione popolare di massa alla dittatura dello Shah (1) con la speranza di poter ottenere democrazia, libertà politiche, giustizia sociale e indipendenza nazionale. Sebbene ad essa partecipassero sia forze laiche che religiose, molte delle quali erano stati colpite dal regime dello Shah, in assenza di una leadership laica, in particolare di sinistra, le forze religiose, con il sostegno dei liberali, presero il sopravvento e la rivendicarono come “Rivoluzione islamica”. Buona parte della sinistra, infatuata della retorica populista antimperialista del nuovo regime, in particolare dopo la presa degli ostaggi all’ambasciata americana (2), ha aperto la strada alla propria fine.
Il regime islamico ha attraversato diverse trasformazioni nel lungo periodo post-rivoluzionario. Dopo aver eliminato l’opposizione di sinistra e liberale, si è costituita come un’oligarchia clericale che durante la lunga guerra Iran-Iraq si è trasformata in un’oligarchia clericale/militare. Le politiche di ricostruzione del dopoguerra, il cui segno distintivo erano le denazionalizzazioni e le “privatizzazioni” di grandi industrie, miniere e aziende agricole consegnate ai compari e alle famiglie di chi deteneva il potere, trasformarono il regime in un’oligarchia clericale/militare/imprenditoriale. Le differenze interne nel blocco al potere portarono alla formazione di due fazioni – “riformista” e “principista” – e per alcuni decenni gli iraniani parteciparono a “elezioni” molto limitate, scegliendo il minore dei due mali.
Le politiche neoliberiste adottate dai governi che si sono succeduti hanno portato, tra l’altro, all’allargamento del divario tra i nuovi ricchi e la maggioranza povera. La vera e propria corruzione, cattiva gestione e politiche sbagliate hanno creato gravi crisi economiche, ambientali, sociali e culturali. Perseguendo il sogno del suo padre fondatore (3) di “esportare la rivoluzione islamica”, il regime ha stabilito relazioni con militanti sciiti e altri musulmani in Libano, Gaza, Siria, Iraq, Afghanistan, Bahrain e Yemen, mettendosi in rotta di collisione con gli Stati Uniti Stati e suoi alleati, in particolare con Israele, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Il controverso progetto nucleare del regime ha ulteriormente reso più tese le sue relazioni con l’Occidente, avvicinandosi sempre di più alla Russia e alla Cina. La confluenza di tutte queste crisi ha ulteriormente deteriorato le sue relazioni con una maggioranza crescente del popolo iraniano, portando a rivolte sporadiche e sempre più intense. Trovandosi di fronte a numerosi problemi e perdendo sempre più legittimità, il regime ha fatto ricorso a una maggiore repressione.

Rivolte consecutive e in intensificazione

Nel corso di questi anni, e in particolare negli ultimi due decenni, il regime islamico ha affrontato movimenti e rivolte  in rapida successione di diverse fasce della popolazione in reazione a un’ampia varietà di problemi socio-economici e culturali. La rabbia per decenni di oscurantismo, corruzione dilagante, incompetenza, vere e proprie discriminazioni di ogni tipo, umiliazione e repressione del dissenso hanno creato una situazione in cui qualsiasi scintilla poteva ispirare una rivolta.
La prima grande rivolta si è verificata nel 1999, quando gli studenti universitari di diverse città insorsero contro la chiusura di un giornale “riformista”, chiedendo la libertà di stampa.
Poi nel 2009, durante la rielezione truffa del presidente Mahmoud Ahmadinejad, un “principista” che correva contro un ex primo ministro islamista “riformista”, una massiccia protesta, chiamata “Movimento Verde” (niente a che vedere con l’ambientalismo) portò milioni di persone per le strade attirando l’attenzione del mondo. Questo era principalmente un movimento della nuova classe media con rivendicazioni politiche, ma non si era ancora dissociato dalla religione o dal regime islamico nella sua totalità.
Il 2017 ha visto un altro grande movimento e ha segnato un importante cambiamento politico sia in termini di coinvolgimento di settori poveri della popolazione sia come principali protagonisti, sia nei suoi slogan politici. Scontento dell’inefficacia e dell’opportunismo dei “riformisti”, il principale slogan di questo periodo era “Principisti/Riformisti, questa è la fine del gioco”. L’attenzione era incentrata su questioni economiche, inflazione, disoccupazione e corruzione.
Nel 2018 una serie di rivolte si svolsero in diverse parti dell’Iran, compreso il Bazar di Teheran, tradizionale alleato dei religiosi. L’instabilità delle politiche fiscali e monetarie del regime, le fluttuazioni incontrollate del tasso di cambio e il continuo declino del rial, la moneta nazionale, avevano colpito i commercianti e la classe media tradizionale.
Altri eventi degni di nota in questo periodo furono delle successive azioni sindacali, in modo più marcato, in un grande agrobusiness “privatizzato” e in un’acciaieria in una provincia sud-occidentale del Khuzestan, dove migliaia di lavoratori si sono impegnati in grandi manifestazioni e interruzioni del lavoro.
Nel 2019, la decisione del governo di aumentare drasticamente il prezzo del carburante ha creato una massiccia rivolta che presto ha travolto ogni provincia e centinaia di città in tutto l’Iran. Ha coinvolto molti strati della popolazione, in particolare la piccola borghesia e la classe operaia. I manifestanti chiedevano apertamente il rovesciamento del regime e, per la prima volta, dello stesso capo Supremo.
Nel 2020 le catastrofi ambientali causate prevalentemente dalla cattiva gestione delle risorse idriche in alcune città e aree rurali, sommate ai ricorrenti problemi economici, hanno portato ad un’altra serie di proteste contro il regime. Questo periodo ha visto di nuovo azioni sindacali e interruzioni del lavoro in diverse industrie e miniere, scioperi degli infermieri in diverse città, nonché proteste di gruppi di persone che avevano perso i propri risparmi nella falsa borsa di Teheran.
L’assassinio del generale Qasem Soleimani del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC) da parte degli Stati Uniti, [3 gennaio 2020] pur essendo un duro colpo per il regime islamico, ha creato un’occasione per mobilitare il sostegno pubblico orchestrando massicci cortei funebri.
Ancora, l’abbattimento del volo ucraino 725 da parte dei missili dell’IRGC  [8 gennaio 2020] ha provocato un grande clamore e ha istigato un’altra ondata di manifestazioni che chiedevano la caduta del regime.
Le rivolte sono state in qualche modo ritardate a causa del virus Covid 19 sulle, questo, inoltre, è derivato principalmente dal divieto del capo Supremo sull’importazione di vaccini dall’Occidente.
Per tutto il 2021, il regime ha dovuto affrontare altre proteste in diverse città, per una serie di problemi. Proteste contro il prosciugamento di un grande fiume nell’Iran centrale, risultato delle sbagliate politiche del regime; manifestazioni di contadini, sostenute dagli abitanti delle città, a Isfahan; il regolare picchettaggio dei pensionati contro la cattiva gestione dei fondi pensione sull’orlo della bancarotta; e dimostrazioni di insegnanti e lavoratori a contratto di diversi progetti industriali che manifestavano per una migliore retribuzione, questi tra molti altri esempi.
La reazione del regime a tutte queste proteste e disordini sociali è stata la repressione brutale, gli assassinii, la detenzione e la tortura dei manifestanti e l’accusa di cospirazioni da parte di agenti stranieri, ignorando quindi l’accumulo di rabbia e la frustrazione di un numero crescente di persone di diverse classi sociali.
Nel frattempo, con il pieno sostegno della Guida Suprema Ali Khamenei, i principisti hanno occupato il parlamento e la magistratura islamica, varie fazioni interne sono state messe a tacere e il principista intransigente Ebrahim Raisi – noto come l’Ayatollah della Morte per la sua appartenenza al comitato che ha massacrato migliaia di persone prigionieri politici nel 1988 – è stato nominato presidente.
Il regime si è sentito più fiducioso nel seguire politiche più radicali sia in patria che a livello internazionale. Insoddisfatto dei progressi nel JCPOA – l’accordo nucleare con gli Stati Uniti – e irritato per la precedente reimposizione delle sanzioni da parte degli Stati Uniti e per l’uccisione del generale dell’IRGC preferito da Khamenei, il regime ha intensificato i suoi controversi programmi nucleari e missilistici e allo stesso tempo si è mosso per spingere ulteriormente verso l’”islamizzazione” della società iraniana.
L’accento è stato posto sul simbolo più rappresentativo del regime, l’hijab e il velo forzato imposti alle donne.
Incantato dal suo potere apparentemente assoluto, Khamenei ha commissionato una canzone di propaganda, che è diventata nota come “Hello Commander”, da cantare in tutte le scuole, in cui si chiede il ritorno del Mahdi (Shia Messiah) (4) e si loda il suo rappresentante sulla terra “Sayyid Ali”! (5)

Una rivolta diversa

La morte nel settembre 2022 della giovane donna curda Mahsa Amini sotto la custodia della famigerata polizia morale è stata la scintilla che ha fatto esplodere la polveriera e ha rapidamente travolto l’intero Paese. Rispetto alle sommosse precedenti, l’attuale rivolta, con le sue caratteristiche peculiari, è la più significativa, la più diffusa e la più minacciosa per il potere degli islamici.
Come è stato giustamente osservato, si tratta di una rivolta femminista.
Lo slogan “zan, zendegi, azadi” (Donne, vita, libertà), originariamente coniato dai curdi, è diventato immediatamente lo slogan principale dell’intero movimento, rappresentando straordinariamente le rivendicazioni dei manifestanti. Le donne hanno sofferto più di qualsiasi altro gruppo sociale sotto questo regime. Il velo forzato, l’hijab obbligatorio, ne è stato solo un aspetto, anche se simbolicamente il più importante. Fin dall’inizio, gli islamici al potere hanno considerato le donne come creature al servizio degli uomini e della procreazione, e per votare i candidati scelti dal regime. Hanno cambiato il diritto di famiglia, limitando la maggior parte dei diritti delle donne, tra l’altro, abbassando l’età del matrimonio delle ragazze da 18 a 13 anni, e in molti casi in pratica a 9 anni.
Anche l’attuale rivolta è chiaramente una rivolta dei giovani. Giovani ragazze e ragazzi iraniani sono stati sottoposti a ogni sorta di restrizione culturale e comportamentale. I Millennial e la Generazione Z sono tutti nati sotto il regime islamico e il suo sistema di propaganda, eppure si ribellano così valorosamente contro di esso. Le autorità hanno annunciato che l’età media delle persone detenute durante la recente rivolta (e stiamo parlando di migliaia) è di 15 anni, e tra le centinaia che sono state uccise finora, quasi quaranta erano bambini.
Gli stessi bambini che sono stati costretti a cantare “Hello Commander” e salutare “Sayyid Ali”, hanno iniziato a cantare la canzone “Baraye” (“For…”) – composta da un cantante meno noto, che descrive tutto il malessere dell’Iran sotto i mullah sulla base dei numerosi tweet seguiti all’uccisione di Mahsa Amini. Ben presto si è trasformata nell’inno della rivolta, aggiunto a “morte al dittatore” e “abbasso Sayyid-Ali”! Oltre alle donne e alle ragazze, gli studenti universitari e delle scuole superiori sono gli elementi più attivi delle rivolte, con i campus trasformati in luoghi importanti delle rivolte.
È interessante notare che, a parte importanti motti politici, come “azadi ” (libertà), chiedono uno “ zendegi ma’mouli ” (vita normale)!
Il loro coraggio nell’affrontare i brutali agenti di sicurezza armati in uniforme e in borghese e teppisti, e le loro innovative tattiche di guerriglia di radunarsi e disperdersi in diversi quartieri, hanno stupito il mondo intero.
Un’altra caratteristica importante dell’attuale movimento è che ha collegato il movimento delle donne ai movimenti delle minoranze nazionali, che hanno anch’esse sofferto fin dall’inizio del regime islamico. Le aree curde, da cui proveniva Mahsa Amini, erano il luogo originario della rivolta e continuano ad essere il centro della resistenza. Il regime, accusando le minoranze nazionali di separatismo, ha attaccato intenzionalmente le regioni curde, sperando di provocare una reazione armata. Ha anche bombardato parti del vicino Kurdistan iracheno dove si trovano molte organizzazioni curde iraniane. In un’altra regione, nel Baluchistan iraniano, il regime ha ucciso a colpi di arma da fuoco fedeli sunniti che uscivano da una moschea, uccidendo oltre novanta persone a seguito di una protesta pubblica di massa contro l’aggressione sessuale a un adolescente da parte di un agente di sicurezza. Nessuno di questi trucchi ha funzionato.
L’attuale movimento è di natura strettamente laica, è indipendente dalle organizzazioni politiche dell’opposizione e non ha una direzione centrale.
La continua spontaneità e la mancanza di leadership l’hanno finora fatta andare avanti, ma per portare a compimento le sue richieste di cambiamento, alla fine avrà bisogno di organizzazione e strategia.

Un’altra rivoluzione iraniana?

I manifestanti e molti altri identificano l’attuale rivolta con un’altra rivoluzione iraniana, e in effetti ha l’aura delle prime fasi della rivoluzione del 1979. Tuttavia, le azioni rivoluzionarie del 2022 mancano ancora di molti dei prerequisiti necessari per riuscire a cambiare il sistema politico. Senza dubbio, la stragrande maggioranza delle persone non vuole l’attuale regime. Ma il regime è ancora in grado di mantenere il potere. L’oligarchia islamica può ancora contare sui suoi potenti apparati repressivi, un esercito a due livelli costituito dall’IRGC e dalla milizia Basij, poi le forze armate regolari e la polizia. Ha anche una forte influenza tra le organizzazioni islamiche militanti nella regione e può usarle – come ha fatto nel 2019 in Khuzestan – per sopprimere il proprio popolo.
Sebbene i suoi apparati ideologici ed economici siano stati gravemente indeboliti, ha ancora influenza su milioni di credenti e beneficiari di molteplici fondazioni e istituzioni religiose. Ha anche accesso alla solita folla prezzolata e può ancora organizzare manifestazioni intimidatorie – come ha fatto venerdì 28 ottobre, dopo un attacco “terroristico” molto sospetto contro un santuario religioso nella città meridionale di Shiraz.
A parte la mancanza della necessaria preparazione delle forze rivoluzionarie e di una forte opposizione organizzata in questa fase – come vedremo in seguito – le attuali azioni rivoluzionarie hanno bisogno di sostegno esterno. Il regime senza dubbio si è sempre più isolato a livello internazionale, fatta eccezione per il sostegno opportunistico di Russia, Cina e diversi gruppi e organizzazioni militanti islamiche in Medio Oriente.
Inoltre, temendo un’altra grande turbolenza in Medio Oriente che, tra le altre cose, potrebbe interrompere ulteriormente l’approvvigionamento globale di petrolio e gas, nessuna delle maggiori potenze, nonostante la loro retorica, cerca un “cambio di regime” in Iran.
La guerra in Ucraina è stata molto vantaggiosa per il regime iraniano, anche se il modo in cui è stato trascinato dal governo russo nel sostegno a Mosca nella guerra gli ha creato molti problemi.
L’opposizione progressista, sulla base dell’esperienza passata dell’ingerenza imperialista, è anche correttamente molto contraria a qualsiasi intervento diretto dall’estero.

Il necessario coordinamento di quattro livelli

Le manifestazioni di piazza da sole non possono porre fine a un regime brutale e autoritario. L’avanzamento dell’attuale movimento verso una situazione rivoluzionaria richiede una conduzione su quattro livelli: un coordinamento tra diversi luoghi di resistenza: le strade (città e quartieri), i luoghi di lavoro (fabbriche, ministeri governativi, ecc.), i luoghi di studio (università, scuole), i luoghi di affari (il bazar, grandi e piccole imprese). Attualmente, elementi di questi diversi luoghi, in particolare la strada e le università e le scuole, si sono temporaneamente uniti. In diversi casi, in alcune città, i lavoratori a contratto di diversi progetti industriali, e anche alcuni proprietari di negozi, hanno iniziato scioperi di breve durata. Ma finora, tranne che nelle aree curde, non c’è stata alcuna coordinazione tra queste azioni sporadiche.
Ciò che ha spezzato le reni al regime dello Shah nella rivoluzione del 1979 sono stati gli scioperi dei lavoratori nell’industria petrolifera e in altri importanti stabilimenti industriali. A parte il fatto che l’industria petrolifera non è una fonte di reddito così significativa per il regime islamico come lo era per il regime dello Shah, dal punto di vista organizzativo l’industria ha subito grandi trasformazioni.
Sotto il regime dello Shah questa gigantesca industria era più o meno un unico corpo integrato. Ma sotto il regime islamico, le attività a monte e a valle sono state separate e ciascuna ulteriormente suddivisa in più strati e sotto-strati di numerose società separate, molte delle quali “privatizzate”, ciascuna con un numero significativo di dipendenti temporanei e a contratto. Così è stato per il caso del gas, dei prodotti petrolchimici e della maggior parte delle altre grandi industrie.
Durante la rivoluzione del 1979, quando si formarono i “comitati di sciopero” nell’industria petrolifera e in altre grandi industrie, presto subirono l’influenza della sinistra e si trasformarono in Showras (consigli). Questi consigli svolsero un ruolo fondamentale nel paralizzare l’intera industria. Ora, con centinaia di unità più piccole sparse, tale azione coordinata sarebbe molto più difficile. Inoltre, le disposizioni in materia di sicurezza in queste industrie strategiche sono molto più estese. Il più grande comparto all’interno della compagnia petrolifera è Herassat (sicurezza), con diverse migliaia di dipendenti. Quando, dopo settimane di rinvii in seguito alla morte di Mahsa Amini, alcuni lavoratori e dipendenti dell’industria petrolifera hanno annunciato uno sciopero simbolico di un giorno per protestare contro la brutale repressione dei manifestanti, gli agenti di sicurezza hanno immediatamente arrestato diversi organizzatori e lo sciopero è stato annullato.
L’assenza di sindacati nelle industrie iraniane è un’altra grande difficoltà per le azioni sui luoghi di lavoro, in particolare gli scioperi. Dopo aver soppresso i veri consigli dei lavoratori/impiegati del periodo rivoluzionario, il regime ha creato dei “Consigli islamici” gialli gestiti dai loro complici, tuttavia anche queste organizzazioni fasulle non sono state ammesse nelle grandi industrie strategiche. A dire il vero, nonostante la classe operaia industriale iraniana sia stata altamente segmentata e sottoposta ad una sorveglianza di sicurezza molto più stretta, abbiamo assistito a molti scioperi, blocchi stradali e molte altre forme di azione sindacale negli ultimi quattro decenni.
Ma la mancanza di sindacati significa che non ci sono casse di resistenza che assicurerebbero la sostenibilità di uno sciopero, poiché i lavoratori non hanno risparmi per sostenere le loro famiglie. Durante la rivoluzione del 1979, i grandi mercanti del bazar, storicamente stretti alleati dei mullah, fornivano sostegno finanziario ad alcuni lavoratori del petrolio, e per mantenere gli scioperi venivano inviati sacchi di denaro alle raffinerie e ad altre unità. Tali aiuti non esistono più poiché la maggior parte di quei mercanti sono ora essi stessi parte integrante dell’oligarchia.
Anche i bazar hanno assistito a grandi trasformazioni negli ultimi quattro decenni. Tutti i grandi mercanti, la tradizionale borghesia commerciale dell’Iran, sono stati ricompensati per il loro sostegno agli ayatollah ottenendo grandi quote nelle industrie, nelle miniere e nelle banche che sono state confiscate dal nuovo regime. Hanno formato proprie holding e monopoli commerciali e oggi sono parte integrante della borghesia industriale e finanziaria iraniana. Di conseguenza, nel bazar sono rimasti solo i piccoli commercianti e la tradizionale piccola borghesia e mentre molti di questi sono ancora sostenitori del regime e seguono gli editti religiosi dei loro ayatollah, la maggior parte ha sofferto economicamente sia a causa di politiche sbagliate del governo che dei monopoli commerciali controllati dalle loro controparti più potenti.
I continui blackout di internet da parte del regime per impedire le comunicazioni tra i manifestanti, hanno creato gravi perdite economiche per decine di migliaia di piccole e medie imprese. Diversi scioperi sporadici nei bazar e le chiusure di negozi in diverse città a cui abbiamo assistito durante l’attuale rivolta si riferiscono a queste classi sociali.
Settori significativi dei luoghi di lavoro nella repubblica islamica includono anche un’ampia gamma di istituzioni economiche sotto il controllo dell’IRGC [Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche], e anche le potenti bonyad, le fondazioni religiose che rappresentano oltre il 40% del PIL del Paese. Ovviamente non ci si aspetta che centinaia di migliaia di dipendenti e lavoratori di queste corporazioni, holding e agenzie forniscano alcun sostegno alle rivolte, almeno per ora. Inoltre, i vasti ministeri e agenzie del governo, con oltre 2,3 milioni di dipendenti, finora sono rimasti in silenzio. Tuttavia, se la rivolta continua e si espande, c’è la possibilità che anche questi settori si uniscano alla resistenza. Durante la rivoluzione del 1979, tutte le istituzioni governative formarono i loro comitati di sciopero che in seguito si trasformarono in Showras.
Mentre i collegamenti tra la piazza e i luoghi di lavoro sono stati finora limitati ad azioni sporadiche da parte dei lavoratori a contratto, il collegamento più forte con la strada e gli assembramenti notturni di persone in alcuni quartieri e condomini è stato con le università e le scuole. Infatti, con lo status mutevole delle manifestazioni di piazza, tranne che nelle aree curde e baluchi, le università e le scuole sono diventate i principali centri delle manifestazioni. Tuttavia, nonostante la loro sorprendentemente coraggiosa resistenza di fronte alla forza bruta delle forze di sicurezza e le pesanti perdite che stanno subendo, le manifestazioni e gli scioperi nelle scuole e nelle università da soli non saranno sufficienti a mettere in ginocchio il regime. Sarà essenziale molta organizzazione e strategia per collegare le quattro sfere delle azioni politiche.

Opposizione iraniana debilitata

Una rivoluzione per avere successo ha, soprattutto, bisogno di una forte opposizione organizzata, che attualmente manca in Iran.
Ho descritto gli attuali gruppi politici e le organizzazioni iraniane in una matrice biplot/multidimensionale:

sinistra/destra; laico/religioso; e radicale/moderato, formando quattro categorie di destra laica, sinistra laica, sinistra religiosa e destra religiosa, che raffigurano organizzazioni politiche sparse su tutti questi assi. Dalla parte della destra laica ci sono i realisti che sperano di ristabilire una monarchia sotto l’ex principe ereditario con l’aiuto degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali. Dall’altra parte della sinistra laica c’è una moltitudine di piccole organizzazioni socialiste e comuniste, ciascuna desiderosa di muoversi immediatamente verso una rivoluzione socialista da parte della classe operaia. Nella parte della sinistra religiosa ci sono i Mujahedin Khalgh (MKO), che desiderano portare al potere il loro leader ‘nascosto’ per stabilire uno stato religioso diverso con l’aiuto dei repubblicani americani della linea dura. Nell’angolo più lontano della destra religiosa c’è il regime stesso e la moltitudine delle sue organizzazioni. I suoi cosiddetti “riformisti” sono stati così screditati che è difficile fare distinzioni all’interno delle correnti del blocco dirigente. È ovvio che nessuno di questi gruppi di opposizione agli angoli remoti della matrice è disposto a cooperare tra loro e sono in realtà più impegnati a combattere tra di loro. Al centro della matrice, ci sono una moltitudine di organizzazioni di sinistra moderata, liberali e religiose che chiedono uno Stato democratico laico che sostituisca l’attuale regime. Nonostante l’esistenza di molte lotte intestine anche tra questi gruppi, ci sono stati alcuni sforzi riusciti per l’unificazione o azioni unitarie. Il problema principale per tutti questi gruppi e organizzazioni di opposizione moderati e radicali è che sono tutti sopravvissuti alla rivoluzione del 1979 e sono fuori dall’Iran, con una base di massa quasi nulla all’interno del Paese.
Una grande differenza tra l’attuale rivolta e le precedenti è che ora un numero significativo e crescente della diaspora iraniana si è unito per sostenere le rivolte. Oltre sei milioni di iraniani che vivono fuori dal Paese sono emigrati o si sono rifugiati in Occidente negli anni successivi alla rivoluzione. La stragrande maggioranza appartiene alla nuova classe media, è altamente istruita e ha trovato un punto d’appoggio relativamente forte nei rispettivi Paesi di residenza. Sono diventati sempre più attivi politicamente, ma la stragrande maggioranza non appartiene né sostiene nessuno dei gruppi di opposizione esistenti. L’appello principale a sostenere la rivolta in Iran che ha portato a manifestare centinaia di migliaia di iraniani in oltre 150 città in diverse parti del mondo, è arrivato dal portavoce delle famiglie del volo Ukraine725 abbattuto. Nessuna organizzazione singolarmente o in combinazione con altri gruppi di opposizione potrebbe mobilitare tali raduni, ad esempio, centomila a Berlino, cinquantamila a Toronto, tra gli altri. Anche la diaspora iraniana ha finora avuto molto successo nell’attirare l’attenzione del mondo sulle atrocità del regime islamico in Iran. Tuttavia, nonostante tutte le potenziali capacità, ha bisogno di un’organizzazione che sia sostenuta e di collegamenti tra i gruppi di opposizione della diaspora e, soprattutto, con il movimento all’interno dell’Iran.
Il ruolo della sinistra è qui più significativo, perché tra tutte le organizzazioni politiche esistenti è l’unica corrente che difende i diritti della classe operaia e delle classi inferiori della nuova borghesia, e la sua presenza cauta e misurata nel movimento può avere un impatto positivo sulle mobilitazioni nei luoghi di lavoro. Ciò è particolarmente importante in quanto l’ala destra e i realisti hanno acquisito slancio con il supporto di influenti media al di fuori del Paese. Il problema, tuttavia, è che nell’ampio spettro delle organizzazioni di sinistra, alcune hanno messo da parte apertamente o tacitamente i loro ideali socialisti, e dall’altro estremo, abbiamo un’ampia varietà di piccoli “partiti” comunisti e organizzazioni socialiste radicali che ripetono le prospettive bolsceviche e maoiste del passato e chiedono l’immediata instaurazione della dittatura del proletariato, senza prendere in considerazione le realtà soggettive e oggettive dell’Iran di oggi. Ci sono anche organizzazioni e individui di sinistra che aderiscono al socialismo democratico e alla socialdemocrazia. Se una parte importante della sinistra non riuscirà a formare un fronte di sinistra, sarà ancora una volta la principale perdente degli attuali e imminenti cambiamenti politici in Iran.

Il gioco finale

È molto difficile prevedere la direzione che potrebbe prendere l’attuale rivolta, o se riuscirà a rovesciare il brutale regime islamico al potere, o se, come le rivolte precedenti, sarà soppressa fino a un tempo indeterminato nel futuro. Ci sono molti scenari possibili, a seconda di quanto possono durare le attuali rivolte, della natura e della portata delle risposte del regime. Il regime, come nella fase terminale di altri regimi dittatoriali/oligarchici, ha raggiunto un punto di non ritorno e si trova di fronte a una situazione di emergenza. Se si ritira, le forze del cambiamento faranno più progressi. Se non si ritira, dovrà affrontare uno sconvolgimento rivoluzionario più forte.
Le figure di spicco del regime hanno dichiarato apertamente che non ripeteranno gli errori dello Shah e non si ritireranno e l’improbabilità che il regime stesso si riformi è un fatto provato. Ciò che è immaginabile è che se non può sopprimere o rallentare la rivolta, può ricorrere a ogni sorta di macchinazioni, che vanno da un’acquisizione diretta del governo da parte dell’IRGC per spaventare le forze del cambiamento, o istigare un attacco a un paese vicino e provocare il coinvolgimento di potenze straniere e rivendicare una minaccia alla sicurezza nazionale. Ciò che è sicuro è che, indipendentemente da ciò che accadrà, il regime non è più quello che era o avrebbe potuto essere prima dell’attuale rivolta.
Anche se il regime riuscisse a sopprimere il movimento, questa sarebbe solo una vittoria di Pirro, essendosi così drasticamente indebolito e screditato a livello nazionale e internazionale. L’attuale movimento è sicuramente il più grande chiodo nella bara del regime degli Ayatollah.

*Saeed Rahnema è un pluripremiato professore in pensione di scienze politiche e politiche pubbliche presso la York University, in Canada. È stato direttore della School of Public Policy and Administration di York e direttore della Middle East Economic Association. Nella sua patria, l’Iran, è stato membro anziano dell’Industrial Management Institute di Teheran. Durante la rivoluzione iraniana del 1979 è stato un attivista di spicco nei movimenti di sinistra e del Consiglio operaio. I suoi lavori recenti in inglese includono, The Transition from Capitalism: Marxist Perspectives, (2016, 2019), Palgrave MacMillan; “Imperialismo neoliberista; L’ultima fase del capitalismo”, in Nuova politica, vol. XI, n. 2, primavera 2017; “Socialdemocrazia radicale; A Phase of Transition to Democratic Socialism’, in R. Westra, Robert Albriton e Seongjin Jeong, Alternative Economic Systems: Practical Utopias in the age of Global Crisis and Austerity , (2017), Routledge; “Lezioni della Seconda Rivoluzione:”, in Socialismo e Democrazia , vol. 33 n.2, 2019; e “Lezioni di riformismo socialista: rivisitare le socialdemocrazie tedesche, svedesi e francesi”, in Socialism and Democracy , vol. 36, 2022.Questo articolo è apparso sul sito www.newpol.org

1. Mohammad Reza Pahlavi (26 ottobre 1919 – 27 luglio 1980) è stato l’ultimo Shah (re) iraniano dal 16 settembre 1941 fino al suo rovesciamento l’11 febbraio 1979.  Salito al potere durante la seconda guerra mondiale costrinse suo padre, Reza Shah Pahlavi, ad abdicare. Durante la prima fase del suo regno, il primo ministro Mohammad Mosaddeq (rimasto in carica dall’aprile 1952 al luglio 1953) cercò di limitare il potere dello Shah e varò una serie di riforme economiche, sociali e politiche rivolte a modernizzare il paese. Per un breve periodo l’industria petrolifera di proprietà britannica (l’Anglo-iranian Oil Company) venne nazionalizzata fino a quando un colpo di stato militare, sostenuto dal Regno Unito e dagli Stati Uniti, depose Mosaddegh e ridiede pieni poteri allo Shah, riportando sotto controllo delle compagnie petrolifere straniere il settore energetico. Nel 1963, lo Shah ha cercato di rinnovare le politiche di modernizzazione con la cosiddetta “Rivoluzione bianca” che incontrò l’opposizione della nobiltà terriera, della classe mercantile e del clero sciita, rappresentato quest’ultimo da R.M. Khomeini. Sotto Mohammad Reza Pahlavi i rapporti con  gli Stati Uniti si fecero  sempre più stretti e, pur affermando di volere mantenere uno Stato completamente laico, instaurò un pesante controllo poliziesco con arresti arbitrari e torture da parte della  polizia segreta, la SAVAK,  che represse e schiacciò le aspirazioni democratiche e ogni forma di opposizione politica e religiosa.
2. La “crisi degli ostaggi” fu uno scontro diplomatico-politica fra gli USA e l’Iran quando, in seguito all’occupazione dell’ambasciata statunitense a Tehran da parte di un gruppo di studenti, con il sequestro di 52 diplomatici americani, tenuti in ostaggio dal 4 novembre 1979 al 20 gennaio 1981.
3. Ruḥollāh Moṣṭafāvī Mōsavī Khomeynī (24 settembre 1902 – 3 giugno 1989) è stato il Grande ayatollah (Āyatollāh al-ʿUẓma), capo spirituale e politico dell’Iran. Guida suprema dal 1979 al 1989, il suo governo fu ispirato alla religione islamica sciita di tipo fondamentalista. Con il suo saggio “Velayat-e Faqih” ha ispirato movimenti come gli Hezbollah libanesi. Nel 1963 organizzò una  congiura contro lo Shah che però fallì. Khomeyni così fu obbligato ad un lungo esilio fino al 1º febbraio 1979 quando rientra in Iran e dà vita ad una “repubblica islamica”, diventandone la guida spirituale in quanto riconosciuto”Marja’ al-taglid” (esempio buono e giusto da prendere a modello da parte dei dotti mullah).
4. Figura messianica islamica che si crede appaia alla fine dei tempi per liberare il mondo dal male e dall’ingiustizia.
5. Sayyid Ali, riferimento a Sayyd Ali Hosseini Kamenei attuale Guida suprema dell’Iran in carica dal 1989.

Print Friendly, PDF & Email