Tempo di lettura: 2 minuti

Il riscaldamento globale causato dall’uomo ha continuato ad aumentare a un “tasso senza precedenti” dall’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).

Questa è una delle principali conclusioni del progetto Indicators of Global Climate Change, che mira a colmare il “vuoto di informazioni” tra i rapporti dell’IPCC, che vengono pubblicati ogni sei anni circa e sono spesso criticati perché non sono aggiornati.

Avviato dagli scienziati del clima presso l’Università di Leeds, il progetto pubblicherà “stime aggiornate degli indicatori climatici globali rilevanti per le politiche che seguono la catena causale dalle emissioni al riscaldamento, comprese le emissioni di gas serra, il riscaldamento indotto dall’uomo e il restante bilancio globale del carbonio”. Per coerenza, il progetto utilizza gli stessi indicatori e definizioni dell’IPCC.

Una cinquantina di scienziati del clima di tutto il mondo hanno contribuito al primo “aggiornamento annuale degli indicatori su larga scala dello stato del sistema climatico e dell’influenza umana ” del progetto, pubblicato l’8 giugno sulla peer-reviewed Earth System Science Data.

Tra gli indicatori aggiornati: . Tra il 2013 e il 2022, il riscaldamento globale è stato in media di 1,14°C al di sopra dei livelli preindustriali. Questo è aumentato da 1,07°C tra il 2010 e il 2019.

. Il riscaldamento indotto dall’uomo sta ora aumentando di oltre 0,2°C per decennio.

. L’aumento delle temperature sta determinando “un’intensificazione di molti eventi meteorologici e climatici estremi, in particolare, caldi estremi più frequenti e più intensi e abbondanti precipitazioni nella maggior parte delle regioni del mondo”.

. Tra il 2012 e il 2021, le emissioni di gas serra hanno raggiunto il massimo storico, aggiungendo l’equivalente di 54 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera ogni anno. Si tratta di circa 1.700 tonnellate al secondo.

. Il “budget di carbonio” della Terra – le emissioni che possono essere rilasciate per avere una probabilità del 50% di mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5°C – si sta riducendo rapidamente. Nel 2020, l’IPCC ha calcolato che il budget rimanente era di 500 gigatonnellate di anidride carbonica e altri gas serra. Ora è di circa 250 gigatonnellate.

. Migliorare le probabilità al 66% o all’80% ridurrebbe il budget a 150 e 100 gigatonnellate, che ai ritmi attuali si esauriranno in meno di tre anni..

*la traduzione in italiano è apparsa sul sito https://antropocene.org/ a cura di Alessandro Cucuzza.

Print Friendly, PDF & Email