Tempo di lettura: 6 minuti

In seguito al colpo di stato militare avvenuto in Niger il 26 luglio, la Comunità degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas) ha minacciato di intervenire, anche con la forza, per ripristinare la “democrazia”. Sostenuti da una parte della popolazione, coloro che hanno preso il potere a Niamey rischiano di radicalizzarsi se un’operazione del genere dovesse avere luogo.

Alla fine di agosto dello scorso anno, diverse centinaia di attivisti hanno manifestato davanti all’Assemblea nazionale di Niamey, la capitale del Niger.
Il loro obiettivo era denunciare l’intervento militare straniero nel paese ed esprimere la loro rabbia per l’aumento del costo della vita. Le bandiere russe sono state appese a un monumento, sollevando la preoccupazione degli osservatori internazionali che la Russia stesse sostenendo i gruppi di protesta con l’obiettivo di destabilizzare l’ultimo alleato dell’Occidente – insieme al Ciad – nella lotta contro il terrorismo nel Sahel.
Quando un’altra manifestazione è stata vietata, gli stessi osservatori si sono subito dimenticati di questo primo movimento. Dalla sua elezione all’inizio del 2021, il presidente Mohamed Bazoum ha usato gli stessi strumenti del suo predecessore, Mahamadou Issoufou, per dare l’impressione che tutto andasse bene nel suo paese. E molti hanno voluto crederci.
Ma, in silenzio, i nigerini hanno continuato a esprimere la loro rabbia. Hanno sfogato le loro frustrazioni nei taxi, sui social network e nei gruppi di messaggistica privata sulla mancanza di libertà democratica, sulla presenza delle forze francesi in Niger, sulla povertà e sulle privazioni estreme in un paese ricco di uranio, petrolio e oro.
Per molti di loro, il colpo di stato del 26 luglio 2023, guidato dal generale Abdourahamane Tiani, è la promessa di un vero cambiamento. La loro fiducia nel sistema democratico è tramontata da tempo.

Elezioni contestate

Mohamed Bazoum è salito al potere nell’aprile 2021 a seguito di elezioni contestate, con l’opposizione e gli osservatori indipendenti che hanno rilevato brogli elettorali orchestrati dal suo movimento politico, il Parti nigérien pour la démocratie et le socialisme (PNDS-Tarayya).
La comunità internazionale, compresa la Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (ECOWAS) e l’Unione Africana (UA), che aveva inviato osservatori elettorali, non ha detto nulla al riguardo. Al presidente uscente è stato persino assegnato il premio Mo-Ibrahim 2020, del valore di 5 milioni di dollari in dieci anni.
In Niger è diffusa l’idea che un politico possa diventare presidente solo se ha il sostegno della Francia. Lungi dal combattere questa convinzione, Bazoum ha moltiplicato i segnali per confermarla.
Quando il Mali ha chiesto il ritiro dell’Operazione Barkhane (l’operazione francese in stile colonialista avviata nel 2014 verso quattro stati ex colonie di Parigi: Burkina Faso, Mauritania, Niger e Chad, ndt) nel febbraio 2022, il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che il Niger avrebbe accettato di ospitare parte delle truppe francesi – una decisione che ha suscitato forti polemiche tra i nigerini.
Inoltre, la prima intervista rilasciata da Bazoum per chiarire la posizione del Niger sulla questione è stata rilasciata alla stampa francese, non a quella nigerina.
E, mentre Bazoum cercava di attuare riforme, combattere la corruzione e costruire strade, è stata la sua politica di riduzione del tasso di natalità (attualmente sette figli per donna, uno dei più alti al mondo) ad attirare la maggiore attenzione. Questa politica è molto popolare nei paesi occidentali, ma non riflette le preoccupazioni di gran parte della popolazione nigerina e talvolta viene addirittura vista come un desiderio dell’Occidente di imporre il proprio stile di vita.

Deterioramento della fiducia

La mancanza di fiducia nella democrazia come sistema di governo era diffusa molto prima che Mohamed Bazoum salisse al potere.
Secondo una ricerca condotta nel 2016 nel nord del Niger, gli intervistati hanno espresso dubbi sulla capacità della democrazia di generare un sistema di governo in grado di risolvere i problemi che affliggono il paese. Hanno lamentato che, in una democrazia liberale, il sistema giudiziario è troppo facile da corrompere e che le sentenze sono troppo indulgenti per scoraggiare i criminali.
La disponibilità dei cittadini a pagare le tasse è spesso considerata un indicatore della loro percezione dell’autorità. Nel 2013, l’84% dei nigeriani era d’accordo con l’affermazione che lo stato ha il diritto di costringere le persone a pagare le tasse. Nel 2020, solo il 45% era d’accordo, secondo i dati compilati da Afrobarometro.
È stato sotto Issoufou, al potere dal 2011 al 2021, che si è verificato questo cambiamento. Bazoum era il suo protetto e, sebbene abbia gradualmente cercato di emanciparsi dalla sua influenza, non ha incarnato un cambiamento nel modo in cui il Niger era governato, un cambiamento che molti nigerini chiedevano.
Mentre le varie branche delle forze di sicurezza criticano l’approccio utilizzato nella guerra al terrorismo, il colpo di stato del 26 luglio ha aperto uno spazio – forse temporaneo – per la popolazione, che ha potuto parlare delle ingiustizie.
Una giovane vedova intervistata da una televisione locale durante le manifestazioni ha raccontato come suo marito, membro della gendarmeria, sia stato mandato a combattere i “terroristi”. Ha detto che era mal equipaggiato e che è caduto sul campo di battaglia. La folla intorno a lei ha espresso il proprio cordoglio: “Amin, Amin”.

Nostalgia di Seyni Kountché

Molti nigerini faticano a capire perché l’esercito nazionale non riesca a sconfiggere i gruppi jihadisti che operano ai confini con il Mali e il Burkina Faso.
Ricordano che l’esercito nazionale ha sedato una rivolta tuareg negli anni ’90, e lo ha fatto senza l’intervento occidentale. Gli stranieri si chiedono come i nigerini possano considerare un golpista più accettabile di un leader “democraticamente” eletto. Ma se si chiede a qualsiasi nigerino chi pensa sia stato il miglior leader che abbia mai avuto, spesso risponderà malinconicamente “Kountché”.
Il colonnello Seyni Kountché guidò un colpo di stato nel 1974 e rimase al potere fino alla sua morte nel 1987. Sotto la sua presidenza, il paese ha conosciuto una forte crescita economica alla fine degli anni Settanta, ma anche una crisi negli anni Ottanta.
Tuttavia, i nigerini non ricordano Kountché per la sua gestione economica, ma piuttosto per il suo forte approccio militare, la sua lotta alla corruzione e la sua repressione delle voci dissenzienti.
L’esercito nigerino rassicura tuttora la popolazione e gode di grande simpatia. Certo, negli ultimi anni, di fronte alla crisi della sicurezza, l’esercito non è sempre stato in grado di proteggere i civili dalla violenza dei jihadisti – a volte ha commesso esso stesso dei massacri – e questo lo ha allontanato un po’ dalla popolazione, che ha cominciato a perdere fiducia.
Ma l’esercito ha anche perso diverse centinaia di soldati, un fatto senza precedenti nella storia del conflitto in Niger.

Interpretazioni errate

L’opposizione e alcuni membri della società civile hanno accusato i leader politici di essere responsabili dell’indebolimento dell’esercito, in particolare a causa del subappalto della sicurezza nazionale a forze straniere.
In un’intervista rilasciata a Jeune Afrique nel maggio 2023, quando il presidente Bazoum ha voluto giustificare il fatto che la distribuzione di armi ai gruppi di autodifesa fosse un errore, ha sostenuto che “se i terroristi sono più forti e più preparati dell’esercito, come possono resistere i civili?”.
Sebbene con queste parole il presidente non intendesse mettere in discussione lo spirito combattivo delle forze armate, molti ufficiali sono rimasti feriti da questi commenti e non li hanno digeriti.
La situazione non è affatto simile a quella delle giunte in Burkina Faso e in Mali. E qualsiasi interpretazione secondo cui dietro il putsch ci sarebbe la Russia sarebbe sbagliata. Gli ufficiali che hanno annunciato il colpo di stato il 26 luglio sono generali e alti ufficiali con esperienza di governo, a differenza dei giovani soldati che hanno preso il potere a Ouagadougou e Bamako.
Non c’è stato lo stesso livello di radicalizzazione dell’esercito maliano prima del colpo di stato del 2020. I leader delle varie forze armate del Niger si sono rapidamente riuniti per dichiarare un colpo di stato, ma non è ancora chiaro se vogliano o meno mantenere il potere come ha fatto Kountché.
Sembra che il generale Tiani sia deciso a installare un regime militare, ma allo stesso tempo molti membri delle forze armate sono favorevoli a un ritorno alla democrazia. C’è un precedente in questo senso: il colpo di stato di Salou Djibo nel 2010.
La sera di mercoledì 2 agosto, una settimana dopo l’annuncio del putsch, il generale Abdourahmane Tiani, nominato capo di stato dal Conseil national pour la sauvegarde de la patrie (CNSP), ha dichiarato che il suo obiettivo è creare le condizioni per una transizione pacifica che porti “in tempi relativamente brevi” alle elezioni generali.

Promessa di cambiamento

I negoziati sono necessari per risolvere la crisi, ma l’ultimatum dell’Ecowas, che il 30 luglio ha dato una settimana di tempo ai golpisti per cedere il potere, sta aumentando le tensioni. Negoziare una transizione civile o civile-militare potrebbe richiedere del tempo, che l’organizzazione regionale sembra rifiutare.
Reintegrare Bazoum è la soluzione? L’imposizione di un leader approvato dall’Ecowas non sarebbe certo una soluzione: coloro che si oppongono a un ritorno dei civili al potere stanno già denunciando la morsa delle élite dell’Africa occidentale e della Francia.
A loro avviso, queste élite non si preoccupano della vita della gente comune, delle difficoltà che deve sopportare o dei rischi corsi dalle forze armate nella lotta contro il terrorismo.
Dopo l’indipendenza, l’istituzione militare ha esercitato il potere politico per decenni sotto regimi autoritari o semi-autoritari. Sebbene la semina della democrazia nel continente possa aver posto fine a questa situazione, i militari non sono mai rimasti estranei alla scena politica.
Si tratta di un dato sociale che non deve essere trascurato se si vuole comprendere il rapporto tra potere e stato in Africa. I recenti putsch in Burkina Faso, Guinea, Mali e Niger illustrano la natura a mosaico della gestione del potere politico da parte di civili e militari.
In gran parte della popolazione, le posizioni non si sono ancora radicalizzate. D’altra parte, la maggior parte dei nigerani si oppone all’intervento militare dell’Ecowas. Se ciò accadesse, si formerebbero fazioni molto più radicali, che si stanno già esprimendo in modo poco velato. Le strutture che tenevano in piedi le istituzioni democratiche erano fallibili prima del colpo di stato. Non possono essere reintegrate senza la promessa di un cambiamento radicale.

*dottoranda in Sviluppo internazionale presso la London School of Economics e ricercatrice associata presso il think tank ODI;
**ex vicedirettore del Centre national d’études stratégiques et de sécurité (CNESS, Niamey);
Questo articolo è apparso, nella versione originale francese, sul sito
https://afriquexxi.info/ il 3 agosto 2023.

Print Friendly, PDF & Email