Tempo di lettura: 2 minuti

Greenpeace ha recentemente pubblicato (maggio 2023) un interessante rapporto sulla plastica, sulla sua utilizzazione, sul riciclaggio e sui pericolo per la salute e per l’ambiente che tutto questo comporta. Quello che segue è un breve riassunto dei risultati dello studio, realizzato dalla stessa Greepeace. Lo studio completo è disponibile sia in francese GreenpeaceUSA_ToxiqueaJamais.pdf che in inglese GreenpeaceUSA_ForeverToxic_ENG.pdf). (Red)

L’industria delle materie plastiche, tra cui le società dei combustibili fossili, petrolchimici e dei beni di consumo, continua a proporre il riciclaggio come soluzione centrale alla crisi dell’inquinamento da plastica.

La realtà è che meno del 10% di tutte le plastiche mai prodotte vengono riciclate.
Questa rivelazione induce molti a promuovere obiettivi di riciclaggio più elevati come il modo migliore per risolvere la crisi globale della plastica.
Ad esempio, i membri del U.S. Plastics Pact fanno lobbying per il riciclaggio e l'”uso circolare” della plastica, distogliendo l’attenzione dalla necessità di riduzioni massicce nella produzione globale di plastica e allontanando da loro stessi l’onere di gestire i rifiuti.
Molte imprese di beni di consumo, tra cui Nestlé, Unilever e Coca-Cola, considerano l’uso della plastica riciclata nei loro imballaggi come una parte importante della soluzione, ma non riescono a ottenere riduzioni significative dell’uso complessivo della plastica, e in alcuni casi aumentano l’uso della plastica, o i guadagni significativi nel riutilizzo.


Ma la realtà è che la maggior parte delle plastiche raccolte per il riciclaggio non vengono mai riciclate, e quando le vengono riciclate, contengono un cocktail tossico di sostanze chimiche che le rende inadatte per usi alimentari ed altri utilizzi. Nei fatti, le materie plastiche sono intrinsecamente incompatibili con un’economia circolare.
Senza una drastica riduzione della produzione di materie plastiche, sarà impossibile porre fine all’inquinamento da plastica.
L’attuale discrepanza tra la quantità di plastica prodotta e la quantità riciclata è enorme.
L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) stima che solo il 9% dei rifiuti di plastica viene riciclato a livello globale.
La situazione è destinata a peggiorare in quanto si prevede che la produzione di plastica triplicherà entro il 2060, con un aumento minimo del riciclaggio previsto.
Gli impatti a valle della sovrapproduzione di plastica sono ben documentati, tra cui danni alla salute delle comunità che vivono vicino a discariche e agli inceneritori, prove sulla diffusione della plastica nel corpo umano e sulla devastazione della vita marina.
Secondo le statistiche delle Nazioni Unite, nel 2018 circa 6 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica sono stati scambiati a livello internazionale, in gran parte sotto forma di esportazioni di plastica mista non differenziata da paesi ad alto reddito a paesi a basso reddito, prevalentemente nel Sud e Sud-Est asiatico.
Un rapporto del 2023 ha rilevato che questo numero è probabilmente una sottovalutazione significativa, e ha avvertito che “senza politiche globali per ridurre la produzione di plastica, continuerà ad esserci uno scambio disuguale di rifiuti di plastica da paesi ad alto reddito a paesi a basso e medio reddito” – molti di loro con un PIL inferiore rispetto al fatturato delle principali imprese produttrici di plastica.
Nonostante gli effetti devastanti della sovrapproduzione di plastica e la necessità di accelerare i sistemi basati sulla ricarica e sul riutilizzo, l’industria della plastica continua a sostenere che la crisi globale della plastica può essere affrontata innalzando gli obiettivi nazionali di riciclaggio e aumentando la quantità del contenuto riciclato negli imballaggi in plastica monouso. Ma oltre alle preoccupazioni per la salute associate all’uso di plastica riciclata, l’aumento del riciclaggio di plastica significa l’espansione delle minacce tossiche per la salute e per l’ambiente lungo tutto il flusso di riciclaggio.
Queste minacce hanno un impatto ineguale sulle comunità più vulnerabili.

Print Friendly, PDF & Email