Tempo di lettura: 5 minuti

Negli ultimi giorni della COP28 – l’incontro annuale delle Nazioni Unite per salvare l’umanità dai cambiamenti climatici – è stato annunciato che il prossimo incontro si terrà a Baku, la capitale dell’Azerbaigian.
Siamo ciò che facciamo, non ciò che diciamo“, ha dichiarato il presidente della COP28, il sultano Al Jaber. “Dobbiamo compiere i passi necessari per trasformare questo accordo in azioni tangibili“, ha aggiunto, “abbandonando i combustibili fossili nei sistemi energetici in modo giusto, ordinato ed equo, accelerando l’azione in questo decennio critico per raggiungere lo zero netto entro il 2050 in linea con la scienza” [1].
Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, “i sussidi al consumo globale di combustibili fossili sono raddoppiati rispetto all’anno precedente, raggiungendo il livello record di 1’000 miliardi di dollari” [2]. Il Fondo Monetario Internazionale stima che i sussidi “impliciti ed espliciti” – cioè diretti e indiretti [3] – hanno raggiunto i 7’000 miliardi di dollari lo scorso anno [4]. Se queste cifre sono troppo astratte, si consideri che attualmente l’umanità estrae 101,8 milioni di barili di petrolio al giorno, senza contare il carbone e il gas. E il consumo di energia cresce del 2% all’anno.
Il sultano Al Jaber, oltre a presiedere la COP28, è anche amministratore delegato della compagnia petrolifera nazionale degli Emirati Arabi Uniti, ADNOC. Secondo alcuni rapporti, la compagnia petrolifera e del gas degli Emirati Arabi Uniti ha approfittato della COP28 per rivolgersi alle delegazioni al fine di firmare nuovi accordi sugli idrocarburi [5].
Se vi è piaciuta Dubai, vi innamorerete di Baku.

In marcia verso il mar Caspio

È ovviamente difficile prevedere come l’Azerbaigian potrebbe organizzare la COP29 nel 2024.
L’Azerbaigian non è noto per le sue competenze ambientali o le sue iniziative per combattere il cambiamento climatico. D’altra parte, Baku è storicamente associata al petrolio. Si tenga presente che nel 1900 Baku produceva la metà del petrolio mondiale. L’Azerbaigian è esperto nella produzione e nell’esportazione di idrocarburi. Ancora oggi, oltre il 90% del totale delle esportazioni nazionali è costituito da petrolio e gas.
In Azerbaigian non esiste un partito ambientalista. Tuttavia, il 12 dicembre 2022 è sorto un “movimento” per bloccare il corridoio di Latchine in nome della salvaguardia del pianeta, chiedendo la fine delle attività estrattive nel Nagorno-Karabakh. Né la polizia azera né i “caschi blu” russi sono intervenuti per cacciarli e aprire il cammino. In realtà, i manifestanti erano essi stessi agenti del governo azero. Hanno bloccato la strada di Latchine fino all’aprile 2023, quando sono stati sostituiti dall’esercito azero. L’Azerbaigian ha un movimento “ambientalista” ufficiale che ha partecipato attivamente ad affamare la popolazione del Nagorno-Karabakh [6].
Il presidente azero Ilham Aliyev [in carica dall’ottobre 2003] non ha “abilità” negoziali. Anche nel pieno dei negoziati con l’Armenia e i governanti de facto del Karabakh, ha lanciato la sua terza guerra lo scorso settembre, attaccando il Nagorno-Karabakh, causando centinaia di vittime e ripulendo etnicamente il Karabakh dalla sua popolazione autoctona. Ilham Aliyev manca anche di “abilità” nella risoluzione dei conflitti. Ha detto: “Come si può raggiungere la pace con mezzi militari? Abbiamo dimostrato che esiste una soluzione militare al conflitto. Quindi il conflitto è stato risolto“. [Aliyev crede che la guerra sia pace e la pace sia guerra.
D’altra parte, in Azerbaigian ci sono vere e proprie proteste ambientali. A giugno, gli abitanti del villaggio di Soyudlu, situato in una remota regione montuosa, hanno protestato contro le attività minerarie della società britannica Anglo Asian Mining, che inquinavano le fonti d’acqua del villaggio. Le autorità azere hanno inviato la polizia per reprimere gli abitanti del villaggio e hanno imposto l’assedio al villaggio. In Azerbaigian, i falsi ambientalisti sono agenti del governo, mentre i veri ambientalisti vengono picchiati e mandati in prigione [8].
Mukhtar Babayev, ministro dell’Ecologia e delle Risorse naturali dell’Azerbaigian, ha dichiarato che il suo Paese è “pienamente impegnato negli sforzi globali” per combattere il cambiamento climatico, che “entro il 2020, il 30% dell’elettricità del suo Paese sarà generata da energie rinnovabili” e che le “aree liberate” saranno zone a zero emissioni di carbonio [9].
Abzas Media è uno dei pochi media indipendenti ad aver raccontato la repressione della polizia a Soyudlu. Il suo direttore, Ulvi Hasanli, è stato arrestato il 20 novembre e “picchiato o maltrattato” secondo Amnesty International [10]. A tutt’oggi è ancora in carcere. Da allora, sono stati arrestati anche altri tre giornalisti di Abzas Media, Mahammad Kekalov, Sevinj Vagifgizi e Nargiz Absalamov, oltre a Teymur Karimov, direttore del canale indipendente Kanal11, e Aziz Orujov, direttore di Kanal13. Il 13 dicembre 2023, le autorità hanno arrestato Hafiz Babaly, un altro giornalista indipendente che stava indagando sulla corruzione del governo. Pochi giorni prima, e dopo l’annuncio della candidatura dell’Azerbaigian a ospitare la COP29, sono stati imprigionati tre direttori di media indipendenti e diversi altri giornalisti.
In preparazione della COP29, l’Azerbaigian sta eliminando ogni traccia di giornalismo indipendente. Non ci sarà più nessun giornalista che non ripeta la propaganda di Mukhtar Babayev, nessuno che sottolinei che l’intera economia dell’Azerbaigian contribuisce al cambiamento climatico invece di risolvere il problema e che la cosiddetta “neutralità del carbonio” sarà raggiunta in territori dove il suo governo ha ucciso e deportato l’intera popolazione.
Sul fronte diplomatico, l’Azerbaigian è noto per la sua “diplomazia del caviale“: milioni di dollari distribuiti all’estero per comprare influenza attraverso i politici, che hanno permesso di “mettere a tacere il Consiglio d’Europa” [11]. Nel luglio 2023, le autorità azere hanno arrestato il professore di economia Goubad Ibadoghlou, un rinomato economista azero, che aveva osato fare ricerche e scrivere sulla corruzione nella politica azera e nel settore energetico.

Il cambiamento climatico è già arrivato a Baku

Le precipitazioni stanno diminuendo a causa del cambiamento climatico e, nell’ultimo secolo, il 50% dei ghiacciai è scomparso [12]. Il livello del Mar Caspio è sceso di un metro e, entro la fine del secolo, si prevede che si abbasserà di altri 9-18 metri, perdendo dal 23 al 34% della sua superficie [13]. In alcune zone dell’Azerbaigian, come Sheki [nel nord-ovest del Paese], è già stato registrato un aumento medio della temperatura di 1,5°C rispetto alle temperature medie del 1970. Secondo diversi modelli, entro la fine del secolo l’aumento della temperatura media potrebbe essere compreso tra 4 e 6°C. Entro la fine del secolo, il cambiamento climatico renderà gran parte delle pianure dell’Azerbaigian inabitabili e inadatte all’agricoltura [14].
Quindi, se stiamo parlando di un “Paese vittorioso“, come potrebbe apparire una sconfitta?

*articolo apparso il 15 dicembre 2023 sul sito www.alencontre.org. Traduzione in italiano a cura del segretariato MPS.

[1] https://www.reuters.com/business/environment/countries-push-cop28-deal-fossil-fuels-talks-spill-into-overtime-2023-12-12/

[2] https://www.iea.org/reports/fossil-fuels-consumption-subsidies-2022

[3] Secondo un articolo del blog del FMI del 24 agosto 2023 (Simon Black e Ian Parry), i sussidi espliciti si riferiscono alla “sottovalutazione dei costi di fornitura” e i sussidi impliciti alla “sottovalutazione dei costi ambientali e alla perdita di entrate per la tassazione dei consumatori”. (NdR)

[4] https://www.imf.org/en/Publications/WP/Issues/2023/08/22/IMF-Fossil-Fuel-Subsidies-Data-2023-Update-537281#:~:text=Globalmente%2C%20sussidi%20ai%20carburanti%20fossili%20erano,riscaldamento%20e%20inquinamento%20locale%20dell’aria.

[5] https://www.politico.eu/article/uae-cop28-climate-oil-gas-deal-leak-sultan-ahmed-al-jaber/

[6] https://time.com/6257467/armenia-azerbaijan-nagorno-karabakh-lachin-environment-icj/

[7] https://president.az/en/articles/view/62400

[8] https://iwpr.net/global-voices/azerbaijani-authorities-crack-down-eco-protests

[9] https://oc-media.org/controversy-as-cop29-to-be-held-in-azerbaijan/

[10] https://www.amnesty.org/en/latest/news/2023/11/azerbaijan-significant-concerns-about-detained-journalist-ulvi-hasanli/

[11] https://www.esiweb.org/pdf/esi_document_id_131.pdf

[12] Nicolas Ahouissoussi et al (eds.), Building Resilience to Climate Change in South Caucasus Agricultural, Washington D. C., The World Bank, 2014, pagina 67. C., Banca Mondiale, 2014, pagina 67.

[13] Matthias Prange, Thomas Wilke e Frank P. Wesselingh, “The other side of sea level change”, Nature, 1:69 (2020): https://www.nature.com/articles/s43247-020-00075-6.

[14] Quarta Comunicazione Nazionale al Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, Ministero dell’Ecologia e delle Risorse Naturali Repubblica dell’Azerbaijan/UNDP Azerbaijan, 2021: https://unfccc.int/sites/default/files/resource/FNC%20report.pdf

Print Friendly, PDF & Email