Tempo di lettura: 5 minuti

La notizia della morte del più importante leader dell’opposizione russa, Alexey Navalny, in un campo di prigionia nell’Artico è scioccante, ma non del tutto inaspettata. La sua morte evidenzia l’evoluzione politica della Russia negli ultimi due decenni, sottolineando che il dissenso dall’interno non è più possibile.

Alexei Navalny è stato l’ultimo politico pubblico a rappresentare una vera sfida al Cremlino, ma il suo tentativo di rovesciare il regime è fallito molto prima di quella che sembra essere stata la sua morte “prematura” in carcere, all’età di 47 anni.

I suoi calcoli irrealistici sull’impatto del suo ritorno in Russia nel 2021 hanno portato allo smantellamento dei resti di qualsiasi opposizione organizzata che non fosse sanzionata – e controllata – dallo stato russo.

Alexei Navalny è finito in prigione, i suoi sostenitori sono stati arrestati o sono fuggiti all’estero. Di conseguenza, quando è avvenuta l’invasione dell’Ucraina, ci sono state pochissime manifestazioni di piazza per opporsi.

Attivo nella politica russa da oltre 20 anni, Alexei Navalny si è concentrato soprattutto sull’identificazione e l’eliminazione della corruzione statale, un problema quasi senza limiti nella Russia moderna.

Ha adottato nuovi metodi per portare le sue indagini a un pubblico più ampio possibile, anche su Internet, in particolare attraverso il suo canale YouTube. Alcuni dei suoi filmati più popolari vengono visti decine di milioni di volte.

Ma le indagini sulla corruzione e sui blog non sono state sufficienti a mettere in discussione la posizione di Putin nella politica russa. Di conseguenza, Alexei Navalny si è sempre più rivolto all’azione diretta e alle manifestazioni di massa in strada.

Il suo periodo di massima presa pubblica è stato nel 2011, quando le accuse di brogli diffusi nelle elezioni della Duma del dicembre 2011, insieme all’annuncio del ritorno di Putin alla presidenza nel settembre 2010, hanno portato decine di migliaia di manifestanti nelle strade di Mosca.

Sebbene le proteste non siano state organizzate da Navalny, il suo carisma e la sua retorica più radicale lo hanno reso il volto più visibile delle manifestazioni, mettendo in ombra leader dell’opposizione più affermati come Boris Nemtsov, assassinato il 27 febbraio 2015 sul ponte Bolshoi Moskvoretsky vicino al Cremlino, un luogo particolarmente sicuro.

Tuttavia, le proteste di massa del 2011-2012 non hanno impedito la rielezione di Putin nel marzo 2012 e alla fine si sono estinte.

Ma le proteste hanno spinto il Cremlino a cambiare rotta e a sperimentare la possibilità per l’opposizione di candidarsi alle elezioni. Il principale beneficiario è stato Alexei Navalny, che è stato registrato per le elezioni del sindaco di Mosca nell’estate del 2013.

Questa è stata l’unica vera possibilità per Navalny di conquistare il potere nel sistema elettorale russo, rigidamente controllato.

Ha fatto una campagna elettorale entusiasmante e ha ottenuto un rispettabile 27% dei voti. Ma ha anche mostrato i limiti della sua influenza. Mosca era all’epoca una delle città più favorevoli all’opposizione in Russia, una delle poche regioni in cui Putin aveva ottenuto meno del 50% alle elezioni presidenziali del 2012.

Se l’opposizione poteva davvero sfidare il Cremlino, era a Mosca. Ma l’affluenza è stata estremamente bassa (32%) e il sindaco in carica, Sergei Sobyanin, ha ottenuto il 51% necessario per evitare il secondo turno contro Alexei Navalny.

Questo risultato è indicativo del problema dell’opposizione: la sua dipendenza dai limiti di un nucleo di sostenitori impegnati, la cui fiamma per il cambiamento non si è diffusa a tutta la popolazione.

L’ultimo lancio di dadi

Nella Russia di oggi, le elezioni sono un dato di fatto, ma rappresentano anche una potenziale vulnerabilità per il Cremlino. Il Cremlino deve trovare un delicato equilibrio tra il controllo delle elezioni e la loro legittimazione. Un controllo eccessivo o una frode vera e propria riducono il valore legittimante delle elezioni.

Questo può portare a risultati potenzialmente destabilizzanti, come dimostrano le manifestazioni di massa a Mosca nel 2011 e in Bielorussia nel 2021, e come è accaduto durante le elezioni ucraine del 2004, che hanno portato alla prima “rivoluzione arancione”.

Alexeï Navalny lo ha capito e ha fatto della sua partecipazione alle elezioni presidenziali del 2018 il suo obiettivo principale.

La sua strategia è stata quella di creare abbastanza problemi alle autorità nel periodo precedente al voto, in particolare attraverso varie manifestazioni di piazza, per costringerle a permettergli di presentarsi come candidato ufficiale a queste elezioni.

A tal fine, ha creato una rete regionale di sedi Navalny che ha operato in parallelo con la sua principale organizzazione anticorruzione, la FBK (Fondazione anticorruzione). Questo ha dato ad Alexei Navalny una potenziale portata nazionale, a differenza della vecchia opposizione Mosca-centrica.

Questa strategia non ha prodotto il risultato sperato, ovvero l’iscrizione di Alexei Navalny nelle liste elettorali. Ma sembra aver scosso abbastanza le autorità da indurle ad affrontare il “problema Navalny”.

Veleno e carcere

Nell’agosto 2020, Alexei Navalny si è ammalato durante un volo e, secondo i medici tedeschi che lo hanno curato, è sfuggito a una morte quasi certa a causa di un agente chimico del tipo Novichok.

Rientrato dalla Germania nel gennaio 2021, è stato immediatamente arrestato al suo arrivo a Mosca. Le manifestazioni di massa che ne sono seguite sono state insolite per la loro portata regionale, ma non sufficienti a sfidare realmente il Cremlino.

Le autorità hanno invece messo al bando le strutture russe legate a Navalny e hanno arrestato o costretto alla fuga le persone che lavoravano per loro.

Il destino di Alexei Navalny è diventato il principale pomo della discordia per Mosca nelle sue relazioni con i governi e i media occidentali. Alexei Navalny è stato oggetto di inevitabili contatti ad alto livello con le autorità russe; il consigliere per la sicurezza nazionale di Joe Biden, Jake Sullivan, ha avvertito che la Russia avrebbe subito le conseguenze della morte in carcere di Alexei Navalny.

Ma tutto questo è diventato irrilevante dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina alla fine del febbraio 2022. Da un giorno all’altro, il destino di Navalny è sembrato meno importante nel contesto della più grande guerra che l’Europa abbia visto dal 1945.

Il programma di Navalny di creare un numero di proteste interne sufficiente a rovesciare il regime è diventato obsoleto quando sono state applicate le nuove leggi anti-opposizione e la maggior parte dei suoi più accaniti sostenitori è fuggita dal paese.

Alexei Navalny ha cercato di rimanere rilevante difendendo le sue idee dal carcere, in particolare chiedendo la fine della guerra con la cessione di tutto il territorio ucraino, compresa la Crimea [anche se nel 2014 si era dichiarato favorevole alla sua annessione da parte della Russia, ndt], e il pagamento di risarcimenti all’Ucraina. Non è certo che abbia conquistato sostenitori in Russia, ma di certo ha fatto appello agli esuli e ai governi occidentali.

L’Occidente e i suoi alleati hanno imposto un livello di sanzioni senza precedenti alla Russia e hanno fornito all’Ucraina il sostegno militare necessario per sconfiggere Putin sul campo di battaglia. Non c’è letteralmente nient’altro che l’Occidente possa fare per punire la Russia per il destino di Navalny.

Non resta che la dittatura

Alexei Navalny è stato chiaramente un politico molto coraggioso e carismatico che ha rappresentato la sfida interna più significativa al regime di Putin in oltre un decennio. Non si è mai avvicinato a sfidare il governo di Putin e forse ha spesso sopravvalutato il livello di sostegno di cui godeva in Russia.

Con la notizia della sua morte “prematura” in carcere, resta da chiedersi se avrebbe potuto fare di più dal suo esilio in Occidente. Si sarebbe unito a una lunga lista di leader dell’opposizione russa, dall’ex oligarca Mikhail Khodorkovsky al campione di scacchi Garry Kasparov, che non hanno praticamente alcuna influenza su ciò che accade in Russia.

Ma il rifiuto di Alexei Navalny di seguire questa strada e la sua convinzione della propria importanza sono proprio ciò che lo ha distinto nella politica russa.

In definitiva, la morte di Alexei Navalny pone fine all’epoca in cui la politica era politica in Russia. Oggi esiste solo l’autoritarismo personale di Putin.

*docente senior di Storia dell’Europa moderna presso la Queen’s University di Belfast. L’articolo è apparso sul sito The Conversation

Print Friendly, PDF & Email