Tempo di lettura: 5 minuti

Pubblichiamo l’intervista a alle attiviste di Feministytchna maïsternia (Feminist Workshop), organizzazione di donne fondata nel 2014 con l’obiettivo di creare uno spazio per lo sviluppo della comunità femminista nel paese.

Dopo due anni di guerra, come vedete la situazione in Ucraina? Negli ultimi due anni, la società ucraina ha subito cambiamenti drammatici nel suo modo di vivere e nelle sue visioni. Questa trasformazione è evidente anche tra le attiviste femministe e le donne in generale.

La guerra ha scatenato un dibattito sul fatto che i movimenti femministi debbano essere chiaramente antimilitaristi. In un momento in cui le ucraine si trovano ad affrontare la minaccia dell’annientamento fisico, la posizione antimilitarista di alcune femministe occidentali sembra essere un privilegio, cieco di fronte alle minacce e ai pericoli reali che le donne ucraine affrontano quotidianamente.
Le femministe ucraine hanno adottato un messaggio chiave in questi tempi difficili: l’Ucraina ha bisogno di armi. Ha bisogno di armi difensive, come i sistemi di difesa aerea per proteggere i cieli dai continui attacchi missilistici russi che devastano le città ucraine e uccidono i civili, e di armi offensive per riprendere i territori occupati dall’aggressore.
La guerra ha colpito tutti in Ucraina. Mentre alcune regioni sembrano “normali” e prive di ostilità dirette, gli attacchi missilistici e le costanti minacce della Russia persistono. Quasi tutti hanno un parente che presta servizio nell’esercito o hanno perso qualcuno nel corso degli anni. Gli ucraini sono costretti a far fronte a traumi personali e collettivi, all’incertezza sul futuro, alle minacce militari quotidiane e alle difficoltà di tutti i giorni, mostrando al contempo capacità di recupero e facendo appello al sostegno e all’assistenza internazionale.
Purtroppo, negli ultimi due anni, l’interesse generale per l’Ucraina è scemato, mentre le sfide che la società ucraina deve affrontare non sono diminuite. Queste sfide continuano ad esistere o si stanno evolvendo in nuove forme. I problemi vanno da come soddisfare le esigenze di migliaia di sfollati dalle città in prima linea a come fornire elettricità alle città durante il bombardamento delle infrastrutture energetiche. Gli ucraini devono costantemente dimostrare flessibilità, creatività e resilienza per affrontare le nuove sfide poste dalla guerra.
Le donne, come tutti gli ucraini, sono state costrette ad adattarsi ai nuovi ruoli e alle nuove sfide poste dalla guerra su larga scala. Molte femministe prestano servizio nell’esercito o si offrono volontarie per rispondere alle esigenze del fronte. Le organizzazioni femminili ucraine continuano il loro lavoro, rispondendo ora anche alle esigenze derivanti dalla guerra, come l’aiuto agli sfollati interni e la soluzione di altre sfide. Le esigenze delle donne nella società ucraina sono aumentate notevolmente. L’insicurezza economica e sociale sta aumentando, insieme alla perdita di posti di lavoro. Molte donne hanno perso casa e lavoro e sono state lasciate sole quando i loro mariti sono stati mobilitati per il fronte.
L’Ucraina non ha ancora una voce riconosciuta in molte discussioni internazionali. Spesso viene privata dei mezzi per agire dalla comunità internazionale e viene vista come una zona di influenza della NATO o della Russia. Gli ucraini devono lottare non solo per la loro sopravvivenza fisica, ma anche per il diritto di rappresentarsi e difendere i propri interessi, preservando sempre la propria libertà d’azione. Questi problemi riguardano anche le femministe ucraine, che non devono solo pensare alla loro sopravvivenza e fornire assistenza nel paese, ma anche affrontare le incomprensioni e gli atteggiamenti talvolta paternalistici delle femministe occidentali.
Tuttavia, ci sono stati anche cambiamenti positivi per la società femminista ucraina. Nel giugno 2022, il governo ucraino ha ratificato la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica.
Questa è stata una delle principali richieste delle femministe ucraine per diversi anni e un passo verso una maggiore integrazione dell’Ucraina nell’UE. Inoltre, le donne soldato ucraine stanno difendendo attivamente i loro diritti nell’esercito, il che ha portato a cambiamenti nell’organizzazione militare e ad adattamenti per soddisfare meglio le esigenze delle donne.
La percezione del femminismo in Ucraina sta cambiando. La società sta iniziando ad abbandonare gli stereotipi sulle donne attiviste. Sta emergendo una rappresentazione collettiva di donne attiviste militari, attiviste che aprono rifugi e aiutano a risolvere problemi umanitari e donne volontarie, tra le altre cose.
Questo cambiamento sta contribuendo a creare nuovi legami con i partner e a modificare la percezione generale del femminismo.

Qual è la situazione attuale della vostra associazione e dei vostri progetti?

Con l’inizio dell’invasione russa su larga scala, il Feministytchna maïsternia (Workshop femminista) è stato costretto ad ampliare il proprio ambito di attività.

La guerra su larga scala non solo ha amplificato i problemi sociali esistenti, ma ha anche creato nuove sfide che ci hanno spinto in nuove direzioni.
Il nostro team ha creato Crisis Response, il cui compito principale è aiutare le donne e i bambini colpiti dalla guerra.
Uno dei gruppi a cui rivolgersi sono gli sfollati interni. Abbiamo visto che le persone costrette a lasciare le loro case hanno bisogno di sicurezza, sostegno, comunicazione, svago, realizzazione personale e sviluppo.
Questi bisogni sono fondamentali ed essenziali per la vita umana. Per questo abbiamo creato dei rifugi, spazi sicuri che aiutano a creare fiducia nella comunità, ad aumentare la coesione sociale e a coinvolgere gli sfollati nella vita comunitaria. Dalla loro creazione, i rifugi hanno accolto 80 persone, alcune con i loro animali domestici (tre gatti, due topi, due cani). Inizialmente abbiamo allestito tre rifugi, e oggi uno di essi è ancora attivamente operativo.
Ci siamo subito resi conto che le donne e i bambini colpiti dalla guerra non avevano bisogno solo di un alloggio, ma anche di un sostegno complesso per superare le loro esperienze traumatiche e vivere appieno la loro vita. Forniamo anche assistenza individuale per risolvere i problemi quotidiani dei residenti del rifugio.
Un altro aspetto importante del nostro sostegno è stata l’organizzazione di gruppi per i figli delle donne sfollate, un programma di sostegno per le donne anziane a basso reddito, corsi di alfabetizzazione digitale e supporto psicologico per la comunità. E l’elenco continua.
Nonostante gli sforzi attivi della nostra organizzazione per far fronte alle sfide di un’invasione su larga scala, nuove sfide stanno portando a spese impreviste, come l’acquisto di generatori per mantenere l’ufficio in funzione durante gli attacchi alle infrastrutture energetiche del paese. Il reperimento di fondi per le nostre attività esistenti e nuove sta diventando sempre più difficile. L’imprevedibilità e la complessità della pianificazione delle nostre attività, la difficoltà di rispondere alle richieste dei partner occidentali durante un’invasione su larga scala e l’esaurimento generale contribuiscono a rendere la raccolta di fondi un’ulteriore sfida.

Quali sono le vostre speranze per il 2024?

La speranza è un privilegio che non possiamo permetterci durante un’invasione su larga scala.
Ci sono azioni concrete e sostegno di cui abbiamo bisogno e che chiediamo. Come organizzazioni femministe ucraine che lavorano per difendere i diritti umani e aiutare le donne a superare le conseguenze dei conflitti armati, abbiamo una profonda conoscenza del contesto e delle attuali esigenze del nostro pubblico, nonché dei modi migliori per fornire questa assistenza.
Senza il sostegno finanziario, informativo e umanitario, non saremo in grado di lavorare in modo sistematico e di creare un cambiamento. Non solo speriamo che il Feminist Workshop continui le sue attività e che disponga di risorse finanziarie e umane sufficienti: ci battiamo costantemente per questo.
Siamo anche stanche di essere escluse dalle discussioni sui possibili modi di aiutare le donne ucraine. Quest’anno per noi è fondamentale far sentire la voce delle femministe ucraine sulle piattaforme internazionali, difendendo le loro esigenze e rivendicando il loro diritto ad avere voce in capitolo nelle discussioni globali. In generale, vogliamo solo sopravvivere nel 2024, in tutti i sensi. E come tutti gli ucraini, crediamo nel nostro obiettivo principale e lottiamo ogni giorno per raggiungerlo: la vittoria dell’Ucraina e la fine dell’aggressione russa.

* testo apparso sul sito pressegauche.org

Print Friendly, PDF & Email