Tempo di lettura: 4 minuti

La lotta degli agricoltori sta attraversando tutta l’Europa. Le rivendicazioni sono assai simili. Da un lato vi sono le decisioni di carattere ambientale (decise dall’Unione Europea) che, seppur giusta da un punto di vista ecologico, vanno a pesare sul reddito degli agricoltori; dall’altro la continua diminuzione del reddito degli agricoltori e dei  lavoratori agricoli diretta conseguenza della pressione da parte delle multinazionali sui prezzi dei prodotti agricoli. Tutti gli studi dimostrano quanta distanza vi sia tra il prezzo di un prodotto agricolo pagato dal consumatore e il misero prezzo riconosciuto all’agricoltore per lo stesso prodotto.
Si tratta di due questioni intimamente legate alla logica capitalistica che, da ormai alcuni decenni, ha investito il mondo agricolo europeo; una logica nella quale la spinta verso una sempre produttività e la pressione sui prezzi alla produzione hanno messo in ginocchio il settore, a beneficio della grande distribuzione e delle multinazionali.
Qui di seguito pubblichiamo una presa di posizione che alcuni esponenti dei maggiori sindacati agricoli francesi hanno reso pubblica alcuni giorni fa e che aiuta a capire le dinamiche in atto. (Red)

La mobilitazione del mondo agricolo sta mettendo in luce uno scandalo. Da un lato, un numero sempre maggiore di agricoltori non riesce più a vivere del proprio lavoro. Dall’altro, i prezzi dei prodotti alimentari sono alle stelle e sempre più lavoratori hanno difficoltà a nutrirsi adeguatamente. Perché? Perché la ricchezza prodotta viene captata dalla finanza, dalle multinazionali del cibo e dai supermercati, i cui margini di profitto stanno raggiungendo livelli record. Sono le stesse persone, i padroni dell’industria alimentare e i padroni dei supermercati, che lavorano insieme per abbassare i salari degli agricoltori e sfruttare i loro dipendenti. Le cause del malessere sono le stesse e le richieste sono le stesse: guadagnarsi da vivere dignitosamente con la propria professione. Chiediamo ai lavoratori e agli agricoltori di unirsi per porre fine al furto del loro lavoro da parte delle multinazionali e degli azionisti.

Il movimento degli agricoltori arrabbiati deve permetterci di rivalutare il nostro lavoro. Ricordate: durante il Covid, si sottolineava l’importanza dei lavori di pubblica utilità: agricoltori, assistenti, netturbini, camionisti, cassieri e insegnanti. A che punto siamo oggi con questi lavoratori? È sempre più difficile trovare un posto dove vivere, nutrirsi adeguatamente e avere un tenore di vita decente! Per non parlare dell’ingiusta e iniqua riforma delle pensioni, per la quale gli agricoltori si sono mobilitati a fianco degli altri lavoratori, fornendo prodotti dalle loro fattorie per “alimentare la lotta”.

Il dibattito pubblico sulle condizioni di lavoro e sui livelli retributivi degli agricoltori deve consentire di riorientare le politiche pubbliche per servire l’interesse generale e i lavoratori della terra. Se non ci sono agricoltori che lavorano, non ci sarà cibo nei nostri piatti. Punto e basta. Questi uomini e queste donne che si alzano giorno dopo giorno, si prendono cura della terra e degli animali, sono indispensabili a tutti noi per poter svolgere le attività individuali o collettive della vita quotidiana.

Indebitati e insicuri

Eppure una percentuale significativa di agricoltori vive al di sotto della soglia di povertà, indebitata e dipendente da un sistema economico disumano. Per quanto riguarda i braccianti e i lavoratori stagionali, essi combinano insicurezza, bassi salari e duro lavoro. Il mondo agricolo è in un certo senso “a parte”, perché i diritti sociali concessi a questa professione sono estremamente esigui: nessun diritto al riposo, pensioni miserevoli, soprattutto per le donne contadine, un drammatico declino dei servizi pubblici nelle nostre campagne… È uno scandalo! L’unica risposta che ricevono è una corsa al rialzo. Per cercare di ottenere un reddito decente, devono produrre sempre di più, diventare sempre più grandi e indebitarsi. Di conseguenza, gli agricoltori si ritrovano a dipendere dal settore agroalimentare, legati mani e piedi, e gli agricoltori vengono trasformati in “agri-manager” obbligati a perseguire una logica padronale.

Siamo disposti a vedere il mondo dell’agricoltura continuare a deperire sotto i nostri occhi, con l’obiettivo finale di delocalizzare l’azienda agricola francese? Negli ultimi cinquant’anni, la superficie delle aziende agricole è quadruplicata e il numero di agricoltori è quadruplicato. Che senso ha questa corsa al gigantismo? Che senso ha costringere gli agricoltori francesi a produrre sempre di più per inondare i Paesi emergenti di polli in batteria e latte in polvere?

La storia è iniziata con questa logica di liberalizzazione sostenuta dall’OMC. L’industria francese non è stata in grado di resistere al dumping sociale e ambientale. La produzione  francese è stata delocalizzata. I lavoratori ne hanno pagato il prezzo. E gli agricoltori hanno già pagato un prezzo pesante. È ora di rompere con il dogma del libero scambio, che sta soffocando il sistema agroalimentare e gli agricoltori, mettendo i lavoratori di tutto il mondo gli uni contro gli altri e trascinando verso il basso i diritti sociali e ambientali.

Imporre un prezzo minimo per proteggere gli agricoltori

La risposta alla mobilitazione sta nel riconoscimento del lavoro e nella fine della mercificazione dell’agricoltura. È necessario imporre un prezzo minimo per proteggere gli agricoltori dalle multinazionali. È tempo di subordinare l’ingresso di materie prime e beni nel mercato europeo al rispetto di standard ambientali e sociali. È ora di armonizzare i diritti sociali e ambientali in tutta Europa.

Invece, per evitare di mettere in discussione le rendite dell’agroindustria, il governo e i grandi proprietari agricoli stanno deviando il dibattito sugli standard ambientali. Metterli in discussione sarebbe un drammatico passo indietro. Con il loro lavoro, gli agricoltori hanno un impatto diretto su metà della superficie francese, sulla nostra salute, sul nostro cibo, sulla nostra acqua – in breve, sulla nostra vita quotidiana. Colpiti duramente dal crescente numero di disastri naturali, pagano anche un prezzo elevato per l’inquinamento: il cancro è la prima causa di morte tra gli agricoltori.

Così come i lavoratori del settore automobilistico soffrono per la delocalizzazione della loro industria con il pretesto del cambiamento ambientale, anche gli agricoltori devono fare i conti con la proliferazione delle norme ambientali, che vedono come tanti ostacoli in un momento già difficile della loro vita quotidiana. Mettere in contrapposizione le questioni sociali e ambientali è l’impasse su cui prosperano l’estrema destra e le politiche neoliberiste. Come possiamo superare questa situazione e affrontare di petto e insieme l’emergenza sociale ed ecologica? Avendo finalmente il coraggio di affrontare il capitale!

Sempre più francesi vogliono mangiare cibo di qualità ma non possono permetterselo. Sempre più agricoltori vogliono cambiare il modo di produrre adottando pratiche agro-ecologiche, ma non hanno abbastanza sostegno per compiere questa costosa transizione. È necessario aumentare i salari e il valore del lavoro, rivedere la distribuzione dei sussidi e procedere a una profonda revisione del modello agricolo. Sono queste le questioni da affrontare se vogliamo che tutti possano vivere del proprio lavoro e mangiare cibo di qualità prodotto localmente!

*testo pubblicato sul quotidiano francese Libération il 1° febbraio 2024. La traduzione è stata curata dal segretariato MPS.

Laurence Marandola, portavoce della Confédération paysanne, Sophie Binet segretaria generale della CGT, Murielle Guilbert e Simon Duteil co-portavoce di Solidaires, Benoît Teste segretario generale della FSU, Pierre Thomas presidente del Modef.

Print Friendly, PDF & Email