Tempo di lettura: 4 minuti

Noi sottoscritti siamo rimasti profondamente scioccati nell’apprendere che il 13 febbraio il dottor Boris Kagarlitsky (65 anni), intellettuale socialista russo di spicco e attivista contro la guerra, è stato condannato a cinque anni di carcere.

Il dottor Kagarlitsky è stato arrestato con l’assurda accusa di “giustificazione del terrorismo” nel luglio dello scorso anno. Dopo una campagna globale che ha dimostrato la sua fama mondiale di scrittore e critico del capitalismo e dell’imperialismo, il processo si è concluso il 12 dicembre con un verdetto di colpevolezza e una multa di 609.000 rubli (6550 dollari).

L’accusa ha poi presentato ricorso contro la condanna ritenendola “ingiusta per la sua eccessiva clemenza” e sostenendo falsamente che il dottor Kagarlitsky non era in grado di pagare la multa e non aveva collaborato con il tribunale. In realtà, il dottor Kagarlitsky aveva pagato la multa per intero e aveva fornito al tribunale tutto ciò che gli era stato richiesto.

Il 13 febbraio una corte d’appello militare lo ha condannato a cinque anni di carcere e gli ha vietato di gestire siti web per due anni dopo il suo rilascio.

L’inversione della decisione originaria del tribunale è un insulto deliberato alle molte migliaia di attivisti, accademici e artisti di tutto il mondo che rispettano il dottor Kagarlitsky e hanno partecipato alla campagna globale per il suo rilascio. La legge russa utilizzata contro il dottor Kagarlitsky proibisce di fatto la libertà di espressione. La decisione di sostituire la multa con la reclusione è stata presa con un pretesto del tutto inventato. Senza dubbio, l’azione del tribunale rappresenta un tentativo di mettere a tacere nella Federazione Russa le critiche alla guerra del governo in Ucraina, il che sta trasformando il paese in una prigione.

Il processo farsa contro il dottor Kagarlitsky è l’ultimo di un’ondata di brutali repressioni contro i movimenti di sinistra in Russia. Le organizzazioni che hanno costantemente criticato l’imperialismo, occidentale o no, sono ora sotto attacco diretto, e molte di esse sono state messe al bando. Decine di attivisti stanno già scontando lunghe pene solo perché non sono d’accordo con le politiche del governo russo e hanno il coraggio di parlare. Molti di loro sono torturati, sottoposti a condizioni che li mettono in pericolo di vita, privati delle cure mediche di base nelle colonie penali russe. I politici di sinistra sono costretti a fuggire dalla Russia a causa delle accuse penali. I sindacati internazionali come IndustriALL e la Federazione Internazionale dei Trasporti sono messi al bando in Russia e qualsiasi contatto con loro comporta lunghe pene detentive.

Il motivo di questa repressione della sinistra russa è evidente. Il pesante tributo della guerra genera un crescente malcontento tra la massa dei lavoratori. I poveri pagano questo massacro con le loro vite e il loro benessere, e l’opposizione alla guerra è sempre più grande tra i più poveri. La sinistra ha il messaggio e la determinazione per smascherare il legame tra guerra imperialista e sofferenza umana, ma tutti quelli che ne parlano apertamente sono persegiutati in Russia.

Il dottor Kagarlitsky ha risposto alla decisione oltraggiosa del tribunale con calma e dignità: “Dobbiamo solo vivere un po’ di più e sopravvivere a questo periodo buio per il nostro paese”, ha detto. La Russia si sta avvicinando a un periodo di cambiamenti e sconvolgimenti radicali, e la libertà per il dottor Kagarlitsky e altri attivisti è una condizione per far sì che questi cambiamenti prendano un corso progressivo.

Chiediamo il rilascio immediato e senza condizioni per Boris Kagarlitsky e tutti gli altri prigionieri di coscienza incarcerati perché contrari alla guerra.

Chiediamo inoltre alle autorità della Federazione Russa di fermare la crescente repressione del dissenso e di rispettare la libertà di parola e il diritto di protesta dei loro cittadini.

Prime/i firmatari/e

  • Naomi Klein, Scrittrice (Canada)
  • Jeremy Corbyn, Politico britannico, leader del partito laburista dal 2015 al 2020, membro del Parlamento (Regno Unito)
  • Jean-Luc Mélenchon, Copresidente dell’Institut la Boétie, candidato dell’Union populaire alle elezioni presidenziali del 2022, Francia
  • Slavoj Žižek, Filosofo, teorico culturale e intellettuale pubblico sloveno
  • Tariq Ali, Scrittore (Regno Unito)
  • Yanis Varoufakis, Scrittore e leader politico (Grecia)
  • Judy Rebick, Scrittrice e attivista femminista (Canada)
  • Mikhail Lobanov, Politico e attivista sindacale (Russia)
  • Myriam Bregman, Deputato nazionale (Argentina)
  • Nicolás del Caño, Deputato nazionale (Argentina)
  • Christian Castillo, Deputato nazionale (Argentina)
  • Alejandro Vilca, Deputato nazionale (Argentina)
  • Fernanda Melchionna, Deputata federale (Brasile)
  • Sâmia Bomfim, Deputata federale (Brasile)
  • Walden Bello, Focus sul Sud globale (Filippine)
  • Luciana Genro, Deputata di Stato, Rio Grande do Sul (Brasile)
  • Kavita Krishnan, Attivista per i diritti delle donne (India)
  • Piotr Ostrowski, Presidente dell’Alleanza dei sindacati di tutta la Polonia (Polonia)
  • Bernd Riexinger, Membro del Bundestag (Germania)
  • Janine Wissler, Deputata del Bundestag (Germania)
  • Gregor Gysi, Deputato al Bundestag (Germania)
  • Dietmar Bartsch, Membro del Bundestag (Germania)
  • Andrej Hunko, Membro del Bundestag (Germania)
  • Martin Schirdewan, Membro del Parlamento europeo (Germania)
  • Richard Boyd-Barrett, TD (Irlanda)
  • John McDonnell, Deputato (Regno Unito)
  • Gabriel Nadeau-Dubois, Leader parlamentare di Québec Solidaire (Canada)
  • Fredric Jameson, Università di Duke (USA)
  • Étienne Balibar, Università di Parigi-Nanterre (Francia)
  • Lin Chun, Scuola di Economia di Londra (Regno Unito/Cina)
  • Baba Aye, Sindacalista/redattore, Socialist Worker (SW, Nigeria) e membro del Consiglio, Progressive International (PI)
  • Kohei Saito, Università di Tokyo (Giappone)
  • Claudio Katz, Università di Buenos Aires (Argentina)
  • Luis Bonilla-Molina, Otras Voces en Educación (Venezuela)
  • Reinaldo Iturriza López, sociologo (Venezuela)
  • Patrick Bond, Università di Johannesburg (Sud Africa)
  • Lindsey German, Coalizione Stop the War (Regno Unito)
  • Alex Callinicos, King’s College London (Regno Unito)
  • Andrej Hunko, membro del Bundestag (Germania)
  • Jodi Dean, (USA)
  • Hobart-William Smith (USA)
  • Qui l’elenco completo delle/dei firmatari/e
  • Qui per sottoscrivere la petizione
  • La petizione è disponibile anche su change.org
Print Friendly, PDF & Email