Tempo di lettura: 11 minuti

Pubblichiamo questa intervista al politologo marxista Ilya Budraitskis, esponente del Movimento socialista russo, a cura di Ashley Smith, scrittore e attivista americano, redattore di numerose pubblicazioni (Truthout, The International Socialist Review, Socialist Worker, ZNet, Jacobin, New Politics, ecc.), da Truthout (Copyright © Truthout)

Il gruppo terroristico Stato Islamico Provincia del Khorasan (ISIS-K) ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, in cui un gruppo di terroristi ha ucciso e ferito centinaia di persone che partecipavano a un concerto rock nella periferia di Mosca. Anche i funzionari degli Stati Uniti hanno attribuito all’ISIS-K la responsabilità dell’attacco. Ma il presidente Putin e altri funzionari russi hanno rilasciato dichiarazioni che cercano di coinvolgere l’Ucraina nell’attacco – una mossa retorica progettata per sviare l’attenzione dal fallimento del suo regime nel fermare l’attacco e per accrescere il sostegno all’escalation della sua guerra imperialista.

Tutto questo si svolge all’indomani delle elezioni presidenziali russe truccate, in cui tutti i candidati dell’opposizione sono stati banditi e Putin si è assicurato una vittoria schiacciante. Con il suo nuovo mandato, previsto fino al 2030, diventerà il più longevo governante del paese dopo il dittatore sovietico Joseph Stalin. Presentando le elezioni come una conferma del sostegno popolare al suo regime, Putin è pronto a consolidare il suo dominio reazionario all’interno della Russia e a espandere la sua guerra imperialista in Ucraina.

Nella conversazione che segue, il socialista russo Ilya Budraitskis condivide i suoi pensieri sull’attacco terroristico, le elezioni, il governo di Putin, la natura del regime di Putin e la traiettoria della guerra. Budraitskis è un teorico politico e attivista russo, autore di Dissidents Among Dissidents: Ideology, Politics, and the Left in Post-Soviet Russia, e fa parte del comitato editoriale del sito web socialista russo Posle.media.

***********

Cosa è successo nel terribile attacco terroristico di Mosca? Chi c’è dietro? Come hanno risposto le autorità russe e Putin? Come useranno l’attacco in Russia e nella loro guerra imperialista all’Ucraina?

Un gruppo di terroristi è entrato al Crocus City, una sala concerti di Mosca, armato di mitragliatrici e ordigni esplosivi. Hanno attaccato le guardie di sicurezza private, hanno sparato ai presenti e hanno fatto esplodere i loro ordigni, scatenando un incendio e uccidendo almeno 133 persone e ferendone oltre 100.

Le forze di sicurezza russe hanno arrestato 11 persone, quattro delle quali stavano cercando di fuggire dal paese verso la Bielorussia o l’Ucraina. I quattro erano lavoratori migranti provenienti dal Tagikistan, una repubblica dell’Asia centrale ed ex repubblica sovietica, e hanno confessato l’attacco, affermando di essere stati pagati 5.000 dollari per compierlo.

Subito dopo, senza uno straccio di prova, i funzionari e i notiziari russi hanno incolpato l’Ucraina e hanno persino insinuato il coinvolgimento degli Stati Uniti. Putin ha ritardato qualsiasi discorso pubblico nella speranza di trovare o produrre prove da usare contro l’Ucraina.

Quando ha parlato alla televisione nazionale, 20 ore dopo, ha affermato che l’Ucraina stava cercando di aiutare i terroristi a fuggire dalla Russia. I commentatori dei media ufficiali russi hanno anche denunciato tutti i lavoratori migranti provenienti dall’Asia centrale, come se tutti condividessero una sorta di colpa collettiva per l’attacco.

Nessuna di queste accuse è credibile. Subito dopo l’attacco, i portavoce ucraini hanno negato qualsiasi coinvolgimento e hanno avvertito che Putin avrebbe incolpato l’Ucraina e avrebbe suscitato sostegno per la sua guerra. Ovviamente l’attacco ai migranti è solo razzismo e xenofobia.

Per quanto riguarda le accuse agli Stati Uniti, Washington aveva in realtà informato la Russia di un imminente attacco da parte dell’ISIS-K, un’ala dell’ISIS con sede in Afghanistan, che ha preso di mira la Russia per aver decimato le sue forze in Siria e per aver appoggiato il dittatore siriano Bashar al-Assad. Dopo l’attacco, Washington ha incolpato l’ISIS-K di averlo compiuto.

Questo gruppo ha rivendicato la responsabilità e probabilmente è il colpevole. L’ISIS-K potrebbe aver raggiunto il vicino Tagikistan attraverso l’Afghanistan per assicurarsi i servizi degli attentatori.

Putin ha inizialmente respinto gli avvertimenti di Washington come disinformazione e propaganda della paura. Ma le sue forze di sicurezza hanno arrestato diverse persone accusate di essere agenti dell’ISIS. Ma evidentemente non hanno preso sul serio l’avvertimento, non hanno sradicato tutti i suoi agenti a Mosca e non sono riusciti a fermare l’attacco.

Tuttavia, Putin ha continuato a cercare di coinvolgere l’Ucraina. È chiaro che intende strumentalizzare l’attacco per giustificare la repressione interna e la guerra imperialista in Ucraina.

È così che ha risposto ai precedenti attacchi terroristici. Per esempio, quando i militanti ceceni sequestrarono una scuola a Beslan e presero più di 1.100 ostaggi, egli fece una dissennata irruzione nella scuola, provocando la morte di centinaia di persone, mettendo fine alle elezioni democratiche dei governatori regionali e inasprendo drammaticamente la guerra in Cecenia.

Prevedo che oggi Putin seguirà lo stesso copione. Imporrà ulteriori misure repressive, non solo contro i presunti terroristi, ma anche contro qualsiasi dissenso al suo governo in Russia. Il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitry Medvedev ha già proposto il ripristino della pena di morte.

È probabile che Putin voglia anche suscitare il sostegno patriottico per una possibile nuova offensiva in Ucraina. In questo modo, potrebbe aggravare questa tragedia con la repressione in patria e la morte e la distruzione all’estero.

Passiamo ai risultati delle elezioni russe. Naturalmente non sono una sorpresa. Putin ha ottenuto l’87% dei voti. Dato che l’opposizione è stata schiacciata e i candidati contrari alla guerra sono stati banditi, come dobbiamo interpretare questo risultato? Quanto riflette il sostegno popolare al regime, quanto è il risultato di un sostegno forzato e quanto è il risultato di un’acquiescenza passiva?

I risultati delle elezioni non hanno sorpreso. Erano come tutti gli altri nella carriera di Putin; l’esito era preordinato e truccato. Ma questa volta ci sono state alcune differenze. Ha ottenuto una vittoria di livello nordcoreano, cosa che non aveva mai fatto in passato.

Nel 2000, quando fu eletto per la prima volta presidente, vinse con solo il 52% dei voti. In altre elezioni ha ottenuto meno del 70% e nella sua ultima elezione del 2018 ha ottenuto il 76%.

Per ottenere l’87% dei voti, ha abbandonato persino la finzione della democrazia. Il suo regime ha realizzato una delle elezioni più falsificate della storia. Questa è la conclusione condivisa dalla maggior parte degli analisti delle elezioni russe, ad eccezione dei lealisti del regime e dei loro apologeti.

Il livello di falsificazione è difficile da esagerare. Hanno falsificato i risultati, riportando numeri che non corrispondevano a quelli reali. Per consentire la manipolazione delle elezioni, Putin ha distrutto l’intera infrastruttura di osservatori indipendenti.

Ad esempio, il regime ha bandito l’organizzazione non governativa Golos (“Voce”), che era stata la principale organizzazione a formare osservatori elettorali indipendenti. La maggior parte dei suoi organizzatori è stata imprigionata o cacciata dal paese.

Di conseguenza, Putin ha avuto mano libera per consegnare un risultato elettorale completamente in contrasto con i sondaggi pre-elettorali indipendenti. Secondo uno di questi, solo il 50% ha dichiarato di voler votare per Putin.

Un altro 40% ha dichiarato di non essere sicuro di chi voterà e di non voler dichiarare pubblicamente la propria preferenza. Quindi, è chiaro che non ha il sostegno dell’87% della popolazione russa.

La cosa importante da capire di questa cosiddetta elezione è che era obbligatoria e supervisionata. Per esempio, i capi azienda, soprattutto nel settore pubblico, non solo hanno richiesto ai loro lavoratori di votare, ma anche di condividere una foto della loro scheda elettorale.

Ovviamente, la minaccia era che se non avessero votato per Putin, avrebbero perso il lavoro. Le elezioni sono state quindi il prodotto di una combinazione distopica di una dittatura totalitaria estrema e di un capitalismo di sorveglianza.

In questo senso, non ha molto senso chiamarle elezioni. Putin le sta già usando per consolidare il suo controllo ideologico sulla società russa, presentando i risultati come una conferma del fatto che tutti sono allineati al suo progetto nazionale e imperiale.

Nelle aree occupate dell’Ucraina, le elezioni sono state ancora più truccate e bizzarre. Nella cosiddetta Repubblica Popolare di Donetsk, il 95% ha sostenuto Putin. Le forze di occupazione hanno prodotto questo risultato sotto la minaccia delle armi.

Nel risultato forse meno credibile di tutti, Putin ha “vinto” le elezioni ad Avdiivka, una città appena distrutta dall’esercito russo, che ha cacciato la maggior parte della popolazione. Ciononostante, Putin si è assicurato un sostegno schiacciante nella città.

Sia in Russia che nell’Ucraina occupata, queste elezioni sono state una farsa. I risultati sono il prodotto della coercizione e della falsificazione sistematica.

Nel periodo precedente alle elezioni, Putin ha fatto uccidere Aleksej Naval’nyj per inviare un segnale all’opposizione interna e internazionale al suo regime. Ciononostante, la sua vedova, Yulia Navalnaya, ha invitato a protestare alle urne. Quanto sono state grandi? Qual è il loro significato?

L’appello di Navalnaya, che ho appoggiato totalmente, non è mai stato concepito per influenzare l’esito delle elezioni, che, come ho detto, è stato interamente predeterminato dal regime. L’idea era invece di approfittarne per mobilitare l’opposizione politica.

Ricordiamo che tutte le riunioni pubbliche non autorizzate sono state vietate e qualsiasi dissenso politico, soprattutto contro la guerra in Ucraina, è stato accolto con una brutale repressione. Un numero incalcolabile di persone è stato gettato nelle carceri di Putin.

Navalnaya ha approfittato dell’obbligo da parte del regime a votare per invitare l’opposizione a recarsi alle urne a mezzogiorno del 17 marzo. La risposta è stata sorprendentemente positiva, con un numero significativo di adesioni all’appello.

Le autorità russe temevano molto la protesta programmata. Nei giorni precedenti le elezioni, hanno chiesto a molte persone di presentarsi alle stazioni di polizia e hanno minacciato che se si fossero presentate sarebbero state arrestate e multate per un’azione di massa illegale.

Inoltre, hanno soppresso le informazioni sull’appello. Ricordiamo che tutti i siti web dell’opposizione, come Meduza, sono stati bloccati. Tuttavia, secondo un sondaggio indipendente, quasi un quarto dei russi aveva sentito parlare dell’azione.

Naturalmente, i numeri che sono emersi non si sono avvicinati a questa percentuale. Ma il fatto che la gente si sia presentata in massa dimostra l’opposizione a Putin e alla sua guerra imperialista in Ucraina.

Il regime di Putin e il capitalismo russo sono stati sorprendentemente resistenti, nonostante la guerra, il tentativo di colpo di Stato di Yevgeny Prigozhin e le sanzioni occidentali. Come lo spieghi?

La ragione principale della stabilità economica della Russia è la sua industria petrolifera. Non è sottoposta a sanzioni e con il prezzo del petrolio ancora molto alto, la Russia è riuscita a mantenere la crescita economica e la redditività.

Allo stesso tempo, il prezzo della guerra è molto alto. Secondo le stime, l’esercito consuma circa il 40% del bilancio del regime. Questa economia degli armamenti può anche alimentare la crescita, soprattutto dei produttori di armi, nei prossimi anni o due, ma tali spese non sono sostenibili a lungo termine.

Il petrolio e l’economia militare non hanno cambiato il modello economico neoliberale di Putin. Ci sono state alcune nazionalizzazioni temporanee di aziende, ma i beni sequestrati sono stati rapidamente venduti ad altri proprietari fedeli al regime.

In questo senso, non si è trattato di una nazionalizzazione in senso tradizionale. Si è trattato semplicemente di una redistribuzione della proprietà. Ciò ha comportato una certa ricomposizione della classe dirigente russa, ma senza modificarne la struttura fortemente privatizzata.

Putin ha anche usato la guerra per assicurarsi il sostegno di soldati professionisti altamente pagati. Essi guadagnano molto di più dei normali lavoratori di altri settori pubblici e privati.

Ma questa economia di guerra non è sostenibile a lungo. Alla fine le sue contraddizioni mineranno la sua crescita e, con esse, le contraddizioni del sistema politico riemergeranno, provocando un nuovo ciclo di instabilità e crisi.

Come userà Putin la sua vittoria elettorale truccata a livello nazionale per la sua guerra neocoloniale in Ucraina?

Già prima delle elezioni, Putin si era vantato in un discorso davanti al Parlamento che la maggioranza assoluta dei russi sosteneva la sua “operazione militare speciale”. Quindi, interpreterà il voto truccato come una conferma della sua presa ideologica sul popolo russo.

Ma questa è arroganza. C’è infatti una diffusa insoddisfazione per il protrarsi della guerra, anche tra i sostenitori di Putin. Molti di loro hanno votato per lui pensando: “Ha iniziato questa guerra e dovrebbe finirla”.

Putin ha ignorato questo sentimento. Durante la campagna elettorale, non ha mai parlato di come avrebbe ripristinato la pace. Ha invece continuato a ripetere l’idea che la Russia fosse in guerra per l’esistenza con l’Occidente e che dovesse continuarla ed espanderla ad altri paesi.

Una minoranza della società russa sostiene questo progetto, probabilmente circa il 10-20%. Ma la maggioranza vuole che venga ripristinata la pace. Certo, non vogliono che la Russia sia sconfitta militarmente, ma vogliono che questa guerra finisca ad un certo punto.

Questi sentimenti stanno crescendo e potrebbero creare una crisi per il regime in futuro. Ma per ora, la sua risposta è ignorare questi sentimenti o rispondere ad essi con campagne di indottrinamento patriottico per fomentare il sostegno a una guerra di espansione.

L’ex presidente Dmitry Medvedev, che ora è vicepresidente del Consiglio di Sicurezza, ha reso gli obiettivi di Putin molto chiari in un discorso tenuto pochi giorni prima delle elezioni. Ha dichiarato che la Russia intendeva “liberare” Odessa, rivendicarla come città russa ed eliminare l’Ucraina come stato nazionale.

Ha poi proposto la propria formula di pace in alternativa a quella proposta dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Ha dichiarato che l’Ucraina non è una vera nazione, ma un territorio che dovrebbe essere spartito tra Russia, Polonia e Romania.

Naturalmente, l’unico modo per realizzare ciò è la conquista e il sequestro totale dell’Ucraina da parte della Russia. Questo è l’opposto della pace. È una ricetta per una guerra imperialista e un’occupazione coloniale senza fine.

Molti si aspettano un’escalation della guerra in Ucraina. Ciò richiederà una maggiore mobilitazione delle truppe russe? Come reagirà la popolazione russa? Si scatenerà una resistenza?

È difficile dire se le autorità mobiliteranno altre truppe russe. Fino a poco tempo fa, hanno fatto tutto il possibile per evitare una seconda ondata di mobilitazione.

Naturalmente, ora, dopo le elezioni, che secondo loro hanno dimostrato il totale sostegno dei russi alla guerra, potrebbero avviare una nuova mobilitazione. Allo stesso tempo, sono abbastanza intelligenti da sapere che sarebbe molto impopolare.

Quindi, per ora è probabile che continuino a pagare stipendi enormi ai cosiddetti soldati volontari. Ma se intendono portare avanti un’offensiva su larga scala, dovranno mobilitare i soldati di leva.

Potrebbero abbinare questa nuova mobilitazione alla promessa di riportare in patria coloro che sono stati arruolati nel 2022 e schierati in prima linea negli ultimi due anni. Questo potrebbe placare le crescenti richieste di mogli e parenti che chiedono a quei soldati di tornare a casa.

Ma la gente sopporterà questa guerra e questa mobilitazione solo per un tempo limitato. E i soldati che tornano porteranno con sé le storie del mattatoio in Ucraina, qualcosa di destabilizzante per il regime.

Quindi, quanto è stabile il regime di Putin e il capitalismo russo? Quali sono i problemi e le linee di faglia del sistema?

C’è un problema profondo nella stessa costruzione politica di questo regime. In uno dei suoi recenti discorsi, Putin ha tradito una certa consapevolezza di questo problema. Ha dichiarato che la vecchia élite forgiata attraverso la privatizzazione della proprietà statale dell’Unione Sovietica è ormai superata e che è necessario istituire una nuova élite.

Ha detto che una nuova, vera élite dovrebbe essere reclutata tra gli eroi provenienti dalle prime linee. In realtà, Putin sta costruendo una nuova élite, non da loro, ma dai figli della sua ristretta cerchia di amici che controllano le grandi aziende di stato e l’industria privata.

I loro genitori stanno invecchiando e Putin sa di dover affrontare un problema di riproduzione di una cricca e di un regime fedeli. Quindi, vede i loro figli come suoi futuri fedelissimi nello stato e nelle aziende russe.

Questo è il segno di un regime profondamente personalistico, in cui Putin si fida solo delle persone che considera amiche. Ma il numero di amici del dittatore è limitato, quindi l’unico modo per ampliarlo è reclutare i loro figli fedeli in posizioni nella burocrazia governativa e nei consigli di amministrazione.

Putin sta anche integrando le sue guardie del corpo personali nelle posizioni dello stato. Di conseguenza, in varie regioni del paese ci sono diversi governatori che provengono dalla sua squadra di sicurezza personale.

Questi metodi di espansione e consolidamento del regime possono ritorcersi contro di lui, creando seri problemi alla sua permanenza in carica. Ad esempio, in questo sistema, se le persone all’interno dell’apparato statale vogliono fare carriera, alla fine si trovano in un vicolo cieco, perché ai vertici della burocrazia ci sono i fedelissimi di Putin nominati dal dittatore.

Se non si fa parte di questo circolo magico, l’avanzamento di carriera è condannato. Questo può generare apatia e persino malcontento nell’apparato statale, cosa che può minare il regime dall’interno.

Naturalmente, lo strato superiore dell’apparato statale sosterrà Putin fino all’ultimo respiro, appoggiando l’escalation della sua guerra imperialista. Ma, sotto di loro, ci sono strati tra i quali possono crescere il malcontento e l’opposizione. Quindi, la grande domanda sia all’interno che all’esterno del regime è quanto possa durare questa fedeltà non solo a Putin, ma al sistema.

Un altro problema che il regime deve affrontare è la contraddizione che ho descritto tra la visione immaginaria di Putin di una società russa fedele e unita dietro di lui e le divisioni reali al suo interno, soprattutto quelle provocate dalla guerra. Questa contraddizione non può reggere a lungo.

Infine, molti a sinistra spingono affinché l’Ucraina si impegni in colloqui di pace e accetti un accordo terra-per-pace con Putin, cosa che non chiederebbero mai ai palestinesi. Cosa pensi di questa argomentazione? Perché è irrealistico? Cosa dovrebbe dire la sinistra sulla guerra e cosa dovrebbe invece chiedere?

Dobbiamo essere chiari sul fatto che Putin ha preso molto seriamente la decisione di lanciare questa invasione ed è determinato a non fermarsi fino a quando non avrà raggiunto i suoi obiettivi dichiarati: l’eliminazione dell’Ucraina come stato nazionale indipendente e l’imposizione di un governo fantoccio a Kiev. Se non raggiungerà questi obiettivi, la considererà una sconfitta, cosa che non è disposto ad accettare.

Presenta la permanenza di un governo indipendente a Kiev come una minaccia alla sicurezza nazionale della Russia. Quindi, non si accontenterà di conquistare solo alcune parti dell’Ucraina; vuole conquistare l’intero paese come primo passo per ricostruire il vecchio Impero russo.

Lo ha detto chiaramente in una recente intervista alla TV russa in cui gli è stata chiesta la possibilità di colloqui di pace. Ha dichiarato senza mezzi termini di non essere interessato a tali colloqui, che sono motivati solo dalla mancanza di armi in Ucraina.

Accetterebbe solo colloqui di pace che garantiscano gli obiettivi imperialisti di conquista e di regime che sono gli obiettivi della sua “operazione militare speciale”. Quindi, a questo punto, rifiuterà qualsiasi trattativa e anzi probabilmente intensificherà la guerra.

Di fronte a questa guerra imperialista senza fine, la sinistra dovrebbe stare dalla parte dell’Ucraina e della sua lotta di liberazione. Se Putin riuscirà a conquistare l’Ucraina, creerà un precedente per altre potenze e stati imperialisti per lanciare simili guerre di conquista coloniale.

La sinistra internazionale deve difendere il diritto delle nazioni oppresse all’autodeterminazione senza eccezioni e difendere il loro diritto a procurarsi le armi per difendersi. Solo questa solidarietà dal basso può fermare la spinta verso una guerra sempre più imperialista.

Print Friendly, PDF & Email