Tempo di lettura: 7 minuti

Pubblichiamo questa intervista, condotta lo scorso 23 aprile da Christopher Ford (Ukraine Solidarity Campaign) a Maksym Romanenko, originario di Kharkiv, medico e attivista dell’organizzazione socialista democratica ucraina Movimento Sociale, apparso sul sito ukrainesolidaritycampaign.org. La traduzione è stata curata da “Sinistra per l’Ucraina” (Red)

La città di Kharkiv si trova a 30 chilometri dal confine russo-ucraino. La città è stata una delle prime ad essere attaccata dalle brigate meccanizzate dell’esercito russo il 24 febbraio 2022. Onore e lode alle forze di difesa e di sicurezza, la città ha saputo resistere all’invasore e rimanere ucraina, ma la battaglia per la regione di Kharkiv non si è fermato fino ad oggi.
Prima dell’invasione su vasta scala, Kharkiv era una città densamente popolata con quasi 1,5 milioni di abitanti e un agglomerato sviluppato. La città è un centro industriale dell’Ucraina orientale, una città universitaria, un centro scientifico della sponda sinistra e ha una serie completa di premi del Consiglio d’Europa: Diploma, Bandiera Onoraria, Tavola d’Europa e Premio d’Europa.
Oggi, la città è sotto attacco quasi quotidiano da parte dell’esercito russo, che distrugge i posti di lavoro e le infrastrutture critiche di Kharkiv, costringe i bambini a studiare in rifugi sotterranei e nella metropolitana e li minaccia costantemente di morte.
Attualmente, la città ha introdotto programmi di interruzione di corrente di 6-8 ore, ma a volte si verificano anche interruzioni di corrente di emergenza, che impediscono alle persone di pianificare le attività domestiche più semplici, come pulire l’appartamento, fare il bucato e cucinare (se non c’è stufa a gas).
La guerra ha lasciato un segno forte in tutti gli ambiti della vita pubblica di Kharkiv, dall’introduzione del coprifuoco (dalle 23:00 alle 5:00, quando non è possibile spostarsi in città senza un pass speciale) alla totale gratuità dei trasporti pubblici.
Ma la vita stessa va avanti come sempre. In città nascono i bambini, le attività commerciali funzionano, la gente visita i vari luoghi pubblici: bar, mostre, musei, dimenticandosi talvolta che le truppe russe sono a 30 chilometri di distanza.

C’è stata una crescita e un ruolo della società civile e delle iniziative di base nella sopravvivenza di Kharkiv?

Se consideriamo la crescita delle iniziative di base come manifestazione della società civile, allora sì, questo ruolo è aumentato. Grazie a molti programmi di sovvenzione internazionali, in particolare europei, all’attenzione dei media sia ucraini che internazionali, stanno emergendo molte iniziative culturali che sviluppano il potenziale nascosto dei residenti di Kharkiv.
Nuovi artisti, poeti, pittori e musicisti stanno emergendo in città. L’attenzione dei cittadini comuni alla vita politica della città è aumentata in modo significativo e la lotta contro la corruzione è cresciuta. Molte persone, tra cui persone con disabilità, donne e giovani, stanno aiutando le forze armate ucraine creando post creativi per raccogliere fondi per l’esercito, diventando visibili attraverso i media ucraini.

C’è stato qualche ruolo dei sindacati o delle organizzazioni dei lavoratori nel mantenere la vita della città?

Purtroppo non sono a conoscenza di alcun impatto realmente influente dei sindacati sul lavoro delle imprese, ma quasi tutti i sindacati aiutano l’esercito, innanzitutto raccogliendo le munizioni necessarie per i loro compagni che prestano servizio nelle forze armate.

L’istruzione, le scuole, i college e le università sono continuati? Come è stato organizzato di fronte agli attacchi?

Dall’introduzione delle misure di quarantena contro l’infezione da covid nel marzo-aprile 2020, quasi tutte le attività educative sono passate alla didattica a distanza. Nulla è cambiato dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’esercito russo. Migliaia di bambini sono costretti a ricevere la propria istruzione online: studenti delle scuole elementari, medie e superiori, studenti dell’istruzione professionale e superiore.
Recentemente ci sono stati cambiamenti in questo senso a Kharkiv: una scuola metropolitana è operativa in città da diversi mesi ed è appena stata aperta una scuola sotterranea che può ospitare fino a 1000 studenti. Il sindaco di Kharkiv promette di creare scuole sicure in ogni distretto della città.

Qual è stato l’impatto della guerra sulla vita economica di Kharkiv e sulle condizioni dei lavoratori?

Tremendo. Molte famiglie nella regione di Kharkiv e nella città stessa hanno perso la casa e sono state costrette a trasferirsi presso parenti o dormitori comunali, in altre regioni del paese, oppure a emigrare all’estero.
A causa del costante bombardamento con missili balistici, bombe ad alto potenziale esplosivo e droni, le infrastrutture critiche della città hanno subito enormi danni, che influiscono direttamente sul numero di posti di lavoro e sulle condizioni di lavoro. Molti datori di lavoro non rispettano il codice del lavoro e il diritto dei lavoratori a ripararsi di fronte alla minaccia aerea che si sente quasi ogni giorno a Kharkiv. C’è un grosso problema etico e morale.
Che dire, ad esempio, degli operatori sanitari che lavorano con persone a mobilità ridotta che non possono spostarsi in un luogo sicuro anche se lo desiderano? Se medici, infermieri e paramedici dovessero trasportare ogni volta le persone nei rifugi, non ci sarebbe tempo per le cure. E come sapete, l’ esercito russo si fa beffe delle convenzioni internazionali e può colpire gli ospedali in qualsiasi momento.

Puoi parlarci del ruolo del settore pubblico, dei medici e dei soccorritori a Kharkiv? Sembra che ci sia una pratica particolarmente feroce da parte dei russi di prendere di mira i soccorritori con doppi attacchi?

In effetti, gran parte di tutti i bombardamenti avviene su edifici di infrastrutture pubbliche, come scuole, ospedali, edifici comunali e istituti scolastici. Sfortunatamente, il bombardamento dello stesso luogo per uccidere soccorritori e medici è un evento di routine.
Soccorritori, medici, educatori e operatori delle infrastrutture critiche a Kharkiv sono davvero eroi. Mettono letteralmente a rischio la propria sicurezza e svolgono il loro lavoro ogni giorno per il bene della città e di tutti i suoi cittadini.

Vladimir Solovyov, il principale propagandista del Cremlino, ha affermato che “Kharkiv dovrebbe essere cancellata dalla faccia della terra”, qual è la reazione della gente nel sentire tali affermazioni?

Io stesso non seguo le narrazioni dei media del Cremlino e quello che dicono, ma ciò che sta accadendo alla città a causa dei bombardamenti può davvero portare alla distruzione della città.
Alcune zone non sono state gravemente danneggiate, ma gli edifici comunali, le fabbriche, i negozi, le scuole, ecc. vengono costantemente distrutti. Ciò porta al fatto che le persone non possono vivere in tali condizioni e le infrastrutture necessarie per la vita semplicemente smetteranno di funzionare.
La logica di un bombardamento così massiccio non può essere compresa se i media russi considerano Kharkiv una presunta città russa.
La stragrande maggioranza dei cittadini odia la Russia perché uccide le loro famiglie, distrugge i loro posti di lavoro e i loro progetti per il futuro. La Russia può solo sognare una Kharkiv russa, nell’ambito della sua “grandezza imperiale”. Pertanto, se tentassero di attaccare Kharkiv, la mia opinione è che Kharkiv non cadrà mai sotto l’occupazione russa. Solo distrutta e senza popolazione.

Si ipotizza un’offensiva russa: cosa sente la popolazione, c’è una mobilitazione per prepararsi a questa possibilità?

Le persone seguono attivamente ciò che accade nello spazio mediatico e sentono tutto da sole. Alcuni sono presi dal panico e lasciano Kharkiv. Conosco alcune famiglie che aspettano un bambino o il cui lavoro richiede una connessione Internet stabile – hanno lasciato la città per altre regioni dell’Ucraina.
La maggior parte di loro tiene duro e confida nell’operato delle Forze Armate. Intorno alla città si stanno costruendo trincee e bunker lunghi chilometri e si stanno preparando mini-campi. La gente vede che l’esercito è qui, che nessuno ha abbandonato Kharkiv.
Ma ciò che veramente manca è l’equipaggiamento per la difesa aerea. Si dà il caso che Kharkiv abbia un cattivo vicino e la Russia sia in grado di bombardarci con vari tipi di armi per le quali le forze armate ucraine semplicemente non hanno abbastanza proiettili e semplicemente a causa della velocità delle bombe e della breve distanza rende impossibile abbattere tutto ciò che ci viene incontro. Questo è il motivo per cui ci mancano maggiormente i sistemi di difesa aerea e radar.

Kharkiv è associata ad alcune delle figure più importanti della storia ucraina, ma c’è stata anche una russificazione nella città. C’è stato un cambiamento, un cambiamento notevole nella percezione dell’eredità ucraina di Kharkiv?

A mio parere, nella regione di Kharkiv non vi è stata alcuna russificazione specifica che non sia avvenuta in altre città ucraine di quella che fu la Repubblica socialista sovietica ucraina. Poiché la città era un centro scientifico, industriale e commerciale, gran parte degli ucraini parlava russo nel XX secolo. Ma Kharkiv è sempre stata una città in cui convivevano molti popoli, tra cui ucraini, russi, ebrei, armeni, bielorussi e rom.
Dal 2014 ci sono state iniziative da parte della popolazione stessa per rafforzare l’ucrainizzazione. L’ucrainizzazione è diventata ancora più pronunciata dopo l’invasione su vasta scala. Secondo la mia opinione personale, fino al 2022, circa una persona su dieci a Kharkiv parlava ucraino nella vita di tutti i giorni, mentre ora è una su quattro.

Che impatto ha avuto la guerra dal 2014 sulla precedente influenza dei partiti stalinisti in città?

Non sono a conoscenza di partiti o organizzazioni staliniste nella regione di Kharkiv. Qualsiasi “sinistra” che potesse in qualche modo difendere o giustificare l’attacco della Russia all’Ucraina dal 2014 ha cessato di esistere o si è trasferita in Russia.

Il primo partito politico ucraino – il Partito Rivoluzionario Ucraino – è stato fondato a Kharkiv, c’è oggi un partito di sinistra ucraino in città?

Negli anni 2010, a Kharkiv c’erano iniziative come la Weyerhaeuser Strasse Function, l’Anarchist Squat (un dormitorio in un edificio comune dove vivevano gli anarchici e i loro amici) e altri piccoli gruppi di sinistra.
Ad oggi non ci sono quasi rappresentanti in vita del Movimento Sociale. Molti sono partiti per altre città dell’Ucraina. Che io sappia, ci sono anche pochissimi esponenti di sinistra a Kharkiv. Sfortunatamente, abbiamo un’etichetta negativa molto forte secondo cui se una persona viene definita socialista o di sinistra, è immediatamente filo-russa.
Negli ultimi anni ci sono stati alcuni cambiamenti in questa immagine e sempre più persone si definiscono antiautoritarii, attivisti, democratici, anarchici e persino socialisti. La moda delle idee di destra sta lentamente diminuendo a causa delle implementazioni governative antisociali e antioperaie. Spero quindi che la ricostruzione di Kharkiv si basi sul sostegno dei lavoratori, sulla loro sicurezza, sull’attenzione all’ambiente di tutti i progetti architettonici e su principi trasparenti ed equi da parte dell’amministrazione comunale.

Ci sono cose che ti danno speranza in questi tempi pericolosi?

È la vita della mia famiglia, dei miei amici, dei miei colleghi. Sono orgoglioso di essere nella mia città in questo momento, a lavorare per le persone. Sì, un’interruzione di corrente di emergenza o un blackout di Internet ti sconvolgono, rovinano i tuoi piani e interferiscono con il tuo lavoro, ma i momenti in cui qualcosa di interessante e buono si avvertono più fortemente che nei tempi pacifici. Forse non dovrebbe essere così, ma è così.
E con lo sviluppo della musica di base e della cultura cinematografica, ho un posto dove trascorrere i miei fine settimana, grazie alle Forze Armate e alla Difesa Aerea.

Cosa può fare il movimento socialista occidentale per aiutarvi nella situazione attuale?

Sostenete coloro che si sono arruolati nell’esercito per difendere le loro case e i loro cari. È il trasferimento dei sistemi di difesa aerea all’Ucraina che può salvare la vita dei residenti di Kharkiv e farli sentire un po’ più sicuri. Per quelle organizzazioni che per principio non vogliono fornire assistenza di tipo militare, possono aiutare i lavoratori delle infrastrutture critiche: medici, elettricisti, operai e addetti ai trasporti pubblici.

Print Friendly, PDF & Email