Tempo di lettura: 2 minuti

Movimento per il socialismo (MPS/ BFS), in Svizzera
SolidaritéS, organizzazione anticapitalista, femminista ed ecosocialista in Svizzera
Sotsialnyi Rukh, ONG socialista democratica in Ucraina
Posle Media, collettivo russo
Emanzipation, Zeitschrift für ökosozialistische Strategie
hanno deciso di promuovere una dichiarazione congiunta per intervenire nei dibattiti internazionali sulle prospettive di pace: “Ucraina. Una pace per i popoli, non una pace imperiale!” (https://mps-ti.ch/wp-content/uploads/2024/06/Dichiarazione-Ucraina.pdf)

I prossimi mesi saranno molto difficili per la resistenza ucraina contro le forze di occupazione russe. In coordinamento con il governo ucraino, il governo svizzero sta organizzando una conferenza di pace internazionale nei pressi di Lucerna i prossimi 15 e 16 giugno.

Flag of Ukraine painted on a brick wall with soldiers shadows. Relationship between Ukraine and Russia

Riteniamo che questa conferenza di pace sia un’importante opportunità per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla lotta di autodifesa condotta dal popolo ucraino contro l’occupazione russa dal punto di vista dei lavoratori e delle lavoratrici. Per questo vogliamo contrastare le ambizioni della conferenza di pace ufficiale opponendovi una prospettiva internazionalista basata sulla solidarietà e orientata a una radicale trasformazione sociale ed ecologica in tutta Europa. Insieme, ci impegniamo per l’autodeterminazione dell’Ucraina e per il rovesciamento democratico del regime di Putin.

Questa dichiarazione congiunta mira a raggiungere tre obiettivi:

1.    Iniziare un processo comune di comprensione tra le organizzazioni, le iniziative e i collettivi attivi firmatari su come contribuire a consolidare la solidarietà con la resistenza ucraina.

2.    Stimolare discussioni approfondite sull’autodeterminazione nazionale, sulle rivalità inter-imperialista, sulle visioni dei blocchi geopolitici, sul riarmo, sulle strategie antimperialiste ed ecosocialiste e, in generale, sulle mobilitazioni emancipatrici della classe lavoratrice, in particolare all’interno dei movimenti sociali progressisti come il movimento delle donne, il movimento ambientalista, la solidarietà migratoria e i sindacati.

3.    Avviare un dialogo tra i firmatari per una comprensione programmatica e strategica più completa di una trasformazione anticapitalista ed ecosocialista dell’intero continente europeo in una prospettiva di solidarietà globale.

Invitiamo le organizzazioni, le iniziative e i collettivi mediatici socialisti, ecosocialisti, femministi, non autoritari, anarchici e ambientalisti radicali in Europa e altrove a firmare questa dichiarazione entro il 14 giugno.
Le organizzazioni sono pregate di inviare la conferma della loro firma entro il 14 giugno a
Joao_Woyzeck@proton.me oppure a redaktion@emanzipation.org. Adesioni individuali sono da comunicare qui: https://forms.gle/EAPYSoJCHpWq4bHR6.


Print Friendly, PDF & Email