Tempo di lettura: 2 minuti

L’anidride carbonica atmosferica misurata presso l’Osservatorio di Mauna Loa [situato nelle Isole Hawaii] ha raggiunto un picco mensile di oltre 417 parti per milione (ppm) nel maggio 2020, il livello mensile più alto mai registrato, hanno annunciato oggi gli scienziati dello Scripps Institute of Oceanography dell’Università della California, San Diego, e la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAAA).

Il picco di quest’anno registrato da Scripps è stato di 2,4 parti per milione (ppm) superiore al picco di 414,8 ppm registrato nel maggio 2019. Gli scienziati di Scripps hanno calcolato una media di 417,2 ppm per il mese di maggio. Gli scienziati del NOAAA hanno, dal canto loro, calcolato una media di 417,1 ppm per il mese di maggio.

I valori mensili di CO2 a Mauna Loa hanno superato la soglia dei 400 ppm per la prima volta nel 2014 e sono ora a livelli che non si vedevano nell’atmosfera da diversi milioni di anni.

Il tasso di incremento nel 2020 non sembra riflettere una riduzione delle emissioni inquinanti dovuta alla grave recessione economica globale seguita alla pandemia di coronavirus. La ragione è che la riduzione di emissioni dovrebbe essere sufficientemente ampia da potersi discostare dalla variabilità naturale di CO2, originata dal modo in cui le piante e i suoli reagiscono alle variazioni stagionali e annuali di temperatura, umidità, tenore di umidità del suolo, etc. Queste variazioni naturali sono importanti e, ad oggi, le riduzioni delle emissioni associate al Covid-19 sono indistinguibili. Se le riduzioni delle emissioni del 20-30% dovessero essere mantenute per sei o dodici mesi, il tasso di aumento di CO2 misurato a Mauna Loa sarebbe rallentato.

La gente potrebbe essere sorpresa sentendo che la risposta all’epidemia di coronavirus non ha prodotto risultati tali da influenzare i livelli di CO2“, ha detto il geochimico Ralph Keeling, che dirige il programma Scripps Oceanography CO2, “ma l’accumulo di CO2 è un po’ come un rifiuto in una discarica. Mentre continuiamo ad emettere, si accumula. La crisi ha rallentato le emissioni, ma non abbastanza da manifestarsi in modo percettibile a Mauna Loa. Ciò che conterà molto di più sarà la traiettoria che prenderemo uscendo da questa situazione”.

Anche se le piante terrestri e gli oceani del mondo assorbono circa la metà dei 40 miliardi di tonnellate di inquinamento da CO2 emessi ogni anno dall’uomo, il tasso di aumento della CO2 nell’atmosfera ha continuato ad accelerare. Negli anni ’60, il tasso di crescita medio annuo era di circa 0,8 ppm all’anno. Negli anni ’80 è raddoppiato a 1,6 ppm all’anno e negli anni ’90 è rimasto stabile a 1,5 ppm all’anno. Il tasso di crescita medio è aumentato ulteriormente a 2,0 ppm all’anno negli anni 2000, ed è salito a 2,4 ppm all’anno nel corso dell’ultimo decennio. “Ci sono prove abbondanti e conclusive” che l’accelerazione è dovuta all’aumento delle emissioni, ha detto Pieter Tans, scienziato senior del Global Monitoring Laboratory del NOAAA.

“I progressi nella riduzione delle emissioni non sono visibili nel registro della CO2“, ha detto Tans. “Continuiamo a sottoporre il nostro pianeta – per secoli o più – a un riscaldamento globale sempre più importante, a un innalzamento del livello del mare e a eventi meteorologici ogni anno più estremi. Se gli esseri umani smettessero improvvisamente di emettere CO2, ci vorrebbero migliaia di anni prima che le nostre emissioni di CO2 fino ad oggi vengano assorbite nelle profondità oceaniche e che la CO2 atmosferica ritorni ai livelli preindustriali“.

* Articolo pubblicato sul sito web di Climate&Capitalism il 4 giugno 2020. Traduzione a cura del segretariato MPS

Pin It on Pinterest