Tempo di lettura: 3 minuti

#8M2021 Contro il virus del patriarcato e del capitalismo: il vaccino del femminismo e della solidarietà!

8 marzo 2021 – Giornata internazionale delle lotte per i diritti delle donne

Harare, 25 febbraio 2021 – L’8 marzo 2021, unite nella nostra diversità e con una sola voce, affermiamo che contro il virus del patriarcato e del capitalismo, abbiamo il vaccino del femminismo e della solidarietà! Allo stesso tempo, sottolineiamo il ruolo fondamentale delle donne rurali e delle contadine in generale, che sono in prima linea nella produzione di cibo agroecologico e sano. Producono più del 60% di tutta la produzione mondiale. Venticinque anni dopo la sua concezione collettiva, la sovranità alimentare rappresenta oggi il nostro percorso concreto e sostenibile per superare le diverse crisi che stiamo vivendo. Dobbiamo porre fine alla violenza sistematica del capitalismo e del patriarcato che mina i diritti delle donne, i diritti delle persone che si riconoscono in altre identità di genere, i diritti dei bambini e della classe operaia. Dobbiamo porre fine all’esclusione di molte categorie di persone dall’accesso pubblico e gratuito al vaccino. La vaccinazione dovrebbe essere considerata un diritto umano fondamentale, come il diritto al cibo. Ecco come lo difendiamo nel nostro appello internazionale: Per il diritto alla salute pubblica e gratuita per tutte le popolazioni!

In tutto il mondo, le donne giocano un ruolo politico, sociale ed economico vitale, e ancora di più durante questa pandemia. Continuiamo a ricevere salari più bassi, molte di noi lavorano nel settore informale, siamo precarie e sfruttate, siamo migranti, madri single, lavoratrici agricole, pescatrici e pastori che hanno meno accesso alla terra, alla tecnologia, ai programmi di salute pubblica, alla protezione dalla violenza, all’istruzione e alla cultura. La mancanza di accesso ai mezzi di produzione, compresa la terra, è il più grande ostacolo che affrontiamo nelle zone rurali. Oggi, le donne possiedono appena l’1% della terra, e nonostante ciò, affrontiamo la sfida di continuare a fornire cibo e cura alle nostre famiglie e comunità in condizioni di disuguaglianza politica, economica e sociale.

In questo senso, esigiamo oggi che gli Stati applichino la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei contadini e degli altri lavoratori rurali (UNDROP). Questo strumento riconosce che le donne e i contadini sono “soggetti di diritti”. ”Costituisce uno strumento strategico per rafforzare le lotte e le proposte dei movimenti rurali. Inoltre, questa dichiarazione stabilisce una giurisprudenza e una prospettiva giuridica internazionale per guidare la legislazione locale, nazionale e internazionale e le politiche pubbliche a beneficio di coloro che nutrono il mondo.

Il potere economico dell’agribusiness impone il suo modello di agribusiness dominante. Le grandi multinazionali determinano ciò che sarà prodotto, ciò che mangiamo, le quantità e i prezzi di ciò che mangiamo. Esercitano la loro influenza sui governi e persino su organismi multilaterali come la FAO, che quest’anno organizza il Summit sui sistemi alimentari. Abbiamo denunciato questo vertice perché mira a continuare il monopolio di una parte sempre più grande del settore alimentare. Questa dinamica genera alti profitti per le grandi imprese e costi enormi per la salute delle persone e del pianeta.

Nel corso della storia, noi donne abbiamo lottato per diventare soggetti di trasformazione sociale, mobilitazione e sensibilizzazione. Così, uniti a tutta La Via Campesina, salutiamo tutte le lotte e le nostre sorelle e fratelli che stanno resistendo in India, Colombia, Cile, Venezuela, Cuba, Kurdistan, Palestina, gli zapatisti, le diverse donne organizzate nella Marcia Mondiale delle Donne e altre reti amiche, che partecipano attivamente ai cambiamenti di cui hanno bisogno le nostre società, per la giustizia e la dignità delle maggioranze.

Mobilitati:

In questo 8 marzo, giornata internazionale dei diritti delle donne, invitiamo le nostre organizzazioni membro, alleati e amici a mobilitarsi in tutti gli spazi dove sono, nelle nostre comunità, strade, piazze, mercati, scuole e luoghi di lavoro, per proteggere la vita. Continuiamo a sensibilizzare, a denunciare le ingiustizie e a fare pressione affinché gli Stati si impegnino a sostenere le lotte storiche delle lavoratrici rurali e urbane.

Contro il virus del patriarcato e del capitalismo, il vaccino del femminismo e della solidarietà!

Pin It on Pinterest