Tempo di lettura: 11 minuti

Nelle prime ore del mattino dell’11 luglio 2021, una protesta sociale è iniziata nel comune di San Antonio de los Baños, Cuba. In poche ore, queste “fiamme” si sono diffuse in tutto il paese.

Migliaia di persone sono scese in piazza per chiedere libertà, cambiamenti a Cuba, vaccini, la fine dei negozi a moneta liberamente convertibile (MLC), le dimissioni del presidente Miguel Diaz-Canel e miglioramenti generali alla situazione del paese. Il governo li ha definiti scoppiati, vandali e irresponsabili e li ha accusati di rispondere a interessi esterni, mentre ha dato un “ordine di marcia” ai “rivoluzionari” e alle forze di sicurezza per andare ad affrontare queste mobilitazioni popolari.

Questi eventi, senza precedenti in questa proporzione, sono il risultato del deterioramento delle condizioni sociali, economiche, sanitarie e politiche del paese. Soffermiamoci su alcune di queste cause qui di seguito.

Emergenza sanitaria a Cuba

La pandemia di Covid-19 si è aggravata nel paese. Dopo che la malattia era stata contenuta relativamente bene, con numeri molto bassi per la regione, e la vaccinazione era iniziata in alcune aree del paese – come parte dei test del vaccino su candidati cubani – si è scatenata un’ondata più grande di infezioni e morti.

Al 12 aprile 2021, poco più di un anno dopo l’inizio della pandemia nel paese, 467 persone erano morte e 87.385 casi erano stati diagnosticati. Solo tre mesi dopo, il 12 luglio, la cifra era salita a 1579 morti e 224.914 casi positivi.

La situazione peggiore è nella provincia di Matanzas [circa 100 km a est dell’Avana] dove, tra il 1° e il 10 luglio 2021, sono stati diagnosticati 16.447 casi. Il governatore della provincia, Mario Sabines, ha detto all’inizio dell’aumento delle infezioni che avevano quasi 6.000 posti letto nei centri di isolamento, ma ha affermato che sarebbero stati necessari altri 3.000 posti letto per coprire l’alto numero di casi.

Nel resto delle province del paese, soprattutto nella capitale, il numero di casi rilevati è di alcune centinaia ogni giorno.

L’aumento del numero di persone ricoverate, la mancanza di forniture, di medicinali e il progressivo esaurimento delle risorse materiali e umane disponibili hanno fatto piombare il sistema sanitario in una situazione di crisi, anche se le autorità governative lo descrivono come “complesso”.

Oltre alla mancanza di risorse per affrontare il Covid-19, ci sono gravi carenze nella cosiddetta “lista di base dei medicinali”, che ha persino portato alla ricomparsa di altre malattie come la scabbia. La lista di base dei medicinali a Cuba ammonta a 619: 351 per gli ospedali e 268 per le farmacie. Di questi, 263 (42%) sono importati e 356 (58%) sono nazionali: 350 prodotti da BioCubaFarma, 5 dall’industria alimentare e 1 dal Centro Nazionale di Salute Agricola. Di quelli prodotti da BioCubaFarma, una media di 85 erano “a corto di scorte” nel 2020. Inoltre, ci sono prodotti importati, che non potevano essere importati negli ultimi mesi e che sono utilizzati principalmente nell’assistenza sanitaria secondaria.

Il ministro della salute pubblica, José Ángel Portal, ha riconosciuto che la situazione dei farmaci rimane “tesa” e ha proposto come alternativa la produzione e l’uso della medicina naturale e tradizionale. Di fronte alla carenza di farmacie, i cubani hanno cercato altri modi per accedere alle medicine: gruppi di donazione e scambio sulle reti sociali, commercializzazione sul mercato illegale e ordini dall’estero.

In questo quadro generale, gli utenti cubani di Twitter hanno lanciato la campagna #SOSMatanzas, alla quale sono riusciti ad aggiungere influencer e personalità internazionali diverse come Mía Kalifha, Alejandro Sanz, Daddy Yanky, Paco León, Residente (Calle 13), tra gli altri. La mobilitazione mira a denunciare la situazione di collasso e a chiedere la creazione di canali legali per l’invio di aiuti umanitari da parte della diaspora, tra cui un corridoio tra la comunità cubana negli Stati Uniti e l’arcipelago che non sia gestito dallo Stato cubano, di cui non si fidano.

Il governo cubano ha denunciato questa campagna come legata agli interessi interventisti del governo statunitense. Nega di essere chiusa a ricevere aiuti umanitari, anche se continua a chiedere che arrivino “attraverso i canali appropriati”.

Parte del dibattito pubblico innescato dalla gravità della crisi sanitaria degli ultimi giorni è legato alla coesistenza della popolazione di Matanzas con centinaia di turisti russi. Le frontiere del paese rimangono aperte al turismo internazionale, limitato alle principali località turistiche; ma le autorità aeree permettono pochissimi voli verso le principali enclavi [Stati Uniti] dell’emigrazione cubana, da dove arrivano rimesse e spedizioni per contribuire ad alleviare la crisi generale.

Il governo cubano, in particolare il primo ministro Manuel Marrero [dal 21 dicembre 2019], ha dichiarato in un’apparizione televisiva di escludere i turisti russi come fattore di contagio e di chiudere il paese solo in caso di una situazione estrema. Nei primi sei mesi dell’anno sono arrivati 122.000 turisti, la cifra più alta prima della pandemia era di 4,2 milioni.

Anche se il paese è il primo nella regione dell’America Latina a sviluppare i propri [cinque] vaccini Covid-19 [solo il vaccino candidato Abdala è autorizzato al momento] con oltre il 90% di efficacia, la vaccinazione è stata anche ritardata. Cuba ha scommesso sullo sviluppo dei propri candidati vaccini e ha deciso di non aderire al meccanismo internazionale COVAX. Questo ha fatto sì che la somministrazione dei candidati vaccini cubani sia stata sperimentale e limitata per diversi mesi, fino a quando, il 9 luglio, uno dei due candidati più avanzati, Abdala, ha ottenuto un permesso di uso di emergenza dall’ente regolatore nazionale cubano [con un tasso di efficacia del 92,28% dopo tre iniezioni, secondo BioCubaFarma].

Negli studi clinici e di intervento, al 10 giugno, 3.045.823 persone avevano ricevuto almeno una dose e 1.862.930 avevano completato il regime di tre dosi di Abdala o Soberana 02 + Soberana Plus. Tuttavia, questi erano limitati alle province dell’Avana, Matanzas, Granma, Guantánamo e Santiago de Cuba, e al personale sanitario. L’estensione della vaccinazione è stata una delle richieste più sentite durante le manifestazioni.

Crisi economica

La precaria situazione economica di un numero crescente di persone, la dollarizzazione dell’economia e il difficile accesso al cibo e ai beni di prima necessità – venduti dalla fine del 2019 in valuta estera – hanno aumentato la disuguaglianza e sono una delle principali fonti di malcontento.

Nell’ottobre 2019, il governo cubano ha annunciato la possibilità di acquistare elettrodomestici, parti di automobili e altri beni in valute liberamente convertibili. Quella che era stata annunciata come un’opzione temporanea, limitata alla commercializzazione di articoli di fascia media e alta, è diventata presto la norma.

Nella loro argomentazione, le autorità hanno assicurato che una parte dei profitti dei negozi MLC sarebbe stata utilizzata per sviluppare l’industria nazionale, al fine di metterla in grado di soddisfare le esigenze del mercato interno e, infine, di esportare. “Sarebbe necessario vendere una certa quantità di merci in moneta liberamente convertibile, per avere valuta estera e continuare a sviluppare questo tipo di vendita; e perché parte del denaro raccolto in questo modo sarà introdotto nell’industria nazionale, in modo che diventi una fonte di approvvigionamento per questi negozi e per altri”, aveva detto Miguel Díaz-Canel in quel momento.

Un anno e mezzo dopo, il cibo e i beni di prima necessità sono quasi esclusivamente in valuta estera e il numero di servizi che sono disponibili solo in quella valuta è in aumento.

Anche se il tasso di cambio ufficiale del paese è stato fissato dal 1° gennaio 2021 a 24 pesos cubani (CUP) per l’USD, non è possibile acquistare valuta estera a questo tasso. Il mercato informale ha assunto il compito di soddisfare la domanda di valuta estera per comprare nei negozi (tutti statali) o per andare all’estero, come emigranti o per fare shopping. Il tasso sul mercato informale è diventato il vero riferimento per i valori di mercato.

La situazione è peggiorata quando la Banca Centrale di Cuba (BCC) ha annunciato il 10 giugno 2021 che dieci giorni dopo avrebbe sospeso temporaneamente i depositi bancari in dollari. Secondo le autorità, questa misura è dovuta agli “ostacoli imposti dal blocco economico degli Stati Uniti al sistema bancario nazionale per qualsiasi deposito estero di contanti in dollari raccolti nel paese”. Tuttavia, diversi economisti hanno sottolineato che questa misura ha il vantaggio di raccogliere rapidamente diversi milioni di dollari in contanti che circolano nel paese, proprio nel momento in cui le banche cubane stanno vivendo un’acuta crisi di liquidità, e proprio quando Cuba ha raggiunto un accord con il Club di Parigi [creditori pubblici] per evitare di essere dichiarato in default.

Un “ordine economico” disordinato

L’attuazione della “Tarea Ordenamiento” [decisione di politica economica e di pianificazione], volta ad abolire la dualità monetaria esistente, ad adeguare i tassi di cambio e la scala salariale, è iniziata nel gennaio 2021, dopo anni di ritardo. La tempistica, tuttavia, non poteva essere meno promettente: il primo anno della pandemia con le sue conseguenze economiche e sociali era appena passato e un processo di ridimensionamento dell’economia era già iniziato.

Oltre all’unificazione monetaria e di cambio che ha eliminato il Peso Convertibile Cubano (CUC), una delle due monete cubane che circolavano nel paese, e i tassi di cambio multipli, si sono aggiunte altre due misure che erano state annunciate da anni: l’eliminazione dei sussidi e delle gratifiche e la modifica dei redditi da salario.

L’aumento dei salari e delle pensioni doveva correggere la piramide invertita dei redditi dei lavoratori con una migliore distribuzione della ricchezza secondo il lavoro di ogni persona e con essa una migliore qualità della vita. Tuttavia, sei mesi dopo l’attuazione di queste riforme, l’inflazione ha assorbito i guadagni nella crescita dei salari. L’aumento dei prezzi in tutti i settori dell’economia, sia pubblici che privati, non si è fermato. Molte persone ora guadagnano di più, ma hanno meno potere d’acquisto.

La crisi è anche sociale

Senza soldi per importare i prodotti alimentari di cui il paese ha bisogno, data la precarietà della produzione nazionale, il governo ha chiesto di aumentare la produzione agricola, con risultati poco visibili. Alimentarsi rimane una delle difficoltà quotidiane più impellenti.

La scarsa disponibilità di beni di consumo – per non parlare della loro mancanza di varietà e della scarsa qualità nutrizionale – e i loro prezzi elevati hanno reso questo problema la principale preoccupazione delle famiglie, al punto che lo Stato, dal 2007, lo ha considerato un problema di sicurezza nazionale che peggiora ogni giorno.

Il ritorno delle interruzioni di corrente

Un altro problema che ha causato grande irritazione e incertezza tra i cubani è il ritorno delle interruzioni di corrente. L’Unione Nazionale dell’Elettricità (UNE) e il Ministero dell’Energia e delle Miniere (Minem) hanno emesso una nota ufficiale il 21 giugno sugli effetti di questi blackout sui servizi nel paese. Secondo il comunicato, questa situazione è temporanea ed è dovuta a una combinazione di diversi fattori: limiti tecnologici dei generatori, manutenzione di queste unità, guasti nelle centrali elettriche e la limitazione della distribuzione del carburante per i generatori. Un linguaggio burocratico per evitare di dire che i gruppi elettrogeni sono obsoleti e che non c’è abbastanza combustibile che arriva a Cuba.

Il risultato è stato il ritorno delle “rotazioni” in modo che i vari circuiti del paese fossero interrotti solo per un massimo di 4 ore al giorno – ufficialmente esteso a 6 ore il 30 giugno. Tuttavia, la realtà è stata che le interruzioni di corrente sono durate molto più a lungo in diversi territori, soprattutto fuori dall’Avana. A San Antonio de los Baños, dove è iniziata la rivolta, i residenti hanno riferito di interruzioni di corrente di 12 ore per diversi giorni consecutivi. Dopo la mobilitazione popolare, si promette di porre presto fine a questi problemi.

Le attuali circostanze sociali ricordano il cosiddetto periodo speciale degli anni ’90, quando il paese stava attraversando una grave crisi economica. Per molti cubani, la situazione attuale è uguale o peggiore di allora.

Prima dell’11 luglio: San Isidro e le proteste del 27N

Le recenti proteste non sono la prima espressione di insoddisfazione politica negli ultimi mesi. Sono i primi di carattere popolare e massiccio; ma diversi incidenti fanno da sfondo agli eventi dell’11 luglio.

Dopo che nella notte del 26 novembre 2020 le autorità hanno fatto irruzione nella sede del Movimento San Isidro (MSI) all’Avana Vecchia e hanno espulso coloro che avevano fatto lo sciopero della fame, della sete o entrambi per protestare contro l’arresto e il processo di uno dei suoi membri (il rapper Denis Solis), una ventina di giovani si sono riuniti davanti al Ministero della Cultura per chiedere un dialogo con le alte autorità. Il gruppo e le richieste sono cresciuti durante la giornata fino a raccogliere più di 300 persone.

Il 27 novembre 2020 (27N), un evento senza precedenti ha avuto luogo nella Cuba post-1959. Per la prima volta, un gruppo eterogeneo di persone auto-organizzate, con diverse richieste politiche, ha preso possesso dello spazio pubblico ed è riuscito a fare pressione su un’istituzione governativa: il Ministero della Cultura.

In meno di una settimana, le autorità hanno trovato pretesti per impedire il tavolo del dialogo e lanciare una campagna di delegittimazione del movimento, accusando i partecipanti di rispondere a interessi esterni. Hanno poi iniziato un processo che è durato diversi mesi, durante i quali arresti, gravi attacchi alla reputazione e una campagna di discredito nei media di propaganda ufficiale contro chiunque fosse collegato agli eventi del 27N hanno fatto notizia ogni giorno.

Tutte le proposte di dialogo con la società civile sono state accolte con lo stesso disinteresse dal governo, trincerato nella sua posizione di parlare solo con quelli “della rivoluzione”.

I continui attacchi e le interdizioni hanno portato il gruppo conosciuto come Articulación Plebeya a presentare una denuncia e una petizione firmata da più di 400 intellettuali che chiedono la fine degli attacchi alla dignità e all’onore delle persone che sono diventati una pratica comune delle autorità e dei media nell’arcipelago. Le tensioni sono riemerse il 27 gennaio 2021 davanti al Ministero della Cultura, quando diversi membri del gruppo autoinvitato nel novembre 2020 hanno chiesto di essere ascoltati di nuovo. Sono stati aggrediti fisicamente da impiegati statali sotto la guida del Ministro della Cultura. La mattina del 3 febbraio 2021, diversi artisti cubani hanno presentato una petizione al presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP) e del Consiglio di Stato (CE), Esteban Lazo Hernández, per rimuovere Alpidio Alonso dalla sua posizione di deputato e ministro. Come previsto, è stato rimosso.

Durante questo periodo, il caso della giovane giornalista Karla María Pérez – messa in un limbo legale dal governo cubano, che le ha proibito di entrare a Cuba, bloccandola a Panama, mentre era in transito dal Costa Rica, dove aveva terminato il suo soggiorno legale dopo aver completato i suoi studi – ha avuto anche un grande impatto sull’opinione pubblica delle reti sociali. Karla è stata bandita per il suo lavoro nei media digitali indipendenti. Era già stata espulsa dall’università a Cuba per le sue opinioni politiche e l’appartenenza a un’organizzazione di opposizione.

L’impunità con cui agiscono i funzionari statali e i portavoce delle campagne diffamatorie nei media pubblici ha portato a diverse contestazioni da parte dei cittadini, alcuni dei quali hanno presentato reclami e denunce all’Ufficio del Procuratore generale. Tuttavia, come è ormai chiaro, le istituzioni incaricate di controllare la “legalità socialista” non sono interessate a indagare sui possibili crimini dei loro colleghi, anche se questo significa non rispettare il loro mandato costituzionale.

Sono mesi che le azioni repressive continuano, dopo il successivo silenzio imposto all’insolita manifestazione del 27 novembre 2020 [davanti al Ministero della Cultura].

Di fronte agli arresti e alla distruzione delle sue opere d’arte, il leader del Movimento di San Isidro (MSI), Luis Manuel Otero Alcántara, ha annunciato che avrebber iniziato uno sciopero della fame e della sete il 25 aprile 2021. Ha continuato fino a quando un’operazione di polizia lo ha portato all’ospedale Calixto García. L’imprigionamento di Luis Manuel ha portato a una manifestazione pubblica in via Obispo il 30 aprile 2021, che ha portato all’arresto di 12 persone con l’accusa di resistenza e oltraggio alla Corte. Alcuni sono stati messi in custodia cautelare. Il 31 maggio, 29 giorni dopo il suo ricovero forzato, Luis Manuel è stato rilasciato. Durante questo periodo, solo le forze di sicurezza che sorvegliavano l’ospedale potevano vederlo, e non si sono avute sue notizie per diversi giorni.

La strategia di persecuzione giudiziaria “chirurgica” contro le figure più “combattive” del 27N e dell’attuale opposizione politica si è accentuata. Alla fine di aprile 2021, l’artista Tania Bruguera è stata accusata di incitamento a commettere un crimine dopo aver postato su Facebook a seguito di uno degli arresti arbitrari degli artisti e attivisti Katherine Bisquet e Camila Ramírez Lobón. La lista degli imputati ha continuato a crescere. Hamlet Lavastida, artista e membro del gruppo 27N, è stato arrestato e messo sotto inchiesta dopo essere arrivato a Cuba il 21 giugno 2021 dalla Germania, dove aveva completato una residenza artistica alla galleria Künstlerhaus Bethanien di Berlino. Questo confronto con gli artisti che hanno avuto un ruolo nel 27N è stato al centro dell’attenzione nazionale, anche se sembra che la campagna di disinformazione dello Stato abbia fatto più rumore.

La strategia repressiva include di nuovo atti di attacco alla reputazione dei dissidenti e degli oppositori, così come continue scaramucce pubbliche e “guerre di canzoni”, come quella iniziata con la canzone “Patria y Vida”, una risposta diretta al tradizionale slogan politico “Patria o Muerte”.

Nonostante tutti gli sforzi di comunicazione volti a screditare le azioni dei dissidenti, la tensione non è diminuita durante questi mesi. Un tentativo di arrestare il rapper Maykel Castillo, conosciuto come Osorbo, mentre cercava di raggiungere San Isidro, si è concluso con uno scontro con la pattuglia che cercava di portarlo via e la liberazione del membro del MSI (Movimento San Isidro) da parte dei cittadini.

Questo è un terreno fertile per un’epidemia sociale. Anche se il governo cubano non ne riconosce la legittimità e preferisce parlare di un “continuo colpo di stato morbido orchestrato dagli Stati Uniti”, è responsabile dell’accumulo delle cause della protesta dell’11 luglio. La cosa strana è che non sia successo prima.

Alla fine, non erano solo i vaccini, il cibo o la chiusura dei negozi MLC ad essere sentiti negli slogan dei manifestanti. Il grido “Libertà” ha iniziato ad accompagnarli.

*Jessica Dominguez Delgado vive all’Avana. È stata intervistata il 1° luglio 2021 da swissinfo.ch. Si è laureata in giornalismo nel 2014 all’Università dell’Avana. È una scrittrice per il sito web el Toque dal 2017.

Articolo pubblicato su elToque, 13 luglio 2021; traduzione a cura della redazione di Solidarietà.

Pin It on Pinterest