Tempo di lettura: 6 minuti

Lo scontro interno al Labour dopo la sospensione di Corbyn. Scoppiata la guerra della nuova leadership contro la sinistra socialista.

Monta il prevedibile scontro interno in seno al Labour britannico dopo la clamorosa sospensione dal partito inflitta ieri d’autorità dal leader Keir Starmer al suo predecessore Jeremy Corbyn. Provvedimento punitivo seguito al rifiuto di quest’ultimo di accettare in toto le conclusioni di un’indagine della commissione nazionale sui diritti umani secondo cui sotto la sua leadership nella principale forza di opposizione del Regno sarebbero stati tollerati episodi di discriminazione di tenore antisemita. La decisione di Starmer è contestata dalla sinistra interna, molto forte nell’attuale base militante e di cui il 71enne Corbyn resta un punto di riferimento, che pur evitando qualunque minaccia di scissione chiede apertamente la riammissione immediata del ‘compagno Jeremy’ per bocca dell’influente ex cancelliere dello scacchiere ombra John McDonnell e di altri. Mentre Corbyn (secondo il quale la percezione dell’antisemitismo interno alla sinistra sarebbe stato «drammaticamente esagerato» da media ostili e avversari della sua linea neosocialista), insiste a voler fare ricorso.

Socialist Resistance (organizzazione britannica legata alla Quarta Internazionale) è solidale con Jeremy Corbyn e si oppone totalmente alla sua sospensione dal Partito laburista. Si tratta di una mossa politicamente motivata da Keir Starmer per schiacciare la sinistra del partito. Jeremy Corbyn ha passato la sua vita a lottare contro il razzismo, compreso l’antisemitismo, e a difendere i diritti degli oppressi e la giustizia per i palestinesi.

Respingiamo le accuse che il Partito laburista sotto la guida di Jeremy Corbyn fosse istituzionalmente antisemita. Il rapporto dell’EHRC non ritiene che questo sia il caso. Sappiamo anche dal rapporto prodotto da Jenny Formby, l’ex segretario generale, che molti membri del personale sabotavano questi sforzi. Le raccomandazioni dell’inchiesta di Chakrabarti non sono mai state attuate.

Socialist Resistance ritiene che tutti i socialisti del Partito laburista debbano combattere questo oltraggioso attacco a Jeremy Corbyn. È un attacco contro tutti noi. Starmer vuole rendere il Partito laburista un’opzione sicura per le grandi imprese. Dovremmo opporci con forza a questa caccia alle streghe e alle minacce che vengono fatte ad altri deputati e attivisti della sinistra. Dobbiamo anche difendere i guadagni politici radicali ottenuti quando Corbyn era leader. Con la pandemia di Covid, l’aggravarsi della crisi economica e l’incombente catastrofe climatica, è urgentemente necessaria un’alternativa socialista – per molti, non per pochi -.

Un primo ragionamento, apparso sul sito di Socialist Resistance, parte dalla sorpresa per la guerra nel partito. La maggior parte dei commentatori avevano escluso questo scenario perché immaginavano che Starmer sarebbe stato cauto, doveva attenersi alle sue dieci promesse “corbyniste” per conquistare la leadership e poi gradualmente annacquarle, mantenendo così il partito unito. «Tuttavia, con il senno di poi, c’erano i segni che Starmer sarebbe stato molto più deciso e brutale contro un’opposizione corbynista di quanto lo fosse stato Jeremy con l’ala destra. C’è stato il licenziamento di Rebecca Long Bailey (ministra ombra dell’istruzione, ndr) e poi la linea dura sulla legge sull’immunità per i soldati britannici e la legislazione sui poliziotti-spia», si legge sul sito. Starmer ha capito che alcuni parlamentari non sarebbero pronti a “morire in un fosso” per Corbyn, soprattutto se davanti a loro penzola una promettente carriera politica. Il suo gruppo dirigente, secondo i nostri compagni Uk, è molto più omogeneo e solido dietro di lui di quanto lo fosse mai stato il gabinetto ombra di Corbyn. Naturalmente tutto è più facile per Starmer se l’establishment e i media mainstream non lo vedono come una minaccia.

La pandemia di Covid facilita anche l’operazione poiché l’organizzazione politica viene delegata a Zoom e Skype. Incontri di massa a sostegno di Corbyn o dimostrazioni saranno difficili e non ci sarà una conferenza laburista per un bel po’ di tempo. Quindi, perché non farlo ora? Chiaramente la decisione non è stata presa il giorno dopo la dichiarazione di Corbyn come è stato messo in scena. E’ un’operazione che è stata discussa almeno all’interno della sua stretta squadra dirigente. Sono stati fatti dei sondaggi. «Il fatto che il vice leader, Rayner, abbia contattato Jeremy per avvertirlo di non fare una dichiarazione che criticasse qualsiasi aspetto del rapporto dimostra che si trattava di una posizione elaborata», avverte l’analisi di Socialist Resistance.

Starmer e il suo team ritengono che questo sia il terreno migliore su cui ribaltare il corbinismo nel partito piuttosto che su questioni come il Green New Deal. I media mainstream hanno fatto molto del lavoro sporco e gli errori commessi da Murphy e Formby su alcuni dei casi di antisemitismo gli permettono di costruire il suo caso. Anche se siete ampiamente d’accordo con Jeremy sulla sua dichiarazione, ciò non significa che la crisi dell’antisemitismo non avrebbe potuto essere gestita meglio.

Forse è troppo presto per capire se Starmer vuole solo schiaffeggiare Corbyn come una rottura simbolica con il passato o se intende procedere a una profonda epurazione. Il problema gli viene in qualche modo tolto dalle mani se altri deputati o membri laburisti sostengono attivamente la posizione di Jeremy. Non si può sospendere una persona se molte altre esprimono la stessa linea. È difficile immaginare che Corbyn ritratterà la sua dichiarazione. Ha avuto tutto il tempo di prepararla e ritrattare – oltre a suscitare brutti echi dello spettacolo dei processi stalinisti – sarebbe come pugnalarsi alle spalle, rinnegando tutta la sua storia politica.

Un’ulteriore complicazione è la lunga lettera della Campaign against antisemitism che chiede l’azione di Starmer contro molti altri personaggi della sinistra laburista. Starmer darà loro quello che vogliono? Ma la domanda che si pone il sito di Socialist Resistance, che è anche un pezzo del reticolo della sinistra laburista, è cosa succederebbe se Corbyn venisse espulso alla battaglia per spostare a sinistra la barra politica di quel partito. «Dobbiamo costruire una massiccia campagna di difesa che coinvolga tutti i settori del partito e in particolare i sindacati. Unite e i leader del CWU hanno entrambi difeso Corbyn».  

Cosa farà Corbyn? La sua intera strategia politica si è basata sulla trasformazione del lavoro e sul collegamento con il più ampio movimento operaio e con le campagne. È stato il leader socialdemocratico più a sinistra che il partito abbia mai prodotto.

«A volte abbiamo scherzato sul fatto che l’unico modo in cui uno come lui si separerà dal Partito laburista è se sarà espulso – rivela Socialist Resistance – beh, questo potrebbe benissimo accadere». Corbyn proverà a costruire un movimento socialista indipendente dal Labour? «Sarebbe comunque un grande passo e ci potrebbero essere delle mosse intermedie che potrebbero essere prese – un progetto interno/esterno».

Cosa farà Starmer? Porterà avanti l’espulsione di Corbyn? Diventerà una vera e propria epurazione? A quanto pare il personale del quartier generale del lavoro sta già cercando sui social media le persone che sostengono la posizione di Corbyn.

Owen Jones, noto columnist del Guardian, vicino alla sinistra e autore di THIS LAND: THE STORY OF A MOVEMENT, un libro sull’epopea dei tempi di Corbyn alla guida del Labour, rilancia un tweet di McDonnell: «Nel giorno in cui tutti noi dovremmo andare avanti e fare tutti i passi per combattere l’antisemitismo, la sospensione di Jeremy Corbyn è profondamente sbagliata. Nell’interesse dell’unità del partito, troviamo un modo per annullare e risolvere questo problema». La linea è «mantenere la calma, perché questo è il modo migliore per sostenere Jeremy e gli altri. Facciamo tutti appello alla leadership per revocare questa sospensione».

«Keir Starmer questa mattina ha giustamente detto di non volere una guerra civile nel partito laburista. Parliamoci chiaro. Nessuno lo vuole, ma sembra che si stia andando alla deriva verso un’accesa discussione sull’uso del linguaggio, su un’interpretazione errata, seguita da una reazione eccessiva», scrive oggi, il giorno dopo l’inizio della bufera, McDonnell su twitter. E Len McCluskey, numero uno di Unite, il maggior sindacato affiliato al movimento laburista, parla di una decisione sbagliata che rischia di «dividere» il partito e «condannarlo» fin d’ora a una sconfitta certa anche alle prossime elezioni. Un epilogo da scongiurare, ha replicato Stramer stamane in tv, assicurando di volere un partito «unito», inclusivo anche verso la sinistra interna. «Non voglio spaccare il Labour, ma voglio contrastare l’antisemitismo, si possono fare entrambe le cose e non c’è ragione di scatenare una guerra civile fra noi», ha provato ad abbassare i toni sir Keir, non senza ribadire tuttavia di essere rimasto «deluso dalla reazione di Jeremy» al rapporto della commissione dei diritti umani. Rapporto che «non lo ha accusato personalmente», ha notato, ma le cui conclusioni «sono chiare» e non possono non indurci a «chiedere scusa». 

Lanciata l’anno scorso, l’indagine dell’EHRC ha rilevato che il partito laburista avrebbe violato la legge sulla parità per tre motivi. Il rapporto ha stabilito che il partito si è reso colpevole di molestie non rispondendo adeguatamente alle dichiarazioni antisemite rilasciate nel 2016 e nel 2018 dall’ex sindaco di Londra Ken Livingstone, e alle dichiarazioni pubblicate online da un consigliere laburista nel 2018 e nel 2019, tra le altre cose.

L’EHRC ha inoltre individuato 23 casi di interferenza politica nella gestione delle denunce di antisemitismo, tra cui un caso riguardante direttamente Jeremy Corbyn. Nell’aprile del 2018, i laburisti avevano ricevuto una denuncia per il sostegno del parlamentare a un artista di graffiti che aveva creato un disegno antisemita su un muro nell’East London. La denuncia era stata invalidata dalla parte dopo l’intervento dell’entourage diretto del deputato di Islington.

Infine, il Labour avrebbe anche violato la legge sull’uguaglianza, ha aggiunto nella sua relazione la Commissione per l’uguaglianza e i diritti umani, perché non aveva adeguatamente formato le persone responsabili dell’esame delle denunce di antisemitismo. “In qualità di leader del partito in quel momento, e data l’entità delle interferenze [nella gestione dei reclami] che provenivano dal suo team, Jeremy Corbyn deve essere ritenuto responsabile di quanto accaduto in quel momento”, ha detto l’investigatore capo dell’EHRC Alasdair Henderson nel presentare il rapporto.

#IStandWithJeremyCorbyn

Pin It on Pinterest