Tempo di lettura: 5 minuti

Contributo della Commissione Ecologia della Quarta Internazionale in vista della COP 26 che si terrà a Glasgow da fine ottobre a metà novembre prossimi (Red).

La prossima Conferenza internazionale sul clima (COP26) si riunirà dal 1 al 12 novembre 2021. I rappresentanti dei governi e delle istituzioni internazionali faranno belle dichiarazioni per salvare il clima. Ma i veri eroi ed eroine nella lotta contro il cambiamento climatico non sono i leader dei paesi e dei gruppi capitalisti che si incontreranno a Glasgow, i quali hanno la maggior parte delle responsabilità dirette per l’imminente disastro climatico che minaccia l’umanità, ma le centinaia di attivisti/e e rappresentanti delle popolazioni indigene che difendono la terra e l’ambiente contro progetti estrattivi e distruttivi. Negli ultimi anni essi sono stati arrestati, molestati, torturati e persino assassinati in Colombia, Filippine, Brasile, Honduras, India, Kenya, Marocco, Egitto e Nicaragua… con o per la complicità di chi sfilerà davanti alle telecamere.

Persone, donne e giovani che agiscono a nome di tutta l’umanità contro il cambiamento climatico e per salvare la biodiversità e che si oppongono alla distruzione delle foreste, all’accaparramento di terre, all’appropriazione di acqua, all’inquinamento dell’aria e del suolo, sia per l’industria mineraria che per l’agricoltura industriale e l’allevamento di animali, lottando contro le multinazionali e gli Stati complici.

Covid-19 preannuncia le future crisi ecologiche e accusa il sistema.

La pandemia di Covid-19 ha ucciso più di tre milioni di persone, ha profondamente sconvolto le nostre vite, ha esacerbato le disuguaglianze sociali tra Nord e Sud e all’interno dei paesi nell’accesso alle cure e ai vaccini, come nella possibilità di proteggersi. Inoltre, ha aggravato la disoccupazione e la povertà, esposto ed estenuato tutte quelle persone che si prendono cura, nutrono, puliscono, educano. Da parte dei governi, mentre le loro politiche di distruzione dei servizi sanitari pubblici non hanno lasciato altra scelta che fermare tutta la vita sociale, ne hanno approfittato per rafforzare le politiche autoritarie e la repressione. Per quanto riguarda i gruppi capitalisti, in particolare le industrie digitali e farmaceutiche, i loro profitti sono esplosi.

Non c’è scelta tra combattere la pandemia e salvare il clima.

Questa malattia, come molte altre, passata dagli animali selvatici all’uomo, evidenzia la nostra interdipendenza con la natura della quale siamo parte. Il modo in cui abitiamo il mondo è devastato dalla logica del capitalismo basato sul profitto, che genera l’industria della carne e le sue fattorie di allevamenti intensivi, il traffico di animali selvatici, le monoculture dell’agricoltura industriale, la deforestazione e l’estrattivismo, distruggendo gli ecosistemi e promuovendo le pandemie. Questa logica è anche responsabile dell’aumento delle emissioni di gas a effetto serra che causano il cambiamento climatico.

A differenza dei governi che cercano di utilizzare la crisi sanitaria e le sue implicazioni economiche e sociali per relegare la questione ambientale e l’emergenza climatica in secondo piano, sosteniamo la richiesta di “una giusta ripresa” che pone la questione ambientale e sociale al centro di tutte le politiche pubbliche.

Qual è lo stato del clima?

Il rallentamento economico ha ridotto le emissioni di CO2 (fino al 17% in alcuni giorni e tra il 4,2% e il 7,5% nel 2020), ma non ha impedito che l’anno 2020 fosse il più caldo mai registrato con 1,25 C sopra il periodo preindustriale. Soprattutto, non si riduce la concentrazione di CO2 nell’atmosfera, che è il risultato cumulativo di emissioni passate e presenti. È aumentata del 45% negli ultimi 30 anni ed è ora superiore del 50% ai livelli pre-industriali e sarà presto superiore a quelli del Pliocene (-2,6 a -5,3 milioni di anni fa), quando non c’era una calotta di ghiaccio permanente nell’emisfero settentrionale e quando il livello del mare era 25 metri più alto di oggi. I disastri sono già qui – calotte di ghiaccio che si sciolgono, ondate di calore eccezionali, uragani, inondazioni, mega-incendi… – ma il peggio deve ancora venire e lo sconvolgimento delle nostre vite da parte della pandemia è solo un piccolo assaggio. Non c’è tempo per le mezze misure, dobbiamo agire immediatamente e radicalmente, rispettando la giustizia sociale e climatica.

Cosa aspettarsi dalla COP26?

I maggiori emettitori di gas a effetto serra – Stati Uniti, Unione Europea e Cina – concordano tutti di puntare alla neutralità del carbonio, nel 2050 per i primi due, e nel 2060 per la Cina. Joe Biden firma il ritorno degli Stati Uniti all’accordo di Parigi e organizza un “vertice dell’ultima occasione”, Xi Jinping dichiara che la Cina inizierà a ridurre le sue emissioni di CO2 prima del 2030, l’Unione europea innalza l’obiettivo di riduzione per il 2030 dal 40% al 55%…

Il blocco esplicito dei negazionisti del clima sta perdendo terreno e gli stati sono chiamati a “rivedere le loro ambizioni verso l’alto”. È infatti impossibile ignorare il divario tra l’obiettivo fissato alla COP21 di Parigi nel 2015 di “mantenere il riscaldamento ben al di sotto di 2 C mentre i continui sforzi per non superare 1,5 C rispetto all’era pre-industriale” e gli attuali impegni degli Stati che portano ad un riscaldamento del 3,3 C entro la fine del secolo. Ma dietro le dichiarazioni di intenti si nasconde sempre il cinismo dei capitalisti e dei governi al loro servizio e l’assenza di qualsiasi decisione reale e radicale di uscire dai combustibili fossili.

La neutralità del carbonio nel 2050: una falsa, imperialista e pericolosa buona notizia.

Le emissioni nette zero non sono emissioni zero.

“Nette” significa continuare le emissioni proseguendo lo sfruttamento dei combustibili fossili, e pretendere di annullarle con assorbimenti dette «emissioni negative». Usando tecnologie rischiose come la cattura e il sequestro di CO2. Ma anche con meccanismi che fanno sopportare al Sud del mondo il peso della compensazione dei gas serra emessi da e per i più ricchi, espropriando i popoli delle loro terre e foreste, in un neocolonialismo verde che volta le spalle al riconoscimento delle responsabilità storiche dei paesi del Nord.


Puntare al 2050 significa rifiutarsi di agire ora.

Significa decidere di lasciare che i gas serra si accumulino e riscaldino il clima. Peggio ancora, questa scadenza lontana lascia la porta aperta ad un “superamento temporaneo” di 1,5 C, compensato da un raffreddamento più che ipotetico. Anche se questo raffreddamento fosse possibile, una tale scommessa ignora i cambiamenti irreversibili che potrebbero essere causati dal superamento temporaneo. Ad esempio, l’IPCC stima il punto di ribaltamento del ghiacciaio della Groenlandia tra 1,5 e 2 C. Se questo punto viene superato, non ci sarà modo di invertire il raffreddamento in seguito.

I negoziati internazionali restano condizionati dai grandi gruppi finanziari e industriali e dominati da imperativi capitalistici e imperialisti. Non possiamo aspettarci né l’adozione di misure commisurate all’urgenza della situazione, né il rispetto della giustizia sociale e climatica per i paesi del Sud e i loro popoli.

“La soluzione non verrà da questi negoziati, può venire solo dalle lotte dei popoli.” (Greta Thumberg)

La COP26 deve essere un’opportunità per sfidare i leader, per screditarli esponendo le loro bugie, per destabilizzarli politicamente attraverso il potere delle nostre mobilitazioni, per riprendersi il potere presentando le nostre soluzioni per la giustizia sociale e climatica:

– Piani di riduzione delle emissioni nei diversi settori: trasporti, edilizia, energia e dell’agricoltura per restare al di sotto del l’1,5% C, con la partecipazione diretta dei lavoratori interessati e delle comunità interessate alla progettazione al l’attuazione di soluzioni alternative
– il rifiuto del “superamento temporaneo”.
– La lotta contro le tecnologie pericolose (nucleare, OGM, geoingegneria, BECCS).

– La fine dei meccanismi di compensazione e il rispetto dei popoli del Sud del mondo e in particolare dei popoli indigeni.
– Sospensione dei grandi progetti distruttivi di estrazione imposti alle popolazioni
– Riduzione della produzione di materiali e trasporto non necessario.

Salviamo il clima del 99% dei popoli, solo l’1% dovrebbe pagare

La traduzione in italiano è stata curata da B. Buonomo di Sinistra Anticapitalista

Pin It on Pinterest