Tempo di lettura: 9 minuti

L’Ucraina deve far fronte all’offensiva russa nella peggiore delle situazioni economiche. Dopo l’indipendenza e ancor più dopo il 2014, la storia economica del paese è quella di un impoverimento generalizzato.

In questa nuova crisi, l’Ucraina è una delle economie più deboli in Europa e nello spazio ex sovietico. Una volta il gioiello della corona dell’impero zarista e del regime sovietico (l’operaio modello della propaganda stalinista, Aleksei Stakhanov, era di Dombash), è ora l’ombra del suo passato.

Nel 1990, il PIL pro capite di quella che era ancora la Repubblica Socialista Ucraina all’interno dell’URSS era di 16.428,5 dollari. Questo era del 24% inferiore a quello della Federazione Russa e del 31% inferiore alla media dell’Europa e dell’Asia centrale, ma del 70% superiore alla media mondiale.

I risultati a lungo termine sono indiscutibili. Secondo i dati della Banca Mondiale sul PIL pro capite a parità di potere d’acquisto e in dollari del 2017, la storia economica dell’Ucraina dalla fine dell’Unione Sovietica è stata una discesa agli inferi.

Il cattivo allievo dell’ex URSS

Trent’anni dopo, nel 2020, questo stesso PIL pro capite ucraino era di soli 12.375,9 dollari, un calo del 25 per cento. Nel frattempo, il livello della Russia è aumentato del 23%, quello dell’Europa Centrale-Asia Centrale del 42% e quello del mondo del 67%. L’Ucraina è stata impoverita e ha sofferto un notevole degrado. Il suo PIL pro capite è ora del 31% al di sotto della media mondiale.

Il paese è stato superato da ex paesi molto poveri e in conflitto come l’Albania e la Bosnia-Erzegovina. Anche la Bielorussia ha superato l’Ucraina, che nel 2020 aveva un tenore di vita più alto di solo quattro delle 15 ex repubbliche sovietiche: Moldavia, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan.

Un’ultima figura illustra questo disastro e proviene da un recente studio del FMI. L’Ucraina è tra i 18 paesi del mondo il cui PIL pro capite è diminuito nel periodo 1990-2017; è il quinto peggior risultato. L’economia del paese va meglio solo rispetto ad alcuni stati devastati dalla guerra civile endemica durante questo periodo, come la Repubblica Democratica del Congo, lo Yemen e il Burundi.

La situazione è ancora più terribile se si considera che l’Ucraina ha perso quasi otto milioni di abitanti tra il 1990 e il 2020, da 51,9 milioni a 44,1 milioni. Il calo del PIL totale è quindi vertiginoso, soprattutto perché, a differenza dei paesi citati, l’economia ucraina non è una “piccola” economia. In dollari del 2017 e a parità di potere d’acquisto, il PIL ucraino si è ridotto del 40% in trent’anni.

Il crollo post-sovietico e le ragioni dell’arretratezza dell’Ucraina

Come spesso accade, ci sono molte ragioni per questo disastro. La prima ragione è la violenza della transizione post-sovietica. Come la Russia di Boris Yelsin, l’Ucraina degli anni 1990, allora dominata dall’ex apparatchik Leonid Kuchma (primo ministro dal 1992 al 1993 e poi presidente dal 1994 al 2004), ha sperimentato la “dottrina dello shock”. Nel 1994, Kuchma, con il plauso del FMI, eliminò tutti i controlli sui prezzi e lanciò massicce privatizzazioni. L’economia già indebolita è crollata ulteriormente. In Russia, gli oligarchi si sono impadroniti della ricchezza del paese e hanno catturato il flusso di valore verso Cipro e altri paradisi fiscali.

Il PIL pro capite nel 1998 era del 68% inferiore a quello del 1990, simile a quello di stati che hanno subito una guerra sul loro territorio. È anche un declino più violento di quello subito dalla Russia nello stesso periodo (43%).

Dopo la crisi del 1998-1999 nei paesi emergenti, i paesi dell’ex URSS hanno vissuto un periodo decennale di ripresa, alimentato dalla domanda esterna di materie prime e, più marginalmente, di prodotti industriali. Anche se il PIL pro capite dell’Ucraina si sta riprendendo, la sua economia non è riuscita a tornare al livello della fine dell’era sovietica. Nel 2008, la Russia ha superato il livello del PIL pro capite del 1990. Ma l’Ucraina era ancora del 17,6 per cento al di sotto di quel livello.

Che cosa è successo? La prima risposta sta nell’ampiezza dello shock iniziale, che ha distrutto la base produttiva dell’Ucraina e l’ha resa meno capace di beneficiare della ripresa. Secondo la Banca Mondiale, gli investimenti sono scesi da 71,5 miliardi di dollari nel 2015 nel 1990 a 14,8 miliardi di dollari nel 2000 e 36,1 miliardi di dollari nel 2008. La modernizzazione della capacità industriale non è mai avvenuta, e l’Ucraina ha comprensibilmente perso terreno sui mercati mondiali.

Così, anche se la crescita delle esportazioni in termini di valore è impressionante tra il 2000 e il 2008, a +359,5%, rispetto al 349% per la Russia, il livello di partenza è troppo basso per giustificare il recupero. Soprattutto, questa crescita non è sufficientemente trasmessa alla popolazione. Non è accompagnato da investimenti pubblici, da una maggiore redistribuzione e da una maggiore produttività. Questa è una crescita delle esportazioni basata su bassi salari. Per una crescita di valore paragonabile a quella della Russia, l’Ucraina ha dovuto mostrare quasi il doppio della crescita di volume (+107,2% rispetto al 58,5%).

Infine, i proventi delle esportazioni sono in gran parte catturati da un’oligarchia che si basa su un alto livello di corruzione. In questo contesto, l’emigrazione sta accelerando, il che ha portato a un declino della popolazione che riduce ulteriormente la crescita del paese e la sua capacità di mobilità verso l’alto. L’Ucraina è invecchiata rapidamente, il che ha influenzato la sua economia aumentando il deficit pubblico e riducendo la capacità produttiva. L’Ucraina è stata poi presa in un circolo vizioso.

In questa situazione, a partire dal 2004, con la partenza di Leonid Kuchma e la “rivoluzione arancione”, il paese ha cominciato a dubitare del suo modello economico. Il vacillamento tra Europa e Russia che ha caratterizzato gli anni 2004-2014 in Ucraina ha avuto anche un significato economico: dovrebbe rimanere all’interno della sfera di influenza russa e affidarsi al capitalismo clientelare regolato dallo stato o intraprendere una nuova ondata di liberalizzazione per unirsi all’economia europea?

Questa scelta è stata resa ancora più delicata dal fatto che, se il controllo oligarchico non rendeva il modello russo molto attraente, il crollo del benessere materiale della popolazione rendeva difficile togliere le ultime protezioni (pensioni, prezzi dell’energia regolamentati) come richiesto dal FMI e dalla Commissione Europea.

Queste esitazioni hanno portato a un’alternanza politica e a una mancanza di alternative che sono state piuttosto dannose in un momento in cui l’economia ucraina è stata colpita duramente dalla crisi del 2008-2009, e poi dalla crisi dell’eurozona e delle materie prime negli anni successivi. La concorrenza internazionale si è intensificata, le opportunità di mercato stanno diventando più scarse, le esportazioni sono di nuovo in calo e l’economia sta affondando. Il livello del PIL pro capite del 2008 (che, va ricordato, è del 17,5% inferiore a quello del 1990) non sarà mai recuperato dall’Ucraina. Nel 2019, era ancora inferiore del 7%.

Di fronte a questa crisi, i governi dell’epoca non hanno realmente combattuto uno dei punti neri dell’economia ucraina: la corruzione. Nello studio del FMI menzionato sopra, gli autori confrontano l’Ucraina e la Polonia, che erano economie abbastanza comparabili negli anni 90, in termini di “riforme strutturali”. Ciò che è interessante è che, in termini di riforme “economiche”, l’Ucraina non è in ritardo rispetto alla Polonia: secondo i criteri del FMI, sta addirittura facendo “meglio” in termini di liberalizzazione del “mercato del lavoro” e in alcune aree dei mercati finanziari e delle merci. La vera differenza è nella corruzione, nello stato di diritto e nella governance.

In altre parole, l’Ucraina ha cercato di costruire un modello basato sulla competitività dei costi, mantenendo la cattura del valore da parte dell’oligarchia. Questo modello può solo portare a una serie di fallimenti che bloccano qualsiasi sviluppo, rendendo lo Stato incapace di agire e facendo ricadere il peso dell’aggiustamento sulla popolazione.

L’economia ucraina dopo Maidan

È senza dubbio questa impasse che ha scatenato in parte gli eventi di Maidan del 2014. La crisi aperta con la Russia ha portato il paese, in una certa misura, a optare per un ingresso di fatto nel modello europeo. Ha certamente portato maggiore chiarezza, ma le condizioni imposte dal FMI, che è stato dalla parte del paese per anni, non hanno realmente migliorato la situazione. È vero che la crescita è ripresa dopo il 2015, ma, come abbiamo visto, il PIL pro capite non è tornato al livello del 2008, né a quello del 2013. Le prospettive sono quindi desolanti.

È vero che i governi post-Maidan hanno fatto pochi progressi sulla priorità principale, la lotta alla corruzione. I dati del FMI lo confermano evidenziando quanto, sia in questo settore che nel funzionamento del sistema giudiziario, il divario con la Polonia (che è tutt’altro che esemplare in questo settore) abbia continuato ad aumentare tra il 2013 e il 2018, anche mentre l’Ucraina continuava a liberalizzare il “mercato del lavoro”.

Lo studio del FMI riconosce che la questione dello stato di diritto è centrale per il futuro sviluppo dell’Ucraina. Senza di essa, il decollo economico non è possibile. Il FMI nota che un sondaggio del 2019 conferma che le tre principali ragioni per cui gli investitori internazionali evitano l’Ucraina sono la corruzione, il sistema giudiziario e “la cattura dello stato da parte dell’oligarchia”.

Tuttavia, la visione del FMI è, come spesso accade, troppo semplicistica. Il FMI disegna scenari molto ottimistici sulla ripresa della Polonia legati all’attuazione dei suoi piani di riforma strutturale. Ma la situazione ucraina è senza dubbio molto più complessa.

La prima questione centrale è ovviamente il conflitto con la Russia. La posizione debole dell’Ucraina è un ostacolo per gli investitori stranieri, che senza dubbio temono che i loro mezzi di produzione siano catturati dalle forze filorusse, come è successo nella regione industriale di Dombass. Investire in Ucraina significa spesso mobilitare enormi somme di denaro per realizzare uno strumento di produzione, anche se la produttività del lavoro è bassa e le infrastrutture sono insoddisfacenti. Questo tipo di investimento non è oggi molto attrattivo in nessuna parte del mondo, e l’Ucraina ha poco da offrire in questo settore in termini di redditività.

Inoltre, il conflitto ostacola la crescita dell’Ucraina privandola delle risorse della Crimea, annessa dalla Russia, e delle due parti occupate del Dombass. Uno studio dell’istituto britannico CEBR ha stimato le perdite cumulative di queste occupazioni a 14,6 miliardi di dollari all’anno, circa il 10% del PIL dell’Ucraina. Aggiungendo l’effetto delle entrate fiscali perse, la distruzione di beni e l’effetto sugli investimenti, il CEBR stima che le perdite annuali del conflitto ammontano a 40 miliardi di dollari, pari a un quarto del PIL. Tra il 2014 e il 2020, le perdite cumulative sarebbero state pari a 280 miliardi di dollari.

Anche se questo studio mescola gli effetti, che non sono necessariamente cumulativi, esso dà comunque un’idea del peso avuto dal conflitto sull’economia ucraina. Questo peso, applicato a un’economia già indebolita e fragile, rende assai illusoria la prospettiva di una crescita annuale del 7% grazie alle riforme del FMI.

È vero che le esportazioni sono rimbalzate dal 2015 (+38% in valore tra allora e il 2019), ma sono ancora lontane dal loro livello del 2012 (-27%). Questa debolezza contribuisce a un deficit commerciale molto grande (il deficit ha raggiunto l’8% del PIL nel 2019), che mette ulteriore pressione sulla valuta locale, la grivna. Dopo Maidan e il conflitto con la Russia, l’Ucraina ha evitato la bancarotta totale solo per il default sul suo debito con la Russia e rivolgendosi al FMI.

Dal 2014, il FMI fornisce al governo ucraino il denaro di cui ha bisogno. E mentre non è riuscito a imporre una lotta attiva contro la corruzione, ha imposto l’indipendenza della banca centrale, la NBU, che, per salvaguardare le sue riserve in valuta estera e la stabilità della moneta, mantiene tassi molto alti. Il tasso di base della NBU è dell’8,5%, che è considerevole nel contesto attuale, anche con un tasso di inflazione annuale del 10%.

Dal 2018, il flusso di credito al settore privato è diminuito. In queste condizioni, è comprensibile che l’investimento delle aziende locali sia una scommessa molto rischiosa in Ucraina. Per non parlare delle famiglie, che devono affrontare tassi vicini al 30%.

L’altra impresa del FMI è, naturalmente, i tagli alla spesa sociale. Tra il 2014 e il 2020, la spesa sociale è scesa dal 20% al 13% del PIL, mentre la spesa per i salari pubblici ha ristagnato. Con un corpo sociale già gravemente indebolito, tali misure possono solo sforzare ulteriormente l’economia ucraina.

In altre parole, anche con il FMI al timone, i mali dell’economia ucraina non diminuiscono. La cattura del valore da parte degli oligarchi, indipendentemente dal costo per la popolazione, rimane la norma. Questa cattura rende lo stato largamente incapace di perseguire una politica di sviluppo razionale nell’interesse della sua popolazione. In queste condizioni, il decollo capitalista dell’Ucraina sembra altamente improbabile, anche se non teniamo conto degli eventi attuali.

La questione agraria

Ma c’è ancora un’ipotesi da esplorare, come discusso, per esempio, in questo post del blog dello storico americano Adam Tooze, che parte dall’agricoltura. È vero che è uno dei punti di forza del paese. L’Ucraina ha un quarto della terra nera più fertile del mondo ed è stata tradizionalmente uno dei granai d’Europa. Oggi, il paese è soprattutto il primo produttore mondiale di girasole.

Ma i rendimenti sono molto bassi. Secondo le cifre di Adam Tooze, il valore aggiunto di un ettaro in Ucraina è di 443 dollari, contro i 2’440 dollari della Francia. Per aumentare le esportazioni, è necessario uno shock di produttività agricola in Ucraina. In uno schema piuttosto classico, un tale shock permetterebbe agli investimenti nel resto dell’economia di svilupparsi e avviare il paese su un percorso virtuoso.

Ma come si può fare? Il FMI e gli economisti ortodossi credono che il problema stia nel sistema di proprietà della terra. L’Ucraina è, insieme alla Bielorussia, l’ultimo paese in Europa dove la vendita di terreni è vietata. Nel 2001 è stata realizzata una riforma agraria che ha assegnato metà della terra del paese a sette milioni di piccoli proprietari in cambio del divieto di vendere, comprare o ipotecare la terra. Questi piccoli agricoltori sviluppano spesso un’economia di sussistenza, affittando parte della loro produzione a grandi proprietari terrieri che si sono impadroniti di terre che sono ancora in mano allo Stato.

I consulenti occidentali ritengono che la liberalizzazione della proprietà terriera aumenterebbe la produttività agricola concentrando e razionalizzando la produzione. Quando il presidente Volodymyr Zelensky è stato eletto nel 2019, la richiesta del FMI è stata molto chiara a questo proposito e il Fondo ne ha fatto una condizione per continuare gli aiuti. Una legge è stata alla fine approvata dal parlamento ucraino (la Rada) nel marzo 2020.

Zelensky ha rifiutato di permettere la vendita di terreni agli stranieri, che è molto impopolare nel paese, ma dal 1° luglio 2021 gli ucraini possono vendere e comprare fino a 100 ettari di terreno. Nel 2024, il limite aumenterà a 10’000 ettari. Allo stesso tempo, un fondo assicurerà che i piccoli agricoltori abbiano un credito sufficiente.

In realtà questa liberalizzazione porterà alla concentrazione delle terre. Il lato oscuro dell’aumento dei rendimenti agricoli è che metterà una parte della popolazione rurale in una situazione molto precaria. Il 14% della popolazione ucraina lavora ancora nell’agricoltura.

Affinché il decollo capitalista abbia luogo, i rendimenti dovranno essere reinvestiti in altri settori del paese, non nelle banche cipriote o di Singapore. Non c’è alcuna garanzia di questo al momento attuale: lo stato del capitalismo globale rende questi modelli di sviluppo molto incerti e la crisi attuale non fa che rafforzare questa incertezza.

Con una disoccupazione al 10% e una popolazione già impoverita, senza questo movimento, il disastro sociale è assicurato. Nulla può essere fatto senza che lo Stato recuperi la sua autonomia dagli interessi privati che gli impediscono di perseguire politiche favorevoli al benessere collettivo. Così l’Ucraina non è uscita dall’impasse economica – tutt’altro. E, naturalmente, gli ultimi sviluppi del conflitto con Mosca rendono ogni prospettiva felice ancora più remota.

*articolo apparso su www.mediapart.fr. La traduzione in italiano è apparsa sul sito https://anticapitalismoerivoluzione.wordpress.com/ rivista dal segretariato MPS.

Pin It on Pinterest