Tempo di lettura: 4 minuti

Se fosse necessaria un’ulteriore prova dei limiti della tradizionale “democrazia rappresentativa”, la scena politica israeliana offre un esempio eccellente. Sebbene l’Operazione Al-Aqsa Flood abbia cambiato il clima politico israeliano a scapito di Netanyahu e del blocco di governo che ha formato con l’estrema destra sionista alla fine del 2022, egli rimane al potere, in grado di mantenerlo costituzionalmente fino al 2026. Netanyahu è riuscito ad assorbire parte della rabbia popolare israeliana che lo riteneva responsabile di non aver impedito l’attacco armato del 7 ottobre, creando un piccolo “gabinetto di guerra” con la partecipazione di uno dei due principali poli dell’opposizione sionista. Questo gli ha permesso di apparire come un uomo amante della “unità nazionale” sionista per affrontare il popolo palestinese.

Oltre alla dimensione politica della manovra, Netanyahu ha voluto coinvolgere i suoi avversari politici nella responsabilità di gestire l’assalto alla Striscia di Gaza. Lo ha fatto coinvolgendo due uomini che avevano assunto successivamente la carica di capo di Stato Maggiore dell’esercito israeliano tra il 2011 e il 2019, ovvero Benny Gantz e Gadi Eisenkot, entrambi appartenenti al blocco di opposizione Unità Nazionale alla Knesset. Il gabinetto di guerra incarnava il consenso sionista revanscista che ha portato alla distruzione di Gaza e allo sterminio di circa cinquantamila dei suoi residenti fino ad oggi, con l’aiuto degli Stati Uniti.

Ma il consenso sionista rappresentato da quel gabinetto di guerra è terminato quando la rioccupazione della Striscia di Gaza è stata completata e la questione del suo destino politico è venuta alla ribalta. A quel punto, il gabinetto di guerra si è diviso sulla posizione da assumere nei confronti dell’”accordo” voluto da Joe Biden e dall’amministrazione statunitense da lui guidata. Questo “accordo” consiste nell’unire frammenti del territorio della Striscia di Gaza e della Cisgiordania in uno “stato palestinese” nominalmente governato da una “Autorità palestinese” leggermente modificata. La Striscia sarebbe soggetta a una supervisione militare congiunta israeliana e araba (principalmente egiziana). Sebbene l’opposizione sionista sostenga questo “accordo”, Netanyahu non può dichiarare di accettarlo senza rompere l’alleanza che ha stretto con l’estrema destra, il che lo farebbe dipendere da ciò che i suoi attuali avversari politici decidono in merito.

Il problema per Netanyahu è che l’equilibrio di potere è completamente diverso nei due casi. Mentre la partecipazione dei suoi alleati “neonazisti” al governo dipende da lui, in quanto non avrebbero potuto sognare tale partecipazione se non fosse stato per il profondo opportunismo di Netanyahu e la sua disponibilità a fare qualsiasi cosa per rimanere al potere (ed evitare di essere perseguito in giudizio), l’opposizione sionista può sperare di assumere il potere senza di lui attraverso elezioni parlamentari anticipate, con buone speranze di ottenere la maggioranza alla Knesset. 

In effetti, dopo il 7 ottobre, i sondaggi di opinione in Israele indicano che l’opposizione è più popolare dell’attuale blocco al potere.

La manovra di Netanyahu di includere i suoi rivali nel gabinetto di guerra, insieme al suo apparire come un ostinato difensore degli interessi sionisti di fronte alle pressioni degli Stati Uniti, ha cambiato in qualche modo la direzione dell’opinione pubblica. Due sondaggi pubblicati pochi giorni fa hanno mostrato un aumento della popolarità di Netanyahu, accompagnato da un calo della popolarità del suo rivale Gantz rispetto all’apice raggiunto da quest’ultimo dopo il 7 ottobre e la sua partecipazione nel gabinetto di guerra in nome dell’unità nazionale sionista. 

Questo perché Gantz ha iniziato ad addossare a Netanyahu la responsabilità della mancata eliminazione della resistenza armata all’interno della Striscia di Gaza dopo otto mesi di frenetica aggressione, in assenza di una chiara visione per “the day after”, come viene ora chiamato il destino politico e di sicurezza di Gaza. Questa nuova tendenza dell’opinione pubblica israeliana è stata senza dubbio un fattore chiave nella decisione di Gantz di porre fine alla sua partecipazione al gabinetto di guerra.

Tuttavia, i sondaggi continuano a indicare una possibile sconfitta dell’alleanza esistente tra il partito Likud di Netanyahu e i “neonazisti” contro i blocchi di opposizione. Mentre uno dei due recenti sondaggi indica che l’opposizione potrebbe ottenere la maggioranza dei seggi alla Knesset (61 su 120), l’altro indica che avrebbe bisogno di tre seggi per raggiungere questo obiettivo. Questi seggi potrebbero essere forniti dal blocco arabo-islamico guidato da Mansour Abbas, che non ha smesso di esprimere la sua volontà di continuare a partecipare al gioco politico sionista, o da uno dei gruppi sionisti affiliati all’attuale coalizione di governo, o da qualsiasi altro piccolo blocco della Knesset.

Netanyahu non rischierà quindi di rompere la sua alleanza con l’estrema destra sionista e di affrontare la possibilità di una battaglia elettorale anticipata a meno che non ottenga benefici e garanzie, soprattutto per quanto riguarda i suoi problemi giudiziari. Può rimanere al potere con i suoi alleati anche se i sondaggi confermano che sono diventati una minoranza nel paese, anche se il periodo attuale è uno dei più gravi che lo stato sionista abbia attraversato nella sua breve storia. Netanyahu punta chiaramente anche sulla possibilità che Donald Trump vinca le elezioni presidenziali statunitensi di inizio novembre.

Tutto ciò è fonte di grande imbarazzo per Biden, che ha bisogno di ottenere l’”accordo” che cerca prima delle elezioni. Per questo motivo l’amministrazione statunitense ha invitato Yoav Galant, ministro della Difesa dell’attuale governo sionista e rivale di Netanyahu all’interno dello stesso partito Likud, a visitare Washington nei prossimi giorni, prima che Netanyahu venga a tenere il quarto discorso al Congresso degli Stati Uniti il 24 luglio (che, per inciso, è un privilegio che nessun altro capo di stato straniero ha mai ricevuto nella storia degli Stati Uniti). Non c’è dubbio che l’amministrazione Biden stia esplorando modi per fare pressione su Netanyahu attraverso Gallant, compresa la possibilità che quest’ultimo possa rompere con Netanyahu assieme a un numero di deputati del Likud nella Knesset sufficiente a far cadere l’attuale governo e a portare a nuove elezioni.

* articolo apparso su Al-Quds al-Arabi il 20 giugno 2024

Print Friendly, PDF & Email