Tempo di lettura: 11 minuti

“Tra il 1850 e il 2007, la produzione misurata in PIL mondiale pro capite si è moltiplicata per 9,5 mentre le emissioni di CO2 si sono moltiplicate per 155”.
Michel Husson

“Il cambiamento climatico ci sta svegliando sulla realtà dei nostri tempi, è un messaggio potente sul fatto che è necessario un modello economico completamente nuovo”.
Naomi Klein

La crisi ecologica e sociale è multidimensionale e non si limita alla scottante questione del cambiamento climatico. Si tratta infatti di una crisi di civiltà, in quanto implica il ristabilimento del rapporto società/natura e quindi riguarda il modo in cui produciamo e soddisfiamo i bisogni umani, tenendo conto dei limiti imposti dalla natura. Ciò non significa che non si possa affrontare la questione del modello di crescita nel quadro dell’attuale modo di produzione in relazione a un asse centrale: la necessità di una transizione energetica, chiave di una più ampia e profonda transizione ecologica. La cattiva notizia è che il tempo per fermare il disastro si sta accorciando e comincia a giocare come fattore politico determinante. È quindi urgente capire e agire.

Ricordiamo alcuni fatti essenziali:
– La temperatura media globale del pianeta è aumentata di 1,1ºC dall’era preindustriale e il tasso di aumento è quasi esponenziale: siamo sulla rotta di un aumento di 2ºC, con alcuni scienziati che prevedono che – se le cose continueranno così e data l’inerzia degli impatti già causati – l’aumento potrebbe raggiungere i 6ºC entro la fine di questo secolo.
– Ciò è interamente legato all’aumento delle concentrazioni di gas come la CO2, che ha superato i 420 ppm, il CH4 e l’N2O, che hanno raggiunto rispettivamente 1908,5 e 335,3 ppb.
– Il livello dei mari è già salito di oltre 20 cm dall’inizio del secolo scorso e l’estensione media dei ghiacci sta diminuendo di anno in anno.

Se le cifre fornite da Michel Husson (vedi sopra) sono significative del connubio indissolubile tra capitalismo industriale ed energia fossile, è ancora più significativo – se possibile – constatare che negli ultimi 30 anni di neoliberismo trionfante è stato emesso il 50% dei gas serra (GHG) del totale dell’era industriale. Già nel 2013, l’Atlante globale del carbonio indicava che le emissioni di anidride carbonica avevano raggiunto la cifra record di 36’131 milioni di tonnellate e il monitoraggio di queste emissioni mostra che, lungi dal diminuire, non hanno smesso di aumentare ogni anno.

Bivio climatico

Per anni, in seguito ai rapporti del gruppo di esperti dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) promosso dalle Nazioni Unite, si è creato un apparente consenso internazionale sulla necessità di affrontare gli effetti delle emissioni di gas serra (GHG) e negli ultimi decenni si sono tenuti diversi vertici intergovernativi (noti come Conferenze delle Parti o COP) senza risultati tangibili. Al contrario, la realtà ha smentito le belle parole. Le risoluzioni adottate alla conferenza sul clima di Copenaghen nel 2009 e alla conferenza di Parigi nel 2015 indicavano una politica di persuasione rivolta alle grandi aziende energetiche per promuovere una transizione verso le energie rinnovabili. Tuttavia, i fatti e le cifre che seguono smentiscono qualsiasi progresso.

Ma nelle istituzioni, ma anche tra i partiti di sinistra, a partire dai Verdi di ogni schieramento, nei sindacati e in ampi settori del movimento ambientalista e dell’attivismo per la giustizia climatica, ha preso piede un’idea: attraverso la pressione politica, il capitalismo globale, e in ogni Paese, può essere indotto ad accettare la transizione energetica in termini di sostituzione dei combustibili fossili (idrocarburi, carbone, gas, ecc.) con fonti energetiche pulite e rinnovabili. Questo approccio dimentica che il capitale fossile ha importanti asset che dovrebbero essere lasciati nel terreno e che le energie alternative offrono ancora una redditività significativamente inferiore rispetto ai combustibili fossili. Ancora una volta, per parafrasare il detto di Bill Clinton “è l’economia, stupido“, è il capitalismo, amico.

Nel frattempo, i fenomeni climatici discordanti legati all’innalzamento della temperatura media derivante dalle emissioni di gas serra non si sono fermati, mentre la comunità scientifica segnala la possibilità e il rischio di superare i tipping point e quindi di innescare dinamiche irreversibili. Ma finché possiamo agire, non ci sono scuse.

L’ascesa e la caduta del New Deal verde

Il cosiddetto Green New Deal è diventato un punto di consenso tra ampi settori della sinistra nei Paesi industrializzati occidentali dopo che la deputata statunitense Alexandra Ocasio-Cortez lo ha difeso. La sua impronta può essere rintracciata in programmi politici come quello di Sumar nelle ultime elezioni generali spagnole del 23 luglio. Idee e proposte interessanti sulla transizione energetica verso la decarbonizzazione come chiave per una transizione ecologica, il cui tallone d’Achille è sempre lo stesso: come realizzarle, cosa fare, qual è la strada da seguire?

Da parte loro, le varie potenze imperialiste, da Washington a Pechino, hanno lanciato proposte e proclami sulla decarbonizzazione che in realtà si concentrano sull’inclusione delle fonti di energia rinnovabile nei piani per le componenti della matrice energetica di ogni Paese per la produzione di elettricità e il suo rapporto con il rilancio finanziario ed economico. Propongono anche alcuni cambiamenti tecnologici nell’industria automobilistica, in particolare nei veicoli privati, per consentirne l’elettrificazione. Si tratta del cosiddetto capitalismo verde, la cui prospettiva si basa sul fatto che ci sarà una transizione energetica integrale.

Nel caso dell’Unione Europea (UE), è stato concretizzato nel Green Deal europeo, reso pubblico nel dicembre 2019 da Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea. L’UE si è posta l’obiettivo di diventare la prima area politico-geografica imperialista a utilizzare il 100% di energia rinnovabile per raggiungere lo zero netto (zero emissioni di gas serra) entro il 2050 attraverso l’introduzione di nuove tecnologie e la digitalizzazione dell’economia. Alla base di questa proposta c’è la volontà dell’UE – che, per inciso, nei suoi testi sull’argomento si appropria del nome Europa senza alcun rigore geografico – di essere competitiva con i due giganti economici, Stati Uniti e Cina, in un contesto di crisi della globalizzazione armoniosa (in cui tutti dovrebbero vincere) e della sua reale sostituzione con una recrudescenza della competizione inter-imperialista. La proposta europea si basa su un’idea forte: pur accettando formalmente l’esistenza di una crisi climatica, questa può essere scongiurata senza toccare il modello di crescita economica espansiva inestricabilmente associato al modo di produzione capitalistico e, per di più, la transizione energetica aprirebbe eccellenti opportunità di business.

Questo ottimismo sulla possibilità di cambiare il modello energetico senza cambiare il modello sociale, economico e politico sottostante è il nesso che unisce le proposte riformiste della sinistra che abbracciano il New Green Deal come una panacea con le politiche del grande capitale europeo, il vero tutor della Commissione europea, così come i governi del resto delle potenze imperialiste e dei Paesi industrializzati. Nel caso spagnolo, il miglior esponente di questa falsa illusione politica si concentra nell’orientamento del MITECO (Ministero per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica) e nella retorica intorno al Piano di Recupero, Trasformazione e Resilienza che sostanzia l’applicazione dei Fondi di Prossima Generazione dell’UE, la cui distribuzione nel caso spagnolo ci mostra già che i beneficiari saranno le grandi imprese, comprese quelle che costituiscono l’oligopolio energetico dei combustibili fossili del Paese, con REPSOL in testa, che sta cercando di guidare l’alternativa dell’idrogeno, il cui unico risultato tangibile è stato finora quello di ricevere ingenti aiuti pubblici.

È chiaro che la transizione energetica richiede cambiamenti nelle fonti e nelle tecnologie energetiche, ma questo da solo non è sufficiente, né si potrà raggiungere senza affrontare tre questioni:
– la proprietà delle fonti energetiche,
– la democrazia reale nell’adozione di decisioni che riguardano la società nel suo complesso e il presupposto che il cambiamento delle fonti e delle tecnologie energetiche non sia sufficiente
– la convinzione che il cambio di fonti energetiche sia una panacea necessaria ma limitata.

Due esempi possono illustrare perché la transizione ecologica sotto il capitalismo è un ossimoro, in quanto comporta un uso intensivo delle vecchie fonti di energia fossile – che aumenta le emissioni di gas serra – e rafforza gli aspetti neocoloniali e militaristici delle potenze imperialiste. Da un lato, le celle fotovoltaiche richiedono la produzione di silicio policristallino in un processo industriale con elevati requisiti elettrici, il che implica, come nel caso della Cina (pioniere nell’implementazione delle energie alternative) che nel 2022 ha autorizzato la costruzione di due nuove centrali elettriche a settimana per quell’anno. Questa affermazione può essere estesa a tutti i dispositivi più efficienti delle tecnologie rinnovabili, la cui fabbricazione può richiedere temperature fino a 1’980ºC nel caso del fotovoltaico e fino a 1’700ºC per il cemento e l’acciaio degli autogeneratori, ottenibili solo con fonti ad alta densità come quelle fornite dall’alternativa fossile. D’altra parte, una quantità significativa di materiali necessari per il cambio di paradigma tecnologico – come il cobalto, il litio e il nichel per le batterie – si trova in Paesi dipendenti impoveriti in Asia (Indonesia), America (Bolivia, Cile e Argentina) o Africa (Repubblica Democratica del Congo), per fare alcuni esempi, a cui si aggiungono enormi quantità di legno di balsa [il più leggero al mondo] per le turbine eoliche, per non parlare dei progetti megalomani e non ancora verificati sull’idrogeno, che aumenteranno il vortice estrattivista e le dure forme neocoloniali, sia da parte degli Stati Uniti, dell’UE, della Cina o di qualsiasi altra potenza aspirante.

La guerra in Ucraina, dopo l’invasione di Putin, è stata la causa del fallimento del discorso edulcorato del New Green Deal. Ha esacerbato la crisi energetica che prima della guerra indicava l’anno 2021 e ha mostrato l’entità della dipendenza dell’Europa dal gas russo. Paradossalmente, dopo la guerra e nonostante gli embarghi e le restrizioni commerciali, l’UE ha aumentato le sue importazioni di gas russo dal 40% al 43%, aumentando al contempo la sua dipendenza dagli Stati Uniti (esportatori di gas liquido). È evidente la militarizzazione del presunto capitalismo verde che sta aumentando le spese militari e il cinismo dell’UE, che ha cambiato la classificazione del gas e dell’energia nucleare, ora presentati come energie pulite in nome di piani, aiuti e investimenti che potrebbero rappresentare una parte molto significativa della Next Generation, che passerà dall’essere dedicata alla presunta transizione all’essere investita nella strategia REPower EU con l’obiettivo di raggiungere la sicurezza energetica (sempre la stessa). Nuovi progetti di gas attraversano l’Europa e le metaniere solcano i mari alla ricerca di una maggiore redditività rispetto a quella offerta dai mercati asiatici, causando gravi problemi di scarsità in diversi Paesi. Infine, va notato che la guerra stessa e il funzionamento di eserciti e armi richiedono grandi risorse energetiche fossili. Basta con il greenwashing; fine della falsità.

Aggiunta senza sostituzione. La fredda realtà dei dati caldi

A livello globale, nel 2022 la dipendenza del sistema energetico dai combustibili fossili era dell’83%, un’apparente buona notizia rispetto al 2020, in quanto è diminuita del 7%, se non fosse che le emissioni di gas serra non sono percentuali del mix energetico, ma valori assoluti, quantità materiali, e nello stesso periodo il consumo di idrocarburi non è diminuito, ma è aumentato del 40% e le emissioni sono state pari a 37,5 miliardi di tonnellate, il 48% in più rispetto a vent’anni prima. Il consumo di energia primaria è aumentato dell’1,1%, raggiungendo i 604,04 exajoule (EJ) nel 2022, con un incremento del 2,8% rispetto al 2019, prima della pandemia di Covid.

Nello stesso periodo la produzione mondiale di petrolio è aumentata di 3,8 milioni di barili al giorno e il consumo ha raggiunto i 97,3 milioni di barili al giorno, con un aumento di 2,9 milioni di barili al giorno, di cui 1,4 milioni di barili al giorno per il ristretto club dei Paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), che riflette l’aumento del consumo di paraffina da parte dell’aviazione commerciale. Uno sviluppo futuro positivo e speranzoso è che si stima che entro il 2030 le auto con motore a combustione rappresenteranno solo il 50% di quelle vendute, ma… allo stesso tempo si stima che entro il 2040 il numero di veicoli sarà aumentato del 50% rispetto a oggi, per cui saranno necessari più di 90 milioni di barili di petrolio al giorno per i veicoli non elettrici e nel 2050 si brucerà ancora la stessa quantità di petrolio di oggi. Dal canto suo, nonostante gli alti e bassi della domanda e dei prezzi mondiali, la produzione di gas nel 2022 è rimasta ai livelli del 2021 e, nel caso del gas liquido, ha registrato un aumento del 5% a 542 milioni di metri cubi, i cui principali beneficiari sono le compagnie di gas degli Stati Uniti. Nel caso del carbone – che, visto dallo Stato spagnolo, sembra essere scomparso – il consumo è aumentato dello 0,6% nel 2021, raggiungendo 161 EJ, nonostante i prezzi elevati, e nel 2022 la produzione è aumentata del 7% rispetto all’anno precedente, il che significa raggiungere 175 EJ. Mentre Cina, India e Indonesia sono i Paesi in cui il consumo di carbone è aumentato di più, vale la pena notare che l’UE ha aumentato il suo consumo dello 0,9% nel 2022, raggiungendo 448 milioni di tonnellate. E attenzione, nei prossimi anni potremmo assistere a un aumento del consumo di carbone nell’industria globale, in particolare legato alla produzione di acciaio e all’industria chimica. E, se non viene fermato, l’inquinamento continuerà come se nulla fosse.

E lo sviluppo delle energie rinnovabili? L’elettricità generata dalle rinnovabili nel 2022, escluse le dighe idroelettriche, è aumentata del 14%, raggiungendo le 40,9 EJ, un incremento particolarmente rilevante in Cina. Se la generazione totale di elettricità a livello globale è cresciuta del 2,3%, quella solare ed eolica ha rappresentato il 12%. Questo potrebbe far pensare che stiamo assistendo a un processo di sostituzione dei combustibili fossili con l’avanzamento delle energie rinnovabili. In altre parole, stiamo assistendo alla de-fossilizzazione attraverso l’introduzione di fonti energetiche rinnovabili e pulite. Purtroppo la realtà non è questa, perché non si tratta di una sostituzione ma di un’aggiunta. Le fonti rinnovabili non sostituiscono i combustibili fossili, ma li integrano. Questo spiega perché le emissioni di CO2 derivanti dal consumo di energia sono aumentate dello 0,9% a livello mondiale, raggiungendo il record di 34,4 Gt di CO2 nel 2022, in un quadro in cui le emissioni totali di gas serra, aggiungendo quelle legate alle attività e ai processi industriali e includendo il metano, sono aumentate lo scorso anno fino al record di 39,3 Gt equivalenti, con un incremento dello 0,8% rispetto al 2021.

Il sistema dei combustibili fossili indicizzato al capitalismo dalla metà del XIX° secolo con la rivoluzione industriale, rafforzato dall’aumento geometrico del trasporto globale di merci e persone nel XX° secolo e consolidato dalla globalizzazione capitalistica nel XXI° secolo, gode di grande vitalità, continua a produrre enormi profitti aziendali e genera un orizzonte catastrofico per l’umanità.

L’economia del disastro climatico

Il reddito netto globale di tutte le aziende, gli Stati e le società legate alla catena di produzione e distribuzione del petrolio e del gas nell’anno 2022 ammontava a 4’000 miliardi di dollari e ancora una volta possiamo parlare di un record nella storia. Parte di questi super-profitti sono stati generati da aumenti dei prezzi e riduzioni dei costi dovuti all’effetto combinato dell’implementazione di nuove tecnologie, dell’austerità salariale, della debolezza della legislazione ambientale e di condizioni oligopolistiche. Ad esempio, imprese come BP, Total Energies, Shell, Chevron ed ExxonMobil hanno raddoppiato i loro profitti nel bilancio 2022, raggiungendo, nel caso di ExxonMobiil, i 59,2 miliardi di dollari. I risultati sono talmente buoni che le grandi società di combustibili fossili non ricorrono a finanziamenti bancari.

Questo spiega perché gli investimenti nell’industria fossile nel suo complesso sono aumentati in modo significativo, di circa il 15% negli ultimi due anni, e bisogna prestare attenzione agli investimenti in Medio Oriente, un’area altamente conflittuale dopo l’invasione di Gaza da parte dello Stato sionista. I progetti più ambiziosi legati all’espansione dell’industria fossile sono attualmente in corso in Nord America, Europa e nel Golfo del Messico. Tuttavia, va notato che, nonostante quanto detto, gran parte dei profitti e del flusso di cassa delle compagnie fossili sono stati destinati a dividendi, rimborsi del debito e riacquisti di azioni, il che significa che il capitale finanziario ha intascato gran parte dei profitti e che non c’è stato spazio per gli investimenti nelle energie rinnovabili. Un punto importante da notare è che l’industria fossile, lungi dall’ampliare la rete per consentire l’ingresso e lo sviluppo delle rinnovabili, lascia la questione alle casse dei singoli Paesi. Benefici privati, costi pubblici.

Conclusioni provvisorie

L’ipotesi di un regime di accumulazione capitalistica verde è fallita, poiché non c’è stata nemmeno una regolamentazione governativa del capitalismo, per non parlare dell’autoregolamentazione. Questo è un prodotto non solo delle strategie delle grandi aziende di combustibili fossili, che hanno la capacità di influenzare in modo decisivo i media e gli uffici governativi. Condiziona anche il debole rapporto di forze tra il movimento in difesa della biosfera e i poteri forti, in gran parte a causa dell’esistenza di un patto produttivista non scritto tra i principali sindacati e i loro datori di lavoro che, in nome della difesa della competitività nazionale, impedisce l’avanzamento di proposte alternative all’interno della classe operaia.

Mentre questa coscienza eco-sociale non avanza, assistiamo all’affermazione del negazionismo climatico da parte dei partiti nazional-conservatori, bolsonaristi e fascisti, senza che la sinistra politica di ogni Paese compia passi verso la formazione di un ampio fronte del blocco sociale popolare che possa rappresentare gli interessi della maggioranza sociale. E senza che si compiano passi internazionalisti di fronte a un problema globale. Uno dei primi passi potrebbe essere quello di proporre l’appropriazione pubblica delle aziende produttrici di combustibili fossili in ogni paese e a livello europeo tramite esproprio. Da qualche parte e in qualche momento le catene devono essere spezzate.

E ciò che manca, al di là di ogni misura palliativa, è un orizzonte strategico di natura ecosocialista basato su una pianificazione democratica dell’economia con una drastica riduzione dell’uso di materiali ed energia nei Paesi sviluppati, in modo che la transizione sia socialmente e globalmente giusta, basata sulla proprietà pubblica e sociale dei settori strategici e sull’autorganizzazione e l’attività dei lavoratori. Ciò significa sollevare la questione del potere.

* Manuel Garí, economista, membro del Consiglio consultivo della rivista Viento sur e attivista di Anticapitalistas. La prima versione di questo articolo è stata pubblicata su Nuestra Bandera (numero 262, primo trimestre 2024)..

Riferimenti bibliografici
ClimateReanalyzer (2023): Temperatura giornaliera dell’aria a 2 metri. 4 luglio 2023. https://climatereanalyzer.org/clim/t2_daily/

Energy Institute (2023): Statistical Review of World Energy, 26 giugno 2023, Energy Institute in associazione con KPMG, Kearny, Herriot Watt University, BP support: Londra.

Goldman Sachs (2023): Top Projects 2023: Back to growth, 27 giugno 2023, Goldman Sachs https://www.goldmansachs.com/intelligence/pages/top-projects-2023-back-to-growth.html .

AIE (2022): World Energy Outlook 2022, novembre 2022, Agenzia Internazionale dell’Energia: Parigi. https://www.iea.org/reports/world-energy-outlook-2022.

AIE (2023b): World Energy Investment 2023, 25 maggio 2023, Agenzia Internazionale dell’Energia: Parigi. https://iea.blob.core.windows.net/assets/54a781e5-05ab-4d43-bb7f-752c27495680/ WorldEnergyInvestment2023.pdf.

Print Friendly, PDF & Email