Tempo di lettura: 12 minuti

Condividerò con voi le mie riflessioni sullo stato del Medio Oriente e del Nord Africa, la regione MENA, dopo la “primavera araba” del 2011, e cercherò di spiegare perché questa regione è in continuo subbuglio da quell’anno.

Il 2011 è stato un periodo di grandi speranze nella regione MENA. Una grande onda d’urto regionale ha scosso quasi tutti i Paesi della regione, ad eccezione di entità molto artificiali come gli Emirati Arabi Uniti o il Qatar, dove il 90% degli abitanti è costituito da migranti. Per il resto, praticamente tutti i Paesi dell’area MENA hanno visto un forte aumento delle proteste sociali.

Sei Paesi sono stati testimoni di grandi rivolte: la Tunisia, dove tutto è iniziato alla fine del 2010, seguita da Egitto, Libia, Yemen, Siria e Bahrein. Questo ha creato un livello di speranza molto alto, che si è rinnovato otto anni dopo, nel 2019, con quella che alcuni media hanno definito la “seconda primavera araba”.

Altri quattro Paesi dell’area MENA hanno assistito a nuove rivolte: Il Sudan, dove sono iniziate alla fine del 2018, seguito da Algeria, Iraq e Libano. In totale, quindi, dieci Paesi della regione sono stati coinvolti in grandi rivolte nel corso di questi anni. È quasi la metà, e comprende più della metà della popolazione della regione.

Sei capi di Stato sono stati abbattuti: in Tunisia, Egitto, Libia, Yemen, Algeria e Sudan. In diversi Paesi, tra cui la maggior parte di quelli in cui il capo di Stato è stato rovesciato, i nuovi processi costituzionali hanno creato speranze basate sull’idea che la posta in gioco nel rivolgimento regionale fosse essenzialmente la democratizzazione, quella che la scienza politica chiama “transizione democratica”.

La situazione odierna è molto lontana dalle speranze create dalle due ondate di rivolte. Il bilancio è piuttosto negativo. Invece di rivolte, la regione è caratterizzata da quelli che il mainstream chiama “Stati falliti”. Ci sono guerre civili in Siria, Libia, Yemen e Sudan – oltre all’Iraq e al Libano, ai quali la definizione classica di Stato come monopolio della violenza legittima all’interno di un territorio non si applica più da molti anni.

Altri Paesi hanno subito battute d’arresto autoritarie. In Bahrein c’è stato presto un intervento controrivoluzionario da parte delle monarchie del Golfo. Da allora, ci sono state battute d’arresto autoritarie in Egitto, Algeria, Tunisia e Sudan, prima della guerra civile.

La principale roccaforte reazionaria della regione, il Consiglio di Cooperazione del Golfo, in particolare il regno saudita e gli Emirati Arabi Uniti, sembra essere oggi politicamente dominante nella regione MENA. Insomma, c’è un’enorme differenza tra le speranze create dalle rivolte del 2011 e del 2019 e l’esito attuale.

Le radici della rivolta

A tal fine, è necessario comprendere le radici della rivolta. Le aspettative più ottimistiche si basavano sul fatto che si trattava semplicemente di una “transizione democratica”. Tuttavia, il fatto è che le rivolte sono state soprattutto l’espressione di una profonda crisi socioeconomica strutturale, che ho analizzato nel mio libro The People Want (2013; una seconda edizione con una nuova prefazione è uscita nel 2022).

In breve, ho attribuito l’esplosione sociale regionale alla combinazione tra i cambiamenti neoliberali e un peculiare sistema di Stati caratterizzato dall’esistenza di uno zoccolo duro di Stati patrimoniali.

Che cosa significa?

Gli Stati patrimoniali sono Stati effettivamente di proprietà di una famiglia regnante: comprendono le monarchie, naturalmente, ma anche alcune repubbliche trasformate in Stati patrimoniali in cui le famiglie regnanti possiedono lo Stato come nelle monarchie assolutiste. Ci sono cosiddette repubbliche che sono ancora più assolutiste delle monarchie, e non solo nell’area MENA (si pensi alla Corea del Nord).

Nella regione MENA, oltre alle sei monarchie, le “repubbliche” di Siria sotto Assad fino ad oggi, Libia sotto Gheddafi fino al 2011 e Iraq sotto Saddam Hussein fino al 2003 sono state tutte trasformate in Stati patrimoniali.

Accanto a questo nucleo di Stati patrimoniali, gli altri Stati della regione sono neopatrimoniali, dove le istituzioni sono separate dai governanti, ma con un alto grado di nepotismo e corruzione. Tre degli Stati della regione sono sotto regimi militari, dove le forze armate sono la spina dorsale del potere: Sudan, Algeria ed Egitto.

La combinazione di questo sistema statale “patrimoniale” o “neopatrimoniale” con i cambiamenti neoliberali è ciò che ha prodotto il risultato sociale ed economico che è stato decisivo nel creare l’esplosione politica. Il punto chiave è che i cambiamenti neoliberali si basano sul postulato del ruolo guida del settore privato nell’economia. L’idea è che se si liberalizza l’economia, se si ritira lo Stato da essa e si aprono tutte le porte al settore privato, si assisterà a un miracolo economico e il Paese decollerà sulla strada dello sviluppo.

Questo postulato del ruolo centrale del settore privato ignora completamente le diverse condizioni tra i Paesi.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Banca Mondiale raccomandano la stessa serie di ricette a tutti i Paesi del mondo, trascurando le enormi differenze di condizioni economiche e sociali che esistono tra loro, comprese le differenze nella natura degli Stati e nelle condizioni per l’attività del settore privato.

Il neoliberismo ha prodotto una rapida crescita e risultati economici in alcuni Paesi, come la Turchia, anche se ovviamente con un costo sociale. Nella regione MENA, i Paesi di lingua araba, questo non è accaduto. E questo perché in quella parte del mondo non c’erano le condizioni per investimenti a lungo termine del settore privato che favorissero lo sviluppo.

Il risultato è stato una crescita molto lenta del PIL, soprattutto pro capite rispetto alla progressione demografica, e quindi l’incapacità di assorbire nuovi ingressi nel mercato del lavoro. Ciò ha prodotto una massiccia disoccupazione giovanile, il tasso più alto di qualsiasi altra regione del mondo.

Crisi e disoccupazione giovanile

La regione aveva registrato tassi record di disoccupazione giovanile per un paio di decenni prima dell’esplosione. È un fattore cruciale: la frustrazione dei giovani creata da questa serie di condizioni si è tradotta in sconvolgimenti politici.

Altre parti del Sud globale sono state colpite dalla bassa crescita, ma di solito sono più povere della regione MENA, per cui la maggior parte della disoccupazione diventa disoccupazione mascherata nel settore informale. Lo stesso vale anche per la regione MENA, ovviamente, ma in proporzione minore a causa della maggiore presenza di settori della classe media inferiore che hanno beneficiato della democratizzazione dell’istruzione superiore promossa dai regimi populisti nazionalisti a partire dagli anni Sessanta, portando a una grande produzione di laureati.

Una parte fondamentale della disoccupazione giovanile nella regione MENA è rappresentata dalla disoccupazione dei laureati. Questa è anche una chiave di lettura delle rivolte e del ruolo svolto dagli utenti dei social media, che non sono i più poveri tra i poveri perché sono in grado di utilizzare le nuove tecnologie di comunicazione.

Queste condizioni socioeconomiche sono alla base del grande sconvolgimento, e non solo della frustrazione politica dovuta alla mancanza di democrazia e libertà. L’oppressione politica è stata dominante nella regione per decenni: questo non ci dice perché l’esplosione sia avvenuta nel 2011. Sicuramente fa parte del quadro, ma il fattore chiave è la sua combinazione con la frustrazione socioeconomica.

Questa analisi comporta alcune conclusioni. In primo luogo, che lo sconvolgimento in corso non è una rapida transizione democratica. Non siamo in Asia orientale, dove la transizione democratica è avvenuta dopo un lungo periodo di intenso sviluppo economico. Lì la transizione politica è stata un adattamento delle condizioni politiche al progresso economico.

Nella regione MENA, è una quasi-stagnazione economica che ha portato all’esplosione. E se le radici sono in primo luogo strutturali e socioeconomiche, significa che non siamo di fronte a una transizione a breve termine, ma a un processo rivoluzionario a lungo termine che può estendersi per diversi decenni fino a quando la situazione socioeconomica non sarà sbloccata e la regione sarà rimessa sul binario dello sviluppo.

Una seconda conclusione è che gli ostacoli al cambiamento sono formidabili nella regione MENA. Un altro confronto renderà più chiaro questo aspetto.

L’Europa dell’Est è stata testimone di un’esplosione politica alla fine degli anni ’80, in un contesto di stagnazione economica che si avvicina di più a quello che è successo nella regione MENA. Ma l’Europa dell’Est era governata da burocrazie, non da classi proprietarie. La situazione lì era in netto contrasto con lo zoccolo duro di Stati patrimoniali che caratterizza la regione MENA.

Mentre uno Stato burocratico può crollare come abbiamo visto nell’Europa dell’Est, questo non può assolutamente accadere negli Stati patrimoniali e neopatrimoniali, dove non solo ci sono classi proprietarie che si attaccano alla loro proprietà molto più di qualsiasi burocrazia ai suoi privilegi, ma anche gruppi dirigenti che considerano lo Stato stesso come una loro proprietà privata.

Nessuna “transizione” pacifica

Lo slogan più famoso delle due ondate del 2011 e del 2019 è stato: “Il popolo vuole rovesciare il regime”. Il problema è che in molti Paesi il regime è inseparabile dallo Stato. Il regime è lo Stato. Lo Stato è il regime. Ci sono così tante connessioni che il crollo del regime significa il crollo dello Stato, come è successo nel modo più completo in Libia, quando il regime libico di Gheddafi è crollato e con esso l’intero apparato statale.

Questo significa anche che negli Stati patrimoniali, dove le famiglie regnanti sono proprietarie dello Stato, non c’è modo di rovesciare pacificamente il regime – la monarchia o la dittatura come in Libia o in Siria. E non c’è modo di puntare sull’esercito come in quegli Stati neopatrimoniali in cui esso è la spina dorsale del regime, come Sudan, Algeria ed Egitto. In questi tre Paesi l’esercito ha rimosso il presidente e la sua cerchia ristretta: è successo in Egitto nel 2011 e di nuovo nel 2013, e in Algeria e Sudan nel 2019.

Questo non può accadere negli Stati patrimoniali, a causa del legame specifico tra le famiglie al potere e i corpi chiave e d’élite delle forze armate. La famiglia al potere controlla questi apparati attraverso alleanze familiari, tribali, settarie e regionaliste, il che significa che quando si verifica una rivolta, l’esito più probabile, se dura, è la guerra civile. La famiglia al potere userà una violenza senza limiti contro la rivolta, spingendola ad armarsi per rispondere a questa violenza. Il risultato è la guerra civile.

Negli Stati neopatrimoniali, nonostante il nepotismo e la corruzione, lo Stato non è di proprietà di nessuna famiglia. In Egitto, ad esempio, anche se i figli di Mubarak hanno giocato un ruolo chiave nel regime da lui presieduto, non si può dire che la famiglia Mubarak sia “proprietaria” dello Stato.

Il maggior grado di istituzionalizzazione è caratteristico degli Stati neopatrimoniali rispetto a quelli patrimoniali. In condizioni neopatrimoniali, il capo di Stato può essere rimosso dagli apparati statali, mentre ciò non è possibile in Libia o in Siria, o in nessuna monarchia.

Tutte le monarchie dell’area MENA, anche quelle in cui esiste una sorta di rappresentanza parlamentare, sono fondamentalmente monarchie assolutiste e quindi Stati patrimoniali. Queste sono le conclusioni che scaturiscono dall’analisi della crisi strutturale che è alla base degli sconvolgimenti regionali.

La maledizione del petrolio

Questa condizione è ulteriormente complicata dal valore strategico ed economico della regione MENA.

Le risorse petrolifere della regione, quella che può essere definita “la maledizione del petrolio”, sono state una causa centrale dell’ingerenza straniera a un livello molto più alto che in altre parti del mondo. Questo spiega perché la regione è un teatro di interventi transfrontalieri regionali e internazionali, che sono in corso.

In nessun’altra parte geopolitica del mondo si può trovare una tale densità e intensità di conflitti. Questo ha avuto un impatto sulle rivolte attraverso interventi stranieri a partire dal 2011. Il primo è stato l’intervento delle monarchie del Golfo in Bahrein per reprimere la rivolta. Poi c’è stato l’intervento della NATO in Libia, che ha cercato di dirottare la rivolta contro Gheddafi.

Iran, Russia, Turchia e Stati Uniti hanno truppe in Siria, parte del cui territorio è occupato da Israele. In Libia è in corso uno scontro per procura tra Turchia e Qatar, da un lato, ed Emirati Arabi Uniti, Egitto e Russia, dall’altro. In Sudan, la guerra sta diventando un braccio di ferro per procura tra gli Emirati Arabi Uniti e la Russia, da una parte, e il regno saudita e l’Egitto dall’altra.

Gli Stati Uniti stanno compiendo sforzi continui per creare un’alleanza militare regionale tra il regno saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein, l’Egitto, la Giordania, il Marocco e Israele contro l’espansione regionale dell’Iran. Entrambe le parti hanno svolto un ruolo controrivoluzionario: gli Stati Uniti e i loro alleati, ma anche l’Iran e la Russia.

Il fattore islamista

Un quarto importante fattore che complica la situazione nella regione è l’esistenza di una forza di opposizione reazionaria, presente da molto tempo: i Fratelli Musulmani (MB). Si tratta di un moderno movimento politico fondamentalista islamico fondato un secolo fa in Egitto, che si è diffuso in tutta la regione e oltre. Ha ramificazioni praticamente ovunque ci siano musulmani.

Oggi l’MB è sostenuto dal Qatar e dalla Turchia, ma fino al 1990 era finanziato e sostenuto dal Regno Saudita e utilizzato da quest’ultimo e dagli Stati Uniti come antidoto contro il nazionalismo di sinistra, i partiti comunisti e l’influenza sovietica nei Paesi musulmani. Quindi, il principale antidoto ideologico che Washington ha utilizzato in questa parte del mondo in collaborazione con il regno saudita è il fondamentalismo islamico.

Il discorso ideologico dei diritti umani e della libertà utilizzato contro gli Stati comunisti dell’Europa orientale e dell’Unione Sovietica non è stato utilizzato dall’Occidente nella regione MENA. Gli Stati Uniti erano ben felici di affidarsi ideologicamente al regno saudita per condurre la lotta. È così che il MB ha approfittato del fallimento e del declino del nazionalismo arabo di sinistra a partire dagli anni Settanta.

Il primo colpo decisivo al nazionalismo arabo fu la guerra del giugno 1967. Israele ha giocato un ruolo chiave nello sconfiggere la tendenza radicalizzante del nazionalismo arabo, che si era spinto piuttosto a sinistra nelle misure sociali ed economiche. Più tardi, nel 1990, si verificò una rottura tra il MB, che aveva iniziato a riempire il vuoto lasciato dalla sconfitta del nazionalismo di sinistra, e il regno saudita. Ciò è avvenuto perché il MB non ha appoggiato il dispiegamento di truppe statunitensi nel regno in seguito all’attacco “Desert Storm” contro l’Iraq all’inizio del 1991.

Qualche anno dopo, il Qatar ha sostituito il Regno Saudita come sponsor della Fratellanza, finanziandola e permettendole di utilizzare la rete televisiva Al Jazeera. Siamo quindi passati da un periodo in cui i principali movimenti di opposizione nella regione MENA erano nazionalisti e comunisti, a uno in cui i Fratelli Musulmani sono diventati la principale opposizione.

Nel 2011, il MB è stato visto dall’amministrazione Obama come l’opzione migliore per stemperare la tensione della rivolta araba e mantenere il cambiamento politico regionale entro limiti accettabili per Washington. L’amministrazione Obama ha favorito un compromesso tra il MB e i vecchi regimi. Ciò è avvenuto a un certo punto in Tunisia, Egitto, Yemen e Marocco.

L’MB è apparso come un’alternativa politica, ma non era un’alternativa sociale o economica. Ha aderito pienamente al credo neoliberale, motivo per cui era destinato a fallire al potere e questo era del tutto prevedibile.

Nel mio libro del 2013 The People Want, ad esempio, si prevede la caduta dell’esperienza del MB in Egitto prima che questa avvenisse. I fallimenti del MB in Tunisia e Marocco si sono verificati per lo stesso motivo.

Ovunque sia entrato al governo o vi abbia semplicemente preso parte, come è accaduto, ad esempio, in Tunisia dopo il 2014, il MB si è inserito in un contesto politico che non era socialmente ed economicamente diverso dalla condizione precedente. I Paesi sono rimasti sulla stessa strada economica, che è ulteriormente peggiorata perché l’imprevedibilità politica che spiega il blocco economico che ha portato alle rivolte del 2011 si è aggravata dopo il 2011 a causa di una maggiore instabilità regionale.

Una crisi profonda in accelerazione

Questo insieme di fattori spiega la condizione in cui ci troviamo attualmente e come siamo passati dalle grandi speranze del 2011 e del 2019 alla condizione piuttosto deprimente che prevale oggi. Tuttavia, da una prospettiva più ampia e globale, stiamo assistendo a un’accelerazione della crisi del neoliberismo a partire dalla Grande Recessione del 2008. Questo ha portato a due tipi opposti di radicalizzazione, come è accaduto in precedenti periodi storici di crisi, come gli anni tra le due guerre (!920s-1945) del secolo scorso.

La radicalizzazione progressista si è tradotta in movimenti come quelli visti nell’area MENA con la Primavera Araba, in Grecia, Spagna, persino negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. C’è stata una crescita della radicalizzazione di sinistra, ma anche un’ascesa globale dell’estrema destra, molto evidente dopo il 2008.

Questa ascesa globale dell’estrema destra è stata in qualche modo guidata da Israele, dove Netanyahu è per molti versi un archetipo della nuova estrema destra globale. Netanyahu fa parte di una deriva verso la destra e l’estrema destra in atto da quando il Likud è salito al potere nel 1977. Ciò ha portato a una crescente oppressione nei Territori palestinesi occupati nel 1967, favorendo una contro-radicalizzazione che ha preso principalmente la forma di Hamas.

Lo scontro tra queste due tendenze ha raggiunto l’apice con la guerra genocida che Israele sta conducendo a Gaza. Avrà enormi conseguenze nella regione e si riverserà sicuramente in Europa e oltre.

Tutto questo sta creando una frustrazione politica enorme e molto profonda, un’enorme rabbia legittima. Nel 2011, oltre alle radici socioeconomiche che ho menzionato, c’erano anche fattori politici di radicalizzazione, uno dei quali era l’occupazione dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti. Anche gli eventi in Palestina hanno giocato un ruolo, ad esempio in un Paese come l’Egitto.

Ora c’è una nuova ondata di rabbia politica di massa che sta aumentando. Si tradurrà di nuovo in alcuni modi sfortunati, in parte come la frustrazione creata dalla sconfitta della prima ondata della Primavera araba ha alimentato l’ascesa del cosiddetto Stato Islamico, o ISIS. In Tunisia, ad esempio, a causa della frustrazione post-2011, una parte consistente di giovani si è unita all’ISIS.

Ma ci sarà anche un tipo di radicalizzazione più sana contro i regimi esistenti, che si combinerà necessariamente con la crescente crisi socioeconomica nell’area MENA per continuare il processo rivoluzionario a lungo termine.

Non c’è modo che questa parte del mondo possa tornare a una qualche forma di stabilità dispotica. Chiunque ci creda sta sognando. Non può accadere a causa della crisi strutturale di cui ho parlato. Possiamo vedere il processo socioeconomico all’opera anche in un Paese come la Siria, che ha vissuto una delle tragedie più crudeli dei tempi moderni. Eppure qualche mese fa si è verificata una rivolta sociale: una massiccia protesta sociale in alcune zone della Siria che sono sotto il controllo del regime.

Questo dimostra che la questione socio-economica è ancora un catalizzatore di lotte sociali. Il Marocco ha recentemente assistito a una delle più importanti lotte sociali della sua storia, condotta dagli insegnanti di scuola.

Questi esempi indicano che, per quanto la situazione possa apparire desolante oggi, gli ingredienti per un’esplosione sociale e politica ci sono ancora. Non sto cercando di sembrare ottimista, e mentirei a me stesso e a voi se ci provassi, perché non c’è terreno per l’ottimismo per tutte le ragioni che ho spiegato prima, la formidabile sfida che ogni vero cambiamento nella regione rappresenta.

Ma c’è spazio per la speranza. Faccio un’importante distinzione tra l’ottimismo, che è la convinzione che lo scenario migliore si verificherà, e la speranza, che è la convinzione che ci sia un potenziale per uno scenario migliore, ma solo un potenziale, non qualcosa che deve essere dato per scontato.

L’area MENA si trova a un bivio tra un aumento della barbarie che abbiamo visto svilupparsi dal 2011, in particolare nelle guerre civili e ora con la guerra genocida a Gaza, da un lato, e, dall’altro, un cambiamento sociale e politico radicalmente progressista di cui la regione ha molto, molto bisogno.

*Gilbert Achcar è professore al SOAS dell’Univesrsità di Londra. È autore di numerosi libri sul Medio Oriente e il Nord Africa, tra cui The People Want: A Radical Exploration of the Arab Uprising (2013) e Morbid Symptoms: Relapse in the Arab Uprising (2016). Il suo libro più recente è The New Cold War. The United States, Russia, and China from Kosovo to Ukraine (Haymarket Books, 2023). Questo testo è apparso, nella sua versione originale, sul sito www.againstthecurrent.org/ . Si tratta della trascrizione modificat del podcast dell’autore. La versione italiana è apparsa su  https://rproject.it/ .

Print Friendly, PDF & Email