Tempo di lettura: 3 minuti

Pubblichiamo la presa di posizione dei nostri compagni del NPA-L’Anticapitaliste in merito ai risultati del primo turno delle elezioni legislative francesi. L’NPA-L’Anticapitaliste chiede a tutte le organizzazioni di sinistra di intraprendere un’azione comune prima e dopo le elezioni, nelle urne e nelle lotte, per ripristinare la fiducia delle classi lavoratrici nelle proprie forze. (Red)

Queste elezioni parlamentari confermano la spaventosa pericolosità dell’estrema destra, che sta ottenendo punteggi storicamente elevati. Questi risultati sono una combinazione dello sviluppo del nazionalismo e del razzismo in alcune fasce della popolazione, del crescente sostegno delle classi dirigenti all’estrema destra, veicolato da alcuni media, e del crollo delle destre (Macronista e LR) le cui politiche hanno disgustato la popolazione. Con il possibile arrivo al potere della RN e dei suoi alleati e sostenitori, il pericolo del neofascismo cresce un po’ di più in Francia.

La buona notizia di queste elezioni è la rinascita della sinistra. I suoi risultati sono stati ottenuti grazie all’unità delle forze politiche, associative e sindacali, che hanno mobilitato centinaia di migliaia di persone per manifestare e fare campagna. Questa unità non dipinge nessuno di rosso, non dimentica le responsabilità delle politiche liberali portate avanti dai governi che si dichiarano di sinistra, da Mitterrand a Hollande, nel disorientamento e nella rabbia delle classi lavoratrici che le hanno subite. Si basa sull’urgenza di attuare il programma del Nuovo Fronte Popolare. Ma questa unità intorno al Nuovo Fronte Popolare non è in questa fase abbastanza forte da compensare le pericolose pressioni dell’estrema destra,  I dubbi che si sono accumulati in seguito alle campagne di accuse calunniose di antisemitismo e terrorismo, la falsa e insultante simmetria tra gli “estremi” pronunciata dai Macronisti, ma anche i dubbi che derivano dalle sconfitte sociali accumulate e dalla solidità dell’unità della sinistra danneggiata dai conflitti interni delle ultime settimane.

Per far retrocedere l’estrema destra e portare avanti una sinistra combattiva, in una situazione di profonda crisi del capitalismo, dobbiamo rafforzare l’unità d’azione di tutta la sinistra. Dal basso verso l’alto, dobbiamo restare uniti e combattere fianco a fianco: manifestare contro l’estrema destra e difenderci dagli attacchi dei gruppuscoli fascisti, resistere alle misure antisociali, discriminatorie o autoritarie, alla violenza poliziesca e razzista, alla violenza sessista e maschile, difendere l’aumento dei salari e delle prestazioni sociali, il ritorno alla pensione completa a 60 anni, dare vita alla solidarietà internazionalista e anticoloniale con la Palestina, l’Ucraina o il Kanaky e più in generale con tutti i popoli vittime dell’imperialismo francese. È mobilitandoci insieme per cambiare i rapporti di forza che possiamo cambiare la vita.

L’NPA-L’Anticapitaliste chiede a tutte le organizzazioni di sinistra, politiche, sindacali e associative – a partire dalle forze politiche che compongono il Nuovo Fronte Popolare – di riunirsi al più presto, a livello locale e nazionale,  di intraprendere un’azione comune ogni volta che sia possibile. Prima e dopo le elezioni, nelle urne e nelle lotte, il rafforzamento della sinistra in azione è il modo per ripristinare la fiducia delle classi lavoratrici nelle proprie forze.

Nei prossimi giorni, abbiamo bisogno di una sollevazione popolare contro la pericolosa ascesa dell’estrema destra e dobbiamo costruire le più grandi mobilitazioni e manifestazioni di piazza possibili.

Per quanto riguarda il secondo turno delle elezioni parlamentari di domenica prossima, sappiamo che qualsiasi cosa accada, avremo bisogno di un solido blocco di sinistra sociale e politica per resistere. Ovunque ci siano le condizioni per la vittoria di questi candidati, dobbiamo confermare e amplificare i voti espressi al primo turno a favore del Nuovo Fronte Popolare e dei suoi alleati.

La sfida principale di questo secondo turno rimane quella di evitare che l’estrema destra si insedi tra pochi giorni, e questo è un obiettivo essenziale per il nostro campo sociale. Sappiamo che le politiche difese o messe in atto dalla destra, in particolare dal macronismo al potere, hanno ampiamente contribuito a spianare la strada al RN, adottando alcune delle sue misure e contribuendo a dargli legittimità, mentre attaccano sempre più ampi settori della sinistra. Tuttavia, tra due pericoli, dobbiamo innanzitutto fare tutto il possibile per eliminare quello più grande e immediato.

Domenica prossima, in considerazione degli interessi immediati delle persone di origine immigrata, di tutto il mondo del lavoro e della difesa dei diritti e delle libertà pubbliche, è imperativo sconfiggere la RN, i suoi alleati e i suoi sostenitori, possibilmente con una buona sinistra.

Al di là del secondo turno, ciò che è stato costruito al centro di questa campagna – una sinistra unita e militante – deve durare: confermare un programma di rottura con il passato, alimentando e alimentando le mobilitazioni che sono più che mai necessarie, consentendo al maggior numero possibile di persone di rimanere organizzate al di là di queste elezioni, condizione indispensabile per far rinascere una vera sinistra di lotta.

In questo contesto, il Nuovo Fronte Popolare e tutte le organizzazioni coinvolte nella lotta, sindacati e associazioni, hanno un’enorme responsabilità nel periodo a venire: costruire collettivi e mobilitazioni unite più ampie possibili di fronte all’estrema destra e al macronismo (se sopravvive a queste elezioni), trasmettere le aspirazioni delle classi lavoratrici e imporre le misure del programma del NFP. Nelle urne e nelle strade, sconfiggere la RN, riprendere il cammino della lotta per il progresso sociale, per il pianeta, per una società diversa!

Print Friendly, PDF & Email